Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Convegno nutria a Cremona: un progetto di contenimento che fa scuola


martedì 25 ottobre 2016
    

Salvaguardare la biodiversità senza preconcetti ideologici, valorizzare le potenzialità ambientali ed economiche del territorio cremonese attraverso una proficua collaborazione tra istituzioni e associazionismo nella gestione dell’emergenza nutrie. Questi i temi al centro del convegno “Salvaguardare la biodiversità senza ideologie” tenutosi a Palazzo Cittanova a Cremona.

All’evento hanno partecipato Gian Luca Galletti, Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Luciano Pizzetti, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Riforme costituzionali e rapporti con il Parlamento, Ildebrando Bonacini, condirettore Libera Associazione Agricoltori Cremonesi, Ettore Prandini, vice Presidente Coldiretti e presidente Coldiretti Lombardia, Francesca Pontiggia, Presidente Commissione Consiliare Ambiente, salute, mobilità e beni comuni - Comune di Cremona, Davide Viola, Vice presidente Provincia di Cremona, Nicola Perrotti, Presidente Fondazione UNA Onlus, Maurizio Zipponi, Presidente Comitato Scientifico Fondazione UNA Onlus, Alberto Sisti, Consigliere provinciale e Roberto Viganò, veterinario e responsabile scientifico progetto Filiera Eco-Alimentare presso Ars.UniVCo.

La nutria è una specie non autoctona introdotta in Italia per la produzione di pellicce e poi proliferata in modo incontrollato dopo la dismissione degli allevamenti, in assenza di suoi predatori naturali. Il sovrappopolamento di questa specie, oltre al alterare l’equilibrio naturale e creare pericolo per la fauna autoctona è causa di ingenti danni all’ambiente e all’agricoltura. Non esistono dati certi circa il numero di esemplari di nutrie presenti nel nord Italia. Alcune fonti, come Coldiretti, stimano un rapporto di una nutria ogni 10 abitanti in Lombardia, con il record nelle pianure di Lodi e Mantova dove si trova un roditore ogni due abitanti, e a Cremona uno ogni tre. Un rapporto molto alto quello di Cremona che pare confermato anche da altre stime diffuse dalla Regione Lombardia nel 2013 che parlano di oltre 2,3 milioni di esemplari sul solo territorio lombardo. In ogni caso un fenomeno dalle proporzioni allarmanti.

La mancanza fino a poco tempo fa di politiche finalizzate al controllo di questa specie, ha prodotto negli anni una vera e propria emergenza, con danni ingenti alle aree territoriali intorno al Po, alla loro biodiversità, all’ecosistema e all’ economia, in particolare a quella agricola, oltre ai gravi rischi per la sicurezza dell’uomo causati ad esempio dall’indebolimento degli argini provocato dalle buche che le nutrie scavano al loro interno per le tane.

In mancanza di un censimento esatto su queste specie cd. opportuniste e pericolose per l’ambiente, non esistono stime ufficiali sui danni economici diretti ed indiretti causati. In generale le specie invasive (e quindi non solo le nutrie) nel nostro paese si stima producano danni per oltre 100 mln di euro solo all’agricoltura.

La Provincia di Cremona, con il supporto scientifico della Fondazione UNA e nell’ambito della legislazione vigente, ha sperimentato il controllo di questa specie, per trovare soluzioni pratiche al fine del contenimento e nel lungo periodo dell’eliminazione dei danni al territorio e alle attività agricole. Per farlo si è creata una proficua sinergia tra eccellenze scientifiche locali (dipartimenti di Veterinaria delle Università), istituzioni (Provincia, Polizia Locale Provinciale), realtà operanti nell’ambito naturale (Enti Parco) e cittadini.

Il progetto è partito innanzitutto dalla formazione dei 700 operatori volontari autorizzati, istruiti sulla legislazione vigente e sulle caratteristiche della specie e metodologie di abbattimento e smaltimento delle nutrie.

"Sul contenimento della nutria - spiega il ministro Gian Luca Galletti - siamo intervenuti con il Collegato Ambientale per colmare un vuoto normativo, prevedendo che le Regioni possano provvedere, col supporto tecnico di Ispra, a interventi organici di contenimento numerico. Oggi dunque ci sono tutti gli strumenti legali per operare, ma serve un impegno costante e continuato nel tempo. Risorse, approccio scientifico e coinvolgimento del territorio: su queste base, non certo sull'emotività, si può costruire un rapporto di convivenza tra uomo e specie animali che non metta in pericolo le specie e allo stesso tempo non crei danni all'attività umana, a partire dall'agricoltura. L'esempio della provincia di Cremona - conclude Galletti - va certamente in questa direzione".

