Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2022>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug19


19/07/2022 14.09 

 
 


“Quando vai a caccia non sai mai cosa la vita  ha riservato per te quel giorno!” Ho ripetuto talmente tante volte questa frase da averne perso il conto, perché è inutile fare progetti, studiare nuove tecniche  o sperimentare  stravaganti strategie, tanto alla fine è sempre il destino, o il fato a dir si voglia, che determina il risultato finale di una battuta, nel bene e nel male, senza se senza ma. Nell’ambiente venatorio di un certo livello è noto che esistono grandi  cacciatori,  che pur di catturare un selvatico molto raro o dal trofeo particolarmente importante spenderebbero una fortuna, sia in fatto di tempo sia in vil denaro. Sarebbero capaci di tutto pur di togliersi la soddisfazione di essere riusciti dove in molti hanno fallito.
 
Personalmente credo che questo non sia un  fenomeno da criticare, anzi, caso mai dovrebbe essere il contrario, perché quando si possiede una grande passione e i mezzi necessari  per appagarla con impegno e serietà è sempre un bene. Ovviamente manie e fissazioni sfiorano la malattia ma se un cacciatore desidera cacciare un selvatico particolare, senza arrecare alcun  male agli altri, perché non può farlo?  Detto ciò, senza scomodare le grandi pecore asiatiche, i trofei europei Kapital e le anomalie che si possono trovare in natura come melanismo, albinismo e altre forme strane, chi di noi non ha mai avuto un sogno, diciamo venatorio, nel cassetto? Magari un cinghiale dalle difese spaventose, un camoscio di vent’anni dal grande trofeo uncinato, un cervo coronato di tredici chilogrammi o un capriolo  col palco da oltre 700 grammi di peso?
 
Personalmente ho cacciato moltissimo il Folletto Rosso dei boschi, riuscendo addirittura ad abbattere due esemplari albini, una femmina  con le corna ed un piccolo col trofeo di un adulto, ma il mio sogno è sempre stato quello di catturare, o almeno  riuscire semplicemente di vedere, un capriolo parruccaio, oppure un maschio dal trofeo particolarmente interessante, raro, anzi magari…unico, senza averlo mai cercato né visto prima! Immagino l’emozione che un cacciatore possa provare quando accadono questi fenomeni, se capisci oppure no l’immenso regalo che ti viene fatto dalla vita. Ecco, io sono uno di quei, spero tanti  cacciatori   a cui per l’ennesima volta il destino ha voluto fare  ancora un splendido regalo, chissà, forse come premio, per quanta passione ed impegno ha dedicato alla caccia in tutte le sue sfumature per tutta la vita. La caccia di selezione al cinghiale è aperta più o meno tutto l’anno, mentre quella  estiva al capriolo procedeva nell’intero ATC piuttosto male,  forse a causa della tremenda siccità che imperversava, ma anche sicuramente per l’eccessiva, devastante presenza di branchi di famelici lupi, ormai divenuti una piaga dilagante in tutta Italia. 
 
 
Dal registro interno del nostro distretto sapevo che erano stati abbattuti alcuni maschi ma non mi risultava che tra essi ci fossero portatori di trofei eccezionali. Anche io, come tutti i cacciatori del comprensorio, ero geloso delle mie zone, che monitoravo frequentemente sia il mattino sia la sera, ma  di movimento di selvatici ne vedevo sempre meno e più di cinghiali che di caprioli. Fu così che decisi di dedicarmi maggiormente alla caccia dell’irsuto piuttosto che a quella al timido cervide. E una fresca mattina di metà giugno (si fa per dire..), presi dalla rastrelliera la mia ultra fidatissima carabina Bergara B 14 Green Hunter calibro 308 W, equipaggiata con un bellissimo cannocchiale Delta Titanium HD 2,5 – 15 x 56 con reticolo illuminato e me ne andai speranzoso a cacciare in una zona dove sapevo che qualche cinghiale era solito frequentare un campo seminato a biada. Come mia abitudine arrivai in zona presto, ma non prestissimo, controllai che la direzione del vento fosse favorevole e poi cercai di far coincidere al minuto il raggiungimento dell’appostamento con la luce necessaria per poter tirare con precisione. Volevo essere operativo appena sarei arrivato nel punto esatto da dove avrei avuto una completa visuale del campo seminato, pronto ad ogni evenienza con la carabina carica, senza sicura e i copri lenti dell’ottica aperti.
 
