Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<gennaio 2022>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456
Mensile
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set5


05/09/2011 

Questa mattina, sfogliando, come al solito,  le pagine del Corriere dell’Umbria, sono andato in bestia leggendo una dichiarazione del Presidente Nazionale della Fipsas, Ugo Claudio Matteoli che, nel presentare i Campionati mondiali di pesca sportiva ha testualmente detto: " noi pescatori rispettiamo la natura, perchè le nostre prede non le uccidiamo ma, dopo averle pesate e fotografate, le liberiamo immediatamente”.

Ebbene, Presidente Matteoli, Lei pensa che, con certi “distinguo”, potrà riuscire ad arrestare la deriva animalambientalista che, dopo essersi  abbattuta sul mondo venatorio, ora rischia di travolgere anche quello della pesca? Lei veramente pensa che prendendo le distanze dai cacciatori avrà automaticamente partita vinta nei confronti dei nostri comuni nemici? Perché io ritengo sia questo il motivo che è alla base della Sua inopportuna, infelice dichiarazione.

Lei, in ultima analisi, cosa dice:“Noi le nostre prede non lo uccidiamo”, tutt’al più le faremo un po’… soffrire per procurarci un po’ di divertimento, ma poi…che diamine! Noi le liberiamo immediatamente, i cacciatori invece no……questo non lo possono fare.. e allora è chiaro, è con loro che ve la dovete prendere!

E no, Caro Professore, quando il nemico è COMUNE, per sperare di vincere le battaglie e poi possibilmente la guerra, ci si deve ALLEARE rafforzando la linea del fronte ed attuando strategie comuni. Si ricordi, Caro presidente, che gran parte dei pescatori sono anche cacciatori e i cacciatori, glielo posso assicurare, anche perché io stesso appartengo alle due categorie, non vanno a caccia o a pesca per il gusto di uccidere, ma perché la caccia e la pesca fanno parte del loro DNA, delle loro ancestrali, incrollabili passioni e della caccia e della pesca si nutrono volentieri e non solo metaforicamente.

Vorrei concludere ricordandoLe con molto garbo, che le battaglie non si vincono combattendo l’alleato!

Con rinnovata stima e considerazione.

Diego Baccarelli

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.151
Aggiungi un commento  Annulla 

37 commenti finora...

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Robe da matt.Io vado a pesca ed a caccia da l'eta'di 10 anniMio zio mi ha insegnato a pescare e cacciarel le trote le mangio la lepre la mangio e pure le beccacce..........se l'animale fugge ben venga cosi' come il pesce fugge all'amo.Buo appetito a tutti!

da sergio  09/12/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

la contraddizione di matteoli è talmente palese da risultare patetica!

da max mazzoli  31/10/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

L'intervento del Presidente della Fipsas è carente nel merito, discutibile nel metodo, ingenuo nelle intenzioni. Carente nel merito perché ricerca giustificazioni alla legittimità della propria attività attraverso paragoni con altre attività, anziché attraverso un atto introspettivo. Discutibile nel metodo perché attraverso il paragone con la caccia tenta di sviare l'attenzione dal proprio settore offrendo un capro espiatorio costituito da altra attività. Ingenuo nelle intenzioni perché se pensa con ciò di sottrarre i propri soci e la propria attività dal disprezzo animalista è soltanto un illuso: basta che si faccia un giretto nei vari forum e blog animalisti per avere cognizione di cosa ne pensino della pesca, no-kill o tradizionale.
Fossi un iscritto fipsas, comunque, ne chiederei le dimissioni, perché non è certo in questo modo che si tutelano i propri iscritti (iscritti obbligati vorrei aggiungere, dato che se non ti iscrivi alla fipsas ti resta solo la pesca in acque di serie B...).

da Inforziato  03/10/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

se conoscete questo presidente mandatelo a zappare la terra insieme al naturalista vero perche questi due anno capito veramente cosè la natura. c.....i. viva la caccia e i veri cacciatori

da beccolungo  27/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

SIETE un raduno di IGNORANTI IN MATERIA DI NATURA, trallatro apparite tutti uguali, da come scrivete sembra che avete in mano la LAUREA in scienze Naturali, Biologia ecc SIETE TROPPO PICCOLI PER PARLARE DI NATURA, fate ridere e suscitate DISPREZZO

da Naturalista VERO  21/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Sono un pescatore "garista" appartengo ad una società tra l'altro importante a livello nazionale, quindi sono un affiliato Fipsas e rimango sinceramente sconcertato dalle parole del nostro presidente appoggio in pieno ciò che lei ha scritto sig.Baccarelli anche perchè.....
molti pescatori sono anche cacciatori!!!

