Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<settembre 2021>
lunmarmergiovensabdom
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
45678910
Mensile
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu21


21/06/2021 14.48 

 
Credo che nella caccia in generale, ed in particolare in quella a palla, più che l’esperienza è l’istinto del cacciatore ad essere spesso determinante. Mi riferisco a quel “sesto senso” inspiegabile, che fa compiere gesti per certi versi strani ed inconsapevoli. Ad esempio quando decidi, senza nessun apparente motivo, di procedere verso destra invece che verso sinistra, oppure quando decidi di appostarti guardando il monte invece che il mare. Sono decisioni semplici, inconsce, a volte dettate dalla direzione del vento o dalla conformazione del territorio ma più spesso che si prendono così, senza nessun valido motivo. Come quello che accadde a me un fresco mattino di giugno, quando la mia attenzione fu attirata da un fagiano che s’involò dal grano ancora immaturo per inoltrarsi cantando impaurito nel bosco! Magari per un altro cacciatore non sarebbe stato niente di particolare, niente di strano o di eccezionale ma il mio istinto primordiale mi fece scattare un piccolo allarme nel subconscio, perché mi costrinse a rivedere tutta la strategia che avevo già deciso di adottare. Ma procediamo per ordine, cominciando dall’inizio, dalla caccia di selezione al cinghiale nel periodo primaverile–estivo, con il fieno alto e con i grani ancora immaturi. Eravamo in pieno lockdown, nell’aria aleggiava un senso di depressione generale quasi palpabile che opprimeva tutti, non solo i cacciatori. Per fortuna noi amanti della più antica delle arti, almeno, abbiamo una passione con cui sfogarci, nonostante le insensate, quanto inutili limitazioni geografiche, i rigidissimi coprifuochi e i controlli stile regimi totalitari. Poter andare a caccia all’aria aperta in completa solitudine e in piena libertà, oltre a non nuocere a nessuno, è un vero toccasana per tutti i mali. Credetemi, assistere al sorgere del sole avvolti dalla natura selvaggia, ridente e canora, è una delle più belle sensazioni del mondo. Nelle zone che normalmente frequento vedevo pochissimo movimento di cinghiali, non dico che non ce n’erano, solo che ne percepivo una certa carenza, sia reale sia apparente. Il terreno, si sa, non mente mai, di tracce se ne contavano poche anche nelle zone notoriamente più ricche di selvaggina, ma ci voleva ben altro per farmi scoraggiare dal tentare qualche uscita. E’ risaputo che il momento migliore per tentare di sorprendere un cinghiale all’aspetto è il tramonto, ma siccome il mattino non ho mai molti impegni, decisi di fare delle uscite per potermi rendere conto della conformazione della zona e dell’ipotetico transito di animali.

Arrivai sul posto che era notte fonda e, dopo aver parcheggiato la macchina, silenzioso come può esserlo soltanto un vecchio veterano della caccia alla cerca, m’inoltrai nel bosco. Che procedetti bene lo dimostrò il fatto che, appena albeggiò, avevo già avvistato due caprioli, un’ istrice e una volpe, ma purtroppo di sagome “irsute” neanche l’ombra. Visto che sono un grande appassionato di caccia al capriolo, l’aver avvistato quei “folletti rossi” fu sufficiente ad elettrizzarmi ed a mettermi di buon umore. Giunto in prossimità dell’appostamento, per evitare d’inquinare la zona con il mio odore, rinunciai ad avanzare ulteriormente. Adagiai la mia Bergara B 14 Green Hunter calibro 308 Winchester equipaggiata con ottica  15 x 56 HD e di cartucce ricaricate con palla Nosler Ballistic Tip da 165 grani sopra ad una grossa pietra, mentre ad est il sole cominciava a rischiarare un grosso campo di grano, seminato a ridosso di un divieto di caccia notoriamente ricchissimo di selvaggina. Il mio intento sarebbe stato quello di riuscire ad intercettare uno o più animali che ne volessero rientrare. Tanti anni fa nell’amata Maremma i vecchi cacciatori facevano la posta ai cinghiali che venivano a razziare i loro campi coltivati, appostati sopra ad una grossa quercia o ad un ulivo; oggi i tempi sono cambiati. La carabina di grosso calibro munita di ottica da mira molto luminosa ha preso il posto della doppietta a cani esterni, caricata a terzarole, e conseguentemente anche la strategia da adottare è diversa. Da dove mi trovavo, in base alla direzione del vento e alle abitudini dei cinghiali, avevo un campo di tiro stupendo, avrei dovuto soltanto decidere se orientare la mia attenzione, e quindi anche la carabina adagiata sul bipede, verso destra oppure verso sinistra. Essendo mancino optai per la destra, così, senza nessun motivo apparente, più o meno come quando alla roulette scommetti sol rosso invece che sul nero. La caccia all’aspetto ai grandi selvatici va sempre fatta da un cacciatore solitario o, al limite, accompagnato da una validissima guida che ti aiuti controllando anche gli “angoli ciechi” che tu non puoi vedere. Dato che non faceva freddo e che non prevedevo una lunga attesa, ero coperto il giusto, potevo concedermi una certa agilità nei movimenti, ma fino ad un certo punto, perché la grossa pietra che fungeva da appoggio per l’arma era circondata da rovi ed arbusti.
 
