Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
 Accedi
Pompignoli "rivedere regole sulla caccia all'allodola"Fidc Bergamo aderisce alla manifestazione di TorinoAlessia Atzeni, addestratrice: "il cane da caccia, un mondo di emozioni" Animalisti Piemonte: solo M5S contro la cacciaMarche, polemiche per nuove aree protetteColline livornesi: da riserva provinciale a parco regionale?Calendario venatorio Liguria 2018 - 2019: ecco le novitàPuglia: ok della Giunta a Piano FaunisticoDue cacciatrici in campo per le comunaliMatteo Luigi Bianchi (Lega). "Aggiorniamo la 157, evitando la rissa"Fidc Piemonte: "la vera battaglia per la caccia si combatte nei tribunali"Emilia Romagna: Ok in Commissione al Calendario Venatorio 2018 - 2019Interrogazione Caretta sul Piano LupoFano Geo: 400 bambini allo stand di FedercacciaEmilia Romagna: Approvato il piano regionale di controllo degli storniPISTOIA. CONTROLLO UNGULATI. IL PARERE DELLA CCTIL CHIOCCOLO A SCUOLARegioni chiedono deroghe per orsi e lupiTrento: controllo cinghiale affidato ai cacciatoriFirenze: indagine per truffa per i rimborsi alle colturePistoia: Arcicaccia e Anlc contro l'AtcVeneto: competenze caccia torneranno alla RegioneZannier nuovo Assessore alla Caccia in FriuliAccordo M5S - Lega, si parla anche di animaliLa Liguria incentiva i giovani cacciatoriFerrando: in Liguria due giorni in più alla migratoriaM5S, è guerra alla caccia anche in LiguriaEuropa deferisce l'Austria per caccia primaverile alla beccacciaIl mondo venatorio a colloquio con la LegaCCT: corsi di formazione per Guardie venatoriePiemonte: prosegue l'esame della legge sulla cacciaAnuu: da animalisti dati senza alcun fondamentoPreapertura caccia Umbria: 2 e 9 settembreCpa Sardegna agli animalisti: gli Atc comporterebbero più abbattimentiStefano Borghesi. "Presenterò in Senato una legge di riforma della 157"Caccia da re in UKRolfi scrive ai Parlamentari: urgente cambiare norme nazionali su fauna selvaticaEps Campania: chiarezza sull'esclusione del moriglioneMolise. Governatore Toma animalista. Fuori Di Pietro JrFidc "Bracconaggio. Tra verità e ideologia anticaccia"Ungulati Toscana: le nuove proposte della Libera CacciaValle D'Aosta: ok a calendario venatorio 2018 - 2019Chianti: Quintali di rifiuti raccolti dai cacciatoriGippoliti, conservazionista IUCN: "se la caccia non è apprezzata è colpa di Bambi"Il mondo venatorio incontra la Senatrice BerniniLega: Regolamento armi penalizza cacciatoriAlzavola: pubblicato da rivista Ibis studio Acma sulla migrazione A Caccia Village focus sul ruolo della caccia in UmbriaCampania: Fidc protesta per l'esclusione del moriglioneLazio: dai 5 Stelle no alla preapertura della cacciaSegno positivo per Caccia Village 2018Toscana, Marchetti (FI): "No alle funzioni risarcitorie degli Atc"Condannato il leader di 100% animalisti per offese a BerlatoFilippo Gallinella (M5S): "Rivedere la normativa sulla caccia"Cinghiale, Fidc Brescia: si attende chiarezza sul ruolo dei cacciatoriPuglia: ok dalle Commissioni a Pdl sui danni della fauna selvaticaAbruzzo: Tar scioglie Commissione d'esame caccia di ChietiConvenzione CCT salva centro inanellamento Porto allo StilloTorino: Piano cinghiali bis si affida di nuovo ai cacciatoriCaccia Village: i cacciatori chiamati a raccoltaTrento: la caccia quest'anno apre il 2 settembrePiemonte: in Consiglio sì all'esclusione di 15 specie cacciabiliPiemonte: il gallo forcello rimane in Calendario VenatorioRovigo eradicherà la minilepreCaccia Migratoria fino al 20 febbraio in FranciaSardegna: peste suina nel cinghiale ridotta del 64%Campania: Regione esclude moriglione dal Calendario Venatorio?Fidc Pistoia: incontro tra cacciatori e rappresentanti dell'AtcLa CCT sostiene e rafforza il monitoraggio dei Columbidi nidificantiIl Cervo, una nuova realtà sul CarsoRiccardo Augusto Marchetti (Lega). "Per la caccia io ci sono"Wilbur Smith, l'ultimo libro è un inno alla cacciaLucca: dalla Lega pieno appoggio alla cacciaToscana: nessun riconoscimento per le associazioni venatorie regionaliIn Sudtirolo la caccia è un'avventura per bambiniEmilia Romagna: avviso contributi per utilizzo rustici a cacciaCCT firma nuova convenzione per lo studio della migratoriaFidc Piemonte “la difesa della caccia non si è mai addormentata”Sparvoli invita i cacciatori in piazzaLe cacce tradizionali in esposizione al Parlamento UEFrancesco Argiolas, 19 anni. "La fortuna di essere cacciatori"Bracconaggio. Lipu raccontaAnlc Umbria critica il nuovo calendario venatorio Rolfi: "Schizofrenia Pd. Le nutrie non vanno mangiate, ma eliminate"Guglielmo Golinelli (Lega): “Ho la licenza di caccia dai 18 anni”Giuliano Milana: artista, cacciatore, tecnico faunistaTesserino venatorio, Regione Toscana accoglie ricorso di FidcLa marcia in più delle cacciatriciPiano di abbattimento cinghiali, a Cuneo poche adesioniCinghiale e danni, ancora polemiche in ToscanaConfagricoltura Toscana striglia la Regione "intervenire subito sugli ungulati""Milioni di uccelli uccisi illegalmente": Mamone Capria al Tg1 L'Emilia Romagna riabilita le munizioni di piomboLa Fidc presente al 5° Simposio Pan Europeo sulle anatre selvaticheBruzzone: in Piemonte si discutono incomprensibili restrizioni sulla cacciaUmbria: sospese autorizzazioni nuovi appostamenti di cacciaFamiglia anticaccia denunciata per le aggressioni a cacciatoriSardegna, proposta caccia tordi e beccaccia fino a fine febbraioCCT: risarcimento danni agli automobilisti, qualcosa si muoveUccelli in declino, nuovo rapporto BirdlifeCabina regia mondo venatorio: Continua l’impegno per un nuovo dialogo con la politicaIl clima minaccia la pernice bianca, ma Lipu pensa alla cacciaRiforma caccia Piemonte, sintesi del dibattito in aulaVigilanza venatoria. Fidc Bs "Veneto un esempio da seguire"“Quando Baggio andò a caccia di anatre alle 3 del mattino”

