Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2022>
lunmarmergiovensabdom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012
3456789
Mensile
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
lug1


01/07/2022 10.31 

 
“Grazie Dio per averci regalato anche oggi una splendida giornata di caccia”! E’ una bella frase che ripete spesso Sandro, un mio vecchio compagno di caccia e d’avventure, dopo che un’improvvisa crisi mistica l’ha trasformato da peccatore in santo! Ed un bel  mattino d’autunno  le condizioni affinché quella giornata fosse veramente bella c’erano tutte, se non fosse stato per un piccolo particolare…

Quando raggiungemmo la zona di caccia, un sole splendido ed una temperatura talmente mite da sembrare più estiva che autunnale (nonostante fosse il dieci di novembre!) ci accolse piacevolmente. Sopra alle nostre camicie di cotone leggero sia io sia Marco, il mio compagno di caccia, indossavamo soltanto il gilet alla “cacciatora” e nient’altro. La stagione venatoria in corso era alquanto singolare perché, forse anche a causa del caldo, di fagiani ne avevamo sempre trovati pochi, ma in compenso gli incontri erano stati costanti. Quel mattino avevo deciso di battere una collina veramente meravigliosa, ma che in molte altre occasioni mi aveva fatto maledire d’esserci stato. Una volta, ad esempio, un cinghiale ferì abbastanza seriamente uno dei miei setter.
 
Un’altra volta Jack, lo Jagd Terrier, partì a canizza alle otto del mattino e ritornò stremato che erano le quattordici passate. Per non parlare poi di qualche “inspiegabile” padella. Insomma, dove guardavo vedevo solo brutti ricordi, ma la bellezza del territorio e la ricchezza di selvaggina compensava ampiamente il tutto. Accesi i miei collari satellitari, aspettai che si “triangolassero” coi satelliti e poi li misi al collo a tre dei miei quattro cani: ai due setter giovani ed allo Jagd. La “vecchia” Kira è troppo affezionata al suo beeper personale. Sull’uso più o meno etico di certi accessori elettronici non mi voglio pronunciare, ma posso soltanto dirvi che dopo aver cacciato per un anno con i miei localizzatori BS - Bitrabi, non credo che sarei più in grado di farne a meno. E colgo l’occasione per ringraziare Sauro Bazzani di Gaggio Montano (BO) per averli progettati e costruiti. Caricai il mio Marocchi SRi con una corazzata RC Caccia “Piccione” del 7 in canna e due Winchester High Speed del 5 nel serbatoio. Ero pronto. Sono più di trent’anni che caccio i fagiani con i cani da ferma e tutte le volte lo faccio sempre con la stessa serietà e con lo stesso cipiglio. Sono del parere che a caccia “O ci si va per bene o non ci si va per niente” quindi, dato che conoscevo molto bene le abitudini dei selvatici che vivevano in quella zona, diedi a Marco delle disposizioni molto precise. Gli ordinai di starmi abbastanza vicino e di seguire attentamente il lavoro dei cani, ma anche di mantenersi sempre al pulito per avere una buona visuale di tiro. Per usare un linguaggio “da cinghialaio”, io avrei fatto il canaio – battitore, mentre Marco sarebbe stata l’unica posta. Secondo il mio parere, i fagiani “veri”, quelli nati e cresciuti liberi nei parchi e nei divieti, sono i selvatici da piuma più furbi e più scaltri in assoluto. Giorni addietro i miei setter avevano fermato, guidato, fermato e guidato ancora, un fagiano per tre – quattrocento metri e quando il furbissimo gallinaceo aveva finalmente deciso d’involarsi l’aveva fatto silenzioso e immancabilmente fuori tiro. Ma quel mattino eravamo in due ed io ero molto ottimista che sarei rimasto estasiato da un fragoroso frullo, che Marco sarebbe riuscito a tirare un paio di colpi e che i miei cani avrebbero avuto l’occasione d’imboccare qualcosa. Stavamo cacciando da circa un’ora e mezza quando Bianca e Drago agganciarono la pista giusta. Era una gioia per gli occhi e per il cuore vederli lavorare in coppia. Kira non sapevo dove fosse e Jack non lo vedevo e non lo sentivo già da un pezzo. Dopo diversi minuti di silenzio surreale, trillò il palmare BS che avevo in tasca. Drago era in ferma! Pochi secondi dopo mi arrivò la conferma “elettronica” che anche Bianca era in consenso. Non passò molto tempo che un forte battito d’ali ruppe la pace nel bosco. “Occhio Marco che arriva!” gridai. Il fagiano (non sapevo se era un maschio od una femmina perchè non aveva cantato quando s’era involato), per rientrare nel divieto avrebbe dovuto per forza attraversare il prato incolto dov’era appostato Marco. Ed infatti tre colpi in rapida successione mi confermarono che avevo previsto giusto. “L’hai fatto?” domandai “Macchè! Gran bella padella. Era un maschione con una coda lunga un metro!” rispose l’amico avvilito. “Su con la vita, sono cose che succedono. Se non è rientrato nella riserva lo ritroviamo di sicuro”, gli dissi per rassicurarlo. Poi chiamai a raccolta la truppa per fare il punto della situazione. Faceva un caldo infernale, ma i miei quattro Fratelli di Macchia pelosi erano bene allenati e smaniosi di riprendere la caccia. L’unico problema era che, secondo le indicazioni di Marco, il fagiano doveva essersi rifugiato in un canalone molto sporco ed impervio. Pazienza: “Quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare”.
 