 
La confermazione del territorio e l’appostamento..spartano non mi consentivano certo di poter spaziare con il vivo di volata a 360°. Con la flebile fiammella dell’accendino sondai il vento per l’ennesima volta e, soddisfatto, mi sdraiai dietro il ruvido calcio sintetico della B 14 in attesa. I cinghiali, specialmente quelli che si attardano in pastura più del previsto, sono sempre piuttosto lesti durante la fase di rientro. Non dico che arrivano di corsa come se fossero inseguiti da una muta famelica di cani, ma  tengono sempre un’andatura piuttosto veloce. Feci un paio d’imbracciature di prova con l’arma già puntata verso una piccola valletta e col reticolo dell'ottica illuminato al minimo. Con occhio critico controllai la zona circostante per vedere se ci fosse qualcosa d’insolito, ma mi sembrò che tutto fosse a posto, almeno com’era prima del mio arrivo. Intanto stava facendo giorno, di luce ce n’era a sufficienza, anzi, forse anche troppa! A fine primavera - inizio estate il sole sorge con una velocità incredibile, ben presto mi ritrovai dalla notte all’alba senza quasi accorgermene e a quel punto cominciai a non farmi più molte illusioni sul risultato finale di quell’uscita! La caccia è così, un po’come disse la volpe ai suoi amati figli in un vecchio proverbio: “quando a tordi e quando a grilli!” Ma ecco che accadde una cosa alquanto insolita, che la mia mente elaborò subito come anormale, facendomi scattare un piccolo allarme. Alle mie spalle un fagiano maschio s’involò fragorosamente dal grano per inoltrarsi cantando nel bosco. Quel fatto mi sembrò alquanto strano. Perché mai, prima ancora del sorgere del sole, un fagiano “spollava” dal grano per rintanarsi nel bosco e non magari viceversa? Era evidente che qualcosa doveva averlo spaventato, ma cosa? Senza pensarci un attimo sollevai la Bergara di peso ruotandola completamente di 180° per orientare la volata, proprio verso il punto esatto dove pochi secondi prima s’era involato il variopinto gallinaceo e cosa vidi? Un grosso cinghiale, col corpo lucido di rugiada, che fendeva il mare di grano verde smeraldo come una barca solca il mare. Che spettacolo! Evidentemente l’animale doveva essersi attardato in pastura ed ora, per guadagnare il folto, procedeva piuttosto di fretta. Non persi tempo, imbracciai subito la carabina e cercai di seguirlo direttamente attraverso il cannocchiale pronto al tiro. Vista la distanza, sui centoventi–centotrenta metri e la sua andatura veloce, posizionai il reticolo davanti al muso e strinsi deciso il grilletto. Il tonfo della palla che colpiva qualcosa di solido mi arrivò distintissimo, ma dopo lo sparo il grosso solengo sparì come volatilizzato. Ricaricai veloce e rimasi in punteria ma non vidi più niente, neanche qualche filo di grano ondeggiare. Era come se quel mare verde avesse inghiottito ogni cosa. A quel punto mi rilassai, perché ormai il danno, se così possiamo definirlo, era fatto. Raccolsi il bossolo sparato, rimpiazzai la cartuccia sparata, mi feci coraggio ed andai a vedere.

Fu come entrare nell’acqua fredda. Col sorgere del sole era caduta talmente tanta guazza da farmi bagnare fino all’inguine come un pulcino. Giunto più o meno dove speravo di trovare qualche traccia che mi aiutasse a capire cosa fosse accaduto, intravidi una depressione nel compatto manto verde e subito dopo anche una grossa sagoma scura immobile. Dall’enorme testone spiccavano due meravigliose difese scintillanti. Quando l’osservai da vicino m’impressionarono più i canini superiori, le coti, che le zanne vere e proprie. Era un enorme solengo dal trofeo meraviglioso. A parte il pelo che si stava diradando, era un animale splendido, ma…. praticamente impossibile da smacchiare da solo. Davvero, se solo avessi saputo in anticipo quanto era grosso e scomodo da portar via, mi sarei fatto qualche scrupolo prima di tirargli. Ma gli amici che ci stanno a fare? Chiamai Alvaro, che nonostante fosse sabato, alle sei e mezza del mattino era già a lavoro, e gli chiesi supporto logistico. Permettetemi di darvi un preziosissimo consiglio: se vi dovesse servire un grosso aiuto, come nel mio caso, chiamate subito uno o più amici “veri e sinceri”, di quelli che “non possono dirti di no!”. Non state a perdere tempo a svegliare e/o scomodare dei semplici…. conoscenti o pseudoamici, giocatevi subito il jolly! Alvaro, oltre a rendersi immediatamente disponibile, mi chiese soltanto un’altra cosa: “A Mà, ma quanto è grosso?” Tanto gli risposi, davvero tanto... E fu così che venne in mio aiuto col sul bel pick up e con due dei suoi operai, scelti tra i più robusti! In quattro girammo e rigirammo il grosso solengo per controllare dove l’avevo colpito e il lavoro svolto dalla potente Ballistic Tip da 165 grani. Una palla ad espansione controllata che colpisce tra collo e spalla è sempre risolutiva, indipendentemente dal calibro utilizzato. Quindi, secondo me, nonostante la mole del selvatico, il risultato sarebbe stato identico se avessi usato un 243 Winchester o un 300 Weatherby Magnum. Non dimenticatelo mai, il piazzamento preciso della palla è determinante!
 

