Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Presidio Animalista a Milano. Fidc scrive ai consiglieriMartani su Radio2 "voglio tagliare le gomme ai cacciatori"Marche, soddisfazione delle associazioni venatorieTar Marche sospende "solo" caccia a moriglione e pavoncellaCia: a censire la fauna non ci siano solo i cacciatoriCaccia futura. Cristina Ceschel - Ecco a voi la caccia al femminileFedercaccia al convegno Face sui lagomorfiRichiami vivi per caccia colombaccio. Cct chiarisceAbruzzo: nuove restrizioni in vista Modena, atti vandalici su auto di cacciatori Roccoli. In Lombardia presidio animalista e denuncia all'UeEmilia R. chiede a Ispra riconoscimento braccata per controlloAnche Enalcaccia Marche al Tar per la difesa del calendario Butac svela disinformazione su prima giornata di cacciaMarche: caccia in deroga allo storno in altri tre comuniSergio Berlato Presidente Confavi Roccoli. Fidc Lombardia prepara difesa al TarAbruzzo. Arriva parere Ispra su calendario modificatoLombardia: ricorso al Tar contro riapertura roccoliMinistra Bellanova: "mio padre era cacciatore"Caccia Futura. Michele Merola - Per rinnovare nella tradizioneAssociazioni Lombarde: La realtà contro le bugie sulla cacciaFiocchi: novità per la caccia da BruxellesStagione caccia al via. Partono le strumentalizzazioniFein: catturato primo tordo in migrazioneIl futuro delle GGVV: la collaborazione tra enti ed associazioniSicilia: in calendario venatorio la caccia al coniglio selvaticoCalendario Puglia: associazioni venatorie preparano difesa al TarRicorsi al Tar. Buone notizie dalla CalabriaFidc Lazio: urge regolamento richiami viviLombardia, approvate riduzioni al carniere Apertura. Arci Caccia scrive al Comandante Cufa CarabinieriBruxelles: riparte l'intergruppo Biodiversità, Caccia e RuralitàDal Senatore Bruzzone un richiamo all'unità dei cacciatoriCalendario Abruzzo, Fidc incontra la Regione Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del bucoCaccia Futura. Emanuela Lello, la gendarme con la penna verdeArci Caccia Toscana chiede costituzione cabina di regia Il Piemonte chiede più autonomia sulla cacciaMarche: parte la difesa del calendario venatorioSuccesso per la "Braccata rosa" delle donne FidcArci Caccia Puglia sul ricorso al Tar Abruzzo, ancora incertezzePuglia: Tar anticipa udienza contro Calendario Venatorio La caccia in Lituania, patria del neo Commissario Ue all'AmbientePasso. Prime avvisaglie?Ad Alessandria convegno sul futuro della caccia piemonteseL'Intergruppo Ue Caccia e biodiversità verso la sua ricostituzioneNominati Commissari Ue. Ecco chi va all'Agricoltura e all'AmbienteSolidarietà di Arci Caccia dopo i vandalismiFidc: attacchi degli estremisti non ci fanno pauraCosta compiace i pescatori: approvata immissione specie alieneDa Regione Abruzzo nuova proposta di Calendario VenatorioNuovi imbrattamenti contro le sedi FidcCinghiali, Rolfi "In Lombardia abbattimenti raddoppiati"Animalisti imbrattano sede Federcaccia UmbriaCaccia Futura - Federico Scrimieri: bocconiano coi fiocchiArci Caccia Treviso. Successo per il seminario dedicato al cervoIncidente di caccia e assicurazione. Un chiarimento da FidcCst, Marche: ennesima paralisi della cacciaUNA: Inaugurato capanno di osservazione Bocca d'OmbroneAnlc Marche: su preapertura decisione incomprensibileSospesa di nuovo la caccia in preapertura nelle Marche70 mila persone alla Sagra degli Osei di SacileZipponi nuovo Presidente Fondazione UnaA Empoli la nuova casa comune dei cacciatoriCaccia Futura - Pietro Iacovone. Sempre in prima lineaA Capannoli incontro sull'aggiornamento dei Key ConceptsConfagricoltura Toscana: serve nuovo patto tra cacciatori