Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Arci Caccia scrive al Ministro CingolaniMarche, Tar dispone limitazioni sul calendario venatorioUmbria: in arrivo altre giornate per il controllo del cinghialeSardegna: si decide per lepre e pernice sardaLombardia: Mazzali per un corpo di polizia ittico venatorio regionaleFrancia. Aumentano i candidati cacciatoriSparvoli confermato alla guida di Anlc fino al 2025Cinghiale in Piemonte. La parola ai cacciatoriFedercaccia Abruzzo: sentenza del TAR inaccettabileCommissione Ue risponde ad Arci CacciaToscana vieta prelievo della tortoraCinghiali in Piemonte. Coldiretti all'attacco55ª assemblea Uncza. All'ombra del ghiacciaioNota Ispra siccità e incendi. La risposta di FidcAbruzzo: modificato calendario venatorioCongresso Arci Caccia. Confermato il Presidente MaffeiSicilia, la Regione modifica il calendarioAbruzzo: ordinanza del Tar dà ragione agli animalistiToscana. Tar sospende tortora, pavoncella e moriglioneSparvoli (ANLC): "Ispra ci ha dichiarato guerra, ma noi risponderemo"Chianciano, aperto il XII congresso nazionale Arci CacciaIspra chiede limitazioni sulla caccia a causa di incendi e siccitàToscana: Cabina di Regia chiede chiarimento sulla tortoraSicilia. Nuovo decreto del Tar sulle date di aperturaInterrogazione Bruzzone sul Piano Nazionale TortoraMazzali chiede uniformità procedure caccia e pescaUmberto Venturini Presidente AcvDario Faccin nuovo Presidente nazionale ConfaviToscana. Al via il cinghialeUmbria. Una protestaLombardia: nuove regole per la carne di selvagginaSvizzera. Aumentano le donne a cacciaUk. Attacco alla cacciaLisa, cacciatrice in Corsica30 mila presenze alla sagra degli oseiGiannini attacca blog La cornacchiaTortora. Il Molise si adeguaTar Veneto sospende anche caccia alla pavoncellaSicilia: nuovo decreto riapre la caccia da sabato 4Sardegna. Niente tortora in preaperturaTortora. Sospensione anche per le MarcheNuova sospensione in Abruzzo e rinvio dell'udienzaSicilia: Tar blocca l'apertura della cacciaFrancia. Lo sport si schieraToscana. Promemoria per lo stornoTrentino. I camosci stanno beneMancata preapertura in Calabria. L'assessore bacchetta l'opposizioneSvizzera: Mostra sulla caccia al Museo Alpino di BernaCct: approvata delibera sulla preaperturaFrancia. Aumentano i cacciatoriPuglia: Tar respinge richiesta sospensiva sulla tortoraCalabria: Tar sospende caccia tortora e quaglia fino al 22 settembreSicilia: approvate modifiche al Calendario VenatorioEmilia Romagna. Pompignoli "vergognosa scelta sulla tortora"Acma aggiorna sulla situazione richiami viviTortora. La Cabina di Regia protesta con Mite e Conferenza Stato RegioniLombardia: pasticcio sulla coturniceRaccolta ali tortora. Il progetto Fidc continuaTorino: preapertura al colombaccio e altre modificheEmilia Romagna: la Regione toglie la tortora dalla PreaperturaCabina regia Toscana "ora lavorare per Piano tortora"Richiami vivi. Nuova circolare ministeriale ne permette l'utilizzoLazio. Arci Caccia "senza Piano tortora impossibile prelievo"Arci Caccia "Ma in Europa la legge è uguale per tutti?"Francia. Il Presidente dei cacciatori chiede le dimissioni della Ministra all'AmbientePreapertura. Anche la Regione Lazio risponde piccheKey Concept. Le associazioni scrivono al GovernoValle Canna. I cacciatori s'impegnano, gli animalisti si fanno fotografareAcma denuncia ritardi per il moriglioneTortora. Berlato protestaTortora in Toscana. La CCT non ci staToscana. Saccardi e la mancata preapertura alla tortoraIncendi. La Regione Sicilia arruola anche i cacciatoriLazio: le associazioni venatorie chiedono la preaperturaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Lombardia approva controllo piccioni


martedì 6 luglio 2021
    

Su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi, Regione Lombardia dà il via libera al controllo mediante abbattimento del colombo di città, per prevenire gravi danni alle colture agricole.

“Questa specie negli ultimi quindici anni ha causato danni per oltre 1 milione di euro all’agricoltura. Nel 2020 i danni ammontano a 100 mila euro in tutta la Lombardia. In considerazione dell’aumento dei danni e della diffusione del piccione, e visto che i metodi dissuasivi non funzionano, riteniamo opportuno un intervento che è stato autorizzato da Ispra” ha dichiarato Rolfi.

