Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Toscana: tempo di FenaveriPreapertura caccia: tutte le date in Italia secondo i calendariL'Italia a Sacile si aggiudica il Campionato europeo di chioccoloToscana: caccia al cervo nelle aree non vocate, dove e quandoPubblicato il Calendario Venatorio dell'Abruzzo Libera Caccia Lazio: legge finanziaria, ecco cosa cambieràLiguria: la Regione risponde all'Enpa "nessuno stop alla caccia"Siccità e caccia: speranze per la preapertura in CampaniaToscana, una precisazione da Anlc "no ai tre giorni fissi"Anche sulla caccia di selezione il pretesto della siccitàLibera Caccia Abruzzo disapprova calendario venatorio 2017/2018Una storia antica, l'Orsa uccisa e il “brand” del TrentinoBruzzone invita la BrambillaToscana. Calendario venatorio 2017/2018 per territori provincialiTrambileno (TN). Convegno “20 anni dalla reintroduzione del cervo nel Pasubio trentino”Svizzera. Canton Uri: firme contro i grandi predatoriFIdC Macerata. IV Cena del cacciatoreAltra puntata CCT e Arcicaccia ToscanaAbbattimento orsa KJ2. Messner plaude a RossiGli indispensabili: La trisacca cacciaFIdC umbra sollecita stipula accordi interregionaliBasilicata. Tar annulla calendario venatorio 2016/2017Enalcaccia Salerno: “Vincono i cacciatori. Il Parco fa dietro front”Enalcaccia Salerno: no al balzello del Parco per i cacciatoriBigHunter Giovani, Raffaele Canzanella “noi cacciatori casertani penalizzati”Pubblicate le integrazioni al Calendario Venatorio della LombardiaCalendario Venatorio: manca solo l'Abruzzo "caccia a rischio"Situazione ungulati in Toscana: CCT risponde a RemaschiRicorso Arci Caccia Veneto su nomine Atc: risponde CarettaUnità, bilanci e tessere: ancora bisticci in ToscanaDeroghe Caccia, Bruzzone "Ricorso al Tar della Liguria contro Ispra"Siccità, si dibatte ancora sulla caccia a settembreArci Caccia Veneto presenterà ricorso sulle nomine negli AtcLazio: nuovi indirizzi per la caccia al cinghiale e la vendita delle carniPuglia, ok a schema di regolamento per volpe e cinghialeA ottobre un'applicazione per il passo del colombaccioPubblicato Calendario Venatorio siciliano: rimangono le criticità della bozza Eleonora Vignato e il suo primo romanzoFriuli: adottati criteri concessione capi alle riserve di cacciaAbruzzo: istruzioni dalla Regione sul rilascio dei tesseriniEmilia Romagna: ok Piano daino e modifiche sul caprioloTar di Brescia sospende controllo volpeIncendi Campania: Caccia a rischio a settembreLombardia: via libera alle fiere degli uccelliSelezione cinghiale: Emilia Romagna regolamenta pasturazioneSardegna, Cpa "dagli ambientalisti richieste speculative sulla caccia"A Pescia (PT) torna la gara canora degli uccelliViolato il Blog del Movimento 5 StelleFOLLIA A 5 STELLE IN PIEMONTEAnuu riprende gli aggiornamenti sul passo migratorioFidc BG: a Milano l'incontro con Maroni su deroghe e roccoliCalabria: Regione corregge errori in Calendario venatorioPuglia: approvato Calendario Venatorio 2017 - 2018Calendario venatorio Sicilia, le proposte di FedercacciaBerlato sui fondi alla Lipu senza bando "il Ministro Martina chiarisca"Situazione della caccia in Toscana, Remaschi risponde alle criticheParma, cinghiali: interrogazione su presunte irregolarità sulla cacciaFebbo e Sospiri: "calendario scippa quasi due mesi di caccia agli abruzzesi"Il Veneto accentra le competenze venatorie. In Odg eccezione per BellunoFidc Umbria incontra i parlamentari Bocci, Verini e GinettiCCT: da Arci Caccia Toscana un passo verso il chiarimentoAmiche di BigHunter. Sandra Gori: “a caccia si impara ad amare la natura”Belluno "la bufala sul nomadismo venatorio"Sospensione ArciCaccia dalla CCT: la ARCT risponde a SorrentinoToscana: pubblicate modifiche di legge sulla cacciaTesserino venatorio. Anuu "un segnale di buonsenso"Contenimento cinghiali, è caos in LiguriaBasilicata: il punto sulla caccia con le associazioni venatorieWwf Calabria protesta per l'anticipo a quaglie e colombacciBerlusconi abbandona definitivamente i cacciatoriSicilia: riparte il progetto sulla lepre italicaAccentramento competenze venatorie, appello di Arcicaccia Veneto Vandali irrompono a casa di Corona, lui li insegueTortora: Fidc chiama a raccolta i cacciatoriFondazione UNA "cacciatori sentinelle degli orsi"Molise: approvato Calendario Venatorio 2017 - 2018Abruzzo: ecco gli uffici dove ritirare i tesserini venatoriBasalicata: calendario restrittivo, oggi l'incontro in RegioneControllo cinghiali, si torna alla braccata nelle aree agricole toscaneToscana, al via l'App sul tesserino venatorioDai cacciatori 11 mila euro all'Ospedale GasliniBerlato: danni fauna protetta non più pagati dai soli cacciatoriUmbria, controllo cinghiale: Giunta approva misure straordinarieAssemblea CCT, Periccioli chiede nuova conferenza regionale sulla cacciaFACE: PARERE AVVOCATURA GENERALE UE E' SOLO CONSULTIVOIncendi e siccità Lazio: "strumentali le richieste sulla caccia"Pd Emilia Romagna propone tre giornate settimanali aggiuntive al cinghialeCIC: In italiano il video che spiega la caccia e i suoi beneficiSi spacciò guardia venatoria, condannato l'animalista ColonnaPd Toscana: esigenze venatorie e nomine Comitati AtcFriuli: in vigore le modifiche alla legge sulla cacciaCaccia cinghiale in singolo, proposte cautele sanitarie in CampaniaSicilia: si riunisce il Comitato venatorio sul CalendarioBrescia: atti vandalici contro i capanni dei cacciatoriSegnatura tesserino e manufatti per le squadre: "le proposte della CCT sono legge"Fidc Pistoia: soddisfatte le attese di migratoristi e cinghialaiConsiglio regionale Toscana approva legge su esigenze venatorieEcco il Calendario Venatorio 2017 – 2018 della ToscanaCpa Sardegna: in beneficienza gettoni di presenza dalla RegioneFidc: pubblicato su rivista scientifica studio sul tordo in CampaniaLa classifica degli inanellamenti dell'Osservatorio di Arosio Abruzzo, comitato Via valuta modifiche su calendario venatorioIncontro dell'Ufficio Avifauna Migratoria Fidc a Cannavié sui progetti scientificiA Pescia la 31° gara canora estiva