e agricoltoriPeste suina Sardegna. Rinnovata la collaborazione dei cacciatoriColli Euganei, abbattimenti cinghiali aumentati grazie a selcontrolloriVeneto: legittima partecipazione cacciatori al controllo faunisticoConte bis. Riconfermato Costa. All'Agricoltura va Teresa BellanovaPubblicato lavoro sulla beccaccia con telemetria satellitarePepe: calendarizzare subito Piano Faunistico AbruzzoSicilia, piccoli ritocchi al calendario venatorioGoverno M5S - Pd al via. Gli accordi sull'AmbienteMacerata: processione di San Giuliano, protettore dei cacciatoriBenevento, incontro su gestione faunisticaCaccia futura. "Eccomi, sono Maua"Cacce tradizionali. Ompo al lavoroNuovo calendario Abruzzo? Wwf diffida la RegioneDonati oltre 100 mila euro al Gaslini dai cacciatoriSiena: fondi ai cinghialai per i miglioramenti ambientaliFidc Marche: "non ci faremo piegare dai ricorsi animalisti"Berlato: Regione applichi legge su mobilità venatoriaAnuu: ancora stallo nella migrazioneAbbattimento accertato. I chiarimenti della Regione ToscanaFidc Emilia Romagna risponde ad attacco Enpa Federcaccia incontra il Presidente del Parlamento EuropeoArci Caccia ringrazia la Regione Marche per la preaperturaMarche, ok alla preapertura a colombaccio e corvidiFidc Umbria "mancato parere Ispra diritto sottratto ai cacciatori"Fassini (Arci Caccia): l’Apertura consacra il nostro amore per la naturaUmbria, niente da fare per la preaperturaA Crespina proclamati i campioni degli uccelli canoriMarche, la Regione: "la preapertura si farà"Inizio stagione venatoria. Il saluto del Presidente Fidc BuconiCalabria: proroga per i cacciatori di cinghialiGame Fair. Federcaccia incontra i cacciatoriCalabria, cinghiali "un problema di sicurezza pubblica"Toscana approva accordi reciprocità cacciaTar Sicilia respinge istanza associazioni venatoriePreapertura Umbria: si attende ancora il parere IspraSpecie esotiche in declino. FACE aggiorna sulle restrizioni Preapertura Caccia. CCT: ecco le regole da rispettareFidc: Nasce la settoriale cinghialai dell'Emilia RomagnaAbruzzo. Sospeso Calendario Venatorio 2019 - 2020Arci Caccia Marche: "subito nuovo decreto"Sospesa la preapertura della caccia nelle MarcheIl calendario siciliano piace agli animalistiArci Caccia Toscana: "carniere tortora merito nostro"Toscana: preapertura caccia 1 e 8 settembreUtilizzo richiami caccia. Chiarimenti dalla Regione ToscanaPuglia: modifiche calendario venatorio, colombaccio in preaperturaSardegna: Approvato Calendario Venatorio 2019 - 2020Passo. Il caldo fa la differenzaAssessore Mai all'Enpa: no a reintroduzione cinghialiFucecchio. Fidc Pistoia risponde alle accuse ambientalisteSicilia. La reazione delle Associazioni venatorie Incontro a Fano con i rappresentanti della RegioneLa gestione degli Atc secondo Arci Caccia ToscanaContenimento al Padule di Fucecchio. La Lipu alza la voceSassari: approvati piani controllo cornacchia e cinghialiA Crespina campionato italiano uccelli canoriArosio: catturato primo prispolone in migrazione post nuzialeGuardie venatorie in assemblea a MacerataFiocchi: 5 stelle-Pd e la cacciaArci Caccia e Eps "La caccia, una e indivisibile"Ancora proteste per il calendario venatorio sicilianoDal Friuli una proposta di modifica della 157/92Emergenza cinghiali Roma. Ancora nessun interventoOk definitivo in Molise a Calendario Venatorio 2019 - 2020Sicilia, Bandiera "su calendario venatorio abbiamo fatto il possibile"Umbria: Wwf denuncia consiglieri che hanno votato Piano faunisticoSardegna: mozione Piras per pareri tecnici sulla faunaA San Giovanni Val D'Arno assemblea CCT su calendario venatorioIl calendario venatorio siciliano delude le aspettative

