Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Baggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

CRCA: divisi non si fa molta strada


martedì 10 gennaio 2012
    
 Riceviamo e pubblichiamo:

Prendiamo atto con rammarico, dell’uscita unilaterale di Caccia Ambiente dalle trattative volte a creare l’unita’ tra i Movimenti che si riconoscono nella ruralità, Caccia ed Ambiente nonché ai valori e tradizioni ad esse collegate. C.R.C.A. rimane dell’opinione che divisi non si faccia molta strada e che nessuno sia perfetto ma perfettibile.

Il percorso da fare è sicuramente quello del dialogo aperto e franco per verificare se vi siano i presupposti  senza veti incrociati e con pari dignità tra le varie componenti legate alla civiltà rurale, di cui la caccia è parte integrante.

C.R.C.A. continuerà nella sua azione operando con la volontà tesa ad aggregare e non a dividere, aprendo tavoli con gli agricoltori e le loro associazioni, senza preclusioni di sorta. Il fine è uno solo, quello di tutelare la passione venatoria e la dignità di chi la pratica in tutte le sue forme.

Non si dimentichi che all’interno di C.R.C.A. vi sono esponenti che nel 2007 hanno creato e costituito CACCIA AMBIENTE, presentandolo ad EXA a Brescia. Vi sono quindi, molte affinità e punti in comune tra le due realtà.

Per queste ragioni C.R.C.A. continuerà ad invitare i vertici di Caccia Ambiente a tutte le riunioni che riguarderanno l’unione dei Movimenti che è, l’unico strumento per far valere il nostro sacrosanto diritto ad essere considerati e rispettati da tutti.

                                                                                           
Ufficio Stampa C.R.C.A.
Leggi tutte le news

50 commenti finora...

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Signor Game Over chiedo scusa, ma il soggetto chi sarebbe ? La domanda a chi è rivolta ? Potrebbe specificare, grazie. Cordialità

da jamesin 13/01/2012 22.55

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Una domanda?????ma non siete stufi di prendervi in giro da soli?????Ancora aspettate che certe sigle si rapportini con voi pariteticamente?????con certi personaggi poi!!!!!!!!!ormai dovreste aver imparato che non si fa comunella con chi prima dice di essere in sintonia ,per poi un secondo dopo sputarvi addosso,per poi per comodo attaccarvi per farvi sentire in colpa.Se come dite avete la forza di corre da soli ,è semplice, fatelo!!!!Ne guadagnerà sicuramente la vostra credibilità,e vi eviterete la figura di rapportarsi con certi figuri,ed eviterete di ricriminare e piangervi addosso per il futuro.Adesso chi deve dimostrare il coraggio che avete sempre sbandierato a parole siete voi.La politica è un affare sporco,e se non ne siete tagliati è meglio che lasciate perdere.

da game over 13/01/2012 17.51

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

L'unità è indispensabile, solo un partito unico che ci rappresenti avrà poi la forza di obbligare le varie associazioni venatorie ad abbandonare i loro attuali poticanti di comodo e far fronte comune. Visti i recenti fatti credo che ora sia imprescindibile per CRCA tendere la mano a Caccia Ambiente staccandosi da un accordo che potrebbere essere a loro fatale, ma dovrebbe attivarsi subito in modo chiaro e sincero.

da Giuseppe 13/01/2012 17.22

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

i tre partiti del mondo rurale DEVONO SEDERSI ATTORNO A UN TAVOLO E UNIRSI, in una sola formazione politica, a costo di chiudersi in conclave come quando eleggono il Papa !!! altrimenti ne risentira' la credibilita' politica di ognuno dei tre partiti. Quindi: TRATTARE, TRATTARE, TRATTARE !!!! SI CHIUDANO IN UNO STANZONE, DISCUTANO PURE ANIMATAMENTE, FACCIANO PURE A CAZZOTTI SE VOGLIONO!!! MA QUANDO USCIRANNO FUORI DOVRANNO AVERE UNA SOLUZIONE UNITARIA E ACCETTABILE PER TUTTI !!! IL MONDO VENATORIO ATTENDE CHIAREZZA E UNITA' !!! mi permmetto di suggerire un incontro dei dirigenti nazionali dei tre partiti in Toscana o Umbria (al centro geografico del Paese).

