Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Abruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori


martedì 28 settembre 2010
    
Cosa ne è uscito da quel lungo e partecipato processo avviato dalla Regione Toscana, dalla Provincia di Pistoia e dal Comune di Ponte Buggianese sfociato in un raro esempio di democrazia partecipata, a partire dal titolo dell'iniziativa (il padule che vorremmo)? Ce lo racconta la Federcaccia di Ponte Buggianese, che insieme alla Sezione Provinciale di Pistoia e alla sezione regionale della Toscana, hanno fortemente voluto la tutela di questo stupendo luogo e della caccia in padule, assucurandola ai posteri. “Se non ci fosse stata quella iniziativa – racconta Vilmo Aluigi, dirigente della Federcaccia di Ponte Buggianese -  molto probabilmente del padule di Fucecchio (quello del vero cratere e non delle zone limitrofe, allagate da piene straordinarie od artificialmente) nessuno ne avrebbe più parlato. Nemmeno gli ambientalisti!”.

Il nostro è un racconto, dice Aluigi, ma anche storia vera, inconfutabile. Eccola:

L'avvento della plastica portò la fine del commercio  dei “sarellai”; non c'era più interesse a tagliare il sarello (o salino) perché nessuno più lo richiedeva. Le vesti dei fiaschi ed i sedili delle sedie, ad esempio, cominciarono a farle di plastica.  Il padule si inselvatichiva, ogni anno sempre di più. Nessuno più puliva i fossi, la cannella, se non tagliata annualmente, si trasformava in canna. Insomma, l'attività venatoria era quasi impossibile esercitarla, perché il padule non si vedeva più nemmeno dall'alto, nemmeno gli uccelli lo vedevano e trovavano habitat migliori! Meno male che i cacciatori......
Cerchiamo di inquadrare il periodo in cui l'intervento dei cacciatori ebbe inizio. Sicuramente nel 1966. Non vi possono essere dubbi.

Il nostro presidente era anche vice-presidente provinciale (insieme a  Ugo Corsini; il Presidente era il Cav. Guido Gino Moschini, che era anche presidente della Sezione di Montecatini Terme). La nostra sezione, che aveva particolarmente a cuore il padule di Fucecchio, anche perché la parte dove era possibile cacciare (nella Provincia di Pistoia) era situata per oltre il novanta per cento nel territorio comunale di Ponte Buggianese, aveva assistito ad un tentativo del Consorzio di Bonifica del Padule di Fucecchio, fatto nella primavera del 1965, per cercare di ricreare un idoneo habitat per la selvaggina (esperimento di trattamento diserbante fatto dalla Ditta S.I.A.P.A., senza alcun esito positivo).

Da SELVAGGINA E CACCIA,  periodico mensile ufficiale della federazione italiana della caccia, anno XV, n. 11, novembre 1966, a pagina 11, leggiamo il triste annuncio della morte del Cav. Moschini, avvenuta il 1° novembre.

Ricordando i meriti dello stesso, il giornalista, Attilio Lollini -che era anche segretario della sezione montecatinese- testualmente scrive: “.... era un puro appassionato  della caccia, in modo particolare di quella agli acquatici  nel padule di Fucecchio, ...... rimanendogli sempre nel suo generoso cuore  tanto da essere uno dei più validi  esponenti di quell'organizzazione che lodevolmente ha affrontato  recentemente il problema  della sistemazione del nostro padule”. Per davvero! Con lui e con Luigi Gentili, presidente regionale, la nostra Sezione creò la “Associazione delle sezioni rivierasche del padule di Fucecchio” che, a fine primavera 1966, acquistò un piccolo trattore FIAT, con barra falciante, con il quale, appena che il padule si prosciugò, iniziammo a tagliare la cannella ed il sarello, all'altezza dei “gerbi”.  Quanti ci aiutarono! Il Comitato Caccia di Pistoia (Geri e Beragnoli), l'Armeria Perondi di Montecatini  (come ci fecero comodo, caro Stefano, le tue duecentomila lire!) e tanti altri cacciatori, cestaioli e pedonatori, senza dire delle guardie venatorie, che fecero anche da autisti del trattorino.
Per due anni si lavorò con  questo modesto  mezzo ed i padulani, meglio dire i cacciatori, non credevano ai loro occhi. Dopo una decina di anni si tornava  a rivedere il padule pulito, anche se non come quando avveniva il taglio del sarello..

L'appetito viene mangiando, recita un vecchio adagio.  E così, la Sezione di Ponte Buggianese, cominciò a fare riunioni con le altre consorelle e comprò, con i propri fondi e con l'aiuto di amici, un trattore Lamborghini, il più piccolo di cilindrata, mentre l'Associazione delle Sezioni Rivierasche comprò quello più grosso. I due mezzi erano stati preparati in modo particolare, per effettuare la schiacciatura della cannella: sulla parte anteriore era stata saldata una  sbarra che abbassava la cannella quando era troppo alta, le due ruote erano state sostituite da gabbie larghe almeno 90 centimetri,  mentre sull'elevatore era stata agganciata una ruota pesante, che schiacciava la cannella che strisciava sotto il corpo centrale del trattore stesso. Insomma, che ci crediate o no, ad ogni passaggio del mezzo veniva schiacciata almeno una striscia di cannella larga quattro metri.

