Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<giugno 2021>
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
2829301234
567891011
Mensile
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
giu4


04/06/2021 15.28 

 
 
In Maremma i caprioli sono presenti un po’ dappertutto, tanto che si possono avvistare a tutte le ore del giorno e della notte, persino in un campo arato, lungo i bordi delle strade e persino nei prati all’inglese delle residenze estive! Ma le zone di pastura preferite dai piccoli ungulati rimangono pur sempre gli erbai e le tagliate dell’anno, anche se non disdegnano di frequentare le stoppie, i campi di girasole e i prati incolti. Sull’Appennino Tosco-Emiliano e nella pianura padana è facile avvistare i caprioli nei grandi, splendidi campi piantati a trifoglio, ma quello è davvero un altro mondo. Dove normalmente caccio io, invece, le colture sono limitate alla semina del grano, dell’orzo e della biada, gli ortaggi sono piuttosto rari e l’incolto prevale come pascolo per gli ovini. Avvistare un capriolo che bruca in un bel prato non è certo come individuarlo nel falasco alto, nel pattume dove a settembre ci vai a caccia di fagiani. Da noi cacciare il capriolo è un pochino più difficile che in molte altre zone d’Italia ma forse per questo la caccia è ancora più bella.
 

Mi sono soffermato sulle caratteristiche del territorio perché è da esse che dipende molto la buona riuscita della caccia. Nelle zone impervie e molto boschive risulta molto più difficoltoso eseguire i censimenti per avvistamento ed è per questo che in Toscana sono ancora molto attivi i conteggi in battuta proprio per le asperità del terreno. Non conoscere bene quanti capi sono presenti nelle zone assegnate è uno svantaggio non indifferente per il cacciatore selecontrollore, che sarà costretto a fare molte più uscite del previsto per avere un quadro abbastanza chiaro della situazione. Io, abitando nell’Alto Lazio, sono sempre costretto a fare un bel po’ di chilometri per raggiungere le zone di caccia abituali, ma non mi pesano; li faccio volentieri, purché ne valga la pena…
 

La stagione al maschio era già aperta da parecchi giorni ed io, neanche a farlo apposta, avevo fatto quattro o cinque uscite senza riuscire a vedere un solo maschio di capriolo. Eppure dovevano esserci, perchè li sentivo spesso abbaiare nel bosco e sul terreno erano presenti evidenti segni di presenza, come tracce, covacci e fregoni, ma la situazione era tutt’altro che buona. Se è vero che la pazienza è la virtù dei forti e che deve essere la caratteristica fondamentale del cacciatore a palla, beh, allora stavo davvero mettendo in dubbio le mie capacità venatorie e caldo, polvere e zanzare non aiutavano di certo nell’intento. Nonostante in estate mi appassioni più la caccia di selezione al daino e al capriolo piuttosto che quella al cinghiale, decisi di sospendere le uscite nei prati per dedicarmi a quest’ultimo, meno diffidente e più propenso a frequentare le stoppie. Stavo perdendo troppo tempo e denaro cercando inutilmente dei selvatici in una zona che evidentemente era troppo avara in quel periodo. Con i cinghiali ebbi più fortuna, ma la caccia non fu appagante come se fossi riuscito ad abbattere un paio di caprioli. Cosa vuoi, luglio è il mese dei compleanni: di mio padre, di mia moglie, del mio carissimo amicone Filippo ed anche il mio, ed io l’ho sempre festeggiato cacciando il capriolo.
 
 

Attualmente uso per la caccia di Selezione in Maremma una carabina Bergara B 14 Green Hunter calibro 308 W equipaggiata con uno cannocchiale  15 x 56 HD e cartucce ricaricate con palle Nosler Ballistic Tip da 165 grani. La B 14 è un’arma molto compatta e ben bilanciata, che uso con soddisfazione per caprioli, daini e cinghiali con tiri fino a duecentocinquanta metri ed anche oltre, senza problemi. Sono sempre stato un grande estimatore delle palle da 150 grani, sia nel calibro 308 sia nel 30.06 ma, visto che durante le numerose prove fatte al poligono con la Bergara le 165 grani mi hanno fatto riscontrare una precisione degna di un arma da gara, ho deciso di usarle anche sul terreno di caccia.