 
 
 
M’inoltrai nel fitto in silenzio, i miei cani non hanno certo bisogno d’essere incitati, anzi, spesso è il contrario, devo tenerli a freno se voglio mantenere un minimo di collegamento, così, mentre cercavo un varco tra rovi e marruche dove poter passare, sentii il primo abbaio a fermo. Era Jack, il mio piccolo, grandissimo, coraggiosissimo guerriero teutonico. Ebbene sì, lo ammetto, ho un debole per quel diavoletto nero tutto nervi,  muscoli e zanne! Con un gesto fluido e naturale sostituii la cartuccia in canna e le altre due nel serbatoio con tre palle Gualandi. Ma guarda che svolta ha preso la cacciata! Sentendomi arrivare, lo Jagd si fece più aggressivo e subito udii uno sfrascare sulla sinistra. Eccolo! Pensai. Puntai il Benelli in quella direzione ed invece di veder apparire un bel cinghiale, mi vennero quasi addosso tre grosse istrici. A quel punto mi preoccupai parecchio, perché per bene che fosse andata, Jack ne avrebbe sicuramente azzannata almeno una, con tutte le conseguenze del caso. Mi preparai per afferrare al volo il famelico Terrier all’inseguimento dell’allegro terzetto, quando invece non lo sentii neanche più abbaiare. Cosa stava accadendo? Forse gli istrici dovevano essere quattro e Jack stava inseguendo l’altra dove non potevo sentirlo? Ma intuivo che qualcosa non quadrava. Come mai non lo sentiva più neanche Marco? Dove diavolo s’era cacciato Jack? No problem! Presi il palmare, selezionai il Canale UNO, quello memorizzato per Jack, pigiai il tasto POSIZIONE ed attesi i canonici dieci secondi. Quel che apparve nel display mi fece gelare il sangue. Il BS 101 mi confermava “con precisione millimetrica!” che il cane doveva trovarsi proprio dov’erano le istrici. Ma allora perché non le aveva inseguite? Perché non rispondeva al richiamo? Perché non lo sentivo abbaiare? Stava male? O addirittura peggio ancora? Chiamai Marco e tutti insieme, setter compresi, cominciammo a setacciare la zona. Fu il mio amico a trovare le buche nel terreno. Erano due rettangoli irregolari di non più di trenta centimetri per venti di lato. Che fossero degli ingressi di tane non c’era alcun dubbio, ma mi sembrò impossibile che da quelle asole buie potesse entrare od  uscire un animale della mole di un istrice o addirittura quella di un Terrier adulto. A fugare ogni dubbio, che almeno avevamo trovato quel che stavamo cercando, furono i rumori che sentimmo giungere dall’interno. E non erano dei bei rumori. Laggiù, sotto terra, si stava compiendo una tragedia. Ai ringhi di Jack si sovrapponevano i versi gutturali dell’animale aggredito. La posta in gioco era alta: la vita. Chiamai Jack con quanto fiato avevo in gola, ma il mio richiamo invece di farlo uscire dalle buche, sortì l’effetto contrario. L’aggressivo cane, incoraggiato dalla mia presenza dovette sferrare l’attacco decisivo, perché dopo pochi secondi non sentimmo più niente. Io e Marco restammo ad aspettare immobili come due statue per un paio d’ore a ridosso di quel terreno scosceso. Eravamo preoccupati ed assetati, ma soprattutto indecisi sul daffare. Ma guarda cosa mi doveva capitare oggi, maledettissima collina! Cosa gli era preso al cane, non l’aveva mai fatto prima. Jack, anche se attacca tutto e tutti ed ha un odio smisurato per i gatti, i caprioli, i daini e i cinghiali non era mai entrato in una tana. Se c’è una tecnica di caccia che non ho mai praticato, e di cui non ho nessuna esperienza, è proprio la caccia ai nocivi in tana. So soltanto che è crudelissima. Da sottoterra non giungeva più nessun rumore ed io cominciavo a preoccuparmi ed a pensare al peggio, comunque ci vuole ben altro per farmi scoraggiare. Decisi di giocarmi subito la mia carta migliore: Francesco. Francesco è un caro amico specializzato in istrici, tassi, volpi e tane. E’ un vero esperto di Terrier e di tutto quello che riguarda l’arcano mondo “sotterraneo”. Gli telefonai che erano le dodici e lo trovai a tavola che aspettava di pranzare. Con poche parole gli  esposi la situazione e Francesco mi chiese soltanto: “Da quanto tempo non senti più il cane?”