Chi non ci crede, può venire a vedere. I trattori esistono ancora. Per tanti anni sono stati conservati all'interno della Sigaraia del Prato Grande e, da quando si verificò il crollo del tetto del capannone, i due trattori vennero affidati, in comodato, a due federcacciatori, che li usano per le loro necessità ma li mantengono anche in buono stato, aderendo anche al soddisfacimento delle necessità segnalate dalla nostra sezione.

Per quanto tempo operarono questi mezzi? Diremmo per diversi anni (otto/dieci), fino a quando la tecnica non inventò altri strumenti di lavoro, più sofisticati,  che rendevano meno danno all'ambiente ed una ripulitura dei pezzi sicuramente molto migliore.
 
Avremmo finito il nostro racconto,  ritenendo di aver sufficientemente illustrato che  il padule lo salvarono i cacciatori, con l'operato delle loro sezioni, ma anche con il sacrificio di alcuni volonterosi, perché senza di loro la nostra iniziativa non avrebbe potuto riportare il successo che ebbe.
 
Vogliamo ricordarli a tutti con il loro nome,  ma anche con il nomignolo, come una volta usava a Ponte Buggianese.
 
 
 
Sono:
Cecchi Giulio, Giulio di Puntone, che era anche consigliere della Sezione; trattorista; Benigni Vivaldo, Guazzetta, di Chiesina Uzzanese; trattorista; Pagni Bruno, Chicco del Garzone, per tant'anni uomo di caccia di un nobile fiorentino, sia in Italia che all'estero; esperto preparatore di appostamenti ed uomo “tutto fare”. Questi tre amici cacciatori ci hanno lasciato ed a loro va ancora il nostro ringraziamento.
Bartolini Vasco, Fischione, ex guardia venatoria provinciale,  a cui dobbiamo il ritrovamento delle foto allegate; Cappelli Eugenio, Meunto, pure lui ex guardia caccia provinciale.
 
Queste due guardie fornivano ogni assistenza ai tre suddetti (che venivano anche aiutati dai proprietari dei pezzi) e vigilavano anche sulla conservazione dei nostri trattori.
 
Ebbero ad aiutarci anche:
Cardelli Silvano, Silvano di Nello di Flavio; Parenti Fusco, Fusco di Norandino; e tanti altri volenterosi, che non ricordiamo. Fu una grande iniziativa della Federcaccia, cui fece riscontro l'entusiasmo dei cacciatori pistoiesi ma anche fiorentini, perché alcuni interventi li facemmo anche in Provincia di Firenze.
 
Le foto sono dell'epoca,  con alla guida Meunto mentre Fischione invece è seduto sul parafango.

Vilmo Aluigi

Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

Mio nonno andava da Massarella fino a Montecatini con il barchino, non sapeva nuotare. La mattina al cesto ed il pomeriggio lo dedicavano a recuperare i vari feriti fra i cannellai...in piena libertà non c'erano i confini di adesso atc ecc... Era uno di questi che oltre a lavorare nei campi si prendevano cura del padule se non ci fossero stati loro...adesso sarebbe stato una grande zona industriale...

da Marco da Cerreto Guidi 29/09/2010 10.29

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

c'era una volta la diaccia botrona, il NEBBIA, ma questa è un'altra storia....finita in una totale oasi .....di acqua salata e zanzare... addio PADULE

da verremaremmano 28/09/2010 21.16

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

SUDORE E SACRIFICIO,E TUTTI UNITI PER UNA GIUSTA CAUSA,GRATUITAMENTE .....TUTTE QUALITA CHE AIME....NON SONO PIU DI MODA......SOLO CHIACCHIERE E BUGIE........GRAZIE A TUTTI....

da max1964 28/09/2010 17.09

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

Gente tosta. Quadrata. Abituata più a fare che a dire. Ce n'è ancora, fortunantamente. Speriamo che le nuove generazioni possano acquisire la loro concreta operosità. Il bene comune non può essere distinto dal bene dei singoli. Questa gente lavora nell'interesse di tutti, perchè con la caccia ne trae anche un vantaggio diretto, che certamente è più che legittimo. Se l'ambientalismo si nutre solo di chiacchiere, come spesso accade, ad avvantaggiarsene saranno solamente i pochi, soli, mantenuti, che da soli, senza sovvenzioni, non saprebbero cavare un ragno dal buco.

da benny 28/09/2010 15.04

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

Antesignani. Senza scrivania. Evviva gli uomini che dopo aver parlato del fare lo fanno.

da Silvano B. 28/09/2010 14.41

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

L'oasi non è nemmeno il 10% del padule

da ZioTom 28/09/2010 14.08

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

Prima o poi arrivera' il wwf e ci penseranno loro a tagliare la cannuccia e tenere aperti i chiari e magari regolare il livello dell'acqua ?????

da Pippona 53 28/09/2010 13.14

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

e quello che fanno i nostri ambientalisti dopo creato una zona a parco,o mi sbaglio.

da max 60 28/09/2010 11.21

Re:Fucecchio: Il padule salvato e voluto dai cacciatori

Nostalgia canaglia.....

da Fromboliere 28/09/2010 10.22