Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lombardia. La risposta di FIdC regionale all’impugnazione calendario venatorioUmbria: Mancini e Puletti, richieste sulla caccia rimaste inascoltateCalendario Venatorio Calabria: preapertura dal primo settembreUmbria: addestramento cani dal 15 agostoCalendario Venatorio Calabria: le osservazioni delle Associazioni VenatorieMarche: aumento annuo del 50% su abbattimenti cinghialeRicorso Tar Calendario Venatorio Sicilia. Intervengono Fidc e AnuuPuglia: ecco Calendario Venatorio e preaperturaUmbria. Approvato Calendario Venatorio 2022 - 2023Berlato: "Regione Veneto abbassa indice densità venatoria"Emilia Romangna: Presidente Arcicaccia Maffei attacca la LAC Legittimità dei controlli sugli uccelli allevati. Bruzzone interroga il MinistroSicilia, lettera al Presidente della Repubblica sulla caccia sicilianaCampania: no a gabelle ingiuste sul rilascio dei tesserini venatoriMarche: calendario venatorio 2022 - 2023. Confermata preaperturaBasilicata, approvato Calendario Venatorio 2022 - 2023CCT: Regione Toscana aggiorna piani prelievo daino e cinghialeConsiglio Giustizia Sicilia conferma sospensione preaperturaEmilia Romagna adotta Piano interventi urgenti su PSAArci Caccia: in Emilia R. correggere autodifesa agricoltori da cinghialiVeneto, modifica alla legge per la caccia nei vigneti e ulivetiBerlato: Giunta Veneto approva Calendario Venatorio restrittivoTesserino Venatorio Campania. Nuove procedurePsa e Piani cinghiale non attuati. Protestano le ass.venatorie romaneCalabria, nuove modifiche per il disciplinare caccia cinghialeColdiretti chiede decreto urgentissimo sul cinghialeRiconoscimento dal Ministero per Arci CacciaSicilia, Consigliera Elvira Amata "basta penalizzare i cacciatori"Fidc Sicilia "verso il prelievo venatorio sostenibile della lepre italica"Caputo su Calendario Venatorio: "siccità e mancanza di studi ci inducono ad essere cauti"In Campania un'interrogazione sul Calendario VenatorioSardegna, Ispra invia parere su Calendario VenatorioToscana, in Commissione ok a regolamento attuazione legge cacciaFidc Calabria protesta per le modifiche disciplinare caccia cinghialeLombardia: approvata preapertura a corvidi e caccia in deroga allo storno Campania, chieste dimissioni dell'Assessore CaputoToscana. Approvati piani prelievo daino, cervo e mufloneUmbria: ok a mozione Lega per estendere periodo caccia cinghialePiana: in Liguria nuove azioni straordinarie sul cinghialeStagione 2022 - 2023, App TosCaccia obbligatoria in alcuni casiArci Caccia Marche: Gabriele Sperandio confermato Presidente regionaleSicilia, arriva la sospensione del Calendario VenatorioCastellani (Anuu): obbligati a guardare avantiIncendio sul Carso. Dreosto ringrazia volontari e cacciatori Eps Toscana: Siccità, posticipare immissioni selvagginaPiano cinghiali. Bruzzone si rivolge agli animalistiPSA: Toscana adotta piano interventi urgentiCCT: ecco i contenuti del Calendario Venatorio della ToscanaAcr e Acl uniscono le forzeCampania: Eps, questo il calendario venatorio deliberatoAgrivenatoria Biodiversitalia. Su BigHunter il chiarimento di Zipponi (CNCN) Francia, salva la caccia popolareCampania, approvato Calendario Venatorio con riservaSicilia. Le associazioni venatorie su seduta TarIn Piemonte il punto sulla PSAMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"


giovedì 13 gennaio 2022
    
 
 
Anche il Presidente di Anlc Paolo Sparvoli è intervenuto in un comunicato sulla situazione dei pochi contagi di PSA degli ultimi giorni invitando ad evitare allarmismi e strumentalizzazioni:

I due cinghiali affetti da P.S.A. (Peste Suina Africana) rinvenuti tra Liguria e Piemonte hanno 
rinfocolato un tipo di allarmismo che non ha niente a che vedere con le evidenze scientifiche e che non fa certo bene a nessuno.

