Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<febbraio 2024>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829123
45678910
Mensile
febbraio 2024
gennaio 2024
dicembre 2023
novembre 2023
ottobre 2023
settembre 2023
agosto 2023
luglio 2023
giugno 2023
maggio 2023
aprile 2023
marzo 2023
febbraio 2023
gennaio 2023
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
apr13


13/04/2023 

L’uccisione del giovane Andrea Papi da parte di uno degli esemplari di orsi sloveni introdotti in Trentino ormai da diversi anni con la motivazioni di rinsanguare e salvare la popolazione autoctona originaria (ma che di fatto la hanno letteralmente sostituita, avendone immessi un numero tale che il poco materiale genetico sopravvissuto si è praticamente estinto) ha fatto ovviamente scatenare tutta la stampa ed i media, compresi quelli “autorevoli”. Peccato che si siano sbizzarriti a scrivere, parlare, dare consigli tutta gente che dell’orso non sa nulla, sa molto poco o non ha autorevolezza per farlo, cosicché, condizionati dal fatto di avere dell’orso e i suoi problemi una visione animalisticamente partigiana, hanno diffuso e ancora diffondono una disinformazione generale che sarà poi difficile riportare nel solco della verità! Un modo deplorevole di dare informazione. Vediamo alcuni esempi più eclatanti, per l’autorevolezza delle testate e/o dei giornalisti e degli intervistati.

Il Corriere della Sera. Sabato 8 aprile 2023

    Nel tentativo di sminuire il fatto, il WWF asserisce che l’uccisione di Andrea Papi sia il “primo attacco mortale di un orso in Italia”. Ovvio! Certo che è il primo caso mortale, perché gli altri (pare che siano già almeno otto) solo casualmente non sono giunti alla morte dell’aggredito; ma anche perché è da pochi anni che le Alpi sono state ripopolate da orsi sloveni! Vedremo se tra cinquant’anni si potrà ancora dire la stessa cosa! Questo è mistificare i fatti e disinformare la gente! Ma il massimo lo si raggiuge in un altro articolo, dove si riporta un’intervista con il direttore Luciano Sammarone del Parco Nazionale d’Abruzzo (dove mistificare sugli orsi è divenuta ormai un’arte!). Sostiene il suddetto, che il Parco ha “disciplinato meglio la fruizione della natura e limitato i disturbi all’ecosistema”. Peccato che in certi recessi basta pagare un (lauto!) ticket e chiunque può accedere, e ai bordi di una zona di svernamento dell’orso marsicano e anche di foresta vetusta, esista un rifugio/albergo (ex villetta abusiva!) che tanti ambientalisti seri da tempo ne chiedono la chiusura, e che invece continua a funzionare allegramente! In quanto al rischio di aggressioni dell’orso all’uomo nell’unico caso riconosciuto, Sammarone semina dubbi, quando dubbi non ve ne sono affatto (“la dinamica è da dimostrare”, dice, solo che lui, preposto a dimostrarla, non l’abbia affatto né dimostrata né formalmente smentita! E che invece sia stato ben dimostrato dai fatti come l’aggressione ci sia stata!). E poi, peggio ancora, mentendo sapendo di mentire: “Lui non è stato aggredito”! Da calunnia! Esistono referti medici del Lui (Antonio Rabbia) che lo dimostrano! Infine Sammarone conclude che “senza regolamentazioni, i nostri parchi rischiano di diventare dei parchi-gioco”: proprio quello che sta avvenendo nel Parco d’Abruzzo, dove turisticamente si può fare di tutto anche in habitat delicati; dove chiudere al turismo rifugi e “foreste vetuste” è un tabù; dove i rifugi si trasformano in alberghetti/ristoranti; dove in piena riserva integrale di alto valore come habitat dell’orso si organizzano da qualche anno mostre artistiche con danneggiamento alla vegetazione e disturbo alla fauna per richiamarvi escursionisti; dove gli orsi vivono ormai più come barboni nei paesi dove elemosinano cibo “urbano”, che non nelle loro antiche foreste e montagne sempre più prive di cibo “rurale”!

