HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Frosinone: le guardie Provinciali tornano a fare vigilanza venatoria La Lega interroga Galletti: "l'Europa ci chiede di eradicare la nutria" BigHunter Giovani. Samuele Carenzi “nelle nostre associazioni serve più grinta” Veneto: Regione aumenta i selecontrollori nel Parco dei Colli Euganei Caccia con l’arco, a ExpoRiva si impara la tecnica con Emilio Petricci Squadre e aree di caccia. Continua lo scontro Fidc Toscana - Arci Di Pietro inizia le consultazioni con i cacciatori sulla prossima stagione Benevento: le deleghe caccia e pesca tornano alla Regione Indipendent: sulla caccia africana il Principe William ha ragione Fidc Lazio: in cento a tavola a Paliano degustando selvaggina Zone cinghiale, ArciCaccia a Fidc Toscana: "maldestra manipolazione" Sorrentino: cinghiali fuori controllo, no all'ideologia animalista Fidc Genova sponsorizza concorso fotografico rivolto alle scuole Romanzo con citazioni venatorie maremmane adottato da università americana Censimento Cervidi: dall'Urca moduli e promemoria per i censitori Anuu Campania invia proposta su calendario venatorio 2017 - 2018 Massarosa (LU) chiede alla Regione semplificazione su appostamenti di caccia 59° Assemblea Nazionale di Anuu Migratoristi Fidc Toscana: Sorrentino contro assegnazione diretta squadre cinghiale Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!) Briano su Affaritaliani “caccia: tra Francia e Italia differenze ingiustificabili” Cinghiali a Roma “pericolo mortale in città” Molise: autorizzata caccia di selezione al cinghiale Fidc Pistoia: riconsegna tesserini ad agosto per i selecontrollori Piano faunistico Abruzzo: presentata convenzione con Ispra REPORT FACE, ECCO COSA FANNO I CACCIATORI PER LA BIODIVERSITA' Avifauna Migratoria a convegno sulla gestione nel Delta del Po Trasferito Ufficio Caccia di Chieti. Febbo furioso Fidc Brescia: deroghe e richiami vivi, a che punto siamo? Mancata ripartizione agli Atc: sale la protesta in Calabria Calendario venatorio Piemonte 2017 - 2018. Ecco la bozza Eps Campania: calendario venatorio, ecco le richieste dei cacciatori Atc Pistoia: al via progetto pilota "Nidi artificiali" MAGNIFICA SEGOLENE. Quel rispetto per la caccia che ci sembra fantascienza Tortora, i prelievi italiani sono sostenibili TIZIANA COLLEONI: La pittrice della Valsugana con l’arte nel cuore IL DOV'E' DELLA CACCIA IN TOSCANA Amiche di BigHunter: Christelle "Il futuro della caccia sono le donne" I Parchi gestiscano la fauna: Mozione Vignale in Piemonte Atc Roma 2: aperte le preiscrizioni al corso per selecontrollori Campania, Anuu: calendario venatorio va rivisto sulla migratoria Francia: i candidati alla presidenza dai cacciatori Eps Campania: si accettano proposte sul calendario venatorio Il Governo impugna la legge veneta su disturbo venatorio e piscatorio Genova affronta l'emergenza cinghiali in città con il contenimento Calendario Venatorio Lazio: raggiunto accordo con gli Atc su cinghiale Caccia in cucina: grande partecipazione