Le colture che hanno subito i danni più rilevanti sono: avena, colza, erba medica, frumento, girasole, mais, orticole, orzo, riso e soia. Il prelievo potrà essere effettuato dal 19 settembre 2021 al 31 gennaio 2022 su tutto il territorio regionale. Le operazioni di abbattimento dovranno essere effettuate entro 100 metri dai confini degli appezzamenti agricoli interessati dalla presenza del colombo di città.

È stato stabilito un numero massimo di 20.000 capi prelevabili e di 800 cacciatori autorizzabili al controllo della specie. I cacciatori interessati potranno fare richiesta negli uffici territoriali tra il 26 luglio e il 9 agosto 2021. In funzione del numero di domande pervenute, la Regione poi emetterà un ulteriore atto per stabilire il numero di capi prelevabili.

"La Lombardia è la prima regione agricola d'Italia e l'agricoltura va difesa anche attraverso una alleanza sempre più stretta tra mondo agricolo e venatorio. Il nostro sistema agroalimentare sarà il principale protagonista della ripartenza economica e vogliamo mettere in campo tutte le azioni utili per tutelare il lavoro degli agricoltori" conclude l'assessore.

 

 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

14 commenti finora...

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Caro Paol, l'Italia è piena di puzzolenti. E ti posso assicurare che non solo solo volatili e quadrupedi. Ci sono anche tantissimi bipedi.

da Hunter74 09/07/2021 1.51

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Subito anche nel lazio e' stracolmo di piccioni puzzolenti

da paol 08/07/2021 20.13

Re:Lombardia approva controllo piccioni

L'ho sempre sostenuto e ribadito anche in altri post. Non dobbiamo fare i cecchini a richiesta per risolvere i problemi di chi poi, neppure ci considera o peggio ci denigra. La caccia non è il contenimento nocivi. Quello si chiama pest control. In alcuni stati è un lavoro che nulla a che vedere con la caccia. E poi perchè spendere soldi a palate per munizioni no tossic. Carabina PCP cal. 5.5mm. 10euro 500 colpi. anche no tossic. E funzionano che è una bellezza. Sai come vengono giù dai cornicioni.....

da Hunter74 08/07/2021 0.28

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Ragazzi io dopo aver fatto il corso e il relativo esame per anni ( finchè è stato consentito) ho fatto il controllo dei piccioni in ausilio alla polizia provinciale in provincia di Monza e precisamente nelle fattorie, l'iter è come ha spiegato l'amico Vito Canavese, ma è una battaglia persa, questi si riproducono 11 mesi all'anno, colpi su colpi un anno io personalmente ne ho abbattuti piu di mille, nelle varie uscite,.. Ma burocrazia alle stelle, sia per la richiesta, per l'abbattimento, e per lo smaltimento, inoltre munizioni e responsabilità a carico di chi spara... l'unica soluzione è inserirli nelle speci cacciabili, ma non lo fanno perchè subentra un problema sanitario, cioè tutti gli sparano ma nessuno li raccoglie. ...ultima chicca...mi dicono che la regione consiglia di utilizzare munizioni no toxic...tanto mica te le danno loro. Ma io personalmente finalmente sono rinsavito, non mi faccio piu fregare, che se la gratti la regione questa rogna, perchè appena l'emergenza rientra e non serviamo piu, torniamo a essere gli assassini dei poveri animaletti....invece per noi cacciatori come dico sempre, l'importante è sparare, poi se ci fottono la moglie chi se ne frega.

da Bughiu 07/07/2021 18.23

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Solo 800 cacciatori e gli altri cacciatori che pagano uguale niente e una vergogna per due piccioni non vi guardate nello specchio

da Un cacciatore 07/07/2021 18.22

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Fabe,tutti i sistemi di dissuasione, sia sonori che ottici, funzionano per il tempo che dura uno sbadiglio. Per il falco, forse dovrebbe prendere la residenza dove abita il piccione, ma ovviamente non è possibile. Forse sarà utile negli aeroporti, ma nessuno ha mai fatto vedere i numeri della consistenza prima e dopo l’intervento. Io controllo il mio perimetro, dove c’è nidificazione, perché per i luoghi di alimentazione ci possono essere fattori diversi che influenzano le presenze, ad es. culture più appetibili. Posso dire che dei circa 30 individui che mi osservavano dai tetti vicini mentre lavoravo, già 8 si erano riappropriati del sito mentre rimontavo, di cui 3 hanno preferito la fuga prima del termine lavori. Per gli altri, non ho fatto prigionieri … Un amico che ha avuto un problema simile, con lavoro fatto come ho fatto io, ha detto che la moglie ha smesso di incazzarsi dopo 2 anni, che forse non sono troppo lontani dalla vita media dell’uccello. Per questo mi sono convinto che l’unico metodo che può funzionare è l’abbattimento puntuale. Ed ora che siamo in epoca di nidificazione non ho la forma fisica adatta per salire sul tetto. Perché se questo tipo di guerra si fa con i terzi, conviene bruciare i soldi …. alla faccia dell’ambiente …