da Venturini Giovanni  12/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Amici,
comprendo la vostra disapprovazione, ma avrei preferito che le critiche rivolte al Prof. Matteoli, ancorchè sacrosante e legittime, non fossero scivolate sul terreno astioso delle offese personali. Vi confesso che se avessi immaginato tanto, difficilmente mi sarei preso la briga di rivolgere pubblicamente la mia censura al Presidente della Fipsas. Probabilmente gli avrei detto le stesse cose, ma con una lettera riservata. Si può essere molto critici, senza, per questo, offendere necessariamente le persone. Chiedo venia, ma io la penso esattamente così!!!
In bocca al lupo
diego.

da Diego Baccarelli  12/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

IO SONO UN PESCATORE E UN CACCIATORE E NON VEDO COSTUI CHI RAPPRESENTA, FAI MENO IL [email protected]@A [email protected]

da francesco  12/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Matteoli si conferma un [email protected]@@a.....

da gigi  12/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Pasquale Carissimo, che ci vuoi fare, noi cristiani siamo fatti così e tu hai centrato in pieno l'essenza della mia critica impietosa, espressa tuttavia con garbo, con "stima e considerazione".Con un forte abbraccio e un caloroso in bocca al lupo.diego.

da Diego Baccarelli  12/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Carissimo Alessio,
soltanto ora ho potuto rendermi conto dell'interesse suscitato dal mio intervento. Nei giorni scorsi non avuto il tempo per dare una occhiata ai vari commenti.
Ti ringrazio per la stima che contraccambio con affetto e con un caloroso in bocca al lupo per domenica prossima.
Un abbraccio.
diego.

da Diego Baccarelli  12/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

caro prof non credo sia questo il modo di parlare se vogliamo continuare a vivere le nostre passioni .....

da bigio  12/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

tra qualche anno il presidente si ritrovera a combattere contro gli animalari da solo e ben gli sta .

da skippy  11/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Ma perchè vi scomponete, tutti!! è risaputo che i pesci sono animali, se sono animali poi, che non smuovono la coscienza animalista della gente. Non hanno morbide piumine o caldi pelucchi, non hanno occhioni dolci e languidi, lo stesso walt disney non li umanizza nei suoi cartoons e il leone di madagascar, trova redenzione alla fine rinunciando alla carne in favore del sushi. In tv è possibile mostrare le azioni dei pescherecci, le reti che salpano centinaia di bestiole zompettanti e che stanno morendo, ma non emettendo suoni, lo fanno dignitosamente in silenzio. Allo stesso modo, ci sono programmi sul mare, dove ogni sorta di creatura ittica è pescata e mostrata in bella mostra ancora viva sui banconi dei mercati del pesce. Pensate a una cosa simile, sostituendo ai pesci un'animale di vostro gradimento, polli per esempio, conigli, mucche e pecore, per non parlare della selvaggina. Ecco perchè, in questa aberrante società matteoli non mi sorprende, è filgio del suo tempo.

da UmbroDoc  09/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Sono un rappresentante di associazione piscatoria (e personalmente trattengo solo il pesce che mangio, perché io lo mangio). In Piemonte ci battiamo soprattutto contro la mancanza di acqua e contro i lavori in alveo che devastano gli ambienti fluviali. Abbiamo importanti collaborazione con Legambiente (un libro denuncia sulle asciutte dei fiumi e inizitive di pulizia delle sponde) e con i parchi (gestione di progetti sulla fauna ittica). Ma la prima cosa che dico sempre agli ambientalisti con cui collaboriamo: "Vogliamo che vi smarchiate dagli animalisti". Solo che loro devono rispettare anche quella componente che è sempre più folta.

da massimiliano  08/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

ma perchè i capi delle associazioni sia venatorie che di pesca DEVONO ESSERE TUTTI DEGLI EMERITI STUPIDI??che sia una prerogativa per diventarne i leader!?