La Repubblica. 8 aprile 2023

    Qui parla Luigi Boitani, il noto zoologo, ma che non è per niente affatto esperto di orsi: caso mai solo di lupo! Egli riferisci che all’epoca del progetto Life per l’introduzione di orsi dallo Slovenia, in Trentino un sondaggio aveva visto il 70% della popolazione favorevole, ma non ci dice che quella positività era dovuta al fatto che l’autoctono orso del Trentino storicamente mai, o molto raramente, aveva aggredito qualcuno; mentre l’orso sloveno ha un carattere aggressivo ben superiore a quello dell’originario orso trentino o dell’orso marsicano. Carattere comportamentale di cui gli studiosi erano bene a conoscenza, del quale però nessuno ha ritenuto di allertare la popolazione! In quanto alla possibilità dell’abbattimento, va riconosciuto a Boitani il cambio di linea, in quanto ai tempi delle prime aggressioni non letali, se non erro, anche lui era tra quelli che sostenne il non abbattimento di quegli esemplari! Così come per anni ha sempre sostenuto la non pericolosità dei lupi e che non era il caso di ridurne il numero, cosa poi rimangiatasi di fronte all’abnorme crescita della popolazione, ma sempre con molto riluttanza (al massimo il “5%”! Che è come dire nessuna riduzione!). Oggi ci vuole il coraggio di dirlo, e senza troppi paletti e sofismi (e timore di perdere consenso popolare!), se si è VERI esperti: orsi e lupi vanno tenuti sotto controllo numerico, come si fa in America, per stessa ammissione di Boitani!

La Stampa. Domenica 9 aprile 2023

    Scrive il solito tuttologo di ambiente e natura (in realtà solo apprezzabile quando scrive di geologia e problemi attinenti) Mario Tozzi, che quando scrive di animali a causa delle sue idee animaliste ed anticaccia perde ogni obiettività. Ad esempio, in questo articolo si dilunga a spiegare ai lettori come l’orso non si cibi della carne umana, convinto di smentire una diceria. Peccato che nessuno abbia mai scritto che l’orso attacchi l’uomo per predarlo e mangiarselo! Si è sempre scritto che l’orso può essere aggressivo verso l’uomo, che è una cosa diversa! Questo avrebbe dovuto limitarsi a dire, ma dato che non lo poteva smentire e voleva comunque giustificare l’aggressione, perdonare l’orso, ecco che mistificando i fatti ha fatto crede ai lettori che l’orso non è un predatore verso l’uomo! Certo, caro Tozzi, perché l’orso quando aggredisce l’uomo lo fa solo per difendere i suoi diritti alla quiete o i suoi cuccioli. E questo potrà sempre succedere, che piaccia o meno a Mario Tozzi, e non esiste comportamento che eviti in assoluto il rischio di aggressione. A meno di…. riservare certi territori esclusivamente all’orso!  E su questo sarei d’accordo. Quindi, si, è giusto spiegare alla gente che di fronte ad un incontro con un orso, è il caso di stare fermi o di muoversi molto lentamente. Oppure di portarsi appresso bombolette di spray urticante. Ma è illusorio credete che tutti siano poi in grado di comportarsi nel modo giusto. Mario Tozzi compreso! Non esiste possibilità di “convivenza” con la certezza che mai nessuna aggressione avverrebbe, come egli cerca di far credere. Convivenza significa accettare il fatto che, “convivendo”, si accetta che ogni tanto accada qualche aggressione, anche mortale! Negarlo è solo una grande bugia! E quando l’aggressione è mortale, non resta che l’eliminazione dell’orso responsabile. O di condannarlo a quel fine pena mai che non si augura neppure all’uomo!