. “Da tre ore”. “Allora non pranzo neanche! Vengo subito. Ti serve niente?”. “Portaci solo un paio di bottiglie d’acqua”. Con quel caldo, il sole a picco, l’ansia e la tensione, io e Marco ci stavamo disidratando. Dopo neanche un’ora che avevo chiuso il cellulare, avvistai in lontananza l’atletica e giovane figura di Francesco. Camminava piano ma deciso, curvo sotto il peso di un grosso e vecchissimo zaino militare. Come ci raggiunse capii subito che averlo chiamato era stata la decisione giusta. Il suo zaino sembrava il marsupio di Eta Beta. C’era di tutto. In men che non si dica estrasse ed “ammanicò” (mise il manico) due pale e  due picconi, poi prese una roncola e cominciò a pulire un esile ramo in modo da farlo diventare come una lunga sonda. Sia io sia Marco eravamo molto affascinati da quel che faceva, evidentemente Francesco era nel suo mondo, mentre noi due degli intrusi. Francesco con estrema professionalità si chinò per esaminare le aperture nel terreno. Le annusò, controllò le tracce  e con la testa mezzo dentro e mezzo fuori prese ad ascoltare facendoci segno ti non far rumore. “Ok!” Credo che il cane sia entrato nella buca di sinistra. Adesso venite quà, fate entrare questo frustino e muovetelo, io mi devo allontanare per ascoltare. Impugnai il lungo ramo e con poca difficoltà lo feci scorrere nell’angusto cunicolo di sinistra. Quando fu entrato per tutta la sua lunghezza più il mio braccio per intero, presi a muoverlo con forza. Francesco stava sempre con le orecchie attaccate al terreno come avevo visto fare agli indiani nei film Western! Ad un tratto esclamò: “Ok! Basta così. Dobbiamo scavare qui”.  Felici di passare finalmente all’azione, tutti e tre prendemmo a scavare. Togliemmo trenta centimetri di terra, mezzo metro, un metro, la picconata decisiva la diede Marco e scoprimmo un tratto di cunicolo, costruito in modo così perfetto che non sembrava fatto da un animale. Ma quel che vedemmo non piacque a nessuno, c’era sangue dappertutto con manciate e manciate di “spingarde” (come noi chiamiamo gli aculei dell’istrice) sparsi per tutta la lunghezza. “Marco, non ti preoccupare del sangue, non è detto che sia “tutto” di Jack. Sicuramente lo Jagd deve averla attaccata da dietro, mentre l’inseguiva. E per ucciderla doveva prima farsi strada tra gli aculei. Tutto sommato è un buon segno”. Forse lo sarà stato per Francesco, non certo per il sottoscritto! Dopo aver allargato lo scavo ripetemmo la stessa operazione di prima. Io sempre con il bastone – sonda infilato lungo il nuovo cunicolo, nella direzione che sospettavamo avessero preso gli animali, e Francesco e Marco a fare i “Pellerossa” con le orecchie attaccate al terreno. Francesco ci confidò che di solito durante quelle operazioni si seguono come indicazioni gli abbai del cane, ma nel nostro caso dovevamo fare affidamento al rumore provocato dalla nostra sonda di legno.  Anche il fatto che il cane non lo sentivamo, non era poi troppo preoccupante. Potevano essere tanti i motivi perché Jack stava zitto.
 
