Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Danni cinghiali. Per Patuanelli non serve modificare la leggeCalendario venatorio e Atc, il punto di Arci Caccia Umbria Dreosto: interrogazione in Ue su abbattimenti illegali uccelli migratoriNuovo corso Arci Caccia, con giovani e veteraniUmbria: in Commissione ok al Calendario VenatorioArci Caccia Marche: "chiarimenti sugli appostamenti fissi"Fauna in Costituzione. Fidc: in Senato sventato blitz animalistaFace: Parlamento Ue per commercio sostenibile di specie selvaticheCampania, Calendario Venatorio recepito dal Comitato faunisticoBasilicata. Si parla di filiera delle carniCampania: "passi positivi sul Calendario venatorio ma non basta"Umbria. Su Calendario Venatorio occorre chiarire situazione valichiMarche: ok al nuovo Piano per la caccia di selezione al cinghialeCpa diffida il Tg5 "nuovo attacco alla caccia"I Conservatori Europei e la tutela della biodiversitàChristian Maffei è il nuovo Presidente di Arci CacciaFidc. Marche "pavoncella, il Tar ci dà ragione"Cia Liguria chiede battute straordinarie per gli ungulatiDal CIC Italia una nuova guida per i trofei Molise. Corte Costituzionale boccia estensione periodi cacciaCapitale naturale. Anche la Federcaccia ha dubbiFrancia. Cacciatori contro l'eolicoPadule Fucecchio. Petizione di Arci Caccia Pistoia su divieto caccia vaganteSindaco Binago (Co) vieta ronde animalisteFidc, Anlc, Enalcaccia all'Atc Pg1 "caccia usata solo per pagare i danni"Fidc Lombardia: i cacciatori torneranno a fare controllo faunisticoAtc Perugia 1: "soldi dalle squadre? Lo dice il regolamento regionale"Berlato: Da protezione animali in Costituzione inevitabili aberrazioni giuridicheAumentare controllo predatori per preservare la pavoncellaArci Caccia: il 2 giugno elezione del nuovo PresidenteGrandi carnivori. Lega chiede uso dissuasori direttiCCT incontra gruppo consiliare di Fratelli d'ItaliaToscana. Approvati piani di gestione cinghiale e caprioloVeneto. Prorogata caccia cinghiale nel veroneseAnche la caccia nel film Divin CodinoUmbria. Scontro su bilancio Atc1 tra agricoltori e cacciatoriParte in Toscana l'operazione "Cinghiale solidale"Toscana. Agli agricoltori non solo il controllo degli ungulatiIn Svizzera un film dedicato alla caccia, contro ipotesi restrittiveLiguria, approvato Piano Faunistico regionaleEsternazioni anticaccia durante il Giro d'Italia. La Rai ci ricascaCaretta: "tutelare gli agricoltori dalle devastazioni di cinghiali"Guardie Zoofile. Per il Tribunale discriminatorio escludere cacciatoriFidc: "La caccia strumento per la biodiversità"Richiami vivi. E in Toscana?Fidc. Ambiente e animali in Costituzione. Battuto l’animalismo estremistaFidc. Monitoraggio Nazionale lupo. Conclusa prima faseAbilitazione Venatoria, ripartono gli esami anche in CampaniaCCT: a giugno riprendono esami abilitazione venatoriaPiemonte: aumentano i soggetti autorizzati al controllo del cinghialeIn Senato la vicenda del Don cacciatore vittima dell'odio animalistaLombardia, Massardi (Lega): “Votati importanti provvedimenti a favore della caccia”Mazzali soddisfatta per emendamenti sulla caccia approvatiLiguria: pubblicato Calendario Venatorio 2021 - 2022Referendum caccia, non c'è due senza treArci Caccia: Fassini dimissionario?Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Marche. Ancora sulle funzioni degli Atc


lunedì 17 maggio 2021
    

L'avvocato Daniele Carmenati in un comunicato stampa interviene a proposito della travagliata vicenda giuridica marchigiana relativa alle funzioni pubbliche degli Atc. Dopo le diverse sentenze sul tema, ora c'è l'archiviazione di un procedimento penale nei confronti del Presidente dell'At An2 in merito al mancato ristoro dei danni causati dalla fauna selvatica ad un'Azienda Agricola.


Ecco il comuniato:

Con la presente, si rende nota l’intervenuta archiviazione di un procedimento penale instaurato a carico dell’assistito Sig. Staffolani Adriano, Presidente dell’Ambito Territoriale di Caccia Ancona 2 (di seguito anche ATC An2), da parte di un soggetto titolare di una Azienda Agricola del comprensorio fabrianese, per fattispecie di reato di rilevante gravità e disvalore giuridico e sociale.

L’Ambito Territoriale di Caccia An2, come altre piccola realtà associative, sta vivendo in questo delicato momento storico delle gravi difficoltà, connaturate ad una gestione resa sempre più complessa dalla sovrapposizione di normative privatistiche e pubblicistiche, con ingerenza di elementi di diritto comunitario, amministrativo e costituzionale; nel difficile contesto descritto, sono emerse problematiche connesse ad una limitata disponibilità di fondi e ad un rilevante contenzioso promosso dagli agricoltori le cui coltivazioni subiscono i danni della fauna selvatica. 

L’ATC An2, e per esso il Presidente, nonostante le sempre maggiori difficoltà operative, ha comunque operato tentando di non scontentare nessuno e di corrispondere quanti più indennizzi possibile, anche nei periodi di maggiore difficoltà operativa. La carica di Presidente di A.T.C. è peraltro ricoperta a titolo quasi volontario, atteso che la carica non prevede retribuzioni ma unicamente dei rimborsi spese.

