Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<marzo 2024>
lunmarmergiovensabdom
26272829123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
febbraio 2024
gennaio 2024
dicembre 2023
novembre 2023
ottobre 2023
settembre 2023
agosto 2023
luglio 2023
giugno 2023
maggio 2023
aprile 2023
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu16


16/06/2023 9.50 

 
Vi è mai capitato d’invidiare fortemente qualcuno? Penso di si! Magari un milionario, un noto playboy, un personaggio della televisione oppure un famoso atleta, ma, nel mio caso, il più comune dei “Sette peccati capitali” riesce a suscitarmelo soltanto chi è in grado di trasformare una semplice tela, un pezzo di ferro, di ceramica, di marmo o di legno in un’opera d’arte.
 
Gianluigi Zambelli, meglio noto dagli amici di Odolo (Bs) e di tutta la Valsabbia come “Johnny l’artigiano”, non poteva passare certo inosservato al sottoscritto, che è sempre alla ricerca di qualsiasi cosa riesca ad abbinare alla perfezione arte e caccia. Johnny lavora il legno. Dalle sue mani escono delle opere che è difficile poter immaginare che provengano da un semplice blocco di legno. Gianluigi è timido, schivo, ma al contempo disponibile,  gentilissimo e oltremodo cordiale. Col tempo mi ha concesso l’onore di diventare suo intimo amico (lo conosco e mi sopporta da oltre trent’anni!), aprendomi le porte della sua bella casa e penso (e spero) anche quella del suo cuore. Per questo motivo ho voluto approfittare delle nostre pagine per presentarvi un’artista tanto bravo  quanto unico nel suo genere che secondo il mio giudizio, merita di essere conosciuto meglio.
 
 
 
 
Johnny è nato il 27 aprile del 1953 ad Odolo in Valsabbia, dove  vive e lavora con la simpatica moglie Loretta ed i suoi due robusti ragazzoni: Stefano ed Alberto. Chi lo conosce bene sa che nelle sue vene non scorre il sangue, bensì della segatura! Gianluigi, artisticamente parlando, è completamente autodidatta e tutto quello che sa fare, lo ha imparato da solo nella falegnameria dietro casa. Anche se ha un bel diploma da perito elettrotecnico nel cassetto, la sua principale ed unica attività ha sempre coinciso con la sua grande passione: la scultura in legno. Basta recarsi nella casa – museo di via Brescia dove Zambelli vive, per rendersi conto se ciò che dico è vero. Il suo tocco magico ed insuperabile è praticamente dappertutto. Già presentandoti davanti al suo prezioso ingresso (inciso ed intagliato), capisci al volo che l’ha fatto lui. Ti siedi su una sedia e ti sembra di essere su un trono! Anche i tavoli, i mobili, le scale e tutto ciò che “potrebbe “essere fatto con il legno, Gianluigi o  li ha creati di sana pianta, oppure li ha modificati ed abbelliti a suo piacimento sempre con le proprie mani. Ma sono le sue sculture quelle che riescono a toglierti il fiato. Nel suo atelier profumato di legno e resina, in ogni angolo disponibile ce ne sono a decine se non addirittura a centinaia. Ho visto delle sculture ancora in fase d’ultimazione, come altre che risalgono addirittura a quando, ancora giovanissimo, scoprì il suo innaturale talento. Per Gianluigi il legno non ha praticamente segreti e lavorarlo è una sfida a cui non sa resistere. Dalle sue mani è uscito e può uscire di tutto.
 
 
 
Ritratti, statue con sembianze umane e di animali, paesaggi, scene di caccia e scene sacre (meravigliose le vie crucis e le natività). Johnny, anche se non disdegna di costruire mobili, finiture per tetti, per altari e per camini, dà il meglio di se sul piano artistico. Come si possono descrivere le sue opere? Le statue dell’arciere, del cacciatore, di Diana, degli amanti ed i nudi femminili a grandezza naturale? I bassi rilievi con scene paesane, di natura morta e di caccia? Gianluigi è forse più noto all’estero che in patria. Ha partecipato a molte mostre a Brescia, Monaco di Baviera, Francoforte, Lione, Roma e Napoli ed ha suscitato il mio interesse con quello che con estrema abilità riesce a fare su i calci delle armi sia da fuoco sia bianche, balestre comprese. Alle normali incisioni, intagli, intarsi ecc, abbina anche i riporti con legni e materiali pregiati come: avorio, madreperla, argento ed oro. Zambelli sa coniugare la conoscenza e l’abilità della semplice lavorazione del legno con l’originalità dell’invenzione e dell’arte.
 
