Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
storie di caccia e cinofilia
apr21


21/04/2021 15.22 

Cresciuta tra tiratori e cacciatori, conosco da sempre questo mondo e tantissimi cacciatori che condividono con me e con mio padre in primis, questa antica arte e passione.

Ed è nell’ottobre scorso, che, per alcuni video che dovevo girare legati alla caccia alla beccaccia , che incontro due cacciatori, amici d’infanzia, Fabrizio e Maurizio, che mi conducono con loro alla ricerca della regina  e che seguo con grande fatica fisica, poiché questa esperienza, come altre, mi mancava, sulle montagne, insieme ai loro spettacolari compagni di avventura: i Setter Inglesi. 

Decido così, tra una scarpinata e l’altra, di scrivere alcuni brevi articoli sulla loro passione, sui vari tipi di caccia, in primis quella alla beccaccia, dall’addestramento dei cani in poi, avventure varie, storie di amicizie e viaggi di caccia, emozioni ed esperienze e perché no, aneddoti, e di estendere la scrittura dedicandola ad altri amici e famigliari, cacciatori di una vita, e perché no, di ricette a base di selvaggina.
Nasce così una rassegna semplice, ma appassionata, che rendo volentieri al lettore con la speranza di fargli rivivere le stesse emozioni su varie esperienze vissute personalmente e non solo.

Scelgo, come primo breve articolo,” ADDESTRAMENTO”. 

Aprile è il mese dell’arrivo delle quaglie e l’ispirazione và a questo racconto/esperienza.
 
 
 

ADDESTRAMENTO, con Fabrizio Stefano
 

“Sono nato cacciatore ed ho sempre cacciato con i Setter Inglesi. Gli amici mi chiedono quale sia il “segreto” che uso per l’addestramento dei miei fedeli ausiliari.  A caccia ne porto due, sono sorelle, Nikita e Belen. Vengono da Nina, la madre, e Freccia, la nonna. Ho vissuto tutta la vita con i cani, anche di altre razze. La passione è nata molto presto, grazie a mio padre, oggi 92enne, che mi ha avvicinato alla caccia, insieme a mio fratello Francesco.

La linea di sangue dei miei Setter è antica, mi è stata consigliata da amici veri allevatori e cacciatori con grande esperienza, e nel tempo, l’abbiamo migliorata. I cani nascono a casa mia, assisto le madri durante il parto, aiuto a ripulire i cuccioli dalla placenta e mi prendo cura di loro.

Sin dai primi mesi, osservo attentamente il loro carattere e attitudini, perché a mio modesto parere, si vede subito quali siano le attitudini di un fuoriclasse.
 
 

Inizio a portarli su campi aperti a 7, 8 mesi ed inizialmente osservo la loro curiosità: il volo di un uccello, lo svolazzare di una farfalla, l’attenzione ad un qualsivoglia rumore. Tutto occorre a comprendere il carattere, ma soprattutto le attitudini di “cacciatori” dei cuccioloni. Poi, per le due o tre volte successive,  immetto sul terreno due o tre quaglie allevate e attendo che le trovino dall’odore. Ecco che iniziano le prime ferme, ed i primi consensi che miglioreranno nettamente sui selvatici. 

Così, appena possibile, porto i cuccioloni direttamente a caccia, perché l’odore dell’animale selvatico sarà impresso nel cane per sempre e i cani inizieranno a fermare e consentire come fossero un corpo e un’anima.

Ferme precise. Nessun movimento fino a che il selvatico non si muove tra l’erba, per quanto riguarda fagiani e quaglie, possono anche strisciare nel seguirle.  Nessun movimento quando trovano la beccaccia. Immobile la ferma, immobile il consenso. Un duo meraviglioso e appagato. Un duo che se per caso la beccaccia si sposta, fino a che non l’hanno ritrovata, non si fermano mai, qualunque sia il terreno di caccia, con metodo.

Naturalmente e per fortuna, caccio con amici appassionati come me, con anche il loro cane, ed il risultato è lo stesso: metodo, cerca, ferma, consenso, consenso. 

I cani che addestro, anche per amici ed appassionati che me lo chiedano, non hanno bisogno che per chiamarli  il sottoscritto gli urli, mi comprendono al volo da un piccolo fischio, o dallo sguardo.

Ci sarebbero da dire ancora  diverse cose sull’addestramento, ma fondamentalmente, in modo semplice, vorrei svelare il segreto di cui parlavo all’inizio e che mi chiedono in tanti cacciatori ed appassionati di cani da tutta Italia. Il segreto è solo uno e che chi lo comprende avrà sempre dei fuoriclasse, che ripeto, già hanno delle potenzialità da cuccioli.

Il segreto è l’Amore. Amare i propri cani profondamente. Amarli, ovvero ascoltarli, curarli, accarezzarli, capirli.

Un cane a cui viene dato Amore incondizionato, risponde dando altrettanto Amore. E vi darà tutto. E la soddisfazione nella caccia alla beccaccia ed altri tipi di selvaggina sarà ripagata alla grande.”

Michela Pacassoni



Nel prossimo articolo “Le prime avventure di caccia nell’adolescenza: storie di Amici”

Tags:

Tuo Nome:
Your email:
(Optional) Email used only to show Gravatar.
Your website:
Titolo:
Commento:


108.162.219.66
Aggiungi un commento  Annulla 

 
Blog_List
 
Blog_Archive
Archivio
<ottobre 2021>
lunmarmergiovensabdom
27282930123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
ottobre 2021
settembre 2021
agosto 2021
luglio 2021
giugno 2021
maggio 2021
aprile 2021
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007