alla 15esima edizione Caccia di selezione cinghiali e caprioli: ok dall'Ispra in Molise Piano faunistico Emilia Romagna: le richieste di Confagricoltura Campania: ecco la bozza di calendario venatorio 2017 - 2018 Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio” Bruxelles: Direttive natura, ecco come la caccia può migliorarne l'applicazione FAO: la caccia contribuisce alla protezione della fauna minacciata Niente fagiani di ricattura, salta ripopolamento nell'Atc di Arezzo Arci Caccia: legge danni fauna selvatica Marche va rivista Direttive Natura, Briano: “La Commissione europea ascolti anche i cacciatori” 8 MARZO: FESTEGGIAMO LE NOSTRE CACCIATRICI Lombardia: intergruppo caccia convoca associazioni venatorie Lazio presentata bozza calendario venatorio 2017 -2018 Divieto di caccia, la mancata tabellazione non attenua la condanna Vincenzo Scordo: “giovani, uniamoci per una caccia migliore e diversa” Unità: Fidc Toscana fa il punto con il Presidente Dall'Olio PESCARA. POSITIVO IL SELECONTROLLO DEL CINGHIALE A BRESCIA UN CORSO PER PREPARARE I TROFEI I cacciatori di Giffone (RC) per la natura Umbria. Cecchini convoca riunione per calendario venatorio 2017/2018 Viterbo. Successo per il nuovo regolamento caccia al cinghiale Tar Liguria blocca abbattimento cinghiali a Cervo (IM) Eps Campania: al via esami abilitazione caccia In Umbria proposta filiera corta delle carni di cinghiale E IL LUPO METTE LE ALI Il lavoro dell'Ufficio Avifauna migratoria Fidc in un video FACE contesta documento inglese sulla caccia ai trofei Basilicata: controllo cinghiale e girata con cane limiere Fidc Brescia "le norme, la quota e i 'tredicisti'" Di Pietro già al lavoro sul calendario venatorio 2017 - 2018 Madonie, prima ordinanza per abbattere i cinghiali. Chiamati i cacciatori Contest I giovani e la caccia: ecco le foto vincitrici CCT: passo avanti verso la casa comune dei cacciatori toscani Atc Brescia, la Regione dice no alla quota per l'appostamento temporaneo Atc Pisa: si dimette il Comitato di Gestione Corte dei conti UE: fondi non utilizzati per i siti Natura 2000 PIOMBO: CHI CONSUMA SELVAGGINA NON RISCHIA DI PIU' Legge Obbiettivo Toscana: agricoltori in disaccordo sugli abbattimenti Bruzzone: a caccia come in Francia, la Liguria invia richiesta all'Ispra per i turdidi Toscana: parte il monitoraggio della beccaccia Valentina Piccioli, 25 anni “la caccia tiene noi giovani lontano dai veri pericoli” In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti Tassa caccia in Lombardia anche con bollettino Fidc Brescia: passa mozione 5 Stelle in Regione su caso lupo KEY CONCEPTS. CORRENTI DI PENSIERO Daini Pineta di Classe. L'Atc "non ci presteremo ai piani di abbattimento" Un altro rinvio per il Piano Lupo Selvaggina: una scelta etica sostenibile Riforma caccia cinghiale in Lombardia: le osservazioni di Federcaccia Grazia e leggerezza: ecco l'arte animalier di Pauline Ohrel Lucca: caccia alla volpe e zone protezione avifauna, Tar accoglie Fidc Piemonte ringrazia i cacciatori scesi in piazza