 
Intanto il tempo passava veloce ed io cercavo di abituarmi all’idea di aver perso per sempre un buon cane al quale ero molto affezionato e che in tre anni di caccia mi aveva dato fin troppe soddisfazioni. “Dobbiamo riprendere a scavare in questo punto”, sentenziò il “capocantiere!” E le pale ed i picconi tornarono in azione nel punto esatto indicatoci da Francesco. Per fortuna non trovammo grosse pietre e/o sabbia, ma la siccità aveva fatto diventare il terreno duro come il marmo. Le nostre mani erano piene di piaghe e di vesciche, ma continuammo a scavare ininterrottamente. Quando mi attaccai all’ultima bottiglia d’acqua e vidi che ce n’era rimasta meno della metà, non bevvi. Decisi di lasciarla a Jack. Semmai fossimo riuscito a recuperarlo, sicuramente ne avrebbe avuto più bisogno lui di noi. Era il turno di Marco a scavare quando esclamò. “Il terreno suona a vuoto, forse ci siamo”. “Si! Dal puzzo dovremmo esserci!”, rispose Francesco facendosi avanti. Spettava a lui l’onore di togliere l’ultimo strato di terra. Eravamo arrivati proprio sopra al “fornello”, la tana vera e propria dell’istrice. Una piccola cupola a forma di forno dove quel simpatico animaletto era nato, era vissuto e dove aveva trovato una morte orrenda, ucciso da un nemico spietato che pur di seguire il suo istinto omicida aveva messo a repentaglio la sua stessa vita. Tante volte mi sono chiesto come mai certi cani sono così aggressivi e crudeli. Laszlo, il mio carissimo amico ungherese, patron dell’agenzia di viaggi venatori Lesli Club, grande appassionato di Jagd Terrier una volta mi ha detto: “Agli Jagd interessa soltanto uccidere, nient’altro”. E sono molto bravi ad uccidere, perché sono dei veri killer professionisti, che conoscono alla perfezione i punti deboli delle loro prede e sanno sfruttarli consapevoli della loro forza. La tana sembrava il set di un film dell’orrore, sangue, aculei e interiora sparsi dappertutto. L’istrice era morta ed in parte era stata anche divorata sull’ingresso del cunicolo ostruendolo, e imprigionando così anche il suo carnefice in quello spazio angusto.
 
