Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Sorrenti: la battaglia su calendari e deroghe continua in UeAddio al padre della Wildlife Economy, Bernardino RagniChiusa caccia ai turdidi in Trentino. Protestano i capannisti I boschi di Capri ripuliti dai cacciatoriRaduno internazionale falconieri in FriuliPosticipo tordi in Lazio pubblicato sul BurFvg, chiusura anticipata beccaccia: Fidc impugna il decretoElezioni: Meloni vuole candidare Berlato Fidc Brescia, "controllo cinghiali? I cacciatori non partecipino"Basilicata, Fidc: una scelta europea per le date su tordi e beccacceBasilicata: pubblicato su Bur posticipo chiusura cacciaDa Siena, Cct, Atc e agricoltori chiedono cambio passoCinghiali Sassuolo, continuano le proteste degli animalistiMigratoria e recupero habitat: A Vicenza il punto di Face Med A Hit l'assemblea del Cic ItaliaFriuli: nasce l'associazione Cacciatori FvgTesserino venatorio, in Toscana mozione per educare i controlloriDella caccia ai tordi e dell'ambientalismo che in Italia non esisteUmbria: modifiche al regolamento sugli AtcSentenza Tar su vigilanza venatoria: condannate Enpa e LacL'Anuu Reggio Calabria adotta un pezzo di verde pubblicoDalla Francia buone notizie su beccaccino e frullinoPiemonte: ok in Commissione alla nuova legge sulla cacciaAmiche di BigHunter, Martina Rebecchi "per me la caccia è vita"In Alaska la selvaggina si macella a scuolaMai: importanti novità per la caccia in LiguriaAddio a Novello NovelliVeneto: Berlato riconfermato alla guida della III CommissioneAbruzzo: Arcicaccia, Libera Caccia ed Eps incontrano PepeSempre più ungulati nei Parchi toscani. Ok piano a San RossoreDirettive Uccelli e Habitat: a Roma l'incontro con la Commissione UEAbilitazioni venatorie: buone notizie dal Friuli Elezioni e caccia: allarme 5 StelleCaccia tordi Lazio al 31 gennaio: Zingaretti firma il posticipoFidc Toscana: dalla Lav a lezione di violenzaArci Caccia Pistoia: in pericolo il Progetto LepreElezioni Politiche 2018. La caccia si unisce in una Cabina di regiaPasso indietro sulla caccia alla volpe in InghilterraControllo cinghiale nei Parchi: i corsi nella Provincia di ArezzoPiemonte: ecco come vanno avanti gli Atc dopo il TarItalia Nostra e Lipu Puglia criticano la nuova legge sulla caccia40 ANNI DI SHOT SHOWLUPO. IN NORVEGIA RIAPRESIENA. PROTESTE PER I PRELIEVI NELLE AREE PROTETTEELEZIONI. SORRENTINO SCRIVE AI PARTITISassuolo: Controllo cinghiali, la Lav denuncerà i cacciatori Toscana: corsi ai cacciatori per il controllo nelle Aree ProtetteFidc Brescia sulle novità introdotte dalla Regione LombardiaSvizzera: diffamava i cacciatori, condannato anticacciaCinghiali, per Confagricoltura "bisogna cambiare la 157/92"Toscana: caccia cinghiale aree non vocate, il Piano per il 2018Abruzzo: nel nuovo Piano stop alle immissioni di selvaggina?Veneto: con i nuovi confini del Parco della Lessinia, più territorio cacciabileToscana, Presidenti Atc in subbuglioProroga per la caccia ai turdidi e beccaccia in BasilicataBeccaccia: il punto di vista di FidcMozione a Varese per chiudere la caccia per due anniVicopisano ringrazia i suoi cacciatoriFagiani in salsa francesePiacenza: a rischio abilitazioni venatorie nel 2018 Giovane cacciatore cade in dirupo. L'ultimo saluto a GabrieleProtocollo fra Arci Caccia e Carabinieri ForestaliCONFAVI. ARCICACCIA RISPONDETAR VENETO BOCCIA ARCICACCIAFEDERPARCHI. UN VIDEO DI CINQUE MINUTI SULLA GESTIONE DEL CINGHIALEBASILICATA. VERSO IL CONTROLLO DEI CINGHIALIPan: Veneto promuove modello di gestione delle tasse dei cacciatoriLa gestione della fauna selvatica ostaggio di pregiudizi animalistiLa differenza fra gestione faunistica e caccia selvaggia spiegata ai Verdi e al GovernoLiguria: ok a emendamento Piana su vigilanza venatoriaLombardia, Sala: annotazione tesserino solo a capo accertatoVeneto: sui fondi alle associazioni venatorie la Lega è divisaLombardia: ok a emendamenti su tesserino venatorio e addestramento caniPericcioli (Fidc Toscana) risponde a SorrentinoMolise: ok al prelievo selettivo degli ungulatiMattia Siri e l'impegno di unire i giovani cacciatoriLa Rai e la caccia: il mondo venatorio scrive alla politicaSorrentino “Fidc vuole privatizzare la caccia”Regione Veneto autorizza corsi per 50 guardie venatorie volontarieIl Pd ritira gli emendamenti di modifica della 157/92Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"Misteriosa scomparsa delle specie invasiveStefania Craxi difende la caccia ad Uno MattinaDonazzan "soldi alla caccia? Servono per le crisi aziendali"Atc Umbria: le proposte della Federcaccia regionaleI cacciatori savonesi al lavoro contro i disagi del geloIl prete cacciatore “la caccia è sanità di mente e corpo”

