Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Piano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po


martedì 20 marzo 2012
    
In occasione di Pesca e caccia in fiera, manifestazione organizzata dalla Provincia di Rovigo lo scorso fine settimana, si è svolto l'atteso convegno sui migratori acquatici. Un'occasione per presentare i risultati di un lungo lavoro di ricerca che ha coinvolto Regione, Ente Veneto Agricoltura, l'Atc Rovigo 3, Acma ricerche e l'Ufficio Avifauna Migratoria di Federcaccia e che ha permesso la realizzazione del volume Le anatre selvatiche del Delta del Po, scritto da Michele Bottazzo (Veneto Agricoltura) e Emiliano Verza (Provincia di Rovigo). Dai dati raccolti negli  ultimi 10 anni,  si apprende che gran parte delle specie sono in aumento, a testimonianza che il lavoro svolto sul territorio compiuto grazie a investimenti pubblici e privati, ha dato i suoi frutti, anche e soprattutto grazie ai cacciatori che contribuiscono alle operazioni di tutela di habitat e specie.

Lo studio ha coinvolto 60 operatori qualificati per un totale di 1.200 giornate di lavoro su 20.000 ettari di terreno.  26.000 i dati raccolti su consistenze e presenze.  Le più importanti numericamente sono fischione e germano. Dal canto suo Fidc ha sottolineato l'importanza dei “Diari di caccia”. “Con questo sempre maggior coinvolgimento dei cacciatori a supporto della scienza - ha concluso il vicepresidente  Carnacina - vogliamo mostrare chi sono i cacciatori, dove vogliono arrivare e qual è il loro futuro“. Oliver Martini in rappresentanza dell’Ente produttori selvaggina ha parlato della minaccia costituita dall’insostenibile presenza dei cormorani, che depredano le risorse ittiche, ma che in nome dell’ambiente limita la pressione venatoria e le aree di caccia, e si impegna nell’alimentazione di sostegno ai migratori.

Leggi tutte le news

14 commenti finora...

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

Sono appena venuto in possesso del libro "Le anatre selvatiche del Delta del Po" per averlo basta richiederlo alla Regione Veneto, faccio i miei complimenti agli autori e a chi ha collaborato, veramente valido, spiega molto bene del Delta e della sua fauna,ci sono i risultati di 10 anni di censimenti, fatti come vanno fatti, altro che quelli Ispra.

da giannirm 21/03/2012 10.57

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

THO...!!! Ma nel delta del po, non ci sono i bracconieri che ammazzano tutto???????? Grazie alla Provincia di Rovigo Ufficio Caccia, oltre al Sig. Verza, Autore del Libro.... Per il Sig. Benan WWF di Rovigo: INVECE DI CONTINUARE A SPUTARE ADOSSO AI CACCIATORI DEL VENETO, CONSIGLIO...NON SAREBBE IL CASO DI COLLABORARE E FREQUENTARE LE FIERE PER IMPARARE QUALCHE COSA DI BUONO???? UN DOVUTO GRAZIE ALL'AMMINISTARZIONE PROVINCIALE UFFICO CACCIA!!! Girotto Luca

da ARMERIA 2000 20/03/2012 20.01

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

Caro Antonio, come sopra detto, ti ripeto che purtroppo sono stato Domenica 11/3 e Domenica 18/3. Poichè ho cambiato lavoro da anni, non ho più il tempo e quindi la possibilità di tenere la vasca e ti assicuro che per me è una vera pena. Comunque confermi quanto dettomi da amici in zona, oltre al fatto di riconfermare le nostre osservazioni che sono e restano gli unici veri valori di riferimento e che confermano quanto dicevo prima, la migrazione vera inizia a Marzo, il resto sono tutte chiacchiere e distintivi che si fregiano gli animalarambientalisti che usano per discriminare la nostra passione. Ti saluto cordialmente.

da Gimessin 20/03/2012 17.02

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

si deve buttare a terra il direttivo dell'ispra,e mettere persone competenti,visto che il direttore si chiama pecoraro scanio , un nome una garanzia,e la sua ciurma di mangia pane a tradimento ,giudicate voi cari fratelli cacciatori

da auto5 20/03/2012 16.48

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

Gimessin hai dimenticato martedì 12/03 mgliaia e migliaia di trampolieri,con voli di centinaia di unità di pavoncelle,pivieri dorati e beccaccini,senza contare i gambettoni e le gambette,con aggiunta di pittime e gru!!E' stata la più bella giornata della mia vita venatoria,mai visti tanti uccelli in così poche ore,uno spettacolo puro!!L'indomani quasi scomparsi,evidentemente si era nel pieno della migrazione!!

