Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Fidc commenta voto Parlamento Ue su Legge Ripristino NaturaBasilicata: ok a modifica dimensoni degli Ambiti Territoriali di CacciaRegione Lombardia vieta la caccia nei valichi montaniFACE: continuare a lavorare su accettazione sociale della cacciaLiguria, cacciatori perplessi su gestione PSAFidc: cacciatori importanti nella conservazione della fauna selvaticaFidc risponde all'allarme cartucce nelle conserve: "preoccupante non si rilevino corpi estranei"Il prelievo del muflone rimane sospeso al GiglioPiano controllo cinghiale Marche: braccata non sufficientemente giustificataMarche: Tar respinge ricorso contro piani corvidi e volpeMarche, associazioni venatorie rispondono ad Arci CacciaPuletti "mantenere tesserino cartaceo in Umbria"Approvato Piano controllo cinghiale Provincia di OristanoAnuu: pretestuose lamentele animaliste in UE. Occhio alle elezioniArci Caccia "basta illudere i cacciatori, ora calendari con i piedi per terra"Il Parlamento europeo ha adottato la legge sul ripristino della naturaZunino "il Fatto fa revisione storica, Videsott (storico Direttore Gran Paradiso) era cacciatore"Bruzzone sugli attacchi dei 100% animalisti: “Fanatici che godono della morte dei cacciatori”Si allarga la zona di restrizione per la PSA in ItaliaAl via a Valdarno aretino il Coordinamento Colombaccio ItaliaItalcaccia Veneto sollecita soluzioni sui richiami viviMarche: il Calendario Venatorio 2024 - 25 fa già discutereFidc: "telemetria, iniziati primi spostamenti beccacce"Appello della Cabina regia Toscana sulla rappresentanza negli AtcParlamento Ue al voto su legge per ripristino naturaPSA: Approvati Piani di Intervento Urgenti 2024 in BasilicataIn Austria il 71% dei cittadini approva la cacciaA Piacenza richiesta cabina di regia contro PSAAggiornamento per 70 guardie venatorie a BolzanoCacciatori pistoiesi donano 2,5 quintali di carne di cinghiale al Banco AlimentareCia Toscana: obbiettivi fauna selvatica vanno rivistiFACE: su habitat e biodiversità siano riconosciuti in UE i risultati ottenuti dai cacciatori A Concesio (BS) il punto sui richiami viviLombardia, Tar accoglie ricorso LAC sui valichi montani 15 nuovi agenti faunistici venatori aTorinoPiano assestamento caccia al cinghiale per l'Atc VasteseFebbo (FI): ci sia più pragmatismo nel nuovo Piano faunistico abruzzeseEos 2024 chiude con record di 40 mila visitatoriBaggio in pandino su Instagram Bruzzone a Eos "sulla sostanza della mia proposta non arretreremo"Toscana, interrogazione di Fantozzi (FdI) sui ritardi del Piano faunistico venatorio30 mila ingressi a EOS. File ai tornelli per rischio infiltrazioni animalisteSalerno: fino a fine marzo controllo con girata al cinghiale Lazio, associazioni venatorie contestano nomine dei GOTLega Emilia R. "mancato controllo dei cinghiali per paura degli ambientalisti"Lombardia: Assessore Beduschi anuncia task force su contenimento fauna selvaticaCia Agricoltori "Regioni attuate Piano straordinario fauna selvatica"A EOS annunciato presidio animalista, sarà scortato dalla PoliziaEmilia Romagna chiede stato di calamità per PSAToscana "per affrontare PSA necessaria collaborazione con i cacciatori"Fidc: "Wwf e Lipu fanno passare per vittoria la batosta al Tar su Vinca e Calendari Venatori"Arci Caccia Toscana: "rinnovo appostamenti di caccia entro il 28 febbraio"Toscana: Ass. Saccardi promette nuovo Piano Faunistico entro 2024Francia: rinnovato alla FNC status di Associazione per la protezione ambientaleLa Cabina di Regia interviene sulla procedura di Infrazione sulla cacciaBasta con l'odio animalista. Solidarietà di Fratin non sia solo ad IspraNo delle associazioni venatorie all'argamento del Parco della MaremmaContinua la campagna anti caccia del Fatto Q.Sottosegretario La Pietra: "le Regioni attuino il Piano contenimento fauna selvatica"Addio al Prof. Silvio Spanò. Il saluto del Club della BeccacciaEos 2024 punta sulla carne selvatica gourmetRichiami vivi: Dall'Europa alla Lombardia - Tra Applicazione, Politica e AnelliniRicco programma di approfondimenti Fidc ad Eos24Sospeso prelievo venatorio di ipotetici mufloni al GiglioSentenza Tar Lazio: Linee guida Vinca non vincolanti su Calendari VenatoriPd ancora su modifiche 157: "riportare Ispra al centro dei processi decisionali"Ministro Tajani: "accelerare approvazione norme caccia"Italcaccia Pescara: "No all'allargamento dei Parchi in Abruzzo"Modifiche alla 157/92, la posizione di Arci CacciaVaccari chiarisce "io e il Pd contro la legge Bruzzone"Pdl Brambilla. In audizione la Cabina di Regia del mondo venatorioAmbientalisti contro Vaccari (PD) per posizione su riforma legge 157Fidc smentisce accuse Lipu su stagione caccia 2023 - 2024Al Senato interrogazione di Paroli (FI) sui controlli del SoardaRiforma Bruzzone. Ecco come la pensano le Associazioni VenatorieProposta Bruzzone prosegue il dibattito in CommissioneTelemetria Fidc, "Nessun tordo ancora in migrazione"Aperta procedura di infrazione contro l'Italia sulla cacciaBuconi: Oltre mille emendamenti alla proposta Bruzzone, pericolo Pdl BrambillaAlleanza Verdi e Sinistra contro riforma BruzzoneToscana, approvata delibera CAV, novità su appostamenti e anelli richiami viviGli avvocati del ricorso: un autogol per il Comprensorio PrealpiVeneto: Italcaccia chiede attivazione caccia in deroga e cattureCommissione per le petizioni Ue risponde a Fiocchi sul lupoPsa, Droni dell'Esercito sul piacentino alla ricerca di carcasse di cinghialeEmilia Romagna. Lega attacca Pd su gestione cinghialeBruzzone: "su caso Puletti manca la condanna delle associazioni ambientaliste"Buconi (FIDC): "solidarietà a Puletti, serve intervento legislativo concreto"Selezione cinghiale Prealpi Bergamasche. Cacciatori vincono ricorso contro CASparvoli "ennesima manifestazione violenta, Governo intervenga"Transito sentieri Umbria. Puletti scortata dopo insulti e minacce ambientalistiConvegno Libera Caccia a Treviso con Bruzzone e Presidente SparvoliAtto vandalico animalista contro la Lega di Legnano