News Caccia

Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”


giovedì 9 marzo 2017
    

Ci sono diverse illegittimità nella nuova Disciplina per il riconoscimento della qualifica di Guardia volontaria venatoria e del servizio di Vigilanza, approvato con delibera della Giunta della Regione Lazio. A dirlo è l'ex giudice Edoardo Mori, un vero esperto in materia.
 
La Delibera le eleva a Pubblici Ufficiali
 
L'articolo 10, comma 1 attribuisce ad esempio a questi soggetti le funzioni di Pubblici Ufficiali. “Le guardie volontarie – scrive Mori - sono guardie giurate  nominate dal Prefetto e, in poche Regioni, dalla Regione stessa; è dubbio se le regioni possano arrogarsi questo potere; la Regione Lombardia, del tutto correttamente, ha stabilito che le guardie volontarie debbano avere il decreto prefettizio. Comunque le guardie volontarie non sono mai pubblici ufficiali, ma, per volontà della legge   6 giugno 2008 n. 101, sono solo incaricati di pubblico  servizio (una sentenza della Cassazione che afferma il contrario è anteriore a questa legge); e ciò è tanto vero che la stessa norma sopra citata dice che redigono solo verbali di riferimento e non verbali di accertamento. La legge 689/1981 riserva il potere di accertamento mediante verbali  che fanno fede fino a querela di falso ai dipendenti pubblici e di certo non ai privati”. E' noto poi che possono controllare solo persone in esercizio o atteggiamento di caccia e in possesso di armi o arnesi atti alla caccia.

Via libera al porto d'arma a tutte le guardie volontarie
 
Anche nell'Articolo 11 c'è qualcosa che non va, dove si permette alle stesse di portare armi, per finlità di difesa personale, a patto che siano caricate con munizione non spezzata. “Ma quando mai le regioni hanno competenza in materia di porto d'armi e possono scavalcare prefetti e questori e leggi statali e dire quando si può o meno portare un'arma?” scrive Mori.  Ed infatti “da decenni il Ministero afferma, correttamente, che le guardie volontarie non hanno alcun diritto di andare armate e rifiuta loro la licenza di porto d'armi lunghe o corte per difesa”.  Inoltre, continua l'ex giudice, “alle guardie venatorie volontarie è vietato l'esercizio venatorio durante l'esercizio delle loro funzioni (art. 27 c. 5° L. 157/1992). Vale a dire che quando sono in campagna o fanno i cacciatori oppure fanno le guardie senza portare armi lunghe. Se portassero, in quanto autorizzati dal prefetto o da altri, armi lunghe per difesa personale, dovrebbero comunque osservare le norme venatorie, portarle scariche ove non si può cacciare e mettere l’arma in custodia nei luoghi per cui ciò è prescritto”.  “Siccome il fatto di girare con un fucile non scarico e non  in custodia in campagna integra il cosiddetto atteggiamento di caccia è chiaro che una guardia volontaria in servizio non potrà mai portare un fucile se non in custodia e che se lo facesse perderebbe immediatamente la licenza di caccia. La normativa è di tutta ovvietà perché non deve sorgere il sospetto  che la guardia sia contemporaneamente un bracconiere!”.  In effetti una vecchia circolare Ministero Int. 10.6466/10173(2) del 13 ottobre 1979, aveva affermato che le Guardie venatorie possono andare armate di fucile sempre che non usino munizioni spezzate. La prescrizione circa le munizioni è una sciocchezza, basata sul TU della caccia del 1939  già non più in vigore nel 1979! Per il resto la circolare è superata dalla legge del 1992.
 
Una norma da riscrivere

Secondo Mori "sarebbe bene che prefetti  e ministero dell'Interno intervenissero a rimettere le cose a posto. E i cacciatori dovrebbero segnalare al prefetto ed al questore ogni abuso, così che essi  possano  procedere alla revoche delle licenze di caccia agli sciocchi con la mentalità da sceriffo. Credo  che il regolamento non sia ancora stato pubblicato; forse può essere ancora fermato!” scriveva Mori il 27 febbraio scorso. A noi invece risulta pubblicato nel Bollettino Ufficiale del 31 gennaio.

Leggi tutte le news

33 commenti finora...

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Guarda Ettore1158 che quando si parla di caccia tu sei parziale per definizione in quanto cacciatore, quindi semmai quello che non vuol capire sei tu: la vigilanza venatoria è oltremodo necessaria e purtroppo i soggetti che dovrebbero farla sono pochi... ecco perchè ci sono i volontari. Se poi credete che qualcuno agisca in modo non imparziale quindi illegittimo, avete i mezzi e gli strumenti per tutelarvi, anzi è vostro dovere farlo! E comunque non nascondetevi dietro un dito: il vostro problema non è l'imparzialità, perchè avete più volte lanciato strali anche verso i Noa o altri corpi dello stato adibiti a fare sorveglianza venatoria. Saluti