Dietro questa forma di “terrorismo psicologico”, che per ora sembra la brutta copia di quello suscitato anni fa dall’influenza aviaria, si potrebbero nascondere gli interessi non dichiarati, ma ugualmente ben noti, di chi vuole seminare panico per i soliti scopi anticaccia (e anti art. 842 del Codice civile) che negli ultimi tempi stanno ottenendo più di qualche consenso non solo all’interno del mondo agricolo ma, purtroppo, anche fra qualche associazione venatoria.
 
La P.S.A., giova sicuramente ricordarlo, è una malattia virale altamente contagiosa (ne sappiamo qualcosa con la famosa variante Omicron) che uccide i suini ma non è trasmissibile agli esseri umani. Per questa sua caratteristica le epidemie da P.S.A. sono devastanti per le economie delle nazioni che ne sono colpite in quanto costringono alla eliminazione di centinaia di migliaia di capi di suini di allevamento al fine di arginare la sua diffusione.
 
Dal 2014, l’epidemia si è presentata in alcuni stati membri della UE come Belgio e Germania determinando l’adozione di severe norme di controllo da parte di tutti gli altri Stati, Italia compresa.
 
E fra i principali protagonisti di questo monitoraggio ci sono proprio i cacciatori, non tanto e non solo per quanto riguarda i capi abbattuti e severamente controllati, ma soprattutto per il controllo costante del territorio che permette di individuare (com’è successo di recente) eventuali capi morti proprio a causa della peste.
 
I cacciatori, TUTTI I CACCIATORI – sia quelli in braccata che quelli che praticano altre forme di prelievo e controllo – sono e saranno sempre in prima linea, rappresentando il primo baluardo di controllo QUOTIDIANO dell’ambiente naturale nazionale. Questo è un impegno che possiamo definire “naturale” da parte di chi pratica l’attività venatoria e lo dimostra, per esempio, il convegno tenutosi ad Arezzo nel novembre del 2019: “Formare ed informare i portatori di interesse per la early detection ed il controllo della Peste Suina Africana nel cinghiale” organizzato dalla Società Italiana di Ecopatologia della Fauna in collaborazione con l’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana e patrocinato dalla Provincia di Arezzo e dal Ministero della Salute.
 
Nessuno, quindi, può impunemente cavalcare la tigre dell’allarmismo per continuare a perseguire insensati scopi anticaccia che finirebbero, INEVITABILMENTE, per risultare infinitamente più pericolosi per l’economia nazionale e l’intero “sistema Italia”.
 
 
Roma, 7 gennaio 2022
 
 
IL PRESIDENTE
DELLA A.N.L.C.
 Paolo Sparvoli

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

15 commenti finora...

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Holalà è sceso in campo anche il direttore d'orchestra.

da Adesso possiamo chiudere le porte 16/01/2022 17.15

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Ha comprato il richiamo per la scrofa e il verro?

da cru cru cru 15/01/2022 20.39

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

confermo il mio giudizio sulle affermazioni di Sparvoli e di altri dirigenti non all'altezza della situazione che si sta delineando, ma le linee guida deliberate dal ministero le hanno lette i nostri dirigenti delle associazioni venatorie se si cosa ne pensano nel merito e cosa propongono?

da cattani stefano 14/01/2022 21.42

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Usare nomi di altre persone, specie se dirigenti di ATC o di AAVV è un grave reato. Il codice IP consente di risalire facilmente all’autore.

