Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Ricette | Le bottiglie | Ristoranti | Libri | Indirizzi | Archivio Scempi | I Funghi | Tartufi e funghi |
 Cerca

News Natura

I terremoti hanno invertito le rotte migratorie dei colombacci: ecco come


giovedì 10 novembre 2016
    

Il ministero legittima la caccia al colombaccio con richiami vivi Il Club Italiano del Colombaccio sostiene la tesi secondo cui i terremoti del centro Italia di fine ottobre possano aver determinato un'anomala migrazione del colombaccio (rotte invertite) a causa delle forze elettromagnetiche sprigionate dai movimenti di frattura delle faglie. La tesi è oggetto di una ricerca pseudo scentifica (la pubblica la rivista scienceheresy.com) da Enrico Cavina, membro del Club.

Gli osservatori ufficiali del Club (cacciatori esperti) disposti su 500 km di valli, valichi e montagne sull'Appennino e sulle coste tirreniche dal Lazio alla Liguria, sino al confine con la Francia, hanno notato l'inversione della direzione dei voli dei migratori: i colombacci sono stati osservati mentre volavano da sud a nord e da ovest ad est. “Il fenomeno  – con un picco corrispondente ai terremoti del 29-30 ottobre (massimo shock sismico alle ore  7,40 del 30 ottobre) – é stato osservato da 22  palchi di osservazione localizzati su varie aree Appenniniche. Lunedì 31 ottobre la direzione di migrazione si normalizzava quasi completamente ( Nord-Sud / Est-Ovest) cosí  come era iniziata il 5 ottobre”.



Si legge nell'articolo: "avendo approfondito la ricerca bibliografica ed avendo ricevuto qualificati commenti e suggerimenti per la cortesia di alcuni Ricercatori che studiano i rapporti tra terremoti e campi elettromagnetici , ci è sembrato di poter mettere in evidenza il fatto che una distorsione del campo geomagnetico non è possibile che sia realizzata dalla energia locale di un terremoto. Invece è ben possibile che il fratturarsi delle faglie (cosí come avvenuto sul Monte Vettore Norcia) generi e realizzi nuove ” sorgenti locali di energia elettromagnetica” , rilevabili prima , durante e dopo l’evento sismico come tale. È stato calcolato che un terremoto di Media entità ( M5 ) può generare un di-polo elettromagnetico di 50 kV e questo può certamente influenzare i meccanismi del senso di orientamento degli Uccelli ” ( Comunicazione personale del 5 Nov.2016 da dr.Gabriele Cataldi – Direttore di Radio Emission Project -Albano Laziale – LTPA Observer Project  – l’Autore e CIC ringraziano il dr.Cataldi per la sua fondamentale collaborazione )".

"Le suddette problematiche interpretative del fenomeno registrato, - si legge sul sito del Club del Colombaccio - sembrano aprire un nuovo inesplorato campo di Ricerca riguardante l’Ecologia della Migrazione degli Uccelli . Ci sembra altresí giustificato sottolineare come sia proprio il contributo attento e responsabile degli Osservatori di un Club di Cacciatori ad aver aperto questo nuovo campo di Ricerca come una nuova sfida in Ornitologia".

 
Chi volesse approfondire, trova qui l'indagine di Cavina

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:I terremoti hanno invertito le rotte migratorie dei colombacci: ecco come

Ho 46 anni di licenza di caccia e nel corso degli anni è capitato che qualche volo di colombacci nella tarda mattinata ritornasse indietro. Ma nei tre giorni in questione (a parte la prima parte del mattino di sabato 29/10)non ho visto un solo volo nella giusta direzione. Tra l'altro c'è stato un notevole transito di colombacci.

da 12 magnum 10/11/2016 19.56

Re:I terremoti hanno invertito le rotte migratorie dei colombacci: ecco come

ma.... venti perturbazioni pasture sicuramente influiscono sulla migrazione sui nostri monti pisani tutto regolare anche se sono alcuni anni il passo migliore si svolge nella seconda meta del mese.sui nostri monti monte serra ci sono decine e decine di antenne televisive e radio ma la linea di passo impoverita da anni chi sa per quali ragioni.Dai cacciatori anziani sempre sentito dire che prima di guerra di qui i colombi non passavano misteri e bellezza della migrazione

da pisa55 10/11/2016 17.28

Re:I terremoti hanno invertito le rotte migratorie dei colombacci: ecco come

Interessante ciò che scrive Enrico Cavina. Vorrei comunque portare la mia esperienza quarantennale di caccia al colombaccio da palco per evidenziare che il 26 settembre 1997 un terremoto di magnitudo 5,5 colpì la stessa zona. Le scosse si susseguirono per mesi. Le cronache dell'epoca scrissero che..... l'umbria e le marche furono interessate per diversi mesi da un'incessante sequenza sismica che si manifestò con migliaia di scosse localizzate in una ampia fascia che si estende per 50 Km. tra le località di Gualdo Tadino e Norcia....... Leggendo i miei diari di caccia al colombaccio di allora non rilevo alcun significativo riscontro di retromigrazione durante tutto il mese di ottobre 1997. E' da considerare che il mio appostamento fisso è nell'identico posto nel quale fu costruito alla metà degli anni sessanta. Pure io confermo l'avvistamento di alcuni branchi nel periodo del terremoto 2016 in retromigrazione. I nostri commenti furono che sicuramente si trattava di colombacci in cerca di pastura considerato che tutta la Toskana e non solo è "a secco di ghianda di querce e lecce". Non scartammo nemmeno l'ipotesi che poteva trattarsi di colombacci spinti in migrazione fuori dalle normali rotte dalla persistenza di intense perturbazioni sui balcani. Più o meno quello che è successo l'ottobre 2015 causa i tanti cicloni mediterranei che costrinsero il volo dei colombacci in migrazione tra la liguria e la Francia escludenado gran parte d'Italia. Se vi ricordate la migrazione ebbe inizio il 18 di ottobre. Come pure ricordo il gran passo di fine novembre 2015 quando si stabilizzarono le condizioni meteo e i cicloni mediterranei abbandonarono il nostro paese. Quindi?

da pelo 52 10/11/2016 16.19

Re:I terremoti hanno invertito le rotte migratorie dei colombacci: ecco come

entroterra senese : 29 / 30 / notevoli contingenti di colombaccio che effettuavano passo all'inverso (noi lo appelliamo con RIMONTO).Contatti telefonici tra tese rivelavano che lo stesso fenomeno è stato costante ed intenso per i due/tre giorni in tante zone del centro Italia . terremoto o no qualcosa ha spinto queste colonie di colombacci al rimonto.Affascinante quesito come del resto la migrazione è in se per stessa.

da Massi 10/11/2016 15.42

Re:I terremoti hanno invertito le rotte migratorie dei colombacci: ecco come

Nell'immediato entroterra di Savona,sabato 29/10 i colombacci inizialmente passarono normalmente; dalle 10 del mattino in poi fino al 31/10 compreso,ritornarono indietro praticamente seguendo la rotta del ripasso primaverile.

da 12 magnum 10/11/2016 15.06