da presidente  08/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

tutta la mia stima,Diego!
un saluto.

da alessio ragazzo  07/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

C'è qualcosa di più grave che stranamente è stata trascurata,l'illustre professore non ha offeso solo i cacciatori ma in maniera più diretta tutti gli appassionati di pesca,tra loro annovero molti più capaci ed esperti di chi si bea dell'appartenenza alla Fipsas che coerentemente trascurano le tesi del proff. e si comportano come l'etica del predatore suggerisce.

da vittorio cavaliere-bari.  07/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Tratto dal sito del Coni, cenni sulla nascita della FIPSAS: I primi interessi sulla pesca sportiva portarono ad una certa attività in Italia già negli anni trenta. La Federazione venne tuttavia costituita il 27 giugno 1942, rimanendo attiva fino all'8 settembre 1943. Riprese il suo lavoro nel 1945, in gestione congiunta con gli organismi della caccia e del tiro a volo, sotto gestione commissariale da parte del CONI. Nel dopoguerra, in un convegno tenuto a Bologna nel 1947, vennero poste le premesse della rifondazione della FIPS che avvenne nell'aprile del 1948, nel corso di una Assemblea nazionale tenuta a Firenze. Nel 1949 la Federazione accolse nel Settore agonistico i praticanti l'attività subacquea e nuoto pinnato. Dal 1984 la Federazione riconosce al suo interno quattro Settori: pesca in acque interne, pesca in mare, pesca sub, nuoto pinnato-orientamento.

da Giulio da Roma  07/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Caro Matteoli, con l'ultima trovata del censimento delle persone dedicate alla pesca effettuato dal preposto ministero, allo scadere del 2014 penso che resterete veramente in pochi, perché è palese la motivazione che ha suggerito il suddetto censimento: far pagare il permesso di pesca anche ai pescatori dilettanti, che praticano tale sport per hobby e per passione, e che se la dovranno far passare per questa ultima ed ulteriore tassa. Inutile e vuoto è il suo tentativo di mettere in cattiva luce i cacciatori, perché loro non possono "liberare" le prede a differenza dei pescatori, nell'intento di passare per brava categoria agli occhi degli animalari e avere il loro placet.

da michele53  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Meno male che gli amici pescatori sono un po' più intelligenti di chi li rappresenta a livello federale.

da Martino, Bologna  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Povero illuso se crede di pararsi il c**o,e di farsi amici gli animalari dando addosso alla caccia.
Vedra` Matteoli che fine gli faranno fare,e glielo dice un pescatore(oltre che cacciatore) da piu`di 50 anni

da colombaccio51  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

..intanto si parla già di "pesca sostenibile"..
..intanto si parla già di ri-allargare le maglie delle reti..
..intanto al tonno rosso, sono stati dati dei limiti di pescato,specie catalogata "a rischio" (talmente a rischio che quest'anno a fine luglio, la pesca è stata chiusa per il raggiungimento delle quote imposte dall'unione europea con 2 mesi di anticipo..!!) ..
..intanto si parla di "sofferenza e maltrattamento" animale..
Noi cacciatori ci siamo già passati, conosciamo la storia,...essendo anche pescatore mi viene solo da dire..poverannoi..se questi FIPSAS devono fare "il sindacato dei pescatori" come le AAVV per i cacciatori...ripeto..poverannoi..!!

da Francesco B.  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Ma ditemi voi che babbeo...incredibile!

da Marco F.  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Ma i pesci non soffrono??? Il Brambillismo dilagante co sta accecando e non riusciamo a vedere più quale sia la realtà

da Pier76  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

sono un vecchio pescatore a mosca , ho collaborato con numerose riviste specilizzate di pesca , ho pescato in parecchi angolo del globo da sempre sono stato per la pratica del "catch and release" ma una castronata del genere , se la poteva ripsarmiare! Questi distinguo e assurde divisioni fanno semplicemente ridere... lei non è un pescatore..ma una mezza tacca con la canna in mano...! Lei di pesca ne capisce veramente poco e mi chiedo se veramente lei è un pescatore... non credo!!