da Andrea, operatore faunistico. 07/07/2021 13.32

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Andrea come giudichi invece l’utilizzo del falco? Mi giungono voci, da comuni limitrofi al mio, che nelle periferie di zone urbanizzate sembra aver avuto successo; effettivamente ho riscontrato personalmente che il numero di piccioni che si vedono gironzolare tra i coltivi si è notevolmente ridotto rispetto agli anni passati. Non sono a conoscenza però se state messe in atto anche altre modalità di controllo.

da Fabe 07/07/2021 12.08

Re:Lombardia approva controllo piccioni

E il piccione non fa solo danni all’agricoltura ed agli allevamenti. E’ sufficiente girare un po’ per città e paesi. Io abito in ambito extraurbano, ma non sufficientemente rurale. Quindi combatto con armi spuntate con una colonia che ha preso possesso dell’impianto fotovoltaico. In passato solo con trappola e rete a tramaglio sono riuscito a contenerne il numero. Situazione: canali di gronda sempre pieni tranne nei pochi giorni dopo la pulizia, con acqua che debordava durante le piogge, cacche sul selciato da pulire 2 volte al dì. Lo scorso anno ho smontato l’impianto, pulito sotto, messo rete rigida sul perimetro. La situazione è leggermente migliorata, ma la colonia comunque rimane, anche se diminuita nel numero. Armi spuntate perché?: tutti i mezzi usati (trappola ed archetti) funzionano per una volta, poi non ci rimangono più. Con tutta l’esperienza frutto di immani sudate che mi sono fatto e delle centinaia di ore passate sul tetto mi sono fatto l’idea che il sistema più efficace sarebbe quello chiamato “pest control”, con l’uso della carabina ad aria compressa, che se usato in un ambiente come il mio, non sufficientemente rurale, mette fortemente a rischio il porto d’armi, per il lancio di oggetti pericolosi al di fuori della proprietà. Ho interessato al problema Regione, Comune, ISPRA. Solo la Regione ha risposto, per dire che con l’attuale normativa non si può fare niente per il mio problema. Da tenere presente che per la norma il piccione non è selvaggina, e quello contro cui si combatte è la forma domestica, allo stato libero. Quindi è proprietà del proprietario del fondo (o del tetto quando ci sono sopra). Le amministrazioni dovrebbero avere il coraggio di autorizzare il controllo dove sarebbe efficace (dove nidificano), e non dove si alimentano, perché comunque i molti sopravvissuti si sposteranno.

da Andrea, operatore faunistico. 07/07/2021 11.43

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Bird Control. Anche con carabine ad PCP.

da Hunter74 07/07/2021 0.23

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Urgentissimo anche nel lazio ,i piccioni sono un pericolo per tutti vanno eliminati assieme ai pappagalli e gabbiani

da Paolo 06/07/2021 23.12

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Io opero questo controllo del colombo di citta' da molto tempo in Veneto con autorizzazioni che prevedono un piano articolato con tempi scandito secondo gli interventi di semina nei campi.Tali autorizzazioni sono richieste dagli agricoltori che forniscono all 'ufficio caccia i nominativi degli operatori da loro incaricati e relativi documenti . Nella nostra zona vorrei evidenziare la forte espansione del colombaccio ,che fa' piu danni del colombo e che la maggior parte dgli agricoltori non sa' distinguere dal," torraiolo" e relative illecite pretese..

da Vito Canevese 06/07/2021 14.47

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Prelievo limitato nei numeri e nelle modalità..Qualcosa di ridicolo per chi sa com’è la situazione reale dei danni e della diffusione di questa specie invasiva.

da Cacciatore Lombardo esperto 06/07/2021 13.44

Re:Lombardia approva controllo piccioni

Nel Lazio invece - con buona pace di TUTTE le efficientissime Associazioni Venatorie - non registriamo nessun danno da piccioni, storni, nutrie, gabbiani, cornacchie, gazze... ecc ecc. Siamo davvero fortunati noi.....

da A.le 06/07/2021 13.30

Re:Lombardia approva controllo piccioni

in alcune zone della provincia di Como;Fanno più danni i piccioni torraioli alle semine di soia,che i cinghiali!!!!!!(Carta Canta)quando il piccione torraiolo e le tortore dal collare orientale,verranno inseriti come specie cacciabile nel calendario venatorio è sempre tardi!!!!

da Fucino Cane 06/07/2021 13.14