Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Piano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaAddio al Principe Filippo. Grande cacciatore e ambientalistaSolidarietà ad Ibrahimovic attaccato dagli animalistiReferendum caccia 842. Il commento delle associazioni venatorieCampania. "Al peggio non c'è mai limite"FACE: così i cacciatori tutelano i migratori acquaticiFidc: approvate linee guida sulle carni di selvaggina Umbria. Le squadre avanzano le proprie proposte sul cinghialeBattistoni dalla Tuscia al Governo dei Migliori: "sulla caccia occorrono passi avanti"Francia. Asta di opere di DunchinMondo venatorio unito contro episodi di bracconaggio nel casertanoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Caccia Futura. Moira, i fucili, i cani


giovedì 28 novembre 2019
    

 
 
I giovani e le donne sono una risorsa indispensabile per la caccia di oggi e per quella di domani. Soprattutto se si impegnano per la promozione e il sostegno di questa nostra attività. In questa prospettiva abbiamo  dato inizio alla pubblicazione delle testimonianze di tanti di coloro che si danno da fare con responsabilità e impegno. Una concreta speranza per  la caccia di domani, da parte di chi è pronto a ricevere il testimone dai tanti appassionati che fino ad oggi con dedizione continuano a tenere alta la nostra bandiera, consapevoli che il contributo degli uni e degli altri (e delle altre) è la strada più sicura per riaffermare i nostri valori.


 
 
MOIRA, I FUCILI, I CANI
 

Ma figurati se una come Moira Maria Biava, trentacinquenne segretaria d'azienda di Seriate, gagliarda cacciatrice da 11 anni,  si scompone di fronte all'impegno di trasmettere la nostra passione alle nuove generazioni. Ha la caccia nel sangue, lei, e per questo non demorde, giorno dopo giorno si mette in gioco per migliorare le sue competenze. Soprattutto da quando ha accettato di far parte della Commissione "penna" ATC Pianura Bergamasca, dove pratica la sua attività venatoria.

Una passione trasmessale dal papà Angelo e dallo zio Piero, fondamentali fin da quando era bambina in questa sua avventura. "La caccia - dice - per me è vita. È una parte importante di me, attraverso la caccia acquisisco quotidianamente più consapevolezza, più cultura, consolido il mio modo di vivere, pensare e vedere ciò che ci circonda. La flora e la fauna che cambiano, si trasformano. La caccia - prosegue -  collega molte mie passioni, la prima è quella della cucina, la seconda la passione e la cultura nel vedere creare le armi, la terza è quella più importante per tutti noi cacciatori: l'impegno per tutelare  il nostro mondo,  facendo capire che la caccia non è carniere, ma insegnare, spiegare, informare le persone che non la conoscono e non ci conoscono. Adoro la cucina di selvaggina e di conseguenza sono una grande raccoglitrice di libri di selvaggina da ogni angolo del mondo. Questa cosa mi permette di prendere spunto da varie ricette e creare piatti unici mixando i diversi ingredienti, con risultati ottimi al palato".
 
 

Per le armi c'è sempre qualcosa da imparare: capire come vengono costruite. Le nacque la curiosità qualche anno addietro in occasione  dellla manifestazione "Orgoglio venatorio" che si tenne a Gardone Valtrompia. "E' bellissimo assistere alla creazione di un fucile da caccia, partendo da una base grezza, da pochi elementi base", racconta. Un'esperienza che ormai sempre più spesso trasmette ad amici e conoscenti portandoli  in fabbrica a Gardone a provare le stesse emozioni. Per far capire loro che un fucile non è un semplice pezzo di ferro senz'anima, ma il prodotto di una grande lavoro, un binomio di manualità e tecnologia. E tuttavia, dai tanti cacciatori che incontra acquisisce altre preziose conoscenze, sui cani, sull'ambiente che cambia, un occasione per scambiarsi esperienze e modi di pensare fra cacciatori giovani e meno giovani.


 
Il suo primo fucile è stato un vecchio Beretta A300, a cui tiene molto. "L'arma bella e nuova - dice, ringraziando suo padre per i consigli - si acquista  solamente dopo una data esperienza maturata sul campo." Ancora all'assistenza di  suo padre deve l’acquisizione del cane. "Erano anni che il papà esercitava la caccia senza cane, ma con l’arrivo della mia licenza ho fatto nascere in lui la voglia di avere un cane nostro,  che consentisse soprattutto a me di capire il valore del rapporto fra un cacciatore e il suo amico più fidato. Un bellissimo epaniel breton, maschio, Rambo, che  già da piccolo si mostrava molto deciso e molto cacciatore. Purtroppo - si rammarica - ci ha lasciato due anni fa. Fino a che è stato con noi, ci ha fatto vivere grandi emozioni, tante giornate di caccia stupende, indimenticabili.  Ancora oggi quando andiamo a caccia Io e mio papà ci ricordiamo le scene, gli avvenimenti, le sue ferme, le emozioni che abbiamo provato grazie a lui". Oggi Moira ha un altro cane, Argo, un setter Inglese che convive le loro esprienze di caccia in armonia con Luna, di madre cocker e padre jack russell.

"Non mi piacciono i cacciatori sapientoni, che si mettono in mostra - conclude infine - trovo più importante lavorare per la caccia, in silenzio, senza protagonismi: solo aiutandosi a vicenda, abbassando i toni, esprimendo con sincerità e realtà la nostra passione possiamo arrivare a grandi risultati".




Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Caccia Futura. Moira, i fucili, i cani

Brava Moira vedo che come mè preferisci un cane cacciatore da carniere? Benvenuta nella grande famiglia dei cacciatori

da Fucino Cane 29/11/2019 11.40

Re:Caccia Futura. Moira, i fucili, i cani

Brava Moira...Complimenti.

da LUCAS 28/11/2019 13.58

Re:Caccia Futura. Moira, i fucili, i cani

brava 1 10 100 1.000 10.000 100.000 COME TE DEVI ESSERE ORGOGLIOSA DI ESSERE E APPARTENERE ALLA NOSTRA CATEGORIA

da WILLY 28/11/2019 12.57