News Caccia

Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti


venerdì 24 febbraio 2017
    

Regione Toscana Regolamenti attuativi "I primi risultati della legge obiettivo sul contenimento degli ungulati ci dicono che siamo sulla strada giusta. Nel 2016, nonostante la legge sia stata attivata in ritardo in molte province, vi è stato un deciso aumento dei capi di cinghiale abbattuti (si è sfiorata quota centomila) e si è dato un primo contributo  nel ridurre una popolazione che in Toscana è 4,5 volte superiore al normale e che ha creato gravissimi danni all'agricoltura".

E' questo il  commento dell'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi  ai primi dati, quelli relativi ai cinghiali, sulla legge 10 del 2016, approvata un anno fa  per contenere la popolazione  di cinghiali, caprioli, cervi e daini attraverso una intensificazione delle attività di caccia nelle aree agricole (quelle identificate come aree "non vocate").

Il dato più generale, quello sui prelievi complessivi di cinghiali  effettuati in tutta la regione mostra un incremento netto rispetto agli altri anni con  93.306 capi abbattuti (erano stati 79.330 nel 2015 e 83.578 nel 2014 e 70.482 nel 2013).  A questo dato vanno poi aggiunti i numeri delle aziende faunistiche di alcune province che ancora non sono pervenuti alla Regione.

"Alla fine il dato reale sarà di circa 100.000 capi – commenta Remaschi – un numero significativo specie in un anno ancora sperimentale e nel quale non sono state poche le difficoltà incontrate: basti pensare ai disagi sull'operatività degli Atc dovuti a varie cause (tra cui una sentenza della Corte Costituzionale) e ai ritardi nell'applicazione della legge che si sono registrati in diverse province: l'attivazione è arrivata nel migliore dei casi a giugno, ma in alcuni casi solo a settembre, pochi giorni prima dell'inizio della stagione venatoria".

