HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Frosinone: le guardie Provinciali tornano a fare vigilanza venatoria La Lega interroga Galletti: "l'Europa ci chiede di eradicare la nutria" BigHunter Giovani. Samuele Carenzi “nelle nostre associazioni serve più grinta” Veneto: Regione aumenta i selecontrollori nel Parco dei Colli Euganei Caccia con l’arco, a ExpoRiva si impara la tecnica con Emilio Petricci Squadre e aree di caccia. Continua lo scontro Fidc Toscana - Arci Di Pietro inizia le consultazioni con i cacciatori sulla prossima stagione Benevento: le deleghe caccia e pesca tornano alla Regione Indipendent: sulla caccia africana il Principe William ha ragione Fidc Lazio: in cento a tavola a Paliano degustando selvaggina Zone cinghiale, ArciCaccia a Fidc Toscana: "maldestra manipolazione" Sorrentino: cinghiali fuori controllo, no all'ideologia animalista Fidc Genova sponsorizza concorso fotografico rivolto alle scuole Romanzo con citazioni venatorie maremmane adottato da università americana Censimento Cervidi: dall'Urca moduli e promemoria per i censitori Anuu Campania invia proposta su calendario venatorio 2017 - 2018 Massarosa (LU) chiede alla Regione semplificazione su appostamenti di caccia 59° Assemblea Nazionale di Anuu Migratoristi Fidc Toscana: Sorrentino contro assegnazione diretta squadre cinghiale Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!) Briano su Affaritaliani “caccia: tra Francia e Italia differenze ingiustificabili” Cinghiali a Roma “pericolo mortale in città” Molise: autorizzata caccia di selezione al cinghiale Fidc Pistoia: riconsegna tesserini ad agosto per i selecontrollori Piano faunistico Abruzzo: presentata convenzione con Ispra REPORT FACE, ECCO COSA FANNO I CACCIATORI PER LA BIODIVERSITA' Avifauna Migratoria a convegno sulla gestione nel Delta del Po Trasferito Ufficio Caccia di Chieti. Febbo furioso Fidc Brescia: deroghe e richiami vivi, a che punto siamo? Mancata ripartizione agli Atc: sale la protesta in Calabria Calendario venatorio Piemonte 2017 - 2018. Ecco la bozza Eps Campania: calendario venatorio, ecco le richieste dei cacciatori Atc Pistoia: al via progetto pilota "Nidi artificiali" MAGNIFICA SEGOLENE. Quel rispetto per la caccia che ci sembra fantascienza Tortora, i prelievi italiani sono sostenibili TIZIANA COLLEONI: La pittrice della Valsugana con l’arte nel cuore IL DOV'E' DELLA CACCIA IN TOSCANA Amiche di BigHunter: Christelle "Il futuro della caccia sono le donne" I Parchi gestiscano la fauna: Mozione Vignale in Piemonte Atc Roma 2: aperte le preiscrizioni al corso per selecontrollori Campania, Anuu: calendario venatorio va rivisto sulla migratoria Francia: i candidati alla presidenza dai cacciatori Eps Campania: si accettano proposte sul calendario venatorio Il Governo impugna la legge veneta su disturbo venatorio e piscatorio Genova affronta l'emergenza cinghiali in città con il contenimento Calendario Venatorio Lazio: raggiunto accordo con gli Atc su cinghiale Caccia in cucina: grande partecipazione alla 15esima edizione Caccia di selezione cinghiali e caprioli: ok dall'Ispra in Molise Piano faunistico Emilia Romagna: le richieste di Confagricoltura Campania: ecco la bozza di calendario venatorio 2017 - 2018 Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio” Bruxelles: Direttive natura, ecco come la caccia può migliorarne l'applicazione FAO: la caccia contribuisce alla protezione della fauna minacciata Niente fagiani di ricattura, salta ripopolamento nell'Atc di Arezzo Arci Caccia: legge danni fauna selvatica Marche va rivista Direttive Natura, Briano: “La Commissione europea ascolti anche i cacciatori” 8 MARZO: FESTEGGIAMO LE NOSTRE CACCIATRICI Lombardia: intergruppo caccia convoca associazioni venatorie Lazio presentata bozza calendario venatorio 2017 -2018 Divieto di caccia, la mancata tabellazione non attenua la condanna Vincenzo Scordo: “giovani, uniamoci per una caccia migliore e diversa” Unità: Fidc Toscana fa il punto con il Presidente Dall'Olio PESCARA. POSITIVO IL SELECONTROLLO DEL CINGHIALE A BRESCIA UN CORSO PER PREPARARE I TROFEI I cacciatori di Giffone (RC) per la natura Umbria. Cecchini convoca riunione per calendario venatorio 2017/2018 Viterbo. Successo per il nuovo regolamento caccia al cinghiale Tar Liguria blocca abbattimento cinghiali a Cervo (IM) Eps Campania: al via esami abilitazione caccia In Umbria proposta filiera corta delle carni di cinghiale E IL LUPO METTE LE ALI Il lavoro dell'Ufficio Avifauna migratoria Fidc in un video FACE contesta documento inglese sulla caccia ai trofei Basilicata: controllo cinghiale e girata con cane limiere Fidc Brescia "le norme, la quota e i 'tredicisti'" Di Pietro già al lavoro sul calendario venatorio 2017 - 2018 Madonie, prima ordinanza per abbattere i cinghiali. Chiamati i cacciatori Contest I giovani e la caccia: ecco le foto vincitrici CCT: passo avanti verso la casa comune dei cacciatori toscani Atc Brescia, la Regione dice no alla quota per l'appostamento temporaneo Atc Pisa: si dimette il Comitato di Gestione Corte dei conti UE: fondi non utilizzati per i siti Natura 2000 PIOMBO: CHI CONSUMA SELVAGGINA NON RISCHIA DI PIU' Legge Obbiettivo Toscana: agricoltori in disaccordo sugli abbattimenti Bruzzone: a caccia come in Francia, la Liguria invia richiesta all'Ispra per i turdidi Toscana: parte il monitoraggio della beccaccia Valentina Piccioli, 25 anni “la caccia tiene noi giovani lontano dai veri pericoli” In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti Tassa caccia in Lombardia anche con bollettino Fidc Brescia: passa mozione 5 Stelle in Regione su caso lupo KEY CONCEPTS. CORRENTI DI PENSIERO Daini Pineta di Classe. L'Atc "non ci presteremo ai piani di abbattimento" Un altro rinvio per il Piano Lupo Selvaggina: una scelta etica sostenibile Riforma caccia cinghiale in Lombardia: le osservazioni di Federcaccia Grazia e leggerezza: ecco l'arte animalier di Pauline Ohrel Lucca: caccia alla volpe e zone protezione avifauna, Tar accoglie Fidc Piemonte ringrazia i cacciatori scesi in piazza

