Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2022>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
dicembre 2022
novembre 2022
ottobre 2022
settembre 2022
agosto 2022
luglio 2022
giugno 2022
maggio 2022
aprile 2022
marzo 2022
febbraio 2022
gennaio 2022
dicembre 2021
novembre 2021
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mag10


10/05/2022 10.07 

 
 
Senza voler innescare polemiche sterili ed inutili – perché, come diceva mio padre, “prima di giudicare dobbiamo passarci anche noi!” - già da tempo in Toscana la caccia al capriolo maschio è stata prorogata oltre la data canonica. Che sia giusto o sbagliato non spetta a noi dirlo, ma se è stato deciso così, sicuramente ci saranno stati validi motivi, anche perché i piani di abbattimento e la gestione faunistica del territorio dovrebbero essere sempre fatti da professionisti più che qualificati. Comunque, quando si tratta di andare a caccia, Marco o meglio Marchin, come mi chiamano gli amici toscani, è sempre pronto e in prima fila. Così, mentre l’Italia intera stentava a riprendersi dallo shock procurato dall’ “ennesima” eliminazione ai mondiali di calcio, io decidevo di dedicarmi alla caccia del maschio di capriolo in una zona dove erano presenti i vigneti. Poter andare a caccia in primavera, all’aria aperta, in completa solitudine e in piena libertà, oltre a non nuocere a nessuno, è un vero toccasana per tutti i mali. Credetemi, assistere al sorgere del sole avvolti dalla natura selvaggia, ridente e canora è una delle più belle sensazioni del mondo. Negli ultimi tempi però, nelle zone che normalmente frequento c’è pochissimo movimento di animali. Non dico che non ce ne sono, solo che ne percepisco una certa carenza, sia reale sia apparente, e purtroppo ne conosco il motivo….sul terreno ora ci sono più tracce di lupi che di cinghiali e di caprioli. Che immane tragedia sta vivendo la Toscana, anzi l’intero Paese, messo letteralmente a “ferro e fuoco” da branchi di lupi o di ibridi che imperversano indisturbati notte e giorno anche vicinissimi ai centri abitati. Comunque ci vuole ben altro per farmi scoraggiare dall’andare per boschi. Il momento migliore per tentare di sorprendere un selvatico ungulato all’aspetto o alla cerca è il tramonto, ma siccome il mattino non ho mai molti impegni, decisi di uscire al mattino per potermi rendere conto della conformazione della zona e dell’ipotetico transito di animali.
 

Arrivai sul posto che era notte fonda e, dopo aver parcheggiato la macchina, silenzioso come può esserlo soltanto un vecchio veterano della caccia alla cerca, m’inoltrai nel bosco. Che procedetti bene lo dimostrò il fatto che, appena albeggiò, avevo già avvistato tre lepri e una volpe, ma di sagome snelle, eleganti e dalle lunghe zampe purtroppo neanche l’ombra. Visto che sono un grande appassionato di caccia al capriolo e, senza falsa modestia, anche un cacciatore abbastanza esperto, non mi preoccupai, perché con la luna piena i piccoli cervidi amano nutrirsi anche a notte fonda. Giunto in prossimità dell’appostamento assegnato, per evitare d’inquinare la zona con il mio odore, rinunciai ad avanzare ulteriormente. Adagiai la mia Roessler Titan calibro 25.06 equipaggiata con ottica  2,5 – 15 x 56 HD e di cartucce ricaricate con palla Nosler Ballistic Tip da 115 grani sopra ad una grossa pietra, mentre ad est il sole cominciava a rischiarare un grosso campo seminato a grano, a ridosso di un divieto di caccia, notoriamente ricchissimo di selvaggina. Il mio intento sarebbe stato quello di riuscire ad intercettare un maschio di capriolo che ne uscisse per brucare i giovani germogli.
 