 
Dalle sue mani escono personaggi possenti nella struttura, tra il popolare ed il mitico, galoppanti e frementi cavalli, voli di germani e paesaggi da favola. Gianluigi, da buon valligiano, risente particolarmente dalla natura che lo circonda, dove l’antico animo del cacciatore d’ogni valdobbiano si tramuta in acutezza d’osservazione degli animali e dei vegetali che trasforma nelle sue inimitabili opere. L’ultima volta che ci siamo visti, con gli occhi che gli brillavano come un pan delle foreste, mi disse che voleva mostrarmi una cosa. Mi aspettavo di vedere un bel calcio inciso, una tavola con una scena di caccia al cinghiale, una statua raffigurante una bellissima ragazza nuda ed invece mi ha mostrato un tronco di castagno alto almeno cinque metri per uno e mezzo di diametro: “Me lo ha mandato un cliente. Devo fargli una statua!!!”. Ma vi rendete conto con chi abbiamo a che fare? A me Johnny ha inciso i calci di qualche carabina, e nonostante sparassero tutte bene, non riesco più a portarle a caccia. Mi preoccupo troppo che si possano rovinare piuttosto che concentrarmi sulla selvaggina! Ecco, se proprio dobbiamo trovare un difetto al mago del mazzuolo e dello scalpello di Odolo, è, paradossalmente, proprio l’eccessiva bellezza dei suoi lavori, quando li esegue su armi ed oggetti destinati ad un uso comune. Comunque se desiderate farvi incidere qualcosa in legno, a cui tenete in modo particolare, non ve ne pentirete di certo. 
 
 
Marco  Benecchi

 
 

 
 
 
 
 
 
GIANLUIGI ZAMBELLI
SCULTORE
ESEGUE QUALSIASI LAVORAZIONE ARTISTICA SU LEGNO
CON STILE MODERNO, CLASSICO E TRADIZIONALE.
DALLE PICCOLE OPERE A QUELLE MONUMENTALI. 
Via Brescia, 44 – 46
25076 ODOLO – Valsabbia (BS)
Tel. 0365 860216  

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.43.49
Aggiungi un commento  Annulla 

7 commenti finora...

Re: Gianluigi “Johnny” Zambelli: Lo scultore della Valsabbia

@Damme retta, le armi da 40mila euro ITALIANE sparano dritto e bene, magari sei tu che spari storto. Quando la volpe non arriva all' uva....
Lo stessp vale per chi critica i fucili da 1500 euro. Siete degli incapaci! Io ho tutti questi tipi di fucili e nelle mie mani sparano tutti bene, nuovi e vecchi, da 1500 euro o piu' costosi.
Detto questo, dal signor Zambelli, motlo bravo, magari preferirei una scultura a se. A me non piacciono i fucili con legno scolpito o altre robe pacchiane che ne rovinano l' estetica. L' estetica e' oggettiva, il gusto no!

da Collezionista  28/06/2023 19.42

Re: Gianluigi “Johnny” Zambelli: Lo scultore della Valsabbia

artista vero , ma queste opere non vanno fatte sui fucili , un fucile nuovo in noce lo vado a scoticchiare '

da h aah  25/06/2023 10.44

Risone

SI , IL MIO FUCILE DA 10MILA EURO LO VADO A FARE INCIDERE H AAH AH AH AH AH AH AH AH AH

da ug  24/06/2023 11.52

Re: Gianluigi “Johnny” Zambelli: Lo scultore della Valsabbia

Chiaro che parlavo dei fucili commerciali sui 1600 euro italiani , chi se lo puo' permettere se ne fa fare uno su misura e li siamo l'eccellenza per davvero , ma un poveraccio che deve per forza prendere la monnezza da millecinquecento euro povero lui.

da So quel che dico  23/06/2023 9.24

Re: Gianluigi “Johnny” Zambelli: Lo scultore della Valsabbia

Purtroppo moltissimi se non tutte le eccellenze.....con le canne storte da 40mila euro eccellenze italiane vengono prodotte in turchia o altre fogne estere. poi dicono made in italy...... ma per carita'!!!!! i fucili italiani sono diventati come il prosciutto di parma e san daniele. Mi tengo stretto e pago a peso d'oro se li trovo i vecchi fucili franchi , bernardelli .non voglio altro dalla vita. Oggi i made in italy non sono made in italy ma monnezza!!! tutta ruggine!

da damme retta  22/06/2023 12.22

Re: Gianluigi “Johnny” Zambelli: Lo scultore della Valsabbia

Se gli italiani che scrivono su questo forum credono che il "Made in Italy" sia una schifezza e che Italy dovrebbe andare affan****, bisognerebbe mandarli a lavorare in Cina o in Turchia o in Vietnam.
Forse non hanno capito che i prodotti scadenti escono perché ci sono operai, impiegati e dirigenti ignoranti e superficiali come gli autori di certi commenti.
Però, e per fortuna nostra, c'é anche gente in gamba.

da bansberia  22/06/2023 8.32

Re: Gianluigi “Johnny” Zambelli: Lo scultore della Valsabbia

Bravissimo questo artista , ma sono le armi made in italy che non sono piu' quelle di una volta oggi le fanno di lamiera

da Critico  19/06/2023 15.57
Cerca nel Blog
Lista dei Blog