da S.C. - MS 14/01/2022 8.33

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Si sta scatenando un disastro ecologico di portata incalcolabile e si pensa solo a non generare allarmismo....... senza parole

da Cattani Stefano 13/01/2022 21.50

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Quindi secondo il calcolo delle probabilità scritte da grazie 1000 chi va a cercare funghi o a fare trekking non può causare lo spostamento di cinghiali mentre chi va a caccia alla migratoria sposta cinghiali a decine. Una logica stringente (o demente). SE VOGLIONO ABOLIRE LA CACCIA LO POSSONO FARE CON UNA LEGGE DI UN SOLO ARTICOLO DI UN SOLO COMMA. Pretendere di incassare e poi vietare (di fatto) è degno del popolo italiota

da Grazie m.de! 13/01/2022 17.46

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Comunque o peste suina, aviaria, gelate, neve che ricopre anche di un cm il territorio, sindaci inventori di leggi,zone rosse,arancio, e via puzzonando andare a caccia ( o provare ad andare ) è come maneggiare una bomba a mano in sella ad un monoruota su una strada di campagna mentre piove a dirotto

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX per sempre 13/01/2022 15.40

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Sei recidivo oltre che tordo, è lo spostamento e i contatti dei cinghiali infetti che possono propagare il virus, molto più probabile in attività venatoria che ludico sportiva. E' un concetto troppo difficile per essere capito !!!!!!

da 1000 grazie 13/01/2022 15.12

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Sarò pure un fenomeno ma tu oltre alle battute dovresti spiegare, non a me ma a chi legge, perché chi va a caccia sparge il virus della PSA e chi va in giro in campagna per altre ragioni invece no.

da Grazie m.de! 13/01/2022 14.17

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Continuo a definirti un fenomeno di cui ne facciamo volentieri a meno. Aspetto gli sparagi, ma non quelli in scatola, visto che solo un fenomeno li può trovare nel bosco adesso.

da 1000 grazie 13/01/2022 13.13

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

Se giri nel bosco che lo faccia col fucile o con la macchina fotografica la possibilità di spargere virus di PSA è la stessa.

da Grazie m.de 13/01/2022 12.54

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

E ti pareva che anche l’inventore delle squadre di caccia al porco non saliva pure lui sul carro. La malattia è contagiosa soltanto per suini e cinghiali, e si trasmette attraverso il contatto diretto con gli animali infetti (e i loro escrementi) o, indirettamente, attraverso oggetti contaminati, come attrezzature, veicoli e indumenti, o con la somministrazione ai maiali di rifiuti alimentari contenenti carne cruda infestata dal virus (che resta contagioso da tre a sei mesi). Una pratica comunque vietata dai regolamenti europei dal 1980. “Gli allevamenti allo stato semibrado, con ricoveri all’aria aperta, o quelli familiari privi di muretti o doppia recinzione per difendersi dai cinghiali sono più a rischio contagio” sottolinea Silvio Borrello, a capo della direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del ministero della Salute. “Nessun pericolo invece per gli allevamenti intensivi concentrati nella Pianura padana, sottoposti a norme di biosicurezza, dove – puntualizza Borrello – molto difficilmente riusciranno a penetrare i cinghiali”. L’unico rischio qui è rappresentato dall’imprudenza dell’allevatore: “Se rientra da un Paese infettato e non prende le dovute precauzioni per evitare la diffusione del virus; oppure se dà in pasto ai maiali scarti di un panino con salume contaminato” chiarisce il direttore. Questi eroi con lo schioppo son come scrive il giornale : Il virus lo diffondono i vaccinati che si credono di essere non più portatori. E ve lo dice un CACCIATORE RESPONSABILE E NON FANATICO DEL PORCO. STATE LONTANO SE NON VOLETE CHE LA PSA ESPLODA.

da non date retta a questi santoni del nulla 13/01/2022 12.26

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

L'unico non normale è uno che paragona l'attività venatoria in battuta a una cacciata fotografica. Continuiamo così e alimentiamo l'odio che c'è nei nostri confronti. A proposito se trovi asparagi mi aspetto un invito per una frittata.

da 1000 grazie 13/01/2022 11.53

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

X grazie mille:E' normale perché fanno di tutto x non mandarti a caccia!

da l.b. 13/01/2022 11.20

Re:Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"

ACCADE IN PIEMONTE E LOMBARDI: SOLO la caccia è vietata??!!?? La ricerca dei funghi? La ricerca di asparagi ed altre erbe selvatiche? PRATICARE BIRD WATCHING? Le passeggiate nei boschi?? La caccia fotografica? MA È NORMALE?????????????

da Grazie m.de!! 13/01/2022 10.07