News Caccia

In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno


venerdì 24 febbraio 2017
    

Lo storno è una calamità per la Toscana. Confagricoltura in una nota tira le somme:  "20 mila tonnellate di prodotti agricoli persi, per intendersi ben 700 autotreni colmi di uva, grano, semi, mele, ciliegie e altro". Questo il danno economico, stimato in 4 milioni di euro l’anno,  causto dai circa 5 milioni di storni che popolano, ormai in maniera stanziale, la Toscana. "L’abbattimento programmato di 23 mila capi l’anno - scriva Confagricoltura Toscana - è assolutamente inefficace  per una specie di uccello come lo storno che prolifica indisturbato in maniera incontrollata – la popolazione infatti tende a raddoppiare ogni due anni.”

Servono interventi straordinari per una situazione non più sostenibile per i nostri agricoltori – ha detto il presidente di Confagricoltura Toscana Francesco Miari Fulcis – Noi siamo disponibili al confronto, ma chiediamo che tutti, a partire dalla Regione Toscana, intervengano con strumenti più incisivi e efficaci".

Fino a 15 anni fa, gli storni arrivavano in Toscana in pochi e con la migrazione, ora invece sono diventati stanziali colonizzando tutto il territorio regionale. “E’ cambiato l’ecosistema della campagna toscana – aggiunge il presidente di Confagricoltura Toscana –  Gli storni, con le cornacchie, altro flagello introdotto da errate scelte dei nostri amministratori pubblici negli anni passati,  hanno scacciato o annientato specie animali più piccole, come i passeracei e i pettirossi, ormai quasi scomparsi, creando un grave squilibrio di fauna che incide ovviamente su quel delicato sistema che rende la nostra campagna uno dei luoghi più belli al mondo”. Ma si parla anche di danni organolettici ad una delle produzioni più importanti per la regione: il vino. “Lo storno quando mangia un chicco d’uva rovina irrimediabilmente tutto il grappolo – continua – modificandone il gusto e le proprietà”. I danni non riguardano solo l’agricoltura e la biodiversità, ma anche l’attività zootecnica, soprattutto quando rischia di vedere compromessa la severa prassi igienica degli allevamenti. Problemi enormi anche al patrimonio artistico e edilizio, causato dal guano: ogni storno produce in media 7-9 grammi di deiezioni al giorno.