News Caccia

Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti


venerdì 24 febbraio 2017
    

Regione Toscana Regolamenti attuativi "I primi risultati della legge obiettivo sul contenimento degli ungulati ci dicono che siamo sulla strada giusta. Nel 2016, nonostante la legge sia stata attivata in ritardo in molte province, vi è stato un deciso aumento dei capi di cinghiale abbattuti (si è sfiorata quota centomila) e si è dato un primo contributo  nel ridurre una popolazione che in Toscana è 4,5 volte superiore al normale e che ha creato gravissimi danni all'agricoltura".

E' questo il  commento dell'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi  ai primi dati, quelli relativi ai cinghiali, sulla legge 10 del 2016, approvata un anno fa  per contenere la popolazione  di cinghiali, caprioli, cervi e daini attraverso una intensificazione delle attività di caccia nelle aree agricole (quelle identificate come aree "non vocate").

Il dato più generale, quello sui prelievi complessivi di cinghiali  effettuati in tutta la regione mostra un incremento netto rispetto agli altri anni con  93.306 capi abbattuti (erano stati 79.330 nel 2015 e 83.578 nel 2014 e 70.482 nel 2013).  A questo dato vanno poi aggiunti i numeri delle aziende faunistiche di alcune province che ancora non sono pervenuti alla Regione.

"Alla fine il dato reale sarà di circa 100.000 capi – commenta Remaschi – un numero significativo specie in un anno ancora sperimentale e nel quale non sono state poche le difficoltà incontrate: basti pensare ai disagi sull'operatività degli Atc dovuti a varie cause (tra cui una sentenza della Corte Costituzionale) e ai ritardi nell'applicazione della legge che si sono registrati in diverse province: l'attivazione è arrivata nel migliore dei casi a giugno, ma in alcuni casi solo a settembre, pochi giorni prima dell'inizio della stagione venatoria".

"In così poco tempo – continua l'assessore -  non si poteva certo risolvere un problema che esiste da venti anni. Ma si è  cominciato a farlo avendo a disposizione una buona legge e grazie alla fattiva collaborazione dei cacciatori e delle associazioni di categoria".