News Caccia

Umbria: ok a risoluzione sui danni da fauna selvatica


giovedì 12 marzo 2015
    

Approvata all'unanimità dalla seconda commissione consiliare dell'Umbria la proposta di risoluzione presentata da Raffaele Nevi (FI) “Riduzione del fenomeno dei danni causati dalla fauna selvatica sul territorio regionale”.  La Regione è infatti responsabile dei danni provocati a persone o a cose. Oltre agli ingenti danni economici agli agricoltori, vi sono i costi elevati (circa due milioni di euro l'anno) per le spese assicurative, e pericoli per la circolazione stradale.

Con questo atto si impegna la Giunta regionale “ad attivare specifiche iniziative finalizzate a ridurre il fenomeno dei danni causati dalla fauna selvatica sul territorio regionale, ed in particolare a: riorganizzare la filiera delle informazioni sui danni causati dalla fauna selvatica; introdurre divieti, anche temporanei, per l’immissione sul territorio di esemplari di fauna per le specie di cui è stato accertato uno squilibrio delle popolazioni; ai fini della prevenzione dei danni, incentivare l’uso di repellenti chimici e di Eutrofit; stipulare convenzioni con le aziende agricole per la realizzazione di interventi finalizzati anche alla conservazione della biodiversità; ampliare la platea dei soggetti abilitati al controllo della fauna selvatica; potenziare il coordinamento tra i diversi istituti di gestione faunistica; incentivare la pratica dei trappolamenti; incrementare la realizzazione di recinzioni fisse; adeguare il fondo per le somme erogate per le attività gestionali e per la liquidazione degli indennizzi; potenziare la pressione venatoria; coinvolgere economicamente chi effettua il prelievo delle specie; assegnare i settori di battuta con modalità legate a criteri di merito; ricondurre in capo alla Regione il coordinamento e la gestione di tutti gli interventi di contenimento effettuati al di fuori della stagione venatoria; pianificare annualmente interventi mirati nelle aree a maggior rischio con l'introduzione di un 'Piano annuale di prevenzione e difesa delle colture', da attuarsi entro il mese di febbraio di ogni anno sulle zone dove si sono verificati i danni e di un 'Piano di coltivazione dei boschi nelle aree protette (con risorse del Psr)', per ridurre le aree vocate alla riproduzione delle specie critiche, creando a queste ultime condizioni ambientali sfavorevoli alla loro eccessiva riproduzione; aggiornare la normativa regionale di riferimento”.

Nella proposta di risoluzione si punta dunque sugli interventi di prevenzione dei danni rispetto alla pratica degli indennizzi. “La Giunta regionale – si legge nell'atto -  avrebbe intenzione di sperimentare, per almeno un anno, una diversa modalità di gestione dei sinistri stradali causati dalla fauna selvatica, prevedendo la gestione diretta delle pratiche di risarcimento e lasciando a carico della polizza assicurativa solo i danni superiori a 20mila euro”

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Umbria: ok a risoluzione sui danni da fauna selvatica

Lo spero anche io caro agricolore pur avendo pochi ulivi uva ciliege ecc...ma credo che come al solito I piani di contenimento riguardino solo i cinghiali Con la troupe dei "selecontrollori"saluti a tutti

da Antonio 14/03/2015 19.30

Re:Umbria: ok a risoluzione sui danni da fauna selvatica

SPERIAMO DIANO LE AUTORIZZAZIONI PER ABBATTERE GLI STORNI COME GLI ANNI SCORSI ALTRIMENTI NIENTE CILIEGIE UVA ED OLIVE!SI PAPPANO TUTTO!

da un agricoltore 12/03/2015 13.48