Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<giugno 2024>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
Mensile
giugno 2024
maggio 2024
aprile 2024
marzo 2024
febbraio 2024
gennaio 2024
dicembre 2023
novembre 2023
ottobre 2023
settembre 2023
agosto 2023
luglio 2023
giugno 2023
maggio 2023
aprile 2023
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar1


01/03/2024 

È notoria la notizia apparsa su molti media, dell’uomo (Albert Stockner, di Velturno, Bressanone) trovato moribondo in Alto Adige il 19 febbraio scorso, con ferite che facevano pensare ad un aggressione da parte di un canide. Subito si sono create due fazioni: una a sostenere che poteva essere stato un lupo; l’altra a negarlo. L’uomo è in realtà poi morto in ospedale dove era stato ricoverato dopo il ritrovamento in stato di ipotermia, ma ancora vivo («A trovarlo era stata, il giorno dopo, una donna uscita per una passeggiata con il cane: Stockner, ancora cosciente, tanto da riuscire a scambiare con lei qualche parola»). I media hanno riportato: con «sul corpo ferite da morso al collo, all'addome e alle braccia».

Ovvio che il mondo rurale si sia subito schierato a favore di un’aggressione da parte di un lupo; e altrettanto ovvio che gli animalisti e i lupofili si siano schierati contro questa tesi: entrambi più sul desiderata che non su dati obiettivi. Tutti senza uno straccio di prova, ma solo indizi interpretati dalla stampa (anche involontariamente, sul sentito dire).

Infine, ad esame del DNA fatto su «cinque campioni prelevati dagli indumenti che Albert Stockner aveva indosso, quando è stato ritrovato in stato di ipotermia», si è detto e scritto che i morsi dovevano farsi risalire ad una volpe.

Ora, dato che in questi casi nessuno ha alcuna certezza, se non: il fatto che l’uomo fosse in ipotermia quando è stato trovato; che avesse segni di morsicature di un canide; che sia poi morto in ospedale. Ovvio pensare che tutto il resto sia ipotetico, compreso l’esame del DNA («sono compatibili con la specie Vulpes vulpes», il che non garantisce che siano proprio di volpe), almeno per quanto reso noto dalla stampa e secondo quanto appreso dell’indagine della magistratura. Quindi, sulla base delle logica, che poi è l’unico mezzo che resta ai più, esaminiamo la questione e poniamoci delle domande sui dubbi che, si spera, almeno la magistratura abbia intanto chiarito:

La prima cosa da chiedersi è che tipo di morsi fossero quelli indicati dalla stampa («Morsi compatibili con quelli di un lupo o di un grosso cane»). Perché è ovvio che vi sia diversità tra il morso di un canide di grossa taglia ed uno di mole minore. Ma di quest’aspetto pare che nessuno ne abbia sufficientemente scritto (né sono apparse fotografie delle ferite). E l’unico cenno pare sia quello del medico che ha fatto l’autopsia: «Le ferite causate sul suo corpo - era stato evidenziato durante l'autopsia - sono piuttosto superficiali». Il che però non escluderebbe l’ipotesi del lupo o del cane se l’attacco non ha avuto modo di essere portato a termine (una cosa che oggi nessuno può sapere), considerato il fatto che presumibilmente l’uomo si sia difeso e sia  poi riuscito ad allontanarsi per giungere fin quasi alle case del paese.

Infatti, nel caso di morsi compatibili con aggressione da lupo, si potrebbe ipotizzare che si trattasse di una sola bestia, in quanto l’uomo non è stato ucciso, per cui resta ragionevole pensare che di fronte all’ipotetica aggressione l’uomo sia riuscito a divincolarsi e a spaventare l’animale facendogli così cessare l’attacco (per cui, «ferite superficiali»).

Nel caso di morsi compatibili con volpe, ovvio che non si possa pensare di aggressione in quanto, dato il notorio indole della volpe nei confronti con l’uomo, solo in caso di rabbia la si potrebbe spiegare: caso «“anomalo”, sostiene l’esperto, che ipotizza un’infezione da rabbia». Ma gli esperti avrebbero escluso la presenza di casi di rabbia in Alto Adige.