Per Remaschi decisivi ai fini dei risultati attesi saranno i prossimi mesi: "La possibilità di fare caccia di selezione nei mesi in cui cominciano le semine, quindi da marzo in poi, potrà  diminuire considerevolmente i danni alle colture. Ho la speranza, credo fondata, che questo potrà aiutare  l' intero comparto agricolo a poter salvaguardare il frutto del proprio lavoro. La diminuzione degli ungulati permetterà anche di diminuire il numero degli incidenti sulle nostre strade che in troppi casi (una media di quasi 700 all'anno)  sono correlati alla presenza di cinghiali e caprioli".

L'obiettivo della legge

Ma cosa prevede la legge n.10 del 2016? Il suo scopo, in un triennio, è quello di ridurre i conflitti generati dalla presenza di ungulati nelle aree antropiche, specie in quelle agricole, attraverso un incremento della pressione di caccia, in termini sia di entità dei prelievi, ma soprattutto di prolungamento dei tempi della caccia di selezione.

Il conflitto è generato da una presenza elevatissima di queste specie: le stime ci parlano di una popolazione di oltre 200.000 cinghiali e di almeno altri 240.000 tra cervi, daini, caprioli e mufloni per un dato che è fra i più alti d'Europa, secondo solo all'Austria, e che è almeno 4,5 volte superiore alla media italiana.

Con questa normativa si interviene  per diminuire la densità di ungulati in determinate zone del territorio regionale, denominate "aree non vocate". Queste zone coincidono con le aree agricole della Toscana (circa il 30 % del territorio). In queste aree, dove vi sono vigneti, oliveti, seminativi , vengono concentrati gli interventi, soprattutto per il cinghiale. Nel restante territorio (boschi, pascoli, terre incolte) viene mantenuta una gestione conservativa delle specie ungulate, in modo che esse siano in equilibrio con l'ambiente: in quest'ultime aree, quindi,  non vi sono particolari mutamenti gestionali a seguito della legge obiettivo.

La caccia al cinghiale nelle aree "non vocate": primi risultati

Il prelievo di capi previsto dalla legge obiettivo è iniziato tra giugno e settembre del 2016: la prima Atc a partire è stata Firenze (15 giugno), l'ultima Grosseto (17 settembre).

Dall'estate quindi è diventata operativa la parte più innovativa della legge, quella relativa al prelievo  nelle aree non vocate attraverso la tecnica della "selezione". Per potervi partecipare ogni cacciatore ha dovuto richiedere l''abilitazione attraverso  specifici esami (comprendenti anche una prova di tiro). I  9.000 cacciatori che hanno superato l'esame hanno poi potuto effettuare le proprie uscite di caccia ( ogni volta che esce il cacciatore deve darne comunicazione). La caccia di selezione ha portato, sino al 31 dicembre 2016, all'abbattimento di 4.581 cinghiali.

Ma per avere il dato complessivo degli abbattimenti nelle aree non vocate a questo dato dobbiamo aggiungere altre due voci: il cosiddetto prelievo di "controllo" cioè effettuato esternamente all'attività venatoria dietro autorizzazione della Regione (e con il quale sono stati abbattuti altri 9.927 capi) e la caccia "in forma singola, girata e braccata" (6.653 capi abbattuti) effettuata nelle stesse aree non vocate durante il normale periodo della stagione venatoria.

Complessivamente dunque  il totale dei cinghiali  abbattuti nelle aree non vocate, tra caccia di selezione, prelievo in controllo e caccia in forma singola è stato di 21.161.