da Fabrizio 13/01/2012 12.48

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

jamesin,qui non ci sono capri espiatori,ci sono solo affabulatori dela politica e loro coinvitati che per mantenersi seggiola e posizione vogliono far credere che le parole siano quelle che non vi sono scritte.Siamo tutti abbastanza grandi per aver capito certi giochini di chi per voler timonare ,adesso gli tocca di remare,ma non sulla rompighiaccio ,ma bensì su di un canotto logoro,in mezzo all'oceano.I fatti sono evidenti e le balle e farneticazioni di faciata invece stanno a zero.

da game over 13/01/2012 7.53

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Bene ! Tolto il capro espiatorio vediamo cosa succede per l'unità in un unico partito. Mi sembra che per quelli che hanno criticato a iosa adesso dovrebbe essere finalmente tutto chiaro. Non ci sono ne vinti ne vincitori tutto normale per avviare le trattative. Sempre che non si voglia perire prima di nascere. Cordialità.

da jamesin 12/01/2012 22.56

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Caro game over, per ora noi obbiettivamente questo siamo ma non perché non si ambisce al nuovo, ma semplicemente perché pur si fosse riusciti in questa benedetta unità e purtroppo non è, saremmo restati comunque un piccolo partito, dovremmo prima farci conoscere e ramificarci bene e poi si potrebbe giungere a quello che tu giustamente alludi.

da Nato cacciatore 12/01/2012 22.09

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Sicuramente si può scrivere, ma se qualcuno vuol star zitto, nessuno piange.

da Franco 12/01/2012 22.01

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Volevo ricordare che io non mi sono mai presentato a nome di MCR, anche perche' di questo movimento, anche se mi piacerebbe, non faccio ancora parte. Ho contribuito all'organizzazione della riunione di Brescia nella speranza di favorire l'unificazione dei quattro movimenti che ambirebbero a difendere e rappresentare tutte le attivita' portatrici della cultura rurale, caccia compresa. A quella riunione i rappresentanti di Caccia Ambiente mi hanno chiesto, per iscritto, di dimettermi non solo dal Pdl ma anche dal mio ruolo di deputato al Parlamento europeo (?!?!?!?). Alla successiva riunione di Thiene, mentre MCR,CRCA,CST hanno deciso di procedere alla costituzione di un unico soggetto politico, i rappresentanti di C.A. hanno tergiversato in modo inconcludente. Ritengo che i tre movimenti debbano ora decidere autonomamente la strada da intraprendere, lasciando a C.A. La facolta' di decidere cosa fare da grandi. Il mio contributo, per il momento finisce qui. Lascio ad altri, sicuramente piu' bravi ed esperti del sottoscritto, dimostrare con i fatti la loro capacita' di difendere le attivita' portatrici della cultura rurale e, tra queste, la nostra amata passione. Cordialita'.

da SERGIO BERLATO 12/01/2012 21.22

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Certo che si può ancora scrivere ! Ancora non mi hanno bannato caro Onorevole.... Ah!Ah!Ah . Cordialità e prosperità.Spero e vada tutto bene.

da jamesin 12/01/2012 21.03

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Visto dal lato super partes e con amore per la propria passione caro Cacciatore io credo che sostituire Berlato con Melfi sia stata una mossa fatta proprio per evitare una rottura dell'auspicata alleanza. Non vorrei fare quello che tiene la palla di vetro sul tavolino ma credo che questo abbia voluto significare, ma logicamente non sapendo come stanno le cose non è certezza. E chi mi dice che da parte dell'MCR non si sia giunti all'idea che l'onorevole presidente si sia dimesso pensando di poter servire più stando nel suo partito che al di fuori convogliando in un nuovo partito ancora moooolto debole che sicuramente gli avrebbe tolto il suo potere. Se ne è forse discusso a tavolino fra tutte le parti ? Voglio ricordare che ancora si chiede la discussione da parte del CRCA per l’alleanza e chi si tira indietro forse è perchè ancora non sa bene quello che vuole o il pericolo che si corre nell'essere disuniti. Il tempo stringe e il nemico ci da addosso, il vero nemico intendo !! Quello di cui ancora non si tiene conto. Opinione sempre personale si intende. Cordialità.