    Da notare come in tutti gli articoli che hanno teso, se non a giustificare almeno a scusare il comportamento dell’orso, si sia evitato di illustrare ai lettori il modo terribile del come sia morto il povero Andrea Papi. Probabilmente per loro ignoranza. Ed è invece il fatto più grave che andava raccontato per far capire perché questi orsi quando si dimostrano aggressivi al punto tale da giungere a superare la barriera psicologica che li faceva tenere lontani dall’uomo, devono essere assolutamente eliminati. Questo proprio per evitare che possano ripetere le aggressioni. E dico eliminati, perché proprio perché amo questi animali, per me è insopportabile l’idea di doverli tenere imprigionati per tutta la loro vita: un fine pena mai che sarebbe un ingiustizia e un trattamento deprecabile, più grave che non la loro eliminazione rapida e indolore. La gente deve sapere che Andrea Papi, non è morto come tutti forse pensano, semplicemente perché “ferito e morso” dall’orso, ma presumibilmente dopo essere stato letteralmente torturato per almeno mezz’ora o forse anche più, dall’orso! La gente deve sapere che l’aggressione è giunta fino alla morte dell’aggredito, e ciò sta a significare che prima delle ferite mortali, l’orso ha “giocato” infierendo per lungo tempo sulla persona; né più né meno, ed anche più ferocemente, di come fanno i gatti quando catturano un topo. Chi non ci crede, si vada a leggere i rapporti e libri che descrivono come sono avvenute le aggressioni all’uomo di orsi bruni e grizzly in America, spesso narrate da chi è sopravvissuto. E solo dopo abbia il coraggio di dire di essere contrario all’abbattimento dell’orso che ha ucciso Andrea Papi! E se non basta, si veda almeno la scena del film Revenant, dove il fatto – peraltro vero – è molto ben rappresentato (evidentemente il regista si è consultato con VERI esperti!). Quindi, non sono stati “gli ultimi drammatici istanti di vita […] per poi esser e trascinato per una settantina di metri tra gli arbusti e il bosco” (Il Corriere della Sera), né “ha combattuto per infiniti minuti” (La Repubblica). Quella settantina di metri Andrea Papi li ha presumibilmente trascorsi mentre era ancora vivo, trascinato da un orso che ci “giocava” e che forse ci ha giocato anche per mezz’ora o forse più! Questa è la cosa tragica, e terribile, che ai lettori andava detta! Solo che dicendola si fomentava ancora più l’idea che quell’orso debba essere a sua volta ucciso. E forse è proprio questo che non si voleva/doveva dire… per essere politicamente corretti!

    Così come l’altro non detto – o poco detto! – è che quando si è deciso la introduzione di esemplari dalla Slovenia con la scusa che il DNA di quegli orsi era lo stesso (ma lo è veramente?), è stato considerato sì l’aspetto genetico, ma purtroppo ignorato quello comportamentale e, forse, anche quello fenotipico. Un errore fatale che si sarebbe forse potuto evitare importando pochissimi individui ed attendere che con la riproduzione nei soggetti formanti la popolazione riprendesse il sopravvento il DNA dell’orso trentino originario (come stanno facendo i francesi per il loro orso dei Pirenei). Purtroppo, si è avuto fretta di avere una popolazione “vitale”, ed ecco il risultato: orsi sloveni al posto dell’antico orso trentino! Con tutte le conseguenze del caso. Ed ora il rischio è di dover nuovamente riportare numericamente la popolazione sotto quella soglia ritenuta “vitale” (ma anche su questo numero ci sarebbe da discutere)!
Murialdo, 11 Aprile 2023                                                
 
 
Franco Zunino
Segretario Generale AIW


Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.175.93
Aggiungi un commento  Annulla 

18 commenti finora...

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Quando si inizierà a prendere in considerazione che a dilaniare e sbranare il povero runner abbiano partecipato i 3 teneri orsacchiotti di Jj4?
Perché se la teoria difensiva era quella di mamma intenta a difendere appunto la prole (da uno che correva sereno su un sentiero...), visto l'accertamento dei fatti sembrerebbe più l'azione di una mamma che insegna ai figlioli a cacciare...l'uomo.
Proprio come fa mamma gatta col topo incoraggiando i piccoli all'azione: trascinato per 70 metri e poi smembrato, rendetevi conto degli ultimi terribili minuti di vita di questo inerme ragazzo!
Perché non si vuole accettare questa natura dei fatti, assolutamente naturale essendo l'orso in natura predatore e noi preda?
Per soldi, questi progetti si fanno per i contributi e solo collusi e fanatici possono negarlo.

da Inerme  13/05/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Giusto perché si parla di corretta informazione:

1.
"...da parte di uno degli esemplari di orsi sloveni introdotti in Trentino..."
Non si tratta di un orso sloveno, ma di una orsa nata in Trentino (quale poi sia l'origine della coppia genitoriale, è un altro discorso).
2.
"...ma che di fatto la hanno letteralmente sostituita, avendone immessi un numero tale che il poco materiale genetico sopravvissuto si è praticamente estinto..."
Si tratta di animali facenti parte della medesima popolazione, cioè quella alpino/dinarica; geneticamente Ursus arctos arctos. Quindi non so a cosa si riferisca il "quel poco materiale genetico sopravvissuto".

da Carlo  27/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Comunque sia.... un altro morto poco ma sicurissimo ci sara'' , chi finira' in galera per questo o linciato dai parenti? Ma di che stiamo parlando, un animale che si permette di sbranare esseri umani e questi dementi verdi wwf tar che danno ragione a loro??? ma stiamo scherzando! gli orsi debbono sparire con una legge ad ok.