“Servono strumenti diversi – conclude Miari Fulcis – E’ ormai palese che i dissuasori sono un inutile pagliativo , così come l’abbattimento programmato. E’ necessario aumentare le criticità nei posti in cui gli storni stanziano e si riproducono, spostandoli verso luoghi dove le risorse alimentari non favoriscono la loro proliferazione. Siamo disponibili a confrontarci e a trovare soluzioni condivise, l’importante è fare presto.”

Leggi tutte le news

28 commenti finora...

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Forza Storni!! Trombate e moltiplicatevi!!!

da W gli storni vivi!! 27/02/2017 20.32

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

L'ANNO SCORSO IN UMBRIA HANNO CONCESSO IN DEROGA SOLO CINQUE STORNI A CACCIATORE PER L'INTERA STAGIONE E SOLO PER QUATTROMILA CACCIATORI SU TRENTOTTOMILA!BUFFONI1

da MARIOLINO 27/02/2017 13.10

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Ancora non capite che lo dovete inserire nel calendario venatorio, come una volta. Le deroghe non le prende più nessuno.

da Giovanni 27/02/2017 12.34

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

siamo sempre alle solite... ci si lamenta di continuo, ma non si fa mai nulla, al massimo ci concedano la deroga per darci un "contentino", ma che non risolve il problema

da Andrea 27/02/2017 10.19

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Non è per caso che gli animalisti vogliono sterilizzare anche gli storni? un ne mica di fori? eh? Si perché vorrebbero risolvere il problema, ma senza ammazzarli, forse abituarli a non mangiare.. Ridicoli loro e quelli che li assecondano

da arturo 27/02/2017 8.29

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Come fanno a sporstarli? Non sono mica scemi. Hai volgia ad usare dissuasori, quelli ritorno. Non vanno a morire di fame altrove. Se l' abbattimento programmato prevede 23 mila capi su 5 milioni di capi e' normale che sia un pagliativo. Bisogna abbatterne almeno il 70% e cioe' 3.5 milioni....ma ci vuole tanto a tirar fuori le p@lle, essere un minimo ONESTI dicendo le cose cose stanno e come andrebbero fatte? siamo nel sempre piu' paese dei pagliacci......

da Flagg 26/02/2017 17.19

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

O in calendario in tutta la nazione o non si tocca uno storno Occhio per occhio.

da non li sparate 26/02/2017 13.20

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Se in questo lurido paese si cominciasse a far pagare chi sbaglia allora si che le cose cambierebbero,chi ha voluto lo storno protetto?Prodi ,Ronchi,gli animalisti?facciamoli pagare a loro i danni causati dalle loro ca..te .Vogliono sterilizzare i cinghiali lo facciamo con i loro soldi ,quelli dei cittadini onesti servono ha risolvere gli infiniti problemi di questo paese.se tutti i soldi bruciati in questi anni per parchi e pacchetti e str. ...te varie forse oggi non servirebbe un altra manovriva sulle nostre spalle

da allodolaiomatto 26/02/2017 12.50

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

C'è un sacco di noi che non perde un momento per incensare i parlamentari non anticaccia ( che è diverso da PRO-CACCIA )perchè se ci fosse qualcuno PRO-CACCIA si sarebbe già incatenato/a a qualche cancello o scioperi della fame alla pannella tanto per intenderci, invece non succede mai nulle nulla nulla neanche chi ha i capelli bianchi o non li ha addirittura ci casca in questa melassa di grazie grazie crazie di esistere profusa insieme a petali di rosa,intanto non succede mai nulla ........kc...... storni fringuelli................ZERO ASSOLUTO

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 24/02/2017 21.14

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Flavio.romano...ancor prima del decreto ronchi....ringraziamo ispra e minambiente che li fecero escludere dall allegato x l italia...oggi sta storia ferma in una stanza del.min......pagassero sti f....enomeni e ass ambientaliste..codesti soldi che escono son soldi pubblici che provengono dalle tasse dei cittadini

da spartano 24/02/2017 21.07

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Sono stufo di commentare le solite cose bisogna levare i soldi alle associazioni allora capiranno .

da Marco Toscana 24/02/2017 20.51

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

toni el cacciator: Nutria e poenta onta, è come dire gato in tecia, ma dai che in Florida e giù di là si fanno pure le luganeghe di nutria. Ps: Quando vuoi e/o volete, conosco un posticino dalle mie parti che.....