da jamesin 12/01/2012 20.38

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

@Nato cacciatore ,nonostante i reciproci chiarimenti ,rimango distante e scettico rispetto alle tue vedute!!!!Ca continua a proclamarsi il nuovo e distante dalla vecchia e subdola politica,ma gli accordi in retromarcia che auspichi tu ,sanno non di vecchia politica,ma addirittura di stantia.Penso che proporsi come mercato delle vacche di nuova politica vi sia praticamente nulla.Riguardo invece al personaggio che nel post prima del tuo chiede se si possa ancora scrivere su questo blog???ritengo che la redazione non abbia mai messo il veto di scrivere a chi che sia,quindi rimango sconcertato da tale domanda,che suona molto ed esclusivamente di provocazione.Personalmente ritengo di poter leggere liberamente gli scritti di tutti,ed altrettanto liberamente di commentarli ,come quelli di chiunque potrebbe fare con quelli del sottoscritto.Tutto questo e sempre personalmente,anche non sentendo certo una mancanza dei suoi mirabolanti,affabulatori ed eccezzionalmente educati interventi Sergio!!!!!

da game over 12/01/2012 20.26

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

caro jamesin lei guarda alla cosa in modo schematico, e messa così sarà poco comprensibile per quanti sforzi io possa fare, per rendere chiaro il mio pensiero. Vediamo se riesco ad essere comprensibile, C.A. ha chiesto al deputato da lei ricordato, (gli onorevoli sono tutt'altra cosa) e per favore non attribuite questo mio commento tra parentesi al solo berlato ma vale per tutti i nostri affamatori che stanno alla camera e al senato ed i restanti nostri esponenti nel governo europeo. Come dicevo gli ha chiesto che lasciasse il PDL affinché i voti di tutti noi e di tutte realtà in qualche modo attinenti alla caccia, non confluissero direttamente nello stesso, così facendo unendo il suo bel gruzzoletto di voti al nostro più i ricordati movimenti rurali saremmo potuti crescere tutti e diventare una realtà politica appetibile. Ciò non vuol dire guardare al PDL come un nemico sicuro, bensì assumere un atteggiamento camaleontico, cioè guardarsi intorno e portare i consensi scaturiti da questa alleanza, laddove vi siano delle possibilità palesi di una controparte favorevole alle nostre esigenze. Tutto questo dopo le elezioni e non prima, e sempre che vi siano i numeri a sostenerci, e qui incominciano le dolenti note, perché siamo noi per primi a tagliarci il pisellino per far dispetto alla moglie. Potremmo ancora riuscirci senza i tantissimi scettici. Un caro saluto

da Nato cacciatore 12/01/2012 19.23

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Su questo blog si può ancora scrivere?

da SERGIO BERLATO 12/01/2012 19.00

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Sig Giovanni e Nato Cacciatore allora secondo voi CA alle prossime elezioni si dovrebbe presentare con una lista propria senza fare alleanze preventive. Chisà se il partito è d'accordo su questo. Intanto ci sarebbe da notare che CA ha preteso a priori che il presunto segretario dell'MCR doveva dimettersi dal partito e ciò faceva presupporre nessuna allanza con nessun partito ne con nessun politico che avesse già una casacca. La mia domanda è sorta proprio da questo, cosa potrà fare CA se non mette in campo strategie per rafforzare il partito come per esempio accettare gli inviti che in seguito gli verranno fatti da CRCA e cercare di discuterne ? Io credo che se hanno sostituito il segretario con Melfi questo non dovrebbe avere nessuna importanza e continuare eventualmente a discutere con Gino Melfi riguardo l'alleanza. Solo opinione personale si intende e a prescindere da quello che è successo. Cordialit

da jamesin 12/01/2012 18.24

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Anche se sono di Brescia, visto certi comportamenti collusi con certi personaggi non posso che dare il mio supporto e il mio voto a Caccia Ambiente che ha dimostrato di non vendere la nostra passione al politicante di carriera, quindi sono convinto che saprà ben gestire, da soli o con alleanze, la forza che saremo capaci di dar loro, sicuramente meglio del singolo politico che finora ci sempre promesso tanto e mai mantenuto nulla, basta vedere in che vergognosa situazione siamo arrivati.