 

Da dove mi trovavo, in base alla direzione del vento e alle abitudini dei caprioli, avevo un campo di tiro stupendo, lungo più di trecento metri. Faceva abbastanza freddo, ma visto che non prevedevo una lunga attesa, ero coperto il giusto, potevo concedermi una certa fluidità nei movimenti. In agguato dietro la grossa pietra che fungeva da appoggio ero pressoché invisibile. Con la flebile fiammella dell’accendino sondai il vento per l’ennesima volta e, soddisfatto, mi sdraiai dietro il bel calcio in noce scelto della Roessler Titan in attesa. In inverno-primavera i caprioli sono molto più pigri che in estate, tengono sempre un’andatura piuttosto lenta quando escono dal bosco per mangiare, così non mi aspettavo di dover eseguire un tiro azzardato o contro un selvatico in leggero movimento. In quel periodo dell’anno la caccia all’aspetto è davvero molto tranquilla, rilassante, così feci un paio d’imbracciature di prova con l’arma già puntata verso una piccola valletta e col reticolo  illuminato al minimo. Con occhio critico controllai la zona circostante per vedere se ci fosse qualcosa d’insolito, ma mi sembrò che tutto fosse a posto, almeno com’era prima del mio arrivo. Intanto stava facendo giorno, di luce ce n’era a sufficienza per sparare a qualunque distanza!
 

In primavera il sole sorge con una velocità incredibile e ben presto mi ritrovai dalla notte all’alba quasi senza accorgermene. Mi stava venendo quella piccola malinconia caratteristica di chi non vede realizzarsi le proprie aspettative venatorie, quando in lontananza vidi uscire dal bosco tre sagome grigio–chiare. Eccoli! Ero talmente concentrato e ben piazzato che decisi di valutare i capi direttamente con l’ottica della carabina per sfruttare la potenza maggiore del cannocchiale. Infatti portati gli ingrandimenti a 15x, vidi distintamente che la famigliola era composta da una femmina, da un piccolo dell’anno e da un maschio adulto con il trofeo ancora in velluto. La cosa mi sembrò strana, perché vedere un maschio ancora in velluto era un fenomeno alquanto insolito, cosa che la mia mente elaborò subito come anormale, facendomi scattare, più che un piccolo allarme, una forte curiosità, anche perché il maschio sembrava molto piccolo di mole se confrontato con agli altri. Comunque i selvatici si trovavano a circa duecentosettanta metri di distanza, quindi non potevo aver ben chiara la situazione. L’importante invece era che avevo un capriolo sparabile a tiro, così decisi di prepararmi.

 
La mia Titan 25.06 è precisissima a 200 mt, settanta o ottanta metri in più non avrebbero dovuto alterarne né la precisione né la traiettoria. Scelsi di mirare due dita sopra la mezzeria dell’animale e quando tutto era come avrebbe dovuto essere strinsi deciso il grilletto. Il tonfo della palla che colpiva qualcosa di solido mi arrivò distintissimo, ma dopo lo sparo il maschio di capriolo era fermo sul posto apparentemente illeso, mentre la femmina e il giovane con tre lunghi salti si erano eclissati nel bosco. Ricaricai veloce, lo mirai di nuovo, ma vidi subito che non c’era bisogno di un secondo colpo. Il capriolo accennò un paio di passi poi cadde esanime. Anche quello fu un fenomeno abbastanza strano, vista la potenza e la letalità delle palle che uso, le Ballistic Tip da 115 grani. Ma le sorprese erano tutt’altro che finite…. Raccolsi il bossolo sparato, scaricai la Roessler e la misi nel fodero, poi raccattai tutte le mie cose ed andai a vedere il capo abbattuto da vicino.
 