Maurizio Zipponi, presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Una sostiene che “questo progetto esprime una visione innovativa che concilia al suo interno il rispetto dell’ambiente, la salvaguardia del territorio dai danni derivanti dalla sovrabbondanza delle nutrie e la valorizzazione economica ed occupazionale del settore agricolo delle aree coinvolte nel progetto. Un esempio concreto di salvaguardia della biodiversità – continua Zipponi – che è la mission della Fondazione UNA Onlus, da realizzare attraverso progetti calibrati sulle esigenze dei singoli territori, insieme a soggetti appartenenti a mondi diversi che però condividono con noi un approccio concertativo e non conflittuale”.

“L’evento voluto qui a Cremona – ha aggiunto Davide Viola, Vice Presidente della Provincia di Cremona – che ha portato ad esempio di buona pratica il Piano di contenimento delle nutrie costruito dalla Provincia, condiviso con Enti ed Istituzioni, rappresenta un modello operativo efficace per affrontare il contenimento di questa specie animale che reca danno al sistema economico ed ambientale. La collaborazione con Fondazione UNA Onlus Uomo Natura Ambiente, contribuisce a valorizzare il confronto tra i vari settori ambientalista, agricolo e venatorio, insieme a quello scientifico e accademico su tale complessa questione. Certamente molti problemi rimangono sul tappeto – ha concluso Viola – dalla necessità di fondi adeguati al Piano di contenimento a norme che agevolino sempre più le imprese agricole, i parchi, le istituzioni nella lotta alla nutria”.

La provincia di Cremona è dunque un esempio positivo di risposta immediata al problema del controllo delle specie aliene.
 
(Fondazione Una Onlus)
 

 

Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Convegno nutria a Cremona: un progetto di contenimento che fa scuola

Beati voi che avrete cartucce per le nutrie.......e da quando deve diventare un problema dei Cacciatori.......e chi lo ha detto??? Occhio....il Diavolo t alliscia perche vuole l anima.

da Annibale 28/10/2016 18.41

Re:Convegno nutria a Cremona: un progetto di contenimento che fa scuola

Basta convegni, la nutria va eradicata con ogni mezzo e poche balle!!

da bretone 26/10/2016 13.32

Re:Convegno nutria a Cremona: un progetto di contenimento che fa scuola

E si doveva invitare il ministro e tutti questi esperti per partorire ( forse )un progetto di legge regionale per il controllo della nutria ???Ma fatemi il piacere. Questo è il modo di fare le cose della Fidc e dell'Una, grandi convegni tanto fumo mediatico, ma poi, le conclusioni chi le deve fare??? La politica regionale ?? Quindi la domanda è avete politici preparati( non certo Galletti e i suoi sottoposti) che portino avanti questo progetto di legge regionale o nazionale,o copierete dalla regione Veneto dove questa legge per l'eradicazione delle nutrie, è già operativa??

da Bekea 25/10/2016 16.52

Re:Convegno nutria a Cremona: un progetto di contenimento che fa scuola

MA NON E' QUELLO CHE HA CHIUSO LA CACCIA AI TORDI E BECCACCIA AL 20 GENNAIO?CI VADA LUI E GLI ANIMALARI SUOI AMICI A CHIAPPARE LE NUTRIE!FORZA NUTRIE!

da mariuolino 25/10/2016 16.17

Re:Convegno nutria a Cremona: un progetto di contenimento che fa scuola

parlare della nutria ad una " platea" di cacciatori è come farsi spiegare da Samanta Cristoforetti i segreti del giardinaggio ............. ma checciazzecca la nutria con la caccia?

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 25/10/2016 15.46

Re:Convegno nutria a Cremona: un progetto di contenimento che fa scuola

La recente legge ha equiparato la nutria ai topi, perciò non è più animale protetto. Quindi, come per i topi, chi ne ha necessità, deve avere la possibilità di acquistare ed usare le trappole per la cattura della nutria. Le province interessate potrebbero fare un accordo con le ditte produttrici in modo che l’ordine di un ingente quantitativo (stiamo parlando di decine di migliaia) riduca notevolmente il prezzo. Quindi non servono convegni, censimenti, persone abilitate (per posare una trappola come quella per topi?). Lo scopo deve essere uno solo: eradicazione = danni all’agricoltura e all’ambiente ZERO

da Mauro 25/10/2016 11.40