da Nerio R. 12/01/2012 17.49

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Non posso che condividere amico mio.

da Giovanni Aiello 12/01/2012 16.23

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Ciao Giovanni, infatti il senso della prima parte del mio post conferma quello da te scritto, se tu sei ancora padrone dei tuoi voti (con una tua lista) sei ancora in grado di farli diventare "moneta sonante" se si presenta l'occasione, viceversa se tu li fai confluire in una lista come è successo alle ultime elezioni, i risultati sono evidenti a tutti.

da Nato cacciatore 12/01/2012 15.43

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Sig. Jamesin, l'amico Nato cacciatore le ha dato una risposta, io un'altra. Ovvero non sarò di certo io a valutare le alleanze, ma la direzione nazionale di CA. Al momento si parla di alleanza con Italia Federale del Dott. Traccheggiani. Per quanto riguarda invece il raggiungimento dell'ipotetico 4%, direi che si potrebbe, ma solo se i cacciatori tutti la pensassero come me e tanti altri. Ma non potrà mai essere così visto che siamo sempre divisi e frazionati da politici che l'unità la cercano solo a parole, ma nei fatti........!!! Un cordiale saluto.

da Giovanni Aiello 12/01/2012 15.13

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Caro jamesin l'intento è di andare essendo ancora padroni dei propri voti, senza cederli preventivamente, i risultati di questa seconda ipostesi sono tutt'ora sotto gli occhi di tutti, e anche se non si raggiunge quel famigerato 4% (probabile) ma non impossibile se non ci fossero gli stessi cacciatori a remare contro, come dicevo pur non raggiungendolo, mai porre limiti alla provvidenza. Stando alle ultime notizie pare che la famosa "legge porcellum" al momento non si tocca.

da Nato cacciatore 12/01/2012 15.01

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Sig. Giovanni lei crede forse che CA possa fare una politica autonoma senza avere bisogno di nessun partito ? Se non sbaglio con tutto il rispetto per questo partito ha già fatto delle alleanze in passato. Ma vorrei chiederle : premettendo che il 4% sarà difficile raggiungere, se in un prossimo futuro gli verranno delle proposte valide da un partito come il PDL,il CA le accetterà o le rifiuterà senza se e senza ma.Cordialità

da jamesin 12/01/2012 14.33

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Grazie Carmelo e grazie a Mirco. Un grazie anche a chi non perde occasione per dimostrare la sua immensa povertà intellettuale, vero madaffarino?

da Giovanni Aiello 12/01/2012 13.15

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Condivido anche io Giovanni. Bravo. E bravo anche Carmelino.

da Carmel Sciacquon delegato segnalazioni pornografia Facebook 11/01/2012 21.30

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Cari amici ,credo che sia arrivato il momento di unirci tutti sotto la solita bandiera: Caccia-Ambiente-Agricoltura-Pesca-Tradizioni. Uomini liberi che cercano l'indipendenza. Quattrocentomila seguaci cacciatori ed entriamo nella leggenda italiana. Seguitemi! "Nessun Dorma"

da nessun dorma 11/01/2012 21.14

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Nel mio commento di prima, praticamente non l'ho detto chiaramente ma il senso era proprio quello. Se lo potevano evitare. Grande Giovanni sempre diretto e preciso, condivido al 100%.

da Carmelo Hunter delegato comunale Caccia Ambiente - Siracusa 11/01/2012 20.54

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

In Veneto dove mette le mani un politico non molto ben voluto, tutti i cacciatori seri fuggono, pertanto non ci può essere unità.

da Franco 11/01/2012 20.50

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Non avevano capito secondo il mio modesto parere che chi è già in alto vuole solo restarci, quella gente va a caccia tutto l'anno e dove vuole, i problemi sono della povera misera ed umile gente che appartiene al mondo caccia, quindi evitate la prossima volta di allearvi con gente di questo genere e per una volta tanto cominciate ad impegnarvi tutti poichè il mondo venatorio è una terremoto di impedimenti, ingiusti insensati e studiate esclusivamente per tornaconti.