da Ad maiora 12/03/2017 21.21

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

wwf,lipu,anpana,rangers vari,lega abolizione della caccia, vittime della caccia ........... e lì avanti aggiungete tutte le sigle dell'alfabeto tutti che se possono ci fanno saltare in aria appena scriviamo la giornata sul tesserino venatorio, ma mi rivolgo a chi non è cacciatore , non vi sembra che velatamente ma molto velatamente siamo una categoria un pochettino tartassata, diciamo una minoranza vittima di tanti ? necessaria di tutela , tipo tribu dei birimbao dell'amazzonia o qualcosa di simile? Ripeto velatamente e quasi impercettibilmente

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 12/03/2017 20.15

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Se non si vuol capire non si capisce,possiamo stare qui a scrivere per ore , pero' bisogna avere l'obbietività di dover dire e ammettere delle cose che abbisognano di IMPARZIALITA'.Questa è una parola che chi indossa qualsiasi divisa deve avere bene a mente pena la non obbiettività della propria mansione e ruolo.Ripeto che per me tutte le figure private pro e contro la caccia e pesca(in questione)non dovrebbero fare servizio di vigilanza per non creare negli altri cittadini il dubbio che non si sia imparziali.Quando un arbitro dirige una partita di calcio non è mai residente o abitante di una delle due squadre bensi è chiamato da altra regione.Mi ripeto e non vorrei scocciare gli altri che sono su questo sito:facciamo fare questo lavoro(perchè è un vero lavoro)a chi è pagato per farlo e vedrete che lo farà obiettivamente e con imparzialità senza fare torti o favoritismi a nessuno.Saluti

da ettore1158 12/03/2017 19.36

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Il bisogno non lo sentite voi (che siete i controllati), ovviamente!!!! Ma resta il fatto che proprio non si riesce a capire come mai quando intimate agli altri di occuparsi dei 'veri problemi' e di lasciar perdere la caccia, non siete voi a dar l'esempio per primi in tal senso. E comunque a ben vedere il vostro problema non è che la vigilanza venatoria è fatta da dilettanti (ammesso e non concesso che siano davvero tali, perchè molto spesso chi dimostra di non conoscere le leggi venatorie sono proprio i cacciatori!)... il vostro problema sembra proprio la vigilanza venatoria tout court, visto che che non volete essere controllati nemmeno dai NOA (che dilettanti non sono di certo). Saluti

da Ad maiora 12/03/2017 18.58

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Comunque la si pensi rimango della mia opinione e cioè:per le attività naturali(pesca-caccia etc.)non si sente assolutamente il bisogno di dover scomodare queste figure sabato/domenicali ,in quanto e mi ripeto in Italia esiste il più numeroso corpo di polizie al mondo sia per quantità che per varietà,rimane solo la scelta da fare su chi utilizzare e la cosa FONDAMENTALE e IMPRESCINDIBILE è l'IMPARZIALITA' che sono delle virtù alla base di ogni figura di controllo.Quando parlo di figure dilettanti voglio comprendere anche la ns vigilanza venatoria per non fare torti a nessuno,In generale mi piacerebbe che in Italia ci fosse solo un corpo di Polizia diviso in varie attività e specialità,ma purtroppo solo da noi esistono decine di corpi.Saluti

da ettore1158 12/03/2017 18.15

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

ma belin ma non lo vedete che se date una divisa e due alamari anche ad un pezzente diventa un generale di corpo d'armata!E l'ausiliario del traffico e il controllore sul bus,e i guardia bidoni dell'immondizia che controllano se metti nell'umido un sacchetto non biodegradabile, e l'uscire del palazzo con VIP e il vigilante ai biglitti di priorità delle sedi inps e non dimentichiamoci i volontari della viabilità nelle feste di paese o manifestazioni sportive che se possono di fanno saltare in aria tu e la tua macchina UNA BELINATA DI GUARDIE A GUARDIA DI ARIA che fanno del menaggio del belino ai comuni mortali una ragione di vita