News Caccia

In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno


venerdì 24 febbraio 2017
    

Lo storno è una calamità per la Toscana. Confagricoltura in una nota tira le somme:  "20 mila tonnellate di prodotti agricoli persi, per intendersi ben 700 autotreni colmi di uva, grano, semi, mele, ciliegie e altro". Questo il danno economico, stimato in 4 milioni di euro l’anno,  causto dai circa 5 milioni di storni che popolano, ormai in maniera stanziale, la Toscana. "L’abbattimento programmato di 23 mila capi l’anno - scriva Confagricoltura Toscana - è assolutamente inefficace  per una specie di uccello come lo storno che prolifica indisturbato in maniera incontrollata – la popolazione infatti tende a raddoppiare ogni due anni.”

Servono interventi straordinari per una situazione non più sostenibile per i nostri agricoltori – ha detto il presidente di Confagricoltura Toscana Francesco Miari Fulcis – Noi siamo disponibili al confronto, ma chiediamo che tutti, a partire dalla Regione Toscana, intervengano con strumenti più incisivi e efficaci".

Fino a 15 anni fa, gli storni arrivavano in Toscana in pochi e con la migrazione, ora invece sono diventati stanziali colonizzando tutto il territorio regionale. “E’ cambiato l’ecosistema della campagna toscana – aggiunge il presidente di Confagricoltura Toscana –  Gli storni, con le cornacchie, altro flagello introdotto da errate scelte dei nostri amministratori pubblici negli anni passati,  hanno scacciato o annientato specie animali più piccole, come i passeracei e i pettirossi, ormai quasi scomparsi, creando un grave squilibrio di fauna che incide ovviamente su quel delicato sistema che rende la nostra campagna uno dei luoghi più belli al mondo”. Ma si parla anche di danni organolettici ad una delle produzioni più importanti per la regione: il vino. “Lo storno quando mangia un chicco d’uva rovina irrimediabilmente tutto il grappolo – continua – modificandone il gusto e le proprietà”. I danni non riguardano solo l’agricoltura e la biodiversità, ma anche l’attività zootecnica, soprattutto quando rischia di vedere compromessa la severa prassi igienica degli allevamenti. Problemi enormi anche al patrimonio artistico e edilizio, causato dal guano: ogni storno produce in media 7-9 grammi di deiezioni al giorno.