All’alba da quelle splendide colline si ha una vista davvero mozzafiato, tanto che se ti soffermi a guardarla può capitare anche di distrarti. Mi riscossi dal torpore provocato da quella visione idilliaca per impugnare il mio Leica Geovid 8 x 56 HD e nelle limpidissime lenti avvistai immediatamente una singola, quanto inconfondibile sagoma, china a cibarsi dei ghiotti, succulenti chicchi di biada. Evidentemente il grosso cinghiale doveva essere già fuori nel campo chissà da quanto tempo, perché mangiava e camminava contemporaneamente, avvicinandosi lentamente al limitare del bosco. Il selvatico doveva aver già riempito il suo grande stomaco e sicuramente non vedeva l’ora di rientrare nel folto per riposare tranquillamente nella penombra del suo forteto. Ma la sua ingordigia e la sua golosità gli costarono la vita. Mollai il binocolo, impugnai veloce la Bergara già pronta al tiro  con in canna una cartuccia ricaricata con  palla Nosler Ballistic Tip da 165 grani, cercai un buon appoggio dove adagiare il bipiede Harris  e mi preparai al tiro. La distanza era sui 100 metri, forse addirittura meno, avrei potuto quindi tentare un tiro “chirurgico” alla testa o al collo, ma siccome l’intero animale a volte scompariva  in quel mare verde pallido, mirai alla spalla e feci fuoco.
 
 
 
Il tiro fu ottimo e l’abbattimento perfetto solo che avrei dovuto organizzarmi bene per il recupero per due ottimi motivi:  primo perché il cinghiale era un bell’animale di circa una ottantina di chili, secondo perché, trovandosi all’interno di un campo coltivato, avrei dovuto sollevarlo di peso per non rovinare la preziosa cultura in atto. Operazione impossibile da fare da solo, così chiamai i miei due soliti amici-colleghi che non si fecero pregare per aiutami nell’ardua impresa. Non era ancora sorto del tutto il sole che mi ero già ritrovato con un bel cinghiale da sistemare nel bagagliaio della macchina, ma la giornata era ancora giovane e stranamente con il sopraggiungere del  giorno  non erano cresciuti né il calore, né il senso di arsura e neanche il fastidio provocato dagli insetti. Come ho già detto, credo che doveva essere stato tutto scritto sin dall’inizio perché, invece di raccattare tutte le mie cose come avrebbero fatto in molti ed andare a sistemare per bene la spoglia del verro abbattuto, presi una decisione insolita, che non faccio quasi mai. Decisi di chiudere l’uscita al cinghiale e di aprirne una nuova al capriolo, visto che le zone di caccia sono più o meno le stesse. Durante le fasi della caccia sono molto metodico, piuttosto monotono. Dopo aver rimpiazzato nel caricatore la 308 sparata ripetei alla lettera le stesse operazioni fatte poco tempo prima. Carabina nel fodero , zaino in spalla e via.
 
Ogni buon selecontrollore  sa bene  che il capriolo è un ungulato decisamente particolare, molto timido, schivo, furbo ed anche scaltro ma ha una caratteristica che lo contraddistingue: possedendo uno stomaco piuttosto piccolo ha bisogno di cibarsi poco ma..spesso! Infatti non è raro vederlo apparire in un prato alle ore più impensabili del giorno. Occorre avere solo un po’ di fortuna e tanta pazienza. Io di fortuna ne avevo avuta già abbastanza, di pazienza ne ho forse il giusto, poi, standomene comodamente seduto dietro ad una grossa pietra che avevo scelto come appoggio, non mi annoiavo di certo perché dovevo mandare per Wapp le foto del cinghiale appena abbattuto ai miei amici “rosiconi”! Comunque, forse nel sublimale, me lo sentivo che sarebbe dovuto accadere qualcosa di straordinario, perché ogni tanto mi affacciavo fuori dal mio riparo per vedere se nei prati antistanti fosse uscito qualcosa d’interessante. 
 
