Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Piano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaAddio al Principe Filippo. Grande cacciatore e ambientalistaSolidarietà ad Ibrahimovic attaccato dagli animalistiReferendum caccia 842. Il commento delle associazioni venatorieCampania. "Al peggio non c'è mai limite"FACE: così i cacciatori tutelano i migratori acquaticiFidc: approvate linee guida sulle carni di selvaggina Umbria. Le squadre avanzano le proprie proposte sul cinghialeBattistoni dalla Tuscia al Governo dei Migliori: "sulla caccia occorrono passi avanti"Francia. Asta di opere di DunchinMondo venatorio unito contro episodi di bracconaggio nel casertanoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Francia. Ricostituite 47 zone umide


venerdì 27 dicembre 2019
    

 
 
In quattro anni, il progetto  Mileoc ha consentito la ricostituzione di ben  47 piccole aree umide, grazie all'intervento dei cacciatori e delle loro associazioni in Occitania. Lo comunica il locale dipartimento della Federcaccia francese.

Questi nuovi interventi portano il totale a 193 aree ricostituite, vale a dire altrettanti ambienti che contribuiscono a una migliore gestione delle risorse idriche e altrettante opportunità per la fauna e la flora di trovare a loro disposizione un habitat, un rifugio e / o un posto di abbeveraggio.

Ciascuna delle 47 aree è stato oggetto di una diagnosi preliminare che ha permesso di identificare i lavori di restauro da eseguire per adattarlo  al contesto locale. Il lavoro è stato svolto in autunno per non disturbare le specie che abitano questi ambienti nel resto dell'anno.

Il progetto MILEOC punta a favorire conoscenza, salvaguardia e ripristino degli ambienti lenticolari in Occitania, vale a dire gli ecosistemi umidi a lento rinnovamento (stagni, specchi d'acqua, torbiere ...). È gestito dalla Federazioni dei cacciatori dell'Occitania e dai loro partner e riceve sostegno finanziario dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dall'Agenzia delle acque Adour-Garonne.
 

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

in italia invece siamo bravissimi a fare il contrario,le zone umide piu belle diventano oasi o parchi e chi li gestisce non capisce un ca...volo. Le valli di comacchio che rientrano dentro il parco del delta sono ancora aperte alla caccia ma di fatto sono diventate un grande mare super salato perche i cacciatori non possono gestire il livello delle acque "troppo alte"e con il passare degli anni sono sparite tutte le pasture per gli acquatici migratori,quindi evitano di sostare in valle. Pero c'e una forte presenza di fenicotteri per tutto il periodo dell'anno e migliaia di cormorani da fare vedere ai turisti con le gite in barca,PORTANO SOLDI E NON INTERESSA A NESSUNO SE LE FOLAGHE I MORIGLIONI E TUTTE LE ALTRE SPECIE ACQUATICHE NON VI SOSTANO PIU.

da fausto 27/12/2019 20.12

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Già l'Italia era fornita di queste aree poi sono arrivati i bifolchi che, con la complicità e il menefreghismo delle federazioni venatorie,sono stati interrati anche gli ultimi fossati.

da Antico cacciatore 27/12/2019 18.03

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Le zone umide nel frangente di questo secolo stanno diventando una rarità. Solo una politica lungimirante può cambiare le cose. Quando un giorno la caccia e il territorio dipenderanno dal ministero dell'agricoltura e dello sviluppo economico rurale potremo eguagliare la Francia se non superarla . La selezione politica che possiamo fare con il voto è di fondamentale importanza. I veri politici in parlamento e gli opportunisti in fonderia !!

da bretone 27/12/2019 14.37

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

.... Zone umide, in italia, zps - zic ecc.ecc., insomma sempre restrizioni!

da s.g. 27/12/2019 13.33

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Io credo che questo modello, o qualcosa di simile, sarà presto obbligatoriamente imposto in tutta Italia, non solo per recuperare la biodiversità ma per far fronte anche ai cambiamenti climatici e per imbrigliare quell'acqua che, quando non scarseggia per la siccità, fa enormi danni col precipitarsi a valle e riversarsi praticamente subito in mare, senza dare ristoro e costituire serbatoi per i tempi magri. Chi vivrà vedrà. "E chi nol crede, venga egli a vedella".

da Francesco P. 27/12/2019 11.58

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

bhe non è mica un'iniziativa malvagia !! sempre che.......... all'interno di queste aree " recuperate " non si eserciti nessun tipo di caccia, sparse a macchia di leopardo sul territorio venabile potrebbero essere un polmone virtuoso per l'arrivo di speci cacciabili per tutti!! Se invece si tratta di aree di caccia per pochi intimi come a volte avviene in Italia ( ricordo su queste pagine EROI cacciatori che ripristinano aree umide per poi andarci loro ed amici vari ) allora ciccia!!! Come non detto

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 27/12/2019 11.48

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

In Italia invece le zone umide le fanno gestire da incompetenti come i presidenti dei parchi,poi però succede quello che tutti sappiamo, come nella valle della canna???

da Fucino Cane 27/12/2019 11.45