"In così poco tempo – continua l'assessore -  non si poteva certo risolvere un problema che esiste da venti anni. Ma si è  cominciato a farlo avendo a disposizione una buona legge e grazie alla fattiva collaborazione dei cacciatori e delle associazioni di categoria".

Per Remaschi decisivi ai fini dei risultati attesi saranno i prossimi mesi: "La possibilità di fare caccia di selezione nei mesi in cui cominciano le semine, quindi da marzo in poi, potrà  diminuire considerevolmente i danni alle colture. Ho la speranza, credo fondata, che questo potrà aiutare  l' intero comparto agricolo a poter salvaguardare il frutto del proprio lavoro. La diminuzione degli ungulati permetterà anche di diminuire il numero degli incidenti sulle nostre strade che in troppi casi (una media di quasi 700 all'anno)  sono correlati alla presenza di cinghiali e caprioli".

L'obiettivo della legge

Ma cosa prevede la legge n.10 del 2016? Il suo scopo, in un triennio, è quello di ridurre i conflitti generati dalla presenza di ungulati nelle aree antropiche, specie in quelle agricole, attraverso un incremento della pressione di caccia, in termini sia di entità dei prelievi, ma soprattutto di prolungamento dei tempi della caccia di selezione.

Il conflitto è generato da una presenza elevatissima di queste specie: le stime ci parlano di una popolazione di oltre 200.000 cinghiali e di almeno altri 240.000 tra cervi, daini, caprioli e mufloni per un dato che è fra i più alti d'Europa, secondo solo all'Austria, e che è almeno 4,5 volte superiore alla media italiana.

Con questa normativa si interviene  per diminuire la densità di ungulati in determinate zone del territorio regionale, denominate "aree non vocate". Queste zone coincidono con le aree agricole della Toscana (circa il 30 % del territorio). In queste aree, dove vi sono vigneti, oliveti, seminativi , vengono concentrati gli interventi, soprattutto per il cinghiale. Nel restante territorio (boschi, pascoli, terre incolte) viene mantenuta una gestione conservativa delle specie ungulate, in modo che esse siano in equilibrio con l'ambiente: in quest'ultime aree, quindi,  non vi sono particolari mutamenti gestionali a seguito della legge obiettivo.

La caccia al cinghiale nelle aree "non vocate": primi risultati

Il prelievo di capi previsto dalla legge obiettivo è iniziato tra giugno e settembre del 2016: la prima Atc a partire è stata Firenze (15 giugno), l'ultima Grosseto (17 settembre).

Dall'estate quindi è diventata operativa la parte più innovativa della legge, quella relativa al prelievo  nelle aree non vocate attraverso la tecnica della "selezione". Per potervi partecipare ogni cacciatore ha dovuto richiedere l''abilitazione attraverso  specifici esami (comprendenti anche una prova di tiro). I  9.000 cacciatori che hanno superato l'esame hanno poi potuto effettuare le proprie uscite di caccia ( ogni volta che esce il cacciatore deve darne comunicazione). La caccia di selezione ha portato, sino al 31 dicembre 2016, all'abbattimento di 4.581 cinghiali.

Ma per avere il dato complessivo degli abbattimenti nelle aree non vocate a questo dato dobbiamo aggiungere altre due voci: il cosiddetto prelievo di "controllo" cioè effettuato esternamente all'attività venatoria dietro autorizzazione della Regione (e con il quale sono stati abbattuti altri 9.927 capi) e la caccia "in forma singola, girata e braccata" (6.653 capi abbattuti) effettuata nelle stesse aree non vocate durante il normale periodo della stagione venatoria.

Complessivamente dunque  il totale dei cinghiali  abbattuti nelle aree non vocate, tra caccia di selezione, prelievo in controllo e caccia in forma singola è stato di 21.161.

