Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Ancora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita Quasi debellata peste suina in SardegnaSardegna. Parere positivo Ispra su caccia a lepre e perniceLega, in Ue almeno 8 parlamentari pro cacciaPD, riconfermati a Bruxelles De Castro e SassoliForza Italia. Passano Comi* e TajaniEuropee. Fratelli d'Italia, più voti per i pro cacciaCCT: l'animalismo esce sconfitto dalle urneEuropee: netta vittoria per la Lega. Animalisti allo 0,6%In Liguria all'esame nuovo regolamento su richiami viviTar Campania annulla Piano controllo cinghialeLazio, protocollo d'intesa su cinghiali accontenta gli agricoltoriIl punto sulla caccia con il Commissario uscente Karmenu VellaEuropee. Cacciatori al votoIl Botswana reintroduce la caccia agli elefantiCinghiali, Rolfi: servono risposteElezioni Europee 2019. I candidati vicini al mondo venatorioAnimalisti rinviati a giudizio per aggressione a cacciatoriFidc Pg: i candidati alle europee amici dei cacciatoriFidc, chiarimento sulle coperture assicurative "Giornata della biodiversità. Insostituibile il ruolo dei cacciatori"Appostamenti caccia Toscana, Montemagni (Lega) bacchetta la GiuntaEuropee. Fiocchi "meno burocrazia e ostacoli per i cacciatori"Il Ministro upupaFano, 400 bambini alle lezioni di didattica ambientale FidcConfagricoltura: dal Tar toscano una sponda ai talebani animalistiEuropee. Anche Carlo Fidanza si impegna per la cacciaEuropee. Caroppo (Lega): restituire dignità ai cacciatori842. Botta e risposta tra Arci Caccia e FidcFidc contro M5S: "i cinghiali? Non sono nel contratto"M5S: spostamento deleghe caccia non è nei patti di governoIl Ministro Centinaio si pone come missione riportare la caccia al MipaaftSicilia. Basta parchi e divieti. La posizione unitaria del mondo venatorioUmbria, la giunta approva il calendario venatorio 2019-2020MASSIMO BUCONI ELETTO NUOVO PRESIDENTE NAZIONALE DELLA FIDCCalendari venatori. Ci vuole scienza e non ideologiaDanni sociali ed economici da fauna selvatica

News Caccia

Arci Caccia porta la beccaccia in casa Beretta


lunedì 19 febbraio 2018
    

 
 
Si è svolto sabato 17 Febbraio, presso la Sala Pietro Beretta di Gardone Val Trompia un’interessante iniziativa di Arci Caccia Nazionale sulla gestione della beccaccia.

La mattinata è iniziata con una visita allo splendido Museo Beretta, una bellissima sala dove sono ospitate tutte le armi prodotte da Beretta nella sua lunghissima storia. Una vera galleria d’arte, piena dei gioielli dell’arte armiera italiana.

Conclusa la visita, una platea gremita ha ascoltato con attenzione i relatori, sicuramente quanto di meglio offra il panorama tecnico scientifico riguardo alla Regina del Bosco.

Apre le danze l’organizzatore, il tecnico faunistico Alberto Bosa, che fungerà da moderatore dell’incontro., dando il La al padrone di casa Daniele Bertoni, vice direttore di Beretta, forse il più longevo gruppo industriale al mondo, che rivolge alla platea un cordiale saluto.

La parola passa a Giuliano Ezzelini Storti, Vice Presidente Nazionale di Arci Caccia, che pone l’accento sull’importanza che riveste, tra i compiti di un’associazione, quello di promuovere iniziative come questa, volte a formare i cacciatori, soprattutto i quadri dirigenti, in modo da metterli in condizioni di affrontare le sfide che ci propone la caccia del domani, che si svilupperà in una società pronta a giudicarci e criticarci per ogni passo falso. Queste importanti informazioni, inoltre, verranno inserite nel documento della conferenza programmatica che si svilupperà a breve.