Durante l’ennesimo “capolino” mi sembrò di scorgere dei piccoli movimenti sul limitare del bosco. Uno in particolare attirò la mia attenzione, come se un ramo di un albero venisse strattonato leggermente verso il basso. Incuriosito, misi via il telefonino e decisi d guardare meglio quel perimetro di bosco direttamente attraverso l’ottica da mira! Ci sono delle zone in Maremma dove i selvatici sono veramente elusivi, si fanno vedere per pochissimi minuti a tutte le ore del giorno e quando hai l’occasione di avvistarli devi essere velocissimo nel valutare il capo e conseguentemente nell’eseguire il tiro, specialmente ora che ci sono in giro più lupi che ungulati! La carabina era immobile sul suo bel bipiede, già puntata verso un cespuglio da dove, poco dopo, s’affacciò una sagoma rossiccia.
 
 
 
Caspita, è un capriolo! La distanza questa volta era vicina ai duecento metri, così usai i forti ingrandimenti del cannocchiale come un mini spektive per valutare il sesso e la classe di appartenenza dell’animale. Vidi subito che era un maschio adulto, ma nell’ombra della vegetazione non riuscivo a valutare bene  l’entità del trofeo. Cercavo un maschio adulto, lo avevo a tiro, cosi non persi del tempo prezioso e mi predisposi subito dietro l’arma, posizionando il reticolo sulla  spalla quattro dita sopra il centro. Quando percepii che tutto fosse al posto giusto: respirazione, arma, posizione del selvatico.. sparai. Con l’ottimo appoggio che avevo, vidi il capriolo cadere sull’ombra direttamente all’interno dell’oculare del cannocchiale e fui soddisfattissimo del risultato. Colpo e abbattimenti perfetti. 
 
Scaricai l’arma, recuperai il bossolo sparato, raccolsi tutta la mia attrezzatura e mi avviai a concludere quella splendida giornata di caccia senza che niente che mi facesse presagire quel che avrei trovato ad attendermi. Nel punto in cui era caduto il capriolo l’erba era piuttosto alta così persi tempo a trovarlo, ma quando infine ne individuai il corpo in un piccolo avvallamento e mi avvicinai per ammirarne il trofeo da vicino rimasi letteralmente senza fiato. E dire che di esperienze venatorie eccezionali ne ho vissute davvero tante nella mia lunghissima carriera di cacciatore. Potete credermi sulla parola, quel che vidi mi ..disorientò.
 
La mattinata era cominciata decisamente bene, ma chi se lo sarebbe mai immaginato che sarebbe finita in quel modo? Se non ho abbattuto il più bel capriolo nella storia di tutta la caccia in Maremma, sicuramente è stato il più particolare, il più.. raro! Il sogno proibito di molti cacciatori italiani, anzi forse di tutto il mondo! E averlo catturato in una zona dove praticamente caccio tutto l’anno praticamente da sempre è stata una soddisfazione indescrivibile, intensissima. Pensai che un trofeo così dovevano averlo visto davvero in pochi o forse nessuno! Per la descrizione del palco vi rimando alle foto allegate. Ritengo praticamente superfluo ogni commento. Per qualche ora (ma lo sono tuttora!) fui l’uomo più felice dell’universo e non ho vergogna ad ammetterlo. Mi toccò richiamare uno dei miei soliti amici (che lavorava poco distante) perché un animale così doveva essere immortalato nella zona di caccia dove aveva vissuto , dove era entrato nella leggenda e dove paradossalmente io gli avevo dato “l’immortalità”.
 