Un bel mattino mi feci coraggio e decisi di ritentare la sorte con il folletto rosso. Mi appostai in prossimità di un enorme campo di stoppie, che era tramezzato da una stretta e lunga striscia di macchia. Almeno fino a quando non inizia l’addestramento dei cani le stoppie vicino a fossi, restoni e boschetti possono essere buoni territori per cacciare i caprioli perché ai piccoli ungulati gli piace alternare la loro solita dieta fatta di magra erbetta, che cresce a ridosso degli sporchi con qualche rimasuglio di orzo o di grano. Mi sistemai comodo all’interno della macchietta poco prima che sorgesse il sole, sperando che in quel mare dorato, dall’ inconfondibile fragranza tostata dal sole, s’affacciasse qualcosa d’interessante. A destra il campo confinava con un bosco immenso, alla sinistra c’era il divieto, era pressoché tutto perfetto per attendere il capriolo maremmano. Ero autorizzato ad abbattere un maschio in tutte le classi di età, adulto o un subadulto, ma non conoscendo in anticipo che selvatici fossero presenti in zona, mi ripromisi di tirare subito al primo che avrei avvistato. Perché, come dice il proverbio, sono un fervido sostenitore “Che è meglio un uovo oggi che una gallina domani!”.
 
 

Appena ci fu luce a sufficienza, con l’8 x 42 che avevo al collo, cominciai a perlustrare il perimetro. Nella fascinosa penombra che precede l’alba individuai immediatamente una sagoma scura nella stoppia ma molto vicino ai margini del bosco. Secondo me più che uscirne, stava rientrando. Alle sei del mattino ne distinguevo soltanto la sagoma. Era chiaramente un capriolo, ma non riuscivo a capire se fosse un piccolo dell’anno, una femmina o addirittura un bellissimo maschio dal magnifico trofeo. Distava centoquaranta metri, centocinquanta, non di più. Una distanza perfetta specialmente per la mia Bergara 308 munita di bipede. Mi preparai subito al tiro, ma decisi di aspettare che ci si vedesse meglio. Era una corsa contro il tempo però, perché il capriolo, tutt’altro che tranquillo, seppur molto lentamente continuava ad avvicinarsi sempre di più al bosco. Se fosse riuscito a raggiungere l’avvallamento dove si stava dirigendo, entro pochi secondi non lo avrei avuto più a tiro. Presi a traguardarlo direttamente col cannocchiale  che ho sulla carabina e il corpo robusto e il collo proporzionato mi convinsero di tentare il colpo. Impugnai il ruvido calcio sintetico della B 14, mirai la sagoma scura e quando ebbi la certezza che fosse perfettamente ferma sparai. Il brutto di quando si tira in cattive condizioni di luce con un calibro abbastanza sostenuto e con un’ottica a forte ingrandimento, è che difficilmente si riesce a vedere direttamente nel cannocchiale l’esito del tiro. A volte, se il vento è favorevole e la distanza giusta, ti giunge di rimando il rumore della palla che colpisce, a volte no. Mi sembrò di percepire il tanto familiare, caratteristico rumore sordo, ma non riuscii a vedere nient’altro. Comunque il danno era fatto! Così ricaricai l’arma, recuperai il bossolo sparato ed attesi che facesse giorno. Poi m’incamminai nella stoppia zuppa di rugiada e trovai il capriolo dove doveva essere, abbattuto da un colpo perfetto. La mia stima era stata esatta, era davvero un bel maschio, anzi, forse molto bello per quella zona, dove la qualità dei trofei è sempre stata piuttosto scarsa. Quando gli misi in bocca un rametto striminzito di more selvatiche per porgergli l’ultimo pasto, sentii che i suoi denti erano parecchio usurati, doveva aver almeno 4–5 anni. Perfetto, era proprio quello che ci voleva, un’ azione di caccia bella, emozionante, pulita e genuina che si è conclusa positivamente.
 