Finito questo intervento interviene Maurizio Zipponi, presidente del comitato scientifico di Fondazione Una. L’Onorevole Zipponiha illustrato le finalità di questa fondazione, che unendo cacciatori, armieri, ambientalisti e mondo scientifico, si pone l’obbiettivo di fare buona comunicazione, per promuovere le tematiche della corretta alimentazione e della buona gestionefaunistica, in modo da arginare la deriva animalista che sta prendendo sempre più campo nella nostra società.

Finite le presentazioni si entra nel vivo, ed è il turno di Gian Luigi Gregori, Presidente del Club della Beccaccia, un preparatissimo dottore forestale che con precisione e chiarezza ha illustrato come l’abbandono dei boschi, che invecchiando aumentano di altezza e perdono sottobosco, l’aumento della superficie boscata (non gestita) e la riduzione del pascolo brado, a livello europeo stanno creando seri problemi alla Regina del Bosco. A questo, purtroppo, si aggiungono i cambiamenti climatici, che portando alla variazione dei cicli stagionali hanno favorito più di una volta vasti incendi nelle regioni di nidificazione, che distruggono le covate, oppure concorrono a rendere inospitali i luoghi di sosta. Tutte condizioni che concorrono a sfavorire la migrazione a causare la formazione di concentrazioni anomale di beccacce nei siti favorevoli. Quali le soluzioni? Un ripensamento globale della gestione agricolo forestale, incentivando attraverso la PAC quelle pratiche agricole che riporterebbero la biodiversità su livelli accettabili, ripristinando le siepi, le radure e gestendo al meglio boschi e pascoli. Misure che favorirebbero non solo la beccaccia ma anche il resto della fauna.

Il secondo intervento tecnico è affidato al Dott. Marco Tuti, faunista che si occupa della raccolta e analisi dei dati ricavati dai carnieri e dai censimenti effettuati dai monitoratori. Un lavoro importante, gestito in parte per via telematica, con un’applicazione che viene aggiornata con zone, tempi e carnieri durante la caccia e poi, durante i periodi di censimento, dopo la chiusura della caccia, serve da punto di raccolta delle rilevazioni. A questa viene affiancata una importante parte pratica, la lettura delle ali, che serve a determinare l’età dei soggetti abbattuti, e l’osservazione delle gonadi, che serve per determinare l’incidenza del prelievo su maschi e femmine. Tutto questo serve per monitorare lo stato di salute della specie, dando un’idea del trend seguito dalla popolazione e dell’andamento dell’annata riproduttiva e a stabilire, con una certa precisione, in quali periodi avvengono i picchi di migrazione della beccaccia.

Dopo il Dottor Tuti arriva l’intervento più atteso, quello di Paolo Pennacchini, Presidente della FANBPO, la federazione che raggruppa i beccacciai del Paleartico Occidentale. Pennacchini ci illustra la situazione della beccaccia in tutto il suo areale, specie classificata a “minor  preoccupazione”, ma non ancora in buona salute. Per questo è di fondamentale importanza raccogliere dati sullo stato della popolazione nella giusta maniera, con un metodo scientifico standardizzato ed approvato dalla comunità scientifica Internazionale. Perché per parlare di questo uccello è fondamentale assumere una dimensione più che europea. Infatti, questo uccello, nei suoi vagabondaggi sconfina in tutta l’area della Siberia. Sarebbe importante uniformare i criteri di gestione e di prelievo in tutto il suo areale e dovrebbe essere studiata dai luoghi di nidificazione a quelli di svernamento.

Per questo, occorre investire in formazione e in studi, sia a livello locale che internazionale. Anche in Italia, le regioni virtuose, quelle che cacciano fino al 31 gennaio, sono quelle che hanno attivato i monitoraggi, fornendo dati per ottemperare alle richieste dell’Europa. Spesso si invoca il calendario Francese che consente la caccia fino a fine febbraio. In quel paese, oltre ad essere avanti con gli studi, la posta è un reato penale pesantemente sanzionato e in gennaio il carniere massimo è di 3 beccacce che cala ad 1, sempre al mese, in febbraio. Loro applicano il concetto base della caccia del futuro: Cacciare il più possibile prelevando il meno possibile. Noi siamo pronti a fare altrettanto?