da Marco Fabbri  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Tanto professore oramai l'hai fatta fuori dal vaso, l'enpa è come l'agenzia delle entrate, una volta schedato sei fritto, potrai fare lo zerbino di chi vuoi, potrai sputare sul piatto dove mangi, oramai la frittata è fatta, ti vanno bene i pesci perchè non si lamentano, ma sono come tutti gli altri animali, soffrono eccome, dimettiti e vai ad arare la terra, stando attento a non rovinare i vermi, anche quelli soffrono.

da CARLO 62  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

E pensare che costui è anche stato per qualche anno presidente dell'Ekoclub, l'associazione ambientalista che dicono vicina ai cacciatori. Mah, che sia l'alzheimer? O il dio Convenienza, che come sappiamo fa dimenticare anche le nostre origini? Per dirla tutta, dai dirigenti FIPS(AS), nel tempo, ce ne sono piovute di cotte e di crude. Certo è che questi dirigenti non hanno mai brillato per lungimiranza o livello di preparazione. Un che di stantio. D'altra parte, in Italia, la pesca è sempre stata considerata la sorella povera della caccia.

da ghigo  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

ha dimenticavo, dopo ovviamente lo libero,quindi non è reato giusto? ehhhhhhhh caro professore in effetti se la poteva risparmiare quella frase.saluti

da francuzzo59 la spezia  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

quindi, fatemi capire. io prendo un gatto ,lo lego a una zampetta,lo butto in acqua è lo trascino x un po', è violenza è maltrattamento, x i pesci no? mahhhhhhhhhhhhhhh,siamo al ridicolo.saluti

da francuzzo59 la spezia  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Caro Diego, certo che rinnovargli la stima è la considerazione, dopo che questo "signore" è scivolato più volte sulla famosa buccia di banana, è un'operazione abbastanza difficoltosa, più figlia della carità cristiana, che non della buona volontà umana.

Un abbraccio

da Nato cacciatore  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

questa è la seconda volta che "baffo"Matteoli prende le distanze dalla caccia,facendo le stesse dichiarazioni di qualche mese fa.ancora non ha capito che la cultura animalista attacherà anche i pescatori,i quali il 30% sono anche cacciatori.

da max 60  06/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Ma io mi chiedo,come si fà visto che siamo attaccati e accerchiati da tutti i fanatici animalisti a rilasciare simili dichiarazioni?cosa succederebbe se un cacciatore dicesse che spara un animale solo per ferirlo e per divertimento? mi astengo dal rilasciare commenti in merito,perchè visto quanto detto non sarebbero neppure capiti.povera italia e poveri italiani!

da Vincenzo  05/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Caro Professore, il tentativo goffo di "smarcarsi" altro non ha prodotto che "l'automarcarsi".
Sarete sommersi di negatività che saranno perfino meno difendibili della caccia.
Concordo a pieno con Diego Baccarelli che esprime concetti centrati e lungimiranti, nella loro giustissima semplicità.

da Silvano B.  05/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

e i quintali di pasture e cagnotti lanciati in acqua?

da gano  05/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Ritengo non perseguibile penalmente il comportamento dei pescatori che dopo aver allamato un pesce lo spossano sino a portarlo a riva, per poi rilascialro in acqua per la prossima tortura. Penalmente in Italia la tortura ad umani non è prevista dal codice penale, per gli animali si parla di maltrattamenti penalmente perseguibili.
Questa la legge attuale.
Ritengo però eticamente malvagio maltrattare inutilmete gli animali, se ci si deve cibare di loro li si sopprima senza inutili sofferenze. E soprattutto si vieti il "no kill", per i pesci è una tortura inconcepibile per i nostri tempi.

da Coiar  05/09/2011

Re: Caro professore quella frase ce la poteva risparmiare

Con le gare invece trota al torrente, che cosa mi dice caro professore, non mi dica baggianate perchè sono stato garista a livello regionale per parecchi anni. Anche queste mi sembravano gare fipsas, le catture nei cestini di plastica trasparenti, pesate dopo la fine della gara............. certo ognuno tira l'acqua al suo mulino, ma le trote sia per gare di fiume che quelle di lago non sono animali uguali alla cacciagione o sbaglio?

da CARLO 62  05/09/2011
Cerca nel Blog
Lista dei Blog