da Sandro  17/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Segnalarlo si, perche' questi soggetti possono trasformarsi in assassini quando vedono che non riescono a cambiare il mondo. Un soggetto con gravi disturbi della personalita' che nessuno si fila al di fuori di questo forum

da Sandro  17/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Sicuro al 99% e' in cura all'asl, sono questi figli di papa' malati e viziati che girano con la smart di lusso e cappellino in testa segue la leccafihga della schlein un altra malata di mente come lui.

da Sandro  17/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Orso / Amleto/ Veneto solo un fanatico del tuo stampo "crede" di essere furbo mentre è un perfetto CRETINO !!

da vai a lavorare ecoterrorista  17/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Non sapete distinguere il modo di scrivere, commentare ed altro tra veri nikname e questo è frutto di una vostra invidia ed ignoranza pura. Fate un miscuglio laddove ognuno scrive segliendo un proprio nikname senza appropriarsi degli altrui come fa qualcuno di voi che si appropria di quello del Veneto ed altri. Siete il nulla del nulla e niente di più. Meno male che vi sono cacciatori professionisti e seri che con voi non hanno nulla da spartire. Evviva gli animali selvatici..

da Orso  17/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

ma vi rendete conto che Amleto, Orso , Veneto è la stessa persona ? questo è un fanatico pericoloso un eco.terrorista del kaiser da rinchiudere subito con bel TSO.

da vai a lavorare ecoterrorista  17/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

tutti voi animalati prima o poi incontrerete un animale pericoloso sulla vostra strada e questo vi mandera' fuoristrada e morirete , pace e bene al montanaro del cxxo!

da Venetano hai rotto ercxxxx scemo!  17/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Amleto, lascia perdere, non sanno fare discernimento tra il bene bene ed il male.

da Orso  16/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

X Arturo ment3catto, mica l'ho scritto io "assassino", ma quelli della tua risma. Se volte usare certi termini usateli anche verso la vostra categoria, visto che persone ne muoiono di gran lunga di più per le vostre fucilate del c4zz0 che per aggressioni di animali selvatici. Adesso spero ti più chiaro il concetto.

da Amleto  16/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Amleto rincogli@nit@ completo !! Anche al prossimo incidente stradale con il morto bisognerà scrivere
Autista Assassino . Come cazz@ ragioni ??

da Arturo  16/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Ehilà Zunino, insomma tu ne sai più di tutti. Ma allora com'è che quelli di cui parli li conoscono tutti e a te non ti conosce nessuno tranne i tuoi 4 tesserati? Ah, poi visto che parli di obiettività e lanci accuse di partigianeria, sìì coerente : la prossima volta che un cacciatore uccide qualcuno, e succederà presto visto che tra qualche mese la caccia riapre, fai un bell'articolo da pubblicare qui, intitolato "cacciatore assassino".

da Amleto  15/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Un orso non può essere lasciato libero, vicino ad un paese od a una comunità di persone,è un orso,non è un canietto ma è un bestione!!!. Lo si può far vivero in una vasta zona con una recinsione alta robusta,con corente elettrica (che non scappi di li).Così altre speci agressive leoni,pantere, ghepardi,ecc. Prima di portarli in quel territorio, bisognava seguire queste regole elementari.

da Marco Cozzi  15/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

i magistrati del tar sono assassini... hanno ucciso andrea per la seconda volta...

da Pippo  14/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

Franco Zunino Presidente della Repubblica.Purtroppo la quasi totalità degli esperti italiani di fauna selvatica non conosce assolutamente la materia e blaterando in qua e la, si crea un immagine (anche televisiva) che rende parecchi soldi.Mi fermo qui ma ce ne sarebbero da dire di grosse su questi personaggi che con la notorietà acquisita da esperto tarocco hanno partecipato , sempre da esperti, a trasmissioni televisive inqualificabili. Rispetto e dolore alla famiglia del povero Andrea che deve aver sofferto in modo inenarrabile e disprezzo per chi cerca di nascondere la verità per motivi ideologici

da 1 toscano  14/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

hanno già bloccato tutto gli stronzi verdi...

da red  14/04/2023

Re: Orso assassino del Trentino: quante omissioni e mistificazioni!

i nostri verdi idioti hanno fatto la stessa cosa con il lupo... ed ecco i risultati...li hanno portati anche da noi in Trentino .... altrochè arrivati ?!!! si con il camion della wwf.... maledetti verdi vegani anticaccia ecc.

da Trento  13/04/2023
Cerca nel Blog
Lista dei Blog