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 12/03/2017 16.49

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Beh , in effetti quello che hai detto sono PAROLE. E comunque a parole hai confermato che fare un'attività (la caccia, nel tuo caso, e il controllo che norme venatorie siano rispettate, dall'altro) non esclude che se ne possano intraprendere anche altre volontariamente in parallelo. E come tu (a parole) dici che il vostro volontariato lo fate anche senza i riflettori, così certamente faranno anche gli altri che vorresti allontanare dal controllo venatorio con la scusa che (LORO!) dovrebbero occuparsi di altro (MENTRE TU VAI A CACCIA).

da Ad maiora 12/03/2017 16.34

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Per AD MAIORA : Ognuno di noi può fare qualsiasi attività volontaria che vuole ma non per questo deve essere equiparato a pubblico ufficiale. Men che meno in attivita'che prevedono la applicazione di norme del codice penale. Attendo qualcuno che mi faccia un esempio a livello mondiale di situazioni di questo tipo affidate a "dilettanti".

da Pasquino 12/03/2017 15.57

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

tanti bla bla ,volontari a pulire e rassettare non a fare il lavoro ( male ) che devono fare i corpi dello stato per quanto concerne vigilanze varie, se proprio ci tenete andate in giro con il cellulare e chiamate i carabinieri E' CHIARO IL CONCETTO! nma guarda un pò se devono girare per campi e boschi vigilantes de noartri

da zero assoluto + BRETON inox 12/03/2017 15.09

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Ma di che va cianciando ? Le guardie venatorie volontarie hanno il decreto rilasciato dalla provincia in base all'art. 163 del d.lgs. 112/98. Cosa diavolo c'entra la prefettura ? Redigono verbali di contestazione (art.28 comma quinto legge 157/92) e non dovrebebro essere pubblici ufficiali ??

da jure 12/03/2017 13.00

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

In effetti quello che ho detto sta a confermare che noi cacciatori facciamo pulizia anche durante l'attività venatoria e senza riflettori ,questi sono FATTI E NON PAROLE perche' siamo veri ambientalisti,a differenza di altre persone che vengono coinvolte solo durante qualche trasmissione domenicale di facciata e su appuntamento.Allora ci vediamo in quella zona tal de tali e mi raccomando portate anche le bandiere........!!!!!!!

da ettore1158 12/03/2017 12.28

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Oh bravo, ettore1152! Quindi confermi che si può andare a caccia e anche fare altro... così come si può fare la guardia volontaria e interessarsi anche di altri "veri problemi sociali"; una cosa non esclude l'altra, tu l'hai appena confermato. Visto com'era semplice la questione? Ti sei risposto da solo! E lascia stare la storiella del "siamo solo noi": se non vedi mai altri magari è perchè pulite solo il vostro orticello (di caccia). Saluti

da Ad maiora 12/03/2017 10.54

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Scusate il mio post era indirizzato a ad Maiora e non a "volontario".

da ettore1158 12/03/2017 9.21

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Buongiorno,stavo per confermare quello che ha scritto Pasquino ma lui mi ha anticipato,che dire oltre quello che si è detto:io spesso passo il mio tempo libero a pulire i boschi dalle nefandezze che lasciano i maleducati del sabato/domenica e su una cosa posso garantire:non sono solo bossoli ma tantissime altre schifezze e mentre lo facciamo notiamo che siamo sempre e solo noi e non mi è mai capitato di vedere altre persone,magari appartenenti ad associazioni ambientaliste che puntualmente qualche tv mostra in determinate circostanze e periodi.Se tu "volontario" ti vuoi unire a noi per fare una cosa utile all'ambiente ne saremo felici.Saluti

da ettore1158 12/03/2017 8.55

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

In merito la 157/92 e molto chiara.