da s.g. 24/02/2017 20.43

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

La verità è che poi i rimborsi in qualche modo,stanno attaccati alle tasche dei soliti noti,se ne stanziano 5 ne arrivano 3 e gli altri servono ai partiti,altro che salamelle alle feste Forza storni addosso

da Sirio 24/02/2017 20.25

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Ma siete davvero sicuri che siano soli 4 milioni per tutta la Toscana ?? Anni fa i Verdi di professione dissero - e se lo dicevano loro vuol dire che la cifra era assolutamente sottostimata- che solo a Roma albergavano circa 3 milioni di storni. Quindi...

da A.le 24/02/2017 19.55

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

se i soliti cacciatori paraculi con il solito sistema italico quando vengono chiamati agli abbattimenti fuori dal periodo venatorio rifiutassero,probabilmente lo storno verrebbe rimesso nel calendario venatorio perché in poco tempo diventerebbe un problema insostenibile,ma dubito che questo avvenga.

da mb 24/02/2017 19.00

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

L'Italia dopo il decreto Prodi del 1997 firmato anche dall'ex ministro dell'ambiente Ronchi non ha mai più voluto risolvere la faccenda dello storno che non solo crea disagi economici ma anche di altra natura. I ministri e i presidenti del consiglio che si sono succeduti hanno solo preferito continuare a pagare per salvare i voti animalisti e presunte impopolarità.

da Flavio romano 24/02/2017 18.19

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Storni? Ma se ce ne sono pochissimi lasciamoli stare.Io vado sempre in giro tra Roma,umbria in genere pianura padana,puglia ne vedo uno ogni tanto... Solo un animalista potrebbe queste cose.

da Orbescamente 24/02/2017 17.59

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

che i danni li paghinoanimalisti e ambientalisto con i loro soldi

da anna 56 24/02/2017 17.40

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Sentite questa ,La nuova Venezia fa un articolo per evidenziare un problema nutrie.Lungo articolo dove anche un animalista dice la sua testuale: perche' abbatterle,meglio mangiarle".. proprio cosi....

da toni el cacciator 24/02/2017 17.30

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Cari agricoltori, sono cazzi vostri! Se aspettate che i politicanti si muovano auguri! Basta vedere che casino sta succedendo per il lupo, perché i signori amministratori si fanno ricattare dagli ambientalisti. Hanno una paura matta di farli incazzare per via delle prossime elezioni. E allora FORZA STORNI e anche FORZA LUPI! Si spostateli, caricateli in automobile e portateli da altre parti. Roba da matti!!!

da Che risate 24/02/2017 17.14

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

strano, hanno dimenticato o sottovalutato i danni agli oliveti. mah? forse perchè adesso chi raccoglie le olive le raccoglie che non sono ancora mature e quindi gli storni non le gradiscono ancora. Però, io gli storni li vedo arrivare in massa negli oliveti. chissà, mangeranno ...la foglia?

da extravirg-ola 24/02/2017 16.58

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

fateli cacciare durante la stagione venatoria prolungando la caccia fino al 10 marzo, allora vedrete che gli storni diminuiranno, e fate usare i richiami vivi, perché se un cacciatore deve cacciare lo storno mettendo anche i dissuasori, oppure entro 100 metri da vigneti od uliveti il problema rimarrà tale e quale, va cacciato ovunque e nel periodo menzionato, senza usare i selettori a maggio i quali uccidono i genitori e lasciano i piccoli a morire nel nido creando anche un problema sanitario.

da dardo 24/02/2017 16.55

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Scusate non trovo più la pagina fogna "Contro la caccia e per il rispetto della biodiversità", quella gestita dal professore, avete notizie?

da Pino 24/02/2017 16.13

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Non sono scemi gli storni,hanno capito che in Italia c'era la pacchia e da migratori sono diventati stanziali.Ma vuoi vedere che se facessero pagare i danni a chi li vuole proteggere farebbero presto a levare le tende?

da Frank 44 24/02/2017 16.13

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Non solo in Toscana gli storni fanno danni anche nelle regioni Italia e uguale ma nessuno fa niente

da Giuseppe 24/02/2017 15.34

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Dai ditelo a Galletti,lui propone e le Regioni con i loro presidenti dicono di no..Pero' creeranno fondi per i rimborsi..Dalle mie parti si dice : chi va' al mulino si infarina....( gli storni ci sono d'appertutto non solo in Toscana).

da toni el cacciator 24/02/2017 15.20

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

FORZA STORNI.

da STURNUS UNICUM. 24/02/2017 15.16

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Fra poco chiederanno aiuto ai cacciatori, specie quando questi animalacci si avventeranno sui vigneti del brunello, del chianti o sulle olive dell'olio dop. Solo che in quel momento ci dovranno pagare e dovranno chiedercelo in ginocchio

da Filippo 24/02/2017 15.08