Chiude questa intensa giornata il Presidente Nazionale Sorrentino che parte ringraziando la Beretta dell’ospitalità e rivendica con forza la storia dell’associazione, che fin dalle origini ha sempre avuto una connotazione ecologista, promuovendo una caccia sociale e soprattutto sostenibile. Quando si parla di fauna, per l’Arci Caccia sono fondamentali le tre P: Produzione, Protezione e Prelievo sostenibile. Perché la caccia è un nostro retaggio atavico, ma compito dell’uomo moderno è difendere e gestire la natura. Arci Caccia non difenderà mai la politica del capo in più o del giorno in più, ma difenderà la caccia come forma di cultura. Per questo Sorrentino rilancia con orgoglio la partecipazione alla Fondazione Una, di cui Arci condivide lo spirito e le finalità,convintamente e in maniera integrale. Questo traspare anche dal Manifesto per l’ambiente e la ruralità in Italia che in questi giorni la Cabina di Regia del mondo venatorio sta proponendo al mondo politico. Un documento in cui si parla delle tre A: Alimentazione, Agricoltura e Ambiente per arrivare alla caccia, un grimaldello che sta avendo ottimi risultati. Lo scorso lunedì, abbiamo incontrato la commissione europea, in audizione a Roma. Non abbiamo chiesto più tempi e più specie, ma una revisione della PAC che promuova l’agricoltura sostenibile, in modo che le nostre campagne tornino a popolarsi di selvaggina… Questo è il nostro stile!!

 

Una mattinata piena di punti di riflessione, che sicuramente, visto il successo, Arci riproporrà anche in altre regioni Italiane, perchéla buona gestione è l’anima che riunisce i cacciatori dell’associazione.


Ufficio stampa
ARCI Caccia Nazionale

 
Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Arci Caccia porta la beccaccia in casa Beretta

Aldilà degli sproloqui degli sproloquianti - accidenti al meglio, si diceva una volta - quello della beccaccia è un argomento complesso, che non si esaurisce con battute di maniera e fan pseudocompetenti ma col paraocchi. Neanche con battute sulla disparità di trattamento a Est e a Ovest dell'areale. Il problema sta nei profondi mutamenti ambientali che se da una parte penalizzano delle specie, dall'altra ne favoriscono altre. La PAC? Certamente è uno strumento, ma su questo siamo consapevoli da tanto tempo quanto è quello che ci ha distinto per averlo volutamente ignorare, mentre gli ambientalisti (conservazionisti solo nei confronti della caccia e del loro portafoglio) si sono serviti a piene mani dei fondi comunitari per finanziare le loro campagne pelose. Noi no, nell'eterna rincorsa populista (da destra e da sinistra, senza quasi distinzione) a pretendere un modello di caccia "popolare" che ci ha distrutto. Il modello francese, a mio parere, sarebbe una buona soluzione, ma qui abbiamo due scogli. Il primo è l'Arcicaccia, mosca cocchiera di un'ambientalismo di maniera fallimentare, l'altro è la proprietà della selvaggina, oggi in mano allo stato, cioè a nessuno. Il che significa che il populismo imperante continuerà a opporsi a qualsisasi forma di gestione del patrimonio faunisitcio che abbia un minimo di soluzioni razionali. Auguri.

da Auguri! 20/02/2018 8.55

Re:Arci Caccia porta la beccaccia in casa Beretta

Questo discorso andatelo a fare in: Bielorussia, Moldavia, Moldova,Ucrainia,Romania,Bulgaria, Turchia,Croazia,Serbia,Macedonia,ecc. Vedrete questi cosa vi rispondono!!!

da Fucino Cane 19/02/2018 22.31

Re:Arci Caccia porta la beccaccia in casa Beretta

Loro (I FRANCESI)applicano il concetto base della caccia del futuro: Cacciare il più possibile prelevando il meno possibile. Noi siamo pronti a fare altrettanto?>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> Noi (guardando anche agli animalisti) tra poco di questo passo siamo pronti ad appendere lo schioppo al chiodo, se non facciamo come i Francesi : cacciare il più possibile prelevando il meno possibile fino alla fine di Febbraio. Saluti

da jamesin 19/02/2018 19.05