 

Quando raggiunsi il capriolo e potei osservarlo da vicino m’impressionò! Era minuscolo, praticamente avevo abbattuto un piccolo, ma col trofeo di un adulto! Aveva le corna ancora in velluto nonostante fossimo in marzo inoltrato, lunghe abbondantemente sopra le sue orecchie. In tantissimi anni di caccia non mi era mai capitato di vedere una cosa simile. Anche la dentatura era quella di un piccolo. Che scherzo della natura era quello? Gli feci parecchie foto che inviai sia al capogruppo sia agli addetti del Controllo Capi dell’ATC e fummo tutti concordi nel ritenere che il capo fosse da catalogare come MG, maschio giovane, ma con evidenti segni di crescita anomala. Poi volli controllare dove l’avevo colpito e il lavoro svolto dalla potente Ballistic Tip da 115 grani. La famosa palla ad espansione controllata era entrata in cassa con una precisione chirurgica, millimetrica, esattamente tra due costole senza sfiorarle e quindi doveva aver cominciato a lavorare bene soltanto pochi centimetri prima di fuoriuscire dall’esile corpo del selvatico.
 

Come ho già detto in molte altre occasioni: La balistica terminale non è una scienza esatta!. Ogni colpo sparato, ogni capo abbattuto è una storia a sè. Quando accadono fatti simili sono sempre contentissimo, perché rompono … diciamo la monotonia della caccia a palla, dove spesso i tiri e gli abbattimenti sono molto simili tra loro, specialmente cacciando sempre nelle stesse zone. Catturare capi anomali, con malformazioni genetiche oppure causate da traumi accidentali è un altro degli scopi che si prefigge di regolare la caccia di selezione. Infatti, ogni qualvolta che mi capita di catturare un ungulato non conforme con gli standard della specie, ne faccio subito un caso con cui discuterne con amici e colleghi. Nella mia, concedetemelo, lunga carriera di cacciatore a palla e in particolare di cacciatore di caprioli ho avuto la fortuna di vedere, non solo di abbattere, moltissimi capi davvero molto strani e rari, come albini, capi con tre zampe, con tumori vari sul corpo ed anche una femmina con le corna. Spero soltanto che un bel giorno riesca, magari solo a vedere, anche da lontano, un capriolo parruccato. Quello è uno dei miei tanti sogni nel cassetto!


Marco Benecchi
 
 
 
 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.174.155
Aggiungi un commento  Annulla 

4 commenti finora...

Re: La caccia di selezione al capriolo maschio in inverno

Caro Carlo, le Geco Express sono delle ottime munizioni,
Che personalmente preferisco alle KS,
Per quanto riguarda la loro efficacia sui selvatici da te indicati non c'è nessun problema.
Dovresti solo ricontrollare la taratura della tua arma..
Non tanto per il peso quanto per la foggia dei proiettili...
Fammi sapere
Un caro saluto
M

da Marco B x Carlo  11/05/2022 13.58

Re: La caccia di selezione al capriolo maschio in inverno

ciao Marco sono fuori argomento e chiedo scusa da vecchio rinxxxxxto.
un mio amico vecchio ha lasciato come presto lascerò anche io non posso x salute malferma continuare
mi ha dato 2 scatole piu qualcuna sciolta di GECO espress 155gr lui dice che sono perfette x capri daino e cinghiale. io uso come sai 7x64 e ks 162 non ho mai toppato-- queste geco faranno lo stesso
lavoro delle KS da 162 ??? a te l'ardua sentenza. di nuovo un saluto a tutti. Marco scusami il casino combinato. salute a tutti

da carlo 48 x Marco  11/05/2022 12.26

Re: La caccia di selezione al capriolo maschio in inverno

Posso darti solo quello eviscerato
"Purtroppo" io i capi abbattuti li eviscero sul posto.
Immediatamente dopo l'abbattimento
Kg 15,5

da Marco B x Jacopo  10/05/2022 19.49

Re: La caccia di selezione al capriolo maschio in inverno

Potresti mettere i dati biometrici? Almeno peso pieno e peso eviscerato?

da Iacopo  10/05/2022 18.35
Cerca nel Blog
Lista dei Blog