da Fucino Cane 12/03/2017 8.19

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Per AD MAIORA:I cacciatori sono sempre in prima linea (con i fatti) nella lotta agli incendi , nelle catastrofi naturali , nella lotta al bracconaggio etc. Tu non sei informato sia per la censura dei mass media e soprattutto perché tu non sei presente.

da Pasquino 12/03/2017 7.42

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Ma sai che hai proprio ragione, ettore1158: comincia tu (anzi voi) ad impiegare il tuo tempo libero per i 'veri problemi sociali', invece di andare a caccia. Saluti

da Ad maiora 12/03/2017 0.06

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

LEGGI REGIONALI Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro per gli affari regionali Enrico Costa, ha esaminato sette leggi delle Regioni e delle Province Autonome e ha quindi deliberato - di impugnare le seguenti leggi: 1) legge Regione Veneto n. 1 del 17/01/2017, “Norme regionali in materia di disturbo all'esercizio dell'attività venatoria e piscatoria: modifiche alla legge regionale 9 dicembre 1993, n. 50 “Norme regionali per la protezione della fauna selvatica e per il prelievo venatorio” e alla legge regionale 28 aprile 1998, n.19 “Norme per la tutela delle risorse idrobiologiche e della fauna ittica e per la disciplina dell'esercizio della pesca nelle acque interne e marittime interne della Regione Veneto””, in quanto alcune norme, che individuano come illeciti amministrativi comportamenti di disturbo o di ostruzionismo delle attività venatorie e piscatorie, stabilendo al riguardo specifiche sanzioni amministrative, eccedono dalle competenze regionali. Esse invadono infatti la competenza legislativa riservata allo Stato dall’art. 117, secondo comma, lett. h) e l), della Costituzione, in materia di ordine pubblico e di sicurezza, nonché in materia di ordinamento civile e penale. Tali previsioni regionali risultano inoltre contrarie ai principi di legalità, razionalità e non discriminazione rinvenibili negli articoli 25, 3 e 27 della Costituzione;.....ennesima batosta per berlato e i suoi insipienti urlatori.

da Bulldog 11/03/2017 22.39

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Vorrei chiedere a "volontario": perche' dato che le leggi non vengono rispettate(secondo te),con l'avvento dei volontari si risolve il problema?sono mai stati risolutivi? sono sempre del parere che queste persone possano impiegare il loro tempo libero nell'interessarsi di veri problemi sociali,perchè è di queste cose che ha bisogno il ns. paese e ribadisco che con tutte le polizie che abbiamo spetti unicamente a queste categorie controllare le attività di cui si parla(almeno si presume che siano preparati).Saluti

da ettore1158 11/03/2017 17.20

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Se tutti rispettassero le leggi non ci sarebbe bisogno della vigilanza ne dei volontari ne dei provinciali .

da volontario 11/03/2017 16.14

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

giusto..opere Gratuite per la comunità sono bene accette e questa italia ne ha estremo bisogno,non certo nel settore vigilanza sulla caccia...non bastano tutti gli ex forestali per fare questi controlli ? Ma per favore...a stare a sentire sti scienziati ci dovrebbero essere bracconieri dietro ad ogni albero...ma si sa ad andare a caccia nelle regole...già e' sbagliato a prescindere...

da roby pistoia 11/03/2017 9.21

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Cari ragazzi se volete fare del volontariato andate a spalare neve davanti ai negozi o a ripulire la campagna dopo il flagello dei fuoriporta il 25 aprile ed il primo maggio, vi fareste operare alla cistifellea da un dottore della domenica che abitualmente fa il fruttivendolo o vi fate fare l'impianto elettrico da un dentista? E poi i cacciatore= bracconiere è attualissimo in questa italia, basta uscire di casa per andare a caccia che già qualcosa hai sbagliato.