 

Ora vorrei soffermarmi sul recupero del selvatico abbattuto, nel nostro caso del più piccolo tra gli ungulati ma che ancora in molti non hanno ben chiaro come doverselo portare a casa nel modo più corretto. Cominciamo dal primissimo trattamento della spoglia. Il selvatico abbattuto deve essere sempre eviscerato IMMEDIATAMENTE dopo il tiro. Conosco dei cacciatori che puliscono il selvatico a casa, dopo ore ed ore dall’uccisione, niente di più sbagliato. Il selvatico va eviscerato e dissanguato il più presto possibile per due motivi, primo perché la carne poi risulterà migliore, secondo perché è meglio lasciare le interiore ad “auto smaltirsi” sul posto. Io di solito faccio così: prendo il capriolo e lo metto a pancia all’aria, poi incido la pelle per rimuoverlo fino ai testicoli compresi. Dopo entro nella carcassa incidendo la pelle con molta attenzione per non rischiare di bucare gli intestini fin oltre il diaframma. A volte arrivo addirittura alla mandibola e rimuovo anche la trachea insieme a tutto il resto, ma più spesso, per non allargare troppo la carcassa, arrivo fino nella parte superiore del torace, taglio la trachea il più possibile e poi la tiro con tutto il resto giù fino al bacino, aiutandomi col coltello con piccoli tagli precisi sui lati per staccare tutte le interiora. In questo modo - che è molto più facile a fare che a descrivere - si toglie praticamente tutto. Le frattaglie vanno lasciate sul posto per i predatori carnivori e persino i cinghiali se ne cibano, provvedendo molto meglio di noi allo smaltimento “indifferenziato”! A chi piacciono, possono essere recuperati il fegato, il cuore e i rognoni, che potremo riporli all’interno della carcassa per il trasposto finale.
 
 

Dopo aver eviscerato il capriolo è bene farlo scolare a pancia in giù sull’erba fresca o sulla stoppia pulita o magari anche sopra ad un cespuglio per alcuni minuti, mentre nel frattempo prepareremo lo zaino.
 

La spoglia di un selvatico di piccole–medie dimensione deve essere “smacchiata” trasportandola intera nello zaino; a noi interessa il capriolo, ma in montagna, allo stesso modo, si recuperano anche camosci e mufloni! A me lo zaino aperto tipo il Rucksack sloveno non piace, perché si sporca troppo trasportandoci un animale senza prima averlo messo in una busta di nylon. Preferisco insaccare il capo dentro un grosso e robusto sacco di plastica nero o giallo, di quelli usati per lo smaltimento industriale della spazzature, dopo aver rimosso anche le quattro zampe per facilitare l’inserimento nella bocca dello zaino. Questo secondo me è il metodo migliore, ma ognuno avrà sicuramente i propri metodi e le proprie abitudini. Ho visto eviscerare un capriolo e poi trascinarlo per centinaia di metri in un incolto tutto bagnato e inzaccherato perché aveva appena piovuto. Lascio a voi immaginare le condizioni della carcassa quando il cacciatore è arrivato alla macchina. Allo stesso modo ho visto cinghiali, caprioli e daini abbattuti al mattino presto e poi eviscerati a pomeriggio inoltrato. Non oso fare commenti……..


Marco Benecchi 


 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.70.110.166
Aggiungi un commento  Annulla 

17 commenti finora...

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

a'''a'' poveri fessacchiotti diceva toto'

da Antoine  12/06/2021 20.57

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

E' predisposta, come quasi tutti i modelli di carabine Bergara,
Ma io non l'ho voluto
Non mi piace il freno sulle armi da CACCIA,
Nella armi da tiro il discorso è diverso...
Il freno lo vedo utile SOLO in fase di taratura, sparando al bancone da seduti con un calibro potente, diciamo dal 7 mm RM in su,
Ma sopra ad un 308 o ad un 6,5 Creedmoor a cosa serve?
Aumenta MOLTISSIMO il botto, l'ingombro e la vampa..
Tutte cose deleterie sul terreno di caccia..
Saluti
Marco

da Marco B x Roby  08/06/2021 6.04

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

GINO FALSO. sai dove te lo ,devi mettere il tuo freno...

da Roby x gino falso  08/06/2021 6.03

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

No ha il freno a mano

da Gino  07/06/2021 16.29

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Marco ha il freno di bocca?

da Roby  07/06/2021 15.58

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Quella che dici tu è la Bergara B 14 HMR ..
Il mio ultimo acquisto!
In calibro 6.5 Creedmoor..
Gli ho già dedicato un articolo...
Saluti
M

da Marco B x Roby  06/06/2021 15.52

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

a me la Brergara piace un sacco. c'è ne una camo con il calcio speciale da tiro che è bellissima- Dopo sulle prestazioni non so , ma per tirare a 100/200 metri va bene anche la fionda vuoi che non vada?