Quello che seguì fu gioia pura. I riti teutonici non sono molto usati in Maremma…., tra bischeri ci si limita alle solite cose, come le pacche sulle spalle, un po’ di sano sfottò, apprezzamenti sul fondoschiena ed a volte può scapparci anche qualche parolaccia… Poi finalmente scattammo diverse foto coi cellulari, perché un animale simile doveva essere immortalato come cristo comanda, perché era stato cacciato e abbattuto da un buon cacciatore anche se aiutato da un fagiano….traditore!

Marco Benecchi

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.114.154
Aggiungi un commento  Annulla 

8 commenti finora...

Re: LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE “Il fagiano…..traditore!”

Si Cristiano, è vero. una caccia "vera" molto bella, difficile e appassionate. Ma non per questo le altre sono meno belle. La vera caccia al cervo "comunque" è solo al bramito tutto il resto è normale selezione come un cinghiale o capriolo.

da Peter  28/06/2021 10.26

Re: LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE “Il fagiano…..traditore!”

si ai cervi come a te'

da Paolo  27/06/2021 6.24

Re: LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE “Il fagiano…..traditore!”

La vera caccia di selezione ormai è solo quella al Cervo.

da Cristiano  26/06/2021 17.21

Re: LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE “Il fagiano…..traditore!”

La legge non l'hanno fatta i cacciatori Veri o Pseudo...
E quindi, occorrerà regolarci di conseguenza

Però vorrei dirti una cosa, anzi... farti una confidenza TUTTA PERSONALE,

Io alla Selezione al cinghiale preferisco quella al Capriolo e al Daino....
Ci crederesti se ti direi che DEVO andare a fare la Selezione al cinghiale, piuttosto che quella al Capriolo...
perchè gli AMICI del posto mi pregano di "Tenerglieli lontani" dalle loro CULTURE IN ATTO
perchè si mangiano praticamente tutto??

Mi hanno fatto promettere che avrei "allontanato" anche le scrofe e i porcastri.....


Ed invece sparo SOLO ad animali singoli, grossi e fortunatamente tutti maschi!

M

da Marco B x Peter  26/06/2021 11.24

Re: LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE “Il fagiano…..traditore!”

selezione al cinghiale una porcheria tutta italiana. Cacciatori ? ( non credo) armati con pile, fari, infrarossi, governe , telecamere , granate, lanciamissili, bazzuka, possono cacciare per 11 mesi un animale rompendo i cojones a tutti? soprattutto alle squadre che dovrebbero essere i veri gestori di questa specie. Invece, 4 cojones, in giro tutta la notte che si CREDONO CACCIATORI buffoni. va bene la selezione ma 3 /4 mesi all'anno e ORARI decenti non la notte !

da Peter  26/06/2021 9.21

Re: LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE “Il fagiano…..traditore!”

Ma chissa' che ci si nasconde, solo un fesso puo' credere che quel bambino sia uscito di casa da solo!Non ci sono prove ma molte cose non quadrano.

da Veccio  25/06/2021 17.55

Re: LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE “Il fagiano…..traditore!”

Ovviamente sono più che felice per il lieto fine della vicenda di Nicola, e mi associo alle congratulazioni per il piccolo, davvero una roccia. Sui genitori invece ho qualche dubbio : non credo che il bimbo sia andato a letto con quelle scarpe... Tutti dicono che Nicola è un piccolo Tarzan, allora forse andrebbe tenuto d'occhio un po' meglio. Comunque l'importante è che sia tornato a casa
IBAL a tutti e a Nicola in particolare

da Filippo 53  24/06/2021 6.05

Re: LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE “Il fagiano…..traditore!”

Oggi è un giorno meraviglioso, stupendo,
E' stato ritrovato sano e salvo il piccolo NICOLA!

Al piccolo - Grande Guerriero vanno tutti i miei più sentiti AUGURI, mentre ai suoi genitori,
Va tutta la mia ammirazione per aver messo al mondo un piccolo eroi, già in grado di sapersi muovere con una certa padronanza per i boschi!!!

Incredibile ma vero!
Un carissimo abbraccio al piccolo, grande NICOLA!
Marco Benecchi

da Marco Benecchi a Tutti gli AMICI!  23/06/2021 16.52
Cerca nel Blog
Lista dei Blog