Ma anche Jack non stava messo bene, aveva la testa ed il corpo completamente trafitti dagli aculei. Persino in quelle condizioni pietose incuteva paura soltanto a guardarlo. Francesco non si fidò a prenderlo per paura d’essere morso. Gli Jagd non percepiscono né il dolore né conoscono la paura, ma Jack aveva perso molto sangue ed aveva talmente tante spingarde piantate addosso da impedirgli quasi di muoversi. Dopo averlo riportato in superficie, rimasi ancora una volta sorpreso dalla grandissima esperienza e dall’abilità del giovane (ventidue anni!) Francesco. Con estrema cautela sfilò gli aculei uno ad uno e man mano che lo faceva tamponava le ferite con la terra. Controllò la gola, il palato, gli occhi ed anche se il cane aveva qualche ferita al petto nella zona cardiaca. Erano ormai le sedici passate, ma grazie a Dio (e soprattutto grazie a Francesco!) si era risolto tutto bene. Ci credereste se vi dicessi che per riportare Jack alla macchina mi toccò legarlo al guinzaglio? Che dopo che gli avevamo medicato le ferite e che lo avevamo  rifocillato con acqua e carezze, voleva infilarsi di nuovo nel cunicoli alla ricerca di una nuova preda……….?        


Marco Benecchi   
 
 
 
 
 

  

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.174.154
Aggiungi un commento  Annulla 

10 commenti finora...

Re: A caccia con... pala e piccone!

Piu volte ho letto gli interventi del Sig Veneto,....e ancora non riesco a comprendere perchè frequenta un forum di cacciatori e che parla di caccia. Ma se le da cosi fastidio la caccia, perchè allora non frequenta forum di animalisti? Ce ne sono a bizzeffe non c'è che l'imbarazzo della scelta, cosi lui non solo non si intristisce ma non prende sempre la scarica di insulti che qualcuno purtroppo non molto intelligente delle nostre schiere gli vomita addosso, ...cadendo cosi nella piu banale delle provocazioni del veneto di turno

da bughiu  18/07/2022 10.22

Re: A caccia con... pala e piccone!

Le istrici anni fa erano in calo ma adesso si sono riprodotte a dismisura ce ne sono tantissime e causano incidenti come i cinghiali .

da Roberto  12/07/2022 16.04

Re: A caccia con... pala e piccone!

Marco soffre on silenzio...non ho parole..

da Marco B x Veneto..  11/07/2022 18.58

Re: A caccia con... pala e piccone!

Devo ammettere che ad offendere il prossimo e per fortuna solo alcuni di voi siete dei grandi maestri ed esempio raro di buon senso. Provate a chiedere al sig. Benecchi se è contento di ciò. Auguri...

da Veneto  09/07/2022 19.31

Re: A caccia con... pala e piccone!

W la ciccia al fuoco scoppiettante ,w la carne alla griglia

da Giove  08/07/2022 15.18

Re: A caccia con... pala e piccone!

La comprendo benissimo ed il mio amico sSandro, che gli saluterò, non solo ha avuto una crisi diciamo..mistica, ma è diventato addirittura:
Testimone di Geova..
Non per questo il mio affetto per lui è diminuito di una virgola!
Cordialità
Marco

da Marco B x Veneto  08/07/2022 15.15

Re: A caccia con... pala e piccone!

Cosa e' piu' naturale conforme al comportamento umano, due maschi che se lo buttano e si sposano oppure andare a caccia??

da una domanda x veneto lo scemo  08/07/2022 12.05

Re: A caccia con... pala e piccone!

La caccia fa parte della natura dell'uomo , quello che fa orrore sono i matrimoni tra feno cchi!

da Giovanni 63  08/07/2022 12.02

Re: A caccia con... pala e piccone!

DIO non e' soddisfatto della grandissima massa di sporcaccione pr ide!!!!!!Zitto imbecille veneto vai a pigliarlo nlo!

da Giovanni 63  08/07/2022 12.01

Re: A caccia con... pala e piccone!

Egregio sig. Benecchi, raramente mi permetto di entrare nel suo Blog, in quanto ognuno è libero di scrivere quello che vuole solo che le consiglio di riferire al suo amico Sandro che non coinvolga Dio per ringraziarlo per una giornata di caccia pur sapendo che Dio è il Signore del regno animale, vegetale e minerale e purtroppo anche del regno umano. Non credo che Dio sia soddisfatto quando si toglie la vita ad un animale. Sono convinto che Lei da cacciatore professionista intelligente... saprà comprendermi...

da Veneto  07/07/2022 14.19
Cerca nel Blog
Lista dei Blog