Se a questa cifra, 21.169, si aggiungono i 72.145 prelievi avvenuti in area vocata (quindi nelle aree delle attività più tradizionali di caccia) si ottiene il dato generale di 93.306 abbattimenti nel 2016. (Regione Toscana)
 

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Concordo assai con quanto dice il mio quasi omonimo Mirko( io uso la C).Dall'inizio ho avversato questa tendenza allo sterminio che mi sembra la LR del 2016 andrà a determinare.Non so dove vanno i contributi agricoli.Gli agricoltori nostrani si lamentano e non ho motivo di non credere.Vedo qui da noi. In due settimane sono state richiesti due interventi in area protetta, a Febbraio.Ovviamente il primo ha fruttato 13 abbattimenti. Il secondo uno solo.Mi sembra un eccesso fobico verso questi animali.Certi agricoltori non vorrebbero vederne neanche l'ombra.Non voglio aprire fronti con loro, ci mancherebbe, ma le considerazioni che ha fatto Mirko, mi preoccupano. I cinghiali fanno danni. Ok. Quando questo avviene si interviene.Caso per caso, senza fissare numeri e tenendo conto delle specificità di ogni territorio.L'agricoltura va tutelata. Non senza considerare che la caccia al cinghiale è una realtà che coinvolge tanti cacciatori( tra i quali anche agricoltori).

da Mirco detto Mircacciuto 27/02/2017 20.16

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Il problema che hanno gli agricoltori è la riduzione dei contributi europei dirottati ai paesi dell'est...gli ungulati e gli altri animali servono a chiedere chiedere chiedere sempre aiuti in modo da compensare quanto in meno ARRIVA da Bruxelles...quindi il problema non sarà mai risolto e gli agricoltori continueranno a piangere...perché smettere di lamentarsi significherebbe chiusura dei rubinetti e fine dei facili guadagni. La legge obiettivo serve a far divertire un bel gruppp di fanatici selecontrollori che fra qualche anno appenderanno la carabina al chiodo dopo che sarà stata fatta tabula rasa. Ovviamente gli agricoltori troveranno altre scuse per chiedere chiedere chiedere

da Mirko cacciatore in sciopero contro lo sterminio di ungulati 24/02/2017 17.10

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

vedremo che succede da qui in avanti. secondo me stanno arrivando precisazioni (critiche?) da altre componenti della filiera.

da berta 24/02/2017 17.00

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Scusate non trovo più la pagina fogna "Contro la caccia e per il rispetto della biodiversità", quella gestita dal professore, avete notizie?

da Pino 24/02/2017 16.14

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Una voce fuori dal coro. Non mi piace questo stato da guerriglia urbana contro gli ungulati.No,non la condivido ne l'accetto.Ieri ho partecipato ad una battuta di contenimento in art.37 in zrc ove l'ingente danno ai prati buoni per fungacci era perpetuato da .......4 cinghiali.No,il troppo stroppia per tutti i versi.Il cerchio a mio avviso non quadra.

da Massimiliano P. 24/02/2017 16.05

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Quasi 10.000 capi in controllo che secondo la legge avrebbero dovuto essere ceduti in filiera. Quindi direi un bel po' di soldini incassati dagli enti...oppure questa roba in filiera non ci è andata a se la sono spartita i soliti furbi? Esiste un rendiconto di questo? Sarei proprio curioso...

da Mustang 24/02/2017 14.06

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

A me sembrano dati ottimi!! Considerando che la selezione è iniziata in un periodo sicuramente sfavorevole (l' aspetto al cinghiale da buoni risultati da marzo a maggio...poi iniziano le difficoltà)e nonostante ciò ha portato a oltre 4500 abbattimenti. Vediamo il 2017 e soprattutto il 2018 che risultati porta questa legge ma....secondo me la strada è corretta. Certo ci sono punti da rivedere da affinare ma....credo che la direzione intrapresa per raggiungere il risultato sia quella. E questo, è doveroso precisarlo, nonostante il vergognoso ostruzionismo fatto dalle nostre associazioni venatorie! Ricordo a Socme che....15.000 capi corrispondono ad un incremento del 20% circa......un risultato credo oltre le aspettative!!

da springer 24/02/2017 13.12

Re:Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti

Una legge che ha portato all'incremento di prelievi di meno di quindicimila capi, rispetto all'anno precendente:ovvero neanche un quinto dell'obiettivo dell'anno. Se questo è un successo, avanti così. Vedremo.

da Socme! 24/02/2017 10.30