“Servono strumenti diversi – conclude Miari Fulcis – E’ ormai palese che i dissuasori sono un inutile pagliativo , così come l’abbattimento programmato. E’ necessario aumentare le criticità nei posti in cui gli storni stanziano e si riproducono, spostandoli verso luoghi dove le risorse alimentari non favoriscono la loro proliferazione. Siamo disponibili a confrontarci e a trovare soluzioni condivise, l’importante è fare presto.”

Leggi tutte le news

28 commenti finora...

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Forza Storni!! Trombate e moltiplicatevi!!!

da W gli storni vivi!! 27/02/2017 20.32

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

L'ANNO SCORSO IN UMBRIA HANNO CONCESSO IN DEROGA SOLO CINQUE STORNI A CACCIATORE PER L'INTERA STAGIONE E SOLO PER QUATTROMILA CACCIATORI SU TRENTOTTOMILA!BUFFONI1

da MARIOLINO 27/02/2017 13.10

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Ancora non capite che lo dovete inserire nel calendario venatorio, come una volta. Le deroghe non le prende più nessuno.

da Giovanni 27/02/2017 12.34

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

siamo sempre alle solite... ci si lamenta di continuo, ma non si fa mai nulla, al massimo ci concedano la deroga per darci un "contentino", ma che non risolve il problema

da Andrea 27/02/2017 10.19

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Non è per caso che gli animalisti vogliono sterilizzare anche gli storni? un ne mica di fori? eh? Si perché vorrebbero risolvere il problema, ma senza ammazzarli, forse abituarli a non mangiare.. Ridicoli loro e quelli che li assecondano

da arturo 27/02/2017 8.29

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Come fanno a sporstarli? Non sono mica scemi. Hai volgia ad usare dissuasori, quelli ritorno. Non vanno a morire di fame altrove. Se l' abbattimento programmato prevede 23 mila capi su 5 milioni di capi e' normale che sia un pagliativo. Bisogna abbatterne almeno il 70% e cioe' 3.5 milioni....ma ci vuole tanto a tirar fuori le p@lle, essere un minimo ONESTI dicendo le cose cose stanno e come andrebbero fatte? siamo nel sempre piu' paese dei pagliacci......

da Flagg 26/02/2017 17.19

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

O in calendario in tutta la nazione o non si tocca uno storno Occhio per occhio.

da non li sparate 26/02/2017 13.20

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Se in questo lurido paese si cominciasse a far pagare chi sbaglia allora si che le cose cambierebbero,chi ha voluto lo storno protetto?Prodi ,Ronchi,gli animalisti?facciamoli pagare a loro i danni causati dalle loro ca..te .Vogliono sterilizzare i cinghiali lo facciamo con i loro soldi ,quelli dei cittadini onesti servono ha risolvere gli infiniti problemi di questo paese.se tutti i soldi bruciati in questi anni per parchi e pacchetti e str. ...te varie forse oggi non servirebbe un altra manovriva sulle nostre spalle

da allodolaiomatto 26/02/2017 12.50

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

C'è un sacco di noi che non perde un momento per incensare i parlamentari non anticaccia ( che è diverso da PRO-CACCIA )perchè se ci fosse qualcuno PRO-CACCIA si sarebbe già incatenato/a a qualche cancello o scioperi della fame alla pannella tanto per intenderci, invece non succede mai nulle nulla nulla neanche chi ha i capelli bianchi o non li ha addirittura ci casca in questa melassa di grazie grazie crazie di esistere profusa insieme a petali di rosa,intanto non succede mai nulla ........kc...... storni fringuelli................ZERO ASSOLUTO

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 24/02/2017 21.14

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Flavio.romano...ancor prima del decreto ronchi....ringraziamo ispra e minambiente che li fecero escludere dall allegato x l italia...oggi sta storia ferma in una stanza del.min......pagassero sti f....enomeni e ass ambientaliste..codesti soldi che escono son soldi pubblici che provengono dalle tasse dei cittadini

da spartano 24/02/2017 21.07

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Sono stufo di commentare le solite cose bisogna levare i soldi alle associazioni allora capiranno .

da Marco Toscana 24/02/2017 20.51

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

toni el cacciator: Nutria e poenta onta, è come dire gato in tecia, ma dai che in Florida e giù di là si fanno pure le luganeghe di nutria. Ps: Quando vuoi e/o volete, conosco un posticino dalle mie parti che.....