da Adamo - Foggia 11/01/2012 20.33

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

praticamente ci hanno usato come ruota di scorta ,dopo aver saputo delle vicende legali del sergio berlato si sono rimangiati la parola data e lo hanno abbandonato ,dei veri galantuomini direi e come se non bastasse nenche a chiedere scusa ma arroganti e presuntuosi come sempre non vi preoccupate le repubbliche marinare sono scomparse ,e voi farete la stessa fine chiedete scusa e avvicinatevi a ca

da mario cacciatore di ome(BS) 11/01/2012 18.58

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Condivido Giovanni...condivido in pieno...basta con i giochi di poteri e i sotterfugi....

da Mirco Costa Imola coord. regionale Emilia Romagna Caccia Ambiente 11/01/2012 18.50

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Crca poteva evitare un comunicato del genere. Forse si sono accorti dello scivolone preso? Forse si sono accorti che non hanno fatto le alleanze giuste con la gente giusta? Di certo in Caccia Ambiente non ci sono politici di mestiere che tendono a dividere per loro tornaconto. Infatti il detto Dividi et impera non è insito nel nostro linguaggio. Fatevi un esame di coscienza accurato e un esame più che accurato di ciò che avete fatto e se ne potrà forse riparlare. Ciò che urge non sono i giochi di potere, ma la salvaguardia del nostro mondo diviso e frammentato.

da Giovanni Aiello 11/01/2012 13.07

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

X Mario cacciatore..., quei 12/13 non gli hanno dato manco ragione. Questo comunicato se lo potevano anche risparmiare. Anche se divisi si può fare tanta strada tutt'è a volerlo fare, ma in questo caso il problema non è stata l'unità ma la LEALTA'. Queste "occasioni mancate" sono state comunque molto importanti perchè da esse abbiamo avuto modo di renderci conto di chi ha intenzioni oneste e di chi invece vuol fare il doppio gioco.

da Gimessin 11/01/2012 10.06

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

alta e forse più importante considerazione,è che a questo comunicato hanno risposto forse 12/13 persone considerando gli interventi delle stesse persone,qundi è indice di quante e quali persone sostengano la menzogna,di contro si consideri che al comunicato di caccia e ambiente penso siano intervenuti circa 100 cacciatori saluti e fate i buoni

da mario cacciatore di ome (BS) 11/01/2012 8.55

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

troppi interessi di quartiere...una manica di suonati come i cacciatori italiani al mondo non esiste...perfino i talebani sono riusciti a trovare l'unità e noi...poveri mentecatti...pensiamo agli interessi perosonali . putroppo dove girano "due lire" la gente si fa ammazzare e questo dovrebbe far riflettere sopratutto quando si mettono in mano le associazioni a dei morti di fame che come vedono 1000 euro perodno la testa...ecco la rovina della caccia...i soldi...ahahha

da martino 11/01/2012 8.39

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Amici del CRCA avanti.Sapete bene su chi potete contare.Le tessere le abbiamo e sono registrate.L'idea dell'unità era ed è il massimo delle aspettative ma il tempo è tiranno e perdere tempo in litigi non è d'aiuto.Se in futuro ci sarà la possibilità di ricucire lo strappo sarò il primo a sorridere perchè sarà un passo importante a favore della caccia.

da F.L. 10/01/2012 23.08

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

La cosa divertente cari amici di crca,è che il 14 vi siete incontrati a Brescia per cominciare un cammino di unità,incontro preceduto da una chermes di proclami ed inviti a non disertare ciò che sarebbe stato l'evento del secolo,poi dopo un paio di giorni siete riuscti a far dire da bruno modugno su ski visto da qualce centinaio di migliaio di cacciatori che il 14 a brescia era nato un nuovo partito politico che si chiama crca,quindi chi volete prendere in giro,sapete benissimo dei vostri continui assoli,(vedi il continuo disattendere la pubblicazione di comunicati non concertati e chi legge sa di cosa stia parlando) ,sul comunicato di ca si allude ad un accordo per fare l'unità tra ca e crca escludendo chi non si era dimostrato diciamo meritevole... ebbene... chi ha invitato crt e mcr forse caccia e ambiente??? smettetela pari dignità ma dove ....ricordatevi che a brescia non erano presenti solo i rappresentanti di ca,crca,crt,mcr, ma anche alcuni cacciatori che super partes ricordano quanto avete detto