E, sempre nel caso di volpe, i morsi dovrebbero farsi presumibilmente risalire al dopo un lungo periodo notturno trascorso prima del ritrovamento, quando l’ipotermia aveva bloccato a terra l’uomo; in tal caso sì, giustificabili, con un aggressione da parte di una volpe, ma solo dopo il cedimento dell’uomo. Ma in tal caso, è credibile che una volpe non si sia spaventata dal fatto di accorgersi che l’uomo fosse ancora vivo? Gli esperti di fauna selvatica dovrebbero dire NO, non è credibile (salvo casi di rabbia).

D'altronde, anche lo stesso WWF mette in dubbio l’aggressione da parte di una volpe: «Come tutti i canidi, [la volpe] ha un odorato eccezionale. Se sente l’odore dell’uomo, se ne tiene alla larga. Certo, è una grande opportunista: d’inverno sfrutta tutte le risorse alimentari, nutrendosi anche di carcasse. Arriva anche in città, per cercare cibo tra i rifiuti. Ma è strano che arrivi al punto di trovare e mordere un uomo, per quanto immobile e assiderato».

Purtroppo si è anche scritto di probabili più volpi («da una o più volpi», come confermerebbe anche l’analisi del DNA), è credibile che un animale solitario come la volpe in questo periodo (senza cuccioli) si trovasse in branco attorno all’uomo? Ma questo lo dice – ipoteticamente – l’analisi del DNA. Essendo però notorio quanto sia interpretabile e insicuro il DNA quando si parla di animali selvatici – per cui spesso lo si stabilisce non tanto sulla base di certezze, quanto su calcoli quantitativi di probabilità. Ecco, come non chiederci se sia certo al 100% che l’esito dei cinque reperti sia di volpe? Si spera di sì. Ma se è così certo, perché si dice di «una o più volpi»? Il DNA dovrebbe stabilirlo con certezza, altrimenti il dubbio resta. Non per nulla lo stesso WWF ha sostenuto che «Servirebbero altri esami».

Ecco, fino a quando non saranno resi pubblici – fotograficamente e non solo da con interpretabili descrizioni – i dati sul reale stato e dimensione delle ferite o dei morsi, sarà sempre difficile stabilire se l’aggressione sia stata fatta da un lupo, da un cane o da una volpe (anche se quest’ultima ipotesi la si dovrebbe escludere per le ragioni suddette, e la volpe si possa ritenere solo colpevole di aver morsicato la persona per cercare di cibarsene, ma quando era in stato ipotermico, sebbene ancora viva).

Da tenere infine presente è anche il fatto che secondo i giornali è notorio che nella zona si aggirassero (come ormai in tutte le Alpi) esemplari di lupo, mentre al contrario, nessuno avrebbe scritto che nella zona si aggirassero cani di grossa mole.

Per cui non resta che stabilire, col senno della ragionevolezza, che il povero Stockner sia stato PRESUMIBILMENTE aggredito da un lupo (il che non è certezza). E che certezza ci sia invece solo per le morsicature di volpe, ma solo dopo il suo cedimento per un ipotetico attacco di lupo o cane, e poi per ipotermia.

In quanto alle smentite poco credibili, notiamo quella del WWF, che avrebbe sostenuto che «È assurdo [che possa essere stato lupo], considerato che un animale come il lupo, che ha alle spalle millenni di persecuzione, dall’uomo non si fa neanche vedere.» Un chiaro tentativo di negare quello che la storia e la scienza ha ormai da tempo dimostrato: ovvero che il lupo può, sia pure in casi eccezionali, aggredire, uccidere e divorare uomini (lo fanno tutti i “grandi predatori”!).

Che il lupo possa aggredire l’uomo, che lo abbia già fatto in ormai tanti casi sottaciuti per interessi ideologici di parte, è cosa notoria almeno a chi il lupo lo studia senza i paraocchi dei lupofili e invece con l’equilibrio degli zoologici “da campo” e i conservazionisti (i quali ultimi ben sanno come tante specie animali siano state fatte estinguere proprio dal negazionismo animalista, per cui si vorrebbe un mondo alla Walt Disney dove nessun animale sia cattivo e nessun animale uccida altri animali). Quindi, perché doversi meravigliare e sprecare tante parole per cercare di sostenere l’insostenibile almeno a livello ipotetico? Caso mai bisognerebbe parlarne per cercare di capire e stabilire quando il lupo può rendersi pericoloso per l’uomo, quando la sua presenza non può essere compatibile con le attività dell’uomo, dove consentire la sopravvivenza di una popolazione di lupi e quando intervenire per mantenerla nello stato di sopportabilità, non tanto ambientale, quanto per la società civile. Siamo in Italia, In Europa, non nella wilderness canadese o siberiana!
 