News Caccia

Arci Caccia porta la beccaccia in casa Beretta


lunedì 19 febbraio 2018
    

 
 
Si è svolto sabato 17 Febbraio, presso la Sala Pietro Beretta di Gardone Val Trompia un’interessante iniziativa di Arci Caccia Nazionale sulla gestione della beccaccia.

La mattinata è iniziata con una visita allo splendido Museo Beretta, una bellissima sala dove sono ospitate tutte le armi prodotte da Beretta nella sua lunghissima storia. Una vera galleria d’arte, piena dei gioielli dell’arte armiera italiana.

Conclusa la visita, una platea gremita ha ascoltato con attenzione i relatori, sicuramente quanto di meglio offra il panorama tecnico scientifico riguardo alla Regina del Bosco.

Apre le danze l’organizzatore, il tecnico faunistico Alberto Bosa, che fungerà da moderatore dell’incontro., dando il La al padrone di casa Daniele Bertoni, vice direttore di Beretta, forse il più longevo gruppo industriale al mondo, che rivolge alla platea un cordiale saluto.

La parola passa a Giuliano Ezzelini Storti, Vice Presidente Nazionale di Arci Caccia, che pone l’accento sull’importanza che riveste, tra i compiti di un’associazione, quello di promuovere iniziative come questa, volte a formare i cacciatori, soprattutto i quadri dirigenti, in modo da metterli in condizioni di affrontare le sfide che ci propone la caccia del domani, che si svilupperà in una società pronta a giudicarci e criticarci per ogni passo falso. Queste importanti informazioni, inoltre, verranno inserite nel documento della conferenza programmatica che si svilupperà a breve.

Finito questo intervento interviene Maurizio Zipponi, presidente del comitato scientifico di Fondazione Una. L’Onorevole Zipponiha illustrato le finalità di questa fondazione, che unendo cacciatori, armieri, ambientalisti e mondo scientifico, si pone l’obbiettivo di fare buona comunicazione, per promuovere le tematiche della corretta alimentazione e della buona gestionefaunistica, in modo da arginare la deriva animalista che sta prendendo sempre più campo nella nostra società.

Finite le presentazioni si entra nel vivo, ed è il turno di Gian Luigi Gregori, Presidente del Club della Beccaccia, un preparatissimo dottore forestale che con precisione e chiarezza ha illustrato come l’abbandono dei boschi, che invecchiando aumentano di altezza e perdono sottobosco, l’aumento della superficie boscata (non gestita) e la riduzione del pascolo brado, a livello europeo stanno creando seri problemi alla Regina del Bosco. A questo, purtroppo, si aggiungono i cambiamenti climatici, che portando alla variazione dei cicli stagionali hanno favorito più di una volta vasti incendi nelle regioni di nidificazione, che distruggono le covate, oppure concorrono a rendere inospitali i luoghi di sosta. Tutte condizioni che concorrono a sfavorire la migrazione a causare la formazione di concentrazioni anomale di beccacce nei siti favorevoli. Quali le soluzioni? Un ripensamento globale della gestione agricolo forestale, incentivando attraverso la PAC quelle pratiche agricole che riporterebbero la biodiversità su livelli accettabili, ripristinando le siepi, le radure e gestendo al meglio boschi e pascoli. Misure che favorirebbero non solo la beccaccia ma anche il resto della fauna.

Il secondo intervento tecnico è affidato al Dott. Marco Tuti, faunista che si occupa della raccolta e analisi dei dati ricavati dai carnieri e dai censimenti effettuati dai monitoratori. Un lavoro importante, gestito in parte per via telematica, con un’applicazione che viene aggiornata con zone, tempi e carnieri durante la caccia e poi, durante i periodi di censimento, dopo la chiusura della caccia, serve da punto di raccolta delle rilevazioni. A questa viene affiancata una importante parte pratica, la lettura delle ali, che serve a determinare l’età dei soggetti abbattuti, e l’osservazione delle gonadi, che serve per determinare l’incidenza del prelievo su maschi e femmine. Tutto questo serve per monitorare lo stato di salute della specie, dando un’idea del trend seguito dalla popolazione e dell’andamento dell’annata riproduttiva e a stabilire, con una certa precisione, in quali periodi avvengono i picchi di migrazione della beccaccia.

Dopo il Dottor Tuti arriva l’intervento più atteso, quello di Paolo Pennacchini, Presidente della FANBPO, la federazione che raggruppa i beccacciai del Paleartico Occidentale. Pennacchini ci illustra la situazione della beccaccia in tutto il suo areale, specie classificata a “minor  preoccupazione”, ma non ancora in buona salute. Per questo è di fondamentale importanza raccogliere dati sullo stato della popolazione nella giusta maniera, con un metodo scientifico standardizzato ed approvato dalla comunità scientifica Internazionale. Perché per parlare di questo uccello è fondamentale assumere una dimensione più che europea. Infatti, questo uccello, nei suoi vagabondaggi sconfina in tutta l’area della Siberia. Sarebbe importante uniformare i criteri di gestione e di prelievo in tutto il suo areale e dovrebbe essere studiata dai luoghi di nidificazione a quelli di svernamento.