da s.g. 24/02/2017 20.43

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

La verità è che poi i rimborsi in qualche modo,stanno attaccati alle tasche dei soliti noti,se ne stanziano 5 ne arrivano 3 e gli altri servono ai partiti,altro che salamelle alle feste Forza storni addosso

da Sirio 24/02/2017 20.25

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Ma siete davvero sicuri che siano soli 4 milioni per tutta la Toscana ?? Anni fa i Verdi di professione dissero - e se lo dicevano loro vuol dire che la cifra era assolutamente sottostimata- che solo a Roma albergavano circa 3 milioni di storni. Quindi...

da A.le 24/02/2017 19.55

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

se i soliti cacciatori paraculi con il solito sistema italico quando vengono chiamati agli abbattimenti fuori dal periodo venatorio rifiutassero,probabilmente lo storno verrebbe rimesso nel calendario venatorio perché in poco tempo diventerebbe un problema insostenibile,ma dubito che questo avvenga.

da mb 24/02/2017 19.00

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

L'Italia dopo il decreto Prodi del 1997 firmato anche dall'ex ministro dell'ambiente Ronchi non ha mai più voluto risolvere la faccenda dello storno che non solo crea disagi economici ma anche di altra natura. I ministri e i presidenti del consiglio che si sono succeduti hanno solo preferito continuare a pagare per salvare i voti animalisti e presunte impopolarità.

da Flavio romano 24/02/2017 18.19

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Storni? Ma se ce ne sono pochissimi lasciamoli stare.Io vado sempre in giro tra Roma,umbria in genere pianura padana,puglia ne vedo uno ogni tanto... Solo un animalista potrebbe queste cose.

da Orbescamente 24/02/2017 17.59

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

che i danni li paghinoanimalisti e ambientalisto con i loro soldi

da anna 56 24/02/2017 17.40

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Sentite questa ,La nuova Venezia fa un articolo per evidenziare un problema nutrie.Lungo articolo dove anche un animalista dice la sua testuale: perche' abbatterle,meglio mangiarle".. proprio cosi....

da toni el cacciator 24/02/2017 17.30

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Cari agricoltori, sono cazzi vostri! Se aspettate che i politicanti si muovano auguri! Basta vedere che casino sta succedendo per il lupo, perché i signori amministratori si fanno ricattare dagli ambientalisti. Hanno una paura matta di farli incazzare per via delle prossime elezioni. E allora FORZA STORNI e anche FORZA LUPI! Si spostateli, caricateli in automobile e portateli da altre parti. Roba da matti!!!

da Che risate 24/02/2017 17.14

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

strano, hanno dimenticato o sottovalutato i danni agli oliveti. mah? forse perchè adesso chi raccoglie le olive le raccoglie che non sono ancora mature e quindi gli storni non le gradiscono ancora. Però, io gli storni li vedo arrivare in massa negli oliveti. chissà, mangeranno ...la foglia?

da extravirg-ola 24/02/2017 16.58

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

fateli cacciare durante la stagione venatoria prolungando la caccia fino al 10 marzo, allora vedrete che gli storni diminuiranno, e fate usare i richiami vivi, perché se un cacciatore deve cacciare lo storno mettendo anche i dissuasori, oppure entro 100 metri da vigneti od uliveti il problema rimarrà tale e quale, va cacciato ovunque e nel periodo menzionato, senza usare i selettori a maggio i quali uccidono i genitori e lasciano i piccoli a morire nel nido creando anche un problema sanitario.

da dardo 24/02/2017 16.55

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Scusate non trovo più la pagina fogna "Contro la caccia e per il rispetto della biodiversità", quella gestita dal professore, avete notizie?

da Pino 24/02/2017 16.13

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Non sono scemi gli storni,hanno capito che in Italia c'era la pacchia e da migratori sono diventati stanziali.Ma vuoi vedere che se facessero pagare i danni a chi li vuole proteggere farebbero presto a levare le tende?

da Frank 44 24/02/2017 16.13

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Non solo in Toscana gli storni fanno danni anche nelle regioni Italia e uguale ma nessuno fa niente

da Giuseppe 24/02/2017 15.34

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Dai ditelo a Galletti,lui propone e le Regioni con i loro presidenti dicono di no..Pero' creeranno fondi per i rimborsi..Dalle mie parti si dice : chi va' al mulino si infarina....( gli storni ci sono d'appertutto non solo in Toscana).

da toni el cacciator 24/02/2017 15.20

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

FORZA STORNI.

da STURNUS UNICUM. 24/02/2017 15.16

Re:In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno

Fra poco chiederanno aiuto ai cacciatori, specie quando questi animalacci si avventeranno sui vigneti del brunello, del chianti o sulle olive dell'olio dop. Solo che in quel momento ci dovranno pagare e dovranno chiedercelo in ginocchio

da Filippo 24/02/2017 15.08