da mario cacciatore di ome (BS) 10/01/2012 21.45

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Si abbandona un blog dove si era arrivati a capire che non bisognava stare li a litigare per chi aveva il cane piu' bravo o chi sparasse meglio e subito se ne apre un altro giusto per continuare a dare l'impressione della totale disgregazione del mondo venatorio. Di sicuro tutto cio' non giova alla caccia ma rafforza coloro che sono totalmente contrari alla nostra passione. Direi che dovremmo smettere di parlare di unione o divisione, dovremmo tutti aspettare solo il responso della amgistratura e poi uniti ma veramente uniti e senza mele marce nel paniere tirare dritti come un treno a difendere cio' che ancora è rimasto dopo tutte queste sterili diatribe. questo del rammarico e' un blg che CRCA poteva evitare, visti i tempi , le situazioni ed i precedenti blog, di aprire. Se c'è stato qualcosa di poco chiaro fino ad ora abbiamo capito che non è venuto da Caccia Ambiente che ha ampiamente documentato tutto passo passo e senza paura di smentite da parte di nessuno ed infatti non ce ne sono state, tutto il resto è solo aria fritta e fumo negli occhi!!!! Comprendo perfettamente anche i responsabili di questo sito, ma ci sono cose che possiamo evitare che accadano pubblicamente!!!

da Carmelo Hunter 10/01/2012 21.13

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Ma se la nascita di altri partitini pro caccia è stata fatta ad arte per boicottare Caccia Ambiente poi vi lamentate di una mancata unità che non volete per primi proprio voi? Ma per chi ci avete preso?

da lucas 10/01/2012 21.07

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Per raggiungere l'unità ci vogliono poche cose che peraltro non costano soldi. Forse però mooolto di più.... L'umiltà, la disponibilità, il fare le cose per il bene comune a costo di rimetterci di persona. Questo è il "nuovo", il "vecchio" lo conosciamo bene tutti e sappiamo dove ci ha portati. Una canzone del Vasco dice che "ne ha ammazzati di più l'orgoglio che il petrolio".

da Ezio 10/01/2012 20.48

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Come cacciatore lombardo avrei preferito un chiaro comunicato che ammettesse l'errore fatto e si confermasse l'intenzione chiara di unirsi a Caccia Ambiente

da Walter 10/01/2012 20.40

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Adesso un pò tutti questi movimenti diranno la loro in relazione all'unità perduta. Ma a volte mi chiedo: perchè queste sigle nate dopo Caccia Ambiente, anzichè appunto farle nascere, i loro fondatori non confluivano in Caccia Ambiente? a quest'ora il problema non esisteva, invece qui come al solito invece di semplificare i procedimenti per la creazione di una forza politica unica, così come per le associazioni venatorie di cui da tanto tempo si predica l'unione che mai viene e secondo me mai avverrà, si pongono le basi della divisione anzichè dell'unità con la creazione di questi movimenti. Chi può mai credere a tutte queste belle parole che si stanno presentando di volta in volta sul sito da parte dei vari movimenti?

da luigi 10/01/2012 20.32

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

ahimè caro Carlo invece l'accordo lo hanno fatto.... poi una cosa che mi fà "arrabbiare" ma cosa vuol dire " PRENDIAMO ATTO CON RAMMARICO"????? ma lo sapevate ben prima del comunicato scritto da Caccia Ambiente,(comunicato dovuto ai nostri tesserati e a tutti i componenti del partito),poi ci dovevo esere anch'io a quell'incontro a forlì e le cose "sono cambiate" solo il pomeriggio del giorno prima. per gio50, quelle tessere "sono" del PDL non di crca,mcr,cst...non credo c'entrino con questa vicenda...forse... Tempo ne abbiamo perso tutti abbastanza...adesso bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare per i cacciatori e per il mondo venatorio...questi comunicati lasciano il tempo che trovano. Buon lavoro....

