Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Piano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaAddio al Principe Filippo. Grande cacciatore e ambientalistaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Abruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunistico


venerdì 31 gennaio 2020
    

 
 
50 capisquadra, rappresentanti di circa 4 mila cacciatori in Abruzzo, si sono riuniti a Pescara ed hanno redatto un documento che chiede urgenti modifiche al Piano Faunistico Venatorio in via di approvazione in Regione. Le modifiche richieste mirano a risolvere “le notevoli discriminazioni e penalizzazioni per la nostra forma di caccia” scrivono. Nel piano, spiegano, l’assetto territoriale destinato alla braccata viene totalmente stravolto, visto che la quasi totalità del territorio ricadente negli ATC che si affacciano sulla costa, vengono considerate  non idonee alla presenza del cinghiale con limitazioni considerevoli all’utilizzo della braccata. Cosa incomprensibile, dato che, come evidenziano i cinghialai, è proprio grazie alla braccata che viene abbattuta la stragrande maggioranza degli ungulati (ben oltre il 70%, 7707 capi, sui 10870 cinghiali abbattuti).

"Al fine di non vederci costretti ad abbandore la nostra passione e il nostro impegno che ha permesso in questi anni a ridurre drasticamnte il numero dei cinghiali presenti sul territorio e quindi a limitare i danni al mondo rurale - scrivono i cinghialai nel documento - , vi chiediamo di modificare i seguenti punti sul PFVR:

Par. 8.17 (Figura 143 Pag. 262): Gestione Cinghiale (Sus scrofa): Non si condivide l’attribuzione delle “Aree Non vocate” dell’ATC Pescara, Chietino-Lancianese, Vastese, Vomano e Salinello così come riportata nella cartina. Si richiede la riperimetrazione dell’area non vocata così come risulta dai piani quinquennali approvati e in vigore nei singoli ATC secondo le modalità stabilite RR 1/2017.

 


Par 8.17 (Pag. 263): eliminare la dicitura riportata “con particolare riferimento alla, girata e alla caccia di selezione” e anche la parte “Nelle aree non vocate la caccia collettiva in braccata non sarà, comunque, consentita ad una distanza inferiore di 500 metri lineari dai confini dei Parchi Nazionali, dai Parchi Naturali Regionali, dalle Riserve Naturali Regionali, dalle Oasi di protezione e dalle Zone ripopolamento e cattura” perchè le braccate effettuate nei nostri ATC, dopo un’analisi dei registri di battuta degli ultimi 5 anni, vedono l’utilizzo medio di 3 cani per ogni singola braccata, quindi anche il disturbo alla restante fauna risulta di scarsa entità. In questo caso si invita a considerare la definizione di “mini” braccata svolta con “cani da traccia”, finalizzati all’individuazione della rimessa, più 3/4 cani da seguita con il compito esclusivo di spingere il selvatico verso le poste".

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Abruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunistico

Il cane da traccia per individuare la rimessa.....Ho signur!!

da Springer toscano 03/02/2020 9.06

Re:Abruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunistico

Fidc regala solo gadget arancioni, ci sarà un perché

da Basta cinghiali e cinghialai 01/02/2020 13.59

Re:Abruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunistico

Cinghialai (cinghialoni) me li trovo ovunque,pure nel giardino di casa a caccia chiusa.

da Io 31/01/2020 22.54

Re:Abruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunistico

Loro si stanno muovendo per difendere la loro caccia....attenti che per chi fa altre forme di caccia non la vedo molto positiva la situazione informatevi che poi piangerete.

da Flavio. 31/01/2020 22.35

Re:Abruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunistico

Cinghialai (cinghialoni) vi dovete stare a casa.

da Io 31/01/2020 17.10