Franco Zunino
Segretario Generale AIW


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.71.223.174
Aggiungi un commento  Annulla 

13 commenti finora...

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

O agnellino agnelluccio entra entra nel mio stomacuccio

da Dalla parte degli animali alla griglia  16/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

Si certo! Sei pure un povero illuso. Vai a pettinare le bambole!

da Flagg  08/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

Flagg, ti rispondi da te stesso e niente di più. Sono convinto da come ti esprimi che il mondo dei cacciatori ti commisera. Auguri.

da Da non credere  07/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

Beh certo, quando non si hanno piu' argomernti l' altro non vale nulla. Tipico delle menti malate che devono per forza avere ragione, altrimenti SCHIATTANO!

da Flagg  06/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

Flagg, rappresenti il nulla.

da Da non credere.  06/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

@Da non credere, sei realmente un idiota ignorante con problemi sei di comprensione della lingua italiana! Dove ho scritto che bisogna ELIMINARE lupi e orsi? Ho scritto che bisogna eliminare gli ibridi, ignorante dmente al quadrato!!! Orsi e lupi vanno gestisti con l' abbattimento. Poche chiacchiere e no allo sperpero di danaro pubblico. Vai a pettinare le bambole....

da Flagg  06/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

Egregio Flagg, ti smentisci ad ogni commento tu e chi la pensa come te dove non non mancate in quasi ogni commento di dire che gli orsi ed i lupi vanno eliminati. Non ricordi neanche quello che vai sostenendo: a posto siamo.

da Da non credere  05/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

@Da non credere, forse dovresti rileggere il tuo commento ed accender eil cervello...se ce l'hai!! La caccia non c' entra un tubo. Ne' gli ibridi ne' i lupi sono animali d' interesse. Si parla di gestione da parte delle autorita' di una specie ormai NOCIVA e DANNOSA, sia per l'equilibrio naturale sia per le attivita' umane.

da Flagg  05/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

la "moda" del cagnolino da compagnia ha partorito migliaia di randagi che sono ovunque. Alcuni "dicono" si sono accoppiati con i lupi "forse" , comunque i lupi se non verranno fermati sarà un bel problema tra qualche anno. Purtroppo, l''ignoranza verde dove arriva rovina e distrugge tutto in nome di fantasie naturalistiche frutto delle lobby di potere ambientalistiche utili solo a far SOLDI a discapito del popolo e natura. Il lupo è parte di questa strategia pericolosa che si avvale di personaggi "poco intelligenti" ma sensibili all'ambiente come il troll che scrive qui sopra ( che è uno solo pagato per far questo). Non so se si arriverà mai alla gestione di questo canide certamente gli allevatori non staranno con le mani in mano e si difenderanno GIUSTAMENTE. noi dovremmo essere dalla loro parte.

da Remigio  05/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

E questi sarebbero commenti da professionisti magari della caccia?

da Da non credere  04/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

Il fatto che sia stato tenuto tutto nascosto e' indice di malafede, una specie di agiotaggio pur di evitare un' ennesimo caso da cui si evince che di CANIDI liberi ce ne sono troppi. Come dice il proverbio, a pensar male si fa peccato ma s' indovina! Che sia sta un volpe non sta ne' in cielo ne' in terra. Non ha imporatanza se e' trattato di un lupo o di un ibrido. E' necessaria una bella tosatina ai numeri di entrambi. Anzi, gli ibridi vanno proprio rimossi. Si e' speso un mare di soldi nel passato per togliere di mezzo i cani randagi ed adesso si e' ricominciato con lupi e ibridi....

da Flagg  04/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

Al lupo la carne umana non piace , il lupo è amico dell’ uomo e va difeso , portateli tutti a casa mia , vi prego , e se trovate qualche orso problematico , portatemi anche quello .Grazie , grazie , grazie.

da Chief  04/03/2024

Re: Sul caso della supposta aggressione di lupo in Alto Adige

la volpe ah ah ah che sciocchezza.... sono stati i lupi ! solo che si vuole ammucchiare tutto come sempre a favore di queste bestie inutili e dannose a tutta la collettività ma molto remunerative per alcuni BENFICIARI che incassano ogni anno milioni di euro dei contribuenti per questo progetto da idioti patentati.

da Amen  01/03/2024
Cerca nel Blog
Lista dei Blog