da Mirco Costa Imola 10/01/2012 20.14

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Qui si parla di trattative... ma non era stato fatto l'accordo con berlato? Se siete ancora in tempo.....

da Carlo 10/01/2012 19.50

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

condivido tutto quello scritto da Pasquale Luciano,,,,il comunicato di Caccia Amiente è stato fatto ad oc , avete fatto una scelta...e andate avanti da li.. Adesso si deve solo lavorare per il mondo venatorio e per tutto quello che ci stà intorno. Tempo ne abbiamo già perso anche troppo ad aspettare...

da Mirco Costa Imola. 10/01/2012 19.46

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Faccio una proposta: visto che siamo divisi da partiti, partitini,associazioni più o meno venatorie ecc. Visto che la stagione di caccia è quasi finita perchè a Marzo non diamo le dimissioni dalla nostra a.v. di appartenenza TUTTI qualunque essa sia. Lasciamo che le associazioni si calpestino si ammazzino facciano quello che vogliono. A fine agosto ne deve uscire una sola e con un programma che deve soddisfare tutte le categorie di cacciatori dai capannisti ai cinghialai ecc. A questo punto ci iscriveremo tutti a quella e la sosterremo anche a costo di rinunciare a qualche anno di caccia tutti insieme. Sognare non costa niente. Cordialità

da Gainassa 10/01/2012 19.37

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Divisi non si fa molta strada è il titolo dell'articolo ma a quanto pare, o meglio come letto nel comunicato di CA, avevate fatto l'accordo con MCR prima ancora di vedervi fra Voi. Mi pare ci sia qualche contraddizione nel vostro parlare.Tra l'altro quale sarebbe il motivo per il quale "....C.R.C.A. continuerà ad invitare i vertici di Caccia Ambiente a tutte le riunioni..." se poi "....Prendiamo atto con rammarico, dell’uscita unilaterale di Caccia Ambiente dalle trattative...." Vi siete forsi resi conto dell'errore che avete commesso alleandovi con qualcun altro?Godetevela pure l'alleanza che avete fatto.A proposito poi di detta unione sarebbe possibile sapere il nome del nuovo movimento, il logo, chi sono i membri che ne fanno parte, la sede etc. etc? O siamo alle solite parole, parole,parole????????????

da Pasquale Luciano 10/01/2012 19.30

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

...siamo ai discorsi "pre" nascita dei vari movimenti politici e non..... bene, un passo avanti e 2 indietro!.

da Giovanni59 10/01/2012 18.52

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

CRCA il vostro gioco è tristemente chiaro dall'inizio.Al posto di cercare l'unità avete voluto l'alleanza col politico ammagliatore di turno,ora le chiacchere e i giochi sono fatti,ora godetevela,e se di strada ne farete poca le cause le conoscete bene.

da game over 10/01/2012 18.52

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

CARI AMICI DI C.R.C.A, CACCIA AMBIENTE NON VUOLE CERTI PERSONAGGI TRA I PIEDI,BEN VENGA L'UNITà NE SAREMO TUTTI LIETI MA NIENTE INTRALLAZZI E SI LAVORI INSIEME X LA NOSTRA PASSIONE.

da GLADIATORE 10/01/2012 18.32

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

Forse ancora non s'è capito come si fa a a avere un unità!!! Non sono certo i proclami o le adunate a fare unità!! secondo me l'unità arriva quando si propongono e si concretizzano idee che vanno bene alla maggior parte degl'interessati!! QUESTO FA UNITA' invece di partire dalla fine partite dall'inizio e questo vale per tutte le varie sigle!! chi avrà le idee migliori e chi farà qualcosa di concreto in tempi brevi naturalmente avrà più consensi e quindi più unità!!!!!! essù che è una cosa elementare!

da fiore 10/01/2012 18.18

Re:CRCA: divisi non si fa molta strada

L'unico modo per essere uniti è di trovarsi tutti attorno ad un tavolo,pardon!!una tavola e se c'è da "mangiare".

da vince50 10/01/2012 18.17