Dov’ero, potevo godere di un paesaggio splendido, con il sole nascente che illuminava progressivamente Capalbio, Manciano e tutti gli immensi boschi, i campi coltivati e i prati selvaggi che li circondano. Stavo davvero vivendo un sogno in un ambiente da favola. Spero che le fotografie che corredano il racconto siano in grado di esprimere al meglio la bellezza e l’unicità di quel magnifico animale e del suo eccezionale trofeo,  che tuttora è oggetto di studi e di ricerche, non solo da parte dell’ATC di cui faccio parte, ma da molti amici e conoscenti appassionati che, come m, sono curiosi di capire come possa essersi formato un palco simile, un nove punte anomalo di questo genere. Per ultimo vorrei ricordare a tutti i colleghi selecontrollori italiani che nel nostro splendido paese ci sono bellissimi animali e che non bisogna mai disperare d’incontrarli. Occorre continuare a cacciare con passione e dedizione, sperando un bel giorno che  la fortuna decida di farci un bel regalo!                                                                

Marco Benecchi
 
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.134.58
Aggiungi un commento  Annulla 

7 commenti finora...

Re: “IL MIO CAPRIOLO semplicemente…. ECCEZIONALE!”

sono 40 anni che piglio cinghiali cervi daini caprioli e anche marmotte olo con la tacca di mira e questi deficenti non pigliano un elefante senza l'ottica da 4000mila euro ma e' possibile una cosa del genere????

da Ma andiamo belli su tornate ai vecchi tempi. capis  06/08/2022 13.04

Re: “IL MIO CAPRIOLO semplicemente…. ECCEZIONALE!”

Un poco dico un nente.. ma un poco, ritornare alla caccia di un tempo e' indispensabile!!! Siamo diventati robot ,un po meno tecnologia .ma dai ho sempre preso i cinghiali caprioli daini e cervi solo con la tacca di mira oggi nopn pigliano un animale se non hanno l'ottica da 4 mila euro !! ma che ci siamo scimoniti!=?

da Ma andiamo belli su tornate ai vecchi tempi. capis  06/08/2022 13.02

Re: “IL MIO CAPRIOLO semplicemente…. ECCEZIONALE!”

Cosa dire ,Marco che gli vuoi dire? Uno che ha anni di esperienza sul campo , non ci sono parole commenti da fare se ti dice quello quello e' , difficile che spari una buffonata oppure una qualche bugia.

da Ugo ugone  04/08/2022 13.42

Re: “IL MIO CAPRIOLO semplicemente…. ECCEZIONALE!”

Cosa c'e da commentare su un' azione di caccia se non c'e' nulla di strano, stravagante o sbagliato? E' un 'esperienza personale e unica, indipendentemente dal trofeo,. E' quello che e' e si dice che ti tace acconsente. Non siamo mica su youtubbe o fbk dove si mettono faccine e commenti per gli speculatori della rete....
I commenti si possono fare su cose oggettive oppure prassi palesemente poco ortodosse...

da Flagg  04/08/2022 11.37

Re: “IL MIO CAPRIOLO semplicemente…. ECCEZIONALE!”

Il critico letterario il beccamorto ah ha ha non sa leggere e commenta .

da Ugo  31/07/2022 7.27

Re: “IL MIO CAPRIOLO semplicemente…. ECCEZIONALE!”

I racconti, come anche i libri..
DEVONO essere SOLO letti...
Non commentati!
Posso GARANTIRLE che il racconto è stato letto da migliaia di persone!
Poi...
Cosa ci sarebbe da commentare?
Un capriolo cosi è come la cometa di Halley...
Saluti
MB

da Marco Benecchi x Critico letterario  30/07/2022 16.31

Re: “IL MIO CAPRIOLO semplicemente…. ECCEZIONALE!”

Racconto di grande successo! Dozzine di commenti favorevoli!

da critico letterario  30/07/2022 6.51
Cerca nel Blog
Lista dei Blog