da Roby  06/06/2021 14.50

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Non sai ricaricare, devi farti insegnare da uno che carica molto.

da Gigio x antico  05/06/2021 20.01

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Un ultima cosa e poi vi saluto per sempre ,ho provato la higlander bergara non ho parole non digeriva nessuna cartuccia

da Antico  05/06/2021 18.07

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Ma come funziona? chi di parere diverso viene scartato e preso per incompetente? a quanto pare chiunque osa fare una critica viene escluso e preso per incompetente. Se ho detto che la bergara non mi piace un motivo ci sara' primo se non gli fai un bedding come si deve non mi piace come spara

da Antico vi saluta non osero' piu' esprimere il mio  05/06/2021 17.59

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Carloooooooooooo!!!
Allora non ci siamo proprio capiti?
Ci ricaschi sempre con le provocazioni dei "Soliti ignoti"

Su fai il bravo...
Ti rispolvero cosa ho scritto IO,
Sopra e vedrai che anche tu poi saprai trattenerti.
lo so che è difficile, con certi...soggetti..

"""""""""Attualmente uso per la caccia di Selezione in Maremma una carabina Bergara B 14 Green Hunter calibro 308 W equipaggiata con uno cannocchiale DELTA TITANIUM 2,5 - 15 x 56 HD e cartucce ricaricate con palle Nosler Ballistic Tip da 165 grani. La B 14 è un’arma molto compatta e ben bilanciata, che uso con soddisfazione per caprioli, daini e cinghiali con tiri fino a duecentocinquanta metri ed anche oltre, senza problemi. Durante le numerose prove fatte al poligono con la Bergara le 165 grani mi hanno fatto riscontrare una precisione degna di un arma da.......................................... gara"""""""""""


Un caro saluyto
Marco


e mi raccomando.. non ci cascare più,
Non fare il gioco del ..nemico, che secondo me ne sa di caccia, armi e tiro quanto io di...pedofilia!

da Marco Benecchi x Carlo 48  05/06/2021 16.48

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Una carabina tutta la vita???
Io amo cambiare spesso..
Ultimo acquisto winchester xpr compact 308 winchester.
Peso piuma, corta, maneggevole, veloce, precisa.
Ottica un classico leggerissimo Swaro 6x42.
Il bosco è il mio regno, la caccia alla cerca la mia preferita.

da Moderno  05/06/2021 14.03

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

sig. antico uso Sabatti da tanti anni e ne sono contento.
lei parla ma non dice mai quale carabina faccia sapere marca calibro e quanto altro
cosi ci si può ragionare sopra da buoni utenti del forum

da carlo48 x antico  05/06/2021 13.08

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Mio parere personale la bergara non va proprio bene per niente e' imprecisa e difficile da gestire ,capisco costa come un diana ma che vuol dire . spendo un po' di piu' e ho una carabina per tutta la vita.

da Antico  05/06/2021 12.03

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Tutto ok, anche se una carcassa lasciata a lungo nella plastica che non la fa traspirare può deteriorarsi. Il tipo sloveno elimina questo problema, ma certo comporta quelli accennati nell'articolo (e non solo....)

da Filippo 53  05/06/2021 7.38

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Toscana Nord la specie e’ in netta diminuzione e in difficoltà.
Caccia in declino.

da Luca  05/06/2021 6.20

Re: Capriolo: qualche consiglio dopo l'abbattimento

Marco complimenti, Le tue descrizioni mi fanno rivivere le giornate di caccia anche se è dal 2 giugno che ho fatto l'apertura al capriolo con successo prelevando un maschio giovane, mi hai fatto ripercorrere ogni momento della giornata. Tutto ciò che hai scritto è perfetto aggiungo soltanto la tempestività della operazione della spoglia, in prossimità dell'abbattimento c'e' sempre un'albero su cui appendere il selvatico e togliere subito l'intestino perche freddandosi i batteri migrerebbero dall'intestino alterando le carni. Saluti Antonio

da Antonio  04/06/2021 17.58
Cerca nel Blog
Lista dei Blog