Se a questa cifra, 21.169, si aggiungono i 72.145 prelievi avvenuti in area vocata (quindi nelle aree delle attività più tradizionali di caccia) si ottiene il dato generale di 93.306 abbattimenti nel 2016. (Regione Toscana)
 

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Concordo assai con quanto dice il mio quasi omonimo Mirko( io uso la C).Dall'inizio ho avversato questa tendenza allo sterminio che mi sembra la LR del 2016 andrà a determinare.Non so dove vanno i contributi agricoli.Gli agricoltori nostrani si lamentano e non ho motivo di non credere.Vedo qui da noi. In due settimane sono state richiesti due interventi in area protetta, a Febbraio.Ovviamente il primo ha fruttato 13 abbattimenti. Il secondo uno solo.Mi sembra un eccesso fobico verso questi animali.Certi agricoltori non vorrebbero vederne neanche l'ombra.Non voglio aprire fronti con loro, ci mancherebbe, ma le considerazioni che ha fatto Mirko, mi preoccupano. I cinghiali fanno danni. Ok. Quando questo avviene si interviene.Caso per caso, senza fissare numeri e tenendo conto delle specificità di ogni territorio.L'agricoltura va tutelata. Non senza considerare che la caccia al cinghiale è una realtà che coinvolge tanti cacciatori( tra i quali anche agricoltori).

da Mirco detto Mircacciuto 27/02/2017 20.16

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Il problema che hanno gli agricoltori è la riduzione dei contributi europei dirottati ai paesi dell'est...gli ungulati e gli altri animali servono a chiedere chiedere chiedere sempre aiuti in modo da compensare quanto in meno ARRIVA da Bruxelles...quindi il problema non sarà mai risolto e gli agricoltori continueranno a piangere...perché smettere di lamentarsi significherebbe chiusura dei rubinetti e fine dei facili guadagni. La legge obiettivo serve a far divertire un bel gruppp di fanatici selecontrollori che fra qualche anno appenderanno la carabina al chiodo dopo che sarà stata fatta tabula rasa. Ovviamente gli agricoltori troveranno altre scuse per chiedere chiedere chiedere

da Mirko cacciatore in sciopero contro lo sterminio di ungulati 24/02/2017 17.10

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

vedremo che succede da qui in avanti. secondo me stanno arrivando precisazioni (critiche?) da altre componenti della filiera.

da berta 24/02/2017 17.00

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Scusate non trovo più la pagina fogna "Contro la caccia e per il rispetto della biodiversità", quella gestita dal professore, avete notizie?

da Pino 24/02/2017 16.14

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Una voce fuori dal coro. Non mi piace questo stato da guerriglia urbana contro gli ungulati.No,non la condivido ne l'accetto.Ieri ho partecipato ad una battuta di contenimento in art.37 in zrc ove l'ingente danno ai prati buoni per fungacci era perpetuato da .......4 cinghiali.No,il troppo stroppia per tutti i versi.Il cerchio a mio avviso non quadra.

da Massimiliano P. 24/02/2017 16.05

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Quasi 10.000 capi in controllo che secondo la legge avrebbero dovuto essere ceduti in filiera. Quindi direi un bel po' di soldini incassati dagli enti...oppure questa roba in filiera non ci è andata a se la sono spartita i soliti furbi? Esiste un rendiconto di questo? Sarei proprio curioso...

da Mustang 24/02/2017 14.06

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

A me sembrano dati ottimi!! Considerando che la selezione è iniziata in un periodo sicuramente sfavorevole (l' aspetto al cinghiale da buoni risultati da marzo a maggio...poi iniziano le difficoltà)e nonostante ciò ha portato a oltre 4500 abbattimenti. Vediamo il 2017 e soprattutto il 2018 che risultati porta questa legge ma....secondo me la strada è corretta. Certo ci sono punti da rivedere da affinare ma....credo che la direzione intrapresa per raggiungere il risultato sia quella. E questo, è doveroso precisarlo, nonostante il vergognoso ostruzionismo fatto dalle nostre associazioni venatorie! Ricordo a Socme che....15.000 capi corrispondono ad un incremento del 20% circa......un risultato credo oltre le aspettative!!

da springer 24/02/2017 13.12

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Una legge che ha portato all'incremento di prelievi di meno di quindicimila capi, rispetto all'anno precendente:ovvero neanche un quinto dell'obiettivo dell'anno. Se questo è un successo, avanti così. Vedremo.

da Socme! 24/02/2017 10.30