da ANTONIO 20/03/2012 15.57

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

Steven, questi ciarlatani attingono informazioni da due fonti:1) aprono la finestra e aspettano con lo sguardo al cielo il passare degli uccelli. 2)Si riuniscono tra di loro e decidono le specie da proteggere che più gli stanno simpatiche, dopodichè si mettono daccordo sui numeri e sulle date di prelievo da dare all'Ispra. Tutto a tavolino, senza censimenti e [email protected]@te varie. In 28 anni di licenza non ho mai visto uno, e dico uno, che stesse a fare censimenti di fauna migratoria, nemmeno nelle oasi, NIENTE !!!

da Gimessin 20/03/2012 14.40

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

IO vorrei capire ma tutti questi dati degli animalri, dell'ISPRA e dei vari osservatori sulla fauna dove li prendono se non è mai successo a nessuno di noi di incontrarli nell'ambiente dove vivono questi uccelli. Cose curiose

da Steven 20/03/2012 14.21

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

Francesco78, indubbiamente, ma come ho spiegato, le rilevazioni fatte sono il risultato di una passeggiata di tre ore per domenica. I tordi, erano tanti veramente, ma non alti o di passaggio, erano proprio come diciamo in gergo (ammammati), stazionari. Marino, la tua aggiunta è più che legittima, e indicatissima. Un saluto.

da Gimessin 20/03/2012 13.18

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

è stato è sarà sempre così. noi cacciatori pellustriamo e monitoriamo le ottime presenze di animali che di questi tempi sostano nei principali luoghi, in italia purtroppo funziona così noi monitoriamo ci divertiamo a guardare tutti questi animali senza cercare niente a nessuno, invece loro animalambientalisti vengono pagati, ma almeno dicessero la verità, xchè molte volte anzi sempre dicono solo grandi stronzate, è molta gente ingenua di tutto gli da pure ascolto' per me e molti altri come me cioe veri cacciatori facciamo molto spesso monitoraggio per vedere qualche animale che durante il periodo di caccia non riasciamo quasi mai a vederne, e ne siamo veramente entusiasti. dobbiamo a tutti i costi rivendicare sempre la nostra passione composta non solo di abbattimenti ma anche salvaguardare è monitorare sempre la nostra passione un saluto a tutti

da gino leccese 20/03/2012 13.00

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

Ispra c'era? ma nooooooo, i dati gli vengono dati dagli animalari..!! I cacciatori, i veri cacciatori sempre in corsa per difendere l'ambiente e sempre presenti per guardare la fauna nelle sue migrazioni e per le sue presenze, sono convinto che per gli animalari questa è pura fantasia e realtà che nella loro vita quotidiana sarà forse lontana anni luce, molto meglio la poltrona ed altre cavolate da inventarsi per " guadagnarsi " il pagnottone...!! Lago di Lesina molta presenza di Germani, alzavole, marzaiole, non mancano moltissime piviere,qualche fischione e si vedono abbastanza codoni.... Un abbraccio a tutti i cacciatori e vascaioli d'Italia. P.S. mai visto un'animalaro all'osservatorio ornitologico del lago di Lesina.

da Adamo - Foggia 20/03/2012 12.19

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

ti sei dimenticato le gru moltissime gru

da francesco78 20/03/2012 11.11

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

Gli animalisti estremisti diffondono a piene mani notizie false! E' nel loro dna. Sono intellettualmente disonesti.

da Arrabbiato 60 20/03/2012 10.16

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

aggiungo : e sputi !

da marino 20/03/2012 10.03

Re:Migratori acquatici in aumento sul Delta del Po

Domenica 11/3, zona Castelvolturno (Ce), varie coppie di Germani reali, 6 stormi di Marzaiole e un numeroso stormo di Pavoncelle(Mattinata freddina e molto ventosa). Domenica 18/3 Aumento della presenza di numerosi stormi di Marzaiole e numerosi Tordi Bottaccio lungo la sponda e l'argine di sicurezza del fiume Volturno(Mattinata veramente primaverile e calda). Non è cambiato niente, ogni anno fino alla terza decade di Marzo è sempre così. Solo quest'anno le Marzaiole hanno anticipato la loro presenza numerosa in zona già dal 6/3. Questo è quanto ho potuto notare in due domeniche, passeggiando lungo il fiume per circa tre ore, altri amici che hanno aziende agricole in zona mi hanno detto che dal 4/3 al 11/3 si sono viste numerose Pavoncelle, Mestoloni e Morette. Quando gli animalarstudiosi..... dicono che a Febbraio è già iniziata la migrazione li prenderei a calci e sberle.

da Gimessin 20/03/2012 9.39