E’ notorio che gli AA.TT.CC. sono enti di diritto privato, pur svolgendo anche limitate ingerenze pubblicistiche per la natura di alcuni servizi svolti, tuttavia il Presidente Sig. Staffolani è risultato comunque destinatario, nel dicembre 2017, di una denuncia/querela per i delitti di abuso d’ufficio (art. 323 c.p.) e omissione di atti d’ufficio (art. 328 c.p.), sul presupposto della violazione di un termine per il riscontro all’accesso agli atti, termine peraltro neppure specificamente previsto da alcuna norma di legge. All’esito delle valutazioni di rito, il Procuratore Capo della Repubblica che ha trattato il fascicolo ha immediatamente provveduto alla richiesta di archiviazione del procedimento per manifesta infondatezza della notizia di reato, “in quanto – come dedotto correttamente dalla difesa, che ha prodotto altresì pronunce in merito in materia – in realtà l’indagato, nell’esercizio delle funzioni di Presidente dell’Ente territoriale della Caccia di Ancona non ricopre una funzione pubblica e, quindi, non può essere ritenuto responsabile di un reato “proprio”, come quello ex art. 328 c.p., di cui il denunciante invoca l’applicazione”. Immediatamente a seguire, il Giudice per le Indagini Preliminari e per l’Udienza Preliminare ha accolto l’istanza di archiviazione in oggetto e disposto la restituzione degli atti. La parte lesa da tale arbitraria iniziativa, ossia il Presidente Adriano Staffolani, ha ritenuto di tutelare i propri diritti e la propria immagine ratificando apposito esposto-denuncia per calunnia a carico dell’originario querelante.


Tale vicenda si inserisce in un dibattito, ancora piuttosto acceso, relativo all’effettivo assetto giuridico degli A.T.C., in cui peraltro sono state fornite da più parti delle interpretazioni distorte dei precedenti della giurisprudenza amministrativa, tanto che ad oggi risulta piuttosto diffusa l’erronea convinzione che l’A.T.C. sia un ente pubblico tout court. 


In realtà, se in ambito amministrativo alcuni TAR hanno – peraltro correttamente – osservato che “l’ambito territoriale di caccia non perde la preminente natura di associazione di diritto privato, ma per determinate  attribuzioni svolge funzioni pubbliche mediante l’esercizio di poteri autoritativi” (TAR Liguria, Sez. II, 10 giugno 2013 n. 907; TAR Lombardia, Brescia, Sez. II, 11 giugno 2013 n. 561; TAR Piemonte, Sez. II 16 ottobre 2015, n. 1470; TAR Marche, 18 novembre 2019 n. 411), in ambito penalistico la questione è ben diversa e da ormai più di dieci anni la giurisprudenza ha osservato che “In realtà, l’Ambito Territoriale di Caccia è un’associazione non riconosciuta di diritto privato (art. 36 c.c.), priva di autonoma personalità e soggettività giuridica, volta a promuovere la caccia su una determinata area e curare la gestione dei conseguenti problemi ambientali (cfr. Corte Appello Potenza, 28 maggio 2008, per una controversia in materia di lavoro). … Gli interessi che i comitati di gestione dei territori per la gestione della caccia tutelano in via immediata e diretta sono quelli privati dei cacciatori, autorizzati ad esercitare l’attività venatoria in spazi territoriali delimitati e degli agricoltori, proprietari o conduttori, dei fondi ivi compresi, sia pure nel rispetto delle limitazioni e delle garanzie imposte a livello normativo, a tutela di altri interessi presenti sul territorio, che, come tali, non possono attribuire natura pubblicistica ai citati organismi esponenziali delle categorie autorizzate all’autogestione del territorio delimitato e dell’attività venatoria in esso svolta; pertanto, non essendo riconoscibile la natura pubblicistica di tali organismi, il presidente ed i componenti dei comitati di gestione non rivestono qualifica di pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio; del resto, anche il rapporto che lega i dipendenti a tali organi è di natura privatistica e non può dar luogo ad alcun inquadramento nei ruoli regionali o provinciali. …
Queste associazioni territoriali non gestiscono fondi pubblici regionali, ma operano con fondi propri di natura privatistica”.

(Tribunale penale Ancona, sentenza n. 226/2010 depositata in data 18 maggio 2010).


Pare anche giusto, a margine, evidenziare l’odierna prassi, altrettanto diffusa, di coinvolgere la giustizia penale per ogni vicenda anche bagatellare e di poca rilevanza (quale è appunto il mancato riscontro ad un accesso agli atti, che come noto consente, al massimo, una tutela amministrativa presso il TAR, peraltro solo se sussistono esplicite e fondate ragioni giuridiche), prassi del tutto scorretta e sconveniente che, oltre ad aggravare il già notevole carico giudiziario italiano e locale, pone il denunciante in condizione di divenire a sua volta il soggetto indagato per avere ingiustamente accusato un innocente.



Avv. Daniele Carmenati

 

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Marche. Ancora sulle funzioni degli Atc

Giovanni gli ATC dove sono ben gestiti sono oramai l'unico modo per poter andare a caccia. Esiste un problema ,la 157 e' oramai obsoleta e non fornisce soluzioni verso specie oramai da considerare nocive .inoltre non ha facolta' di tutelare il territorio condotto a monocultura con ampio uso di erbicidi...o pesticidi...

da Vito Canevese 17/05/2021 22.00

Re:Marche. Ancora sulle funzioni degli Atc

Gli ATC da quando sono nati sono stati la rovina della caccia. Hanno creato soltanto divisioni tra noi cacciatori.

da Giovanni 17/05/2021 13.13

Re:Marche. Ancora sulle funzioni degli Atc

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le nuove regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.

da Redazione BigHunter.it 17/05/2021 10.49