Per questo, occorre investire in formazione e in studi, sia a livello locale che internazionale. Anche in Italia, le regioni virtuose, quelle che cacciano fino al 31 gennaio, sono quelle che hanno attivato i monitoraggi, fornendo dati per ottemperare alle richieste dell’Europa. Spesso si invoca il calendario Francese che consente la caccia fino a fine febbraio. In quel paese, oltre ad essere avanti con gli studi, la posta è un reato penale pesantemente sanzionato e in gennaio il carniere massimo è di 3 beccacce che cala ad 1, sempre al mese, in febbraio. Loro applicano il concetto base della caccia del futuro: Cacciare il più possibile prelevando il meno possibile. Noi siamo pronti a fare altrettanto?

Chiude questa intensa giornata il Presidente Nazionale Sorrentino che parte ringraziando la Beretta dell’ospitalità e rivendica con forza la storia dell’associazione, che fin dalle origini ha sempre avuto una connotazione ecologista, promuovendo una caccia sociale e soprattutto sostenibile. Quando si parla di fauna, per l’Arci Caccia sono fondamentali le tre P: Produzione, Protezione e Prelievo sostenibile. Perché la caccia è un nostro retaggio atavico, ma compito dell’uomo moderno è difendere e gestire la natura. Arci Caccia non difenderà mai la politica del capo in più o del giorno in più, ma difenderà la caccia come forma di cultura. Per questo Sorrentino rilancia con orgoglio la partecipazione alla Fondazione Una, di cui Arci condivide lo spirito e le finalità,convintamente e in maniera integrale. Questo traspare anche dal Manifesto per l’ambiente e la ruralità in Italia che in questi giorni la Cabina di Regia del mondo venatorio sta proponendo al mondo politico. Un documento in cui si parla delle tre A: Alimentazione, Agricoltura e Ambiente per arrivare alla caccia, un grimaldello che sta avendo ottimi risultati. Lo scorso lunedì, abbiamo incontrato la commissione europea, in audizione a Roma. Non abbiamo chiesto più tempi e più specie, ma una revisione della PAC che promuova l’agricoltura sostenibile, in modo che le nostre campagne tornino a popolarsi di selvaggina… Questo è il nostro stile!!

 

Una mattinata piena di punti di riflessione, che sicuramente, visto il successo, Arci riproporrà anche in altre regioni Italiane, perchéla buona gestione è l’anima che riunisce i cacciatori dell’associazione.


Ufficio stampa
ARCI Caccia Nazionale

 
Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Arci Caccia porta la beccaccia in casa Beretta

Aldilà degli sproloqui degli sproloquianti - accidenti al meglio, si diceva una volta - quello della beccaccia è un argomento complesso, che non si esaurisce con battute di maniera e fan pseudocompetenti ma col paraocchi. Neanche con battute sulla disparità di trattamento a Est e a Ovest dell'areale. Il problema sta nei profondi mutamenti ambientali che se da una parte penalizzano delle specie, dall'altra ne favoriscono altre. La PAC? Certamente è uno strumento, ma su questo siamo consapevoli da tanto tempo quanto è quello che ci ha distinto per averlo volutamente ignorare, mentre gli ambientalisti (conservazionisti solo nei confronti della caccia e del loro portafoglio) si sono serviti a piene mani dei fondi comunitari per finanziare le loro campagne pelose. Noi no, nell'eterna rincorsa populista (da destra e da sinistra, senza quasi distinzione) a pretendere un modello di caccia "popolare" che ci ha distrutto. Il modello francese, a mio parere, sarebbe una buona soluzione, ma qui abbiamo due scogli. Il primo è l'Arcicaccia, mosca cocchiera di un'ambientalismo di maniera fallimentare, l'altro è la proprietà della selvaggina, oggi in mano allo stato, cioè a nessuno. Il che significa che il populismo imperante continuerà a opporsi a qualsisasi forma di gestione del patrimonio faunisitcio che abbia un minimo di soluzioni razionali. Auguri.

da Auguri! 20/02/2018 8.55

Re:Arci Caccia porta la beccaccia in casa Beretta

Questo discorso andatelo a fare in: Bielorussia, Moldavia, Moldova,Ucrainia,Romania,Bulgaria, Turchia,Croazia,Serbia,Macedonia,ecc. Vedrete questi cosa vi rispondono!!!

da Fucino Cane 19/02/2018 22.31

Re:Arci Caccia porta la beccaccia in casa Beretta

Loro (I FRANCESI)applicano il concetto base della caccia del futuro: Cacciare il più possibile prelevando il meno possibile. Noi siamo pronti a fare altrettanto?>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Noi (guardando anche agli animalisti) tra poco di questo passo siamo pronti ad appendere lo schioppo al chiodo, se non facciamo come i Francesi : cacciare il più possibile prelevando il meno possibile fino alla fine di Febbraio. Saluti

da jamesin 19/02/2018 19.05