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 10/03/2017 20.41

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Io credo che l'esistenza delle GG.VV. volontarie sia nella caccia che nella pesca sia una anomalia tutta italiana per il solo fatto che abbiamo più corpi di polizia noi che in tutte le nazioni al mondo.Facciamo due conti(quelli della serva):circa 130 mila carabinieri +inclusi i 30000 ex cfs; circa 90 mila P.S.; circa 40 mila GDF e volendo si puo' attingere ai corpi armati dello stato E.I.-MM - AM senza contare tutte quelle miriadi di corpi comunali,provinciali,regionali etc...... allora la mia domanda è questa: a cosa servono questi volontari peraltro poco addestrati e non pagati e in moltissima parte contro le attività che poi vanno a controllare? vedi WWF,Lipu,etc.....non si potrebbe utilizzarli per situazioni piu' importanti vedi terremoti,catastrofi naturali etc...?Vi ringrazio se qualcuno mi potesse rispondere.Saluti

da ettore1158 10/03/2017 17.31

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Evviva, bravi, commenti simpatici : guardia volontaria? = "frustrato"!!! senza se e senza ma, senza distinzioni, perfetto, è interessante perchè "frustrato" è quello che dicono di tutti noi cacciatori gli anticaccia. Qui mi sa che qualcuno di quelli che scrivono queste scemenze ha la coda di paglia. Certo che le mele marce ci sono in tutte le categorie ma qui si fa di ogni erba un fascio e questo è sempre profondamente sbagliato. MI dispiace ma non mi riconosco in nessuno dei commenti denigratori che leggo, sono ingiusti. Nella mia zona noi guardie venatorie facciamo servizio sopratutto a caccia chiusa e nelle zone di rifugio. Quando si fa un verbale è sempre in contrasto al bracconaggio, e purtroppo i bracconieri non sono sempre alieni ma sono anche fra di noi.

da luciano bordin 10/03/2017 17.05

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

SONO IN CONTINUO AUMENTO PERCHE' AUMENTA LA GENTE FRUSTRATA DALLA VITA E DA QUESTO GOVERNO ANTIITALIANI!

da mariolino 10/03/2017 12.53

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Guardie venatorie volontarie i frustrati incapaci di avere altre soddisfazioni dalla vita se non quelle di rovinare persone oneste la peggior specie che non esiste in nessun altro paese al mondo in Italia paese delle banane sono in continuo aumento lo stato inesistente inutile delega le sue funzioni a dei malati mentali

da Bresa 10/03/2017 12.29

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Belin che bello come al solito uno si trova rovinato perchè la domenica mattina un salumiere o chessoò un pizzicagnolo indossa divisa speroni e ray ban e va a salvare il mondo beccando un pericoloso bracconiere con fucile carico a 49 metri da una strada carrozzabile o da un recinto con polli e conigli

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 10/03/2017 11.27

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

mha se fanno il loro dovere e si rendono utili ben vegano, meglio loro degli animalisti, ma se non sanno di che si parla e fanno i "belli e gli sceriffi" vanno subito denunciati in Questura, questo è poco ma sicuro.

da giusva 10/03/2017 9.23

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Cose ridicole di un Paese governato da gente ridicola(e dannosa)...

da Coerenza 10/03/2017 7.57

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

L'uffico caccia della Regione Lazio ne ha combinata un'altra....poveri noi

da estudiantes 09/03/2017 19.53

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

Se gli diamo anche le armi si sentiranno degli scieriffi e dopo un anno saranno tutti GENERALI

da emilio 09/03/2017 18.28

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

... direi che, quanto a competenza giuridico-normativa, i legislatori della Regione Lazio brillano di luce propria .... ma roba da matti .... Saluti

da ERMES74 09/03/2017 16.34

Re:Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio”

La vigilanza venatoria in Italia è l'unica attività che ,pur prevedendo l'applicazione di norme penali, viene affidata a dilettanti (ossia non professionisti). Poveri noi (italianj) !

da Patria del diritto. 09/03/2017 16.12