Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Arci Caccia: Fassini dimissionario?Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Legge fauna Lombardia. Fava "emergenza da affrontare"


mercoledì 28 settembre 2016
    

Gianni Fava "Stiamo mettendo mano a uno strumento legislativo che regoli una questione di emergenza sociale, ambientale ed economica, con risvolti anche tragici. Abbiamo predisposto un testo di proposta di legge con cui normare alcune modalita' per arrivare a ridimensionare e in alcuni casi eliminare il problema cinghiale". Lo ha spiegato l'assessore all'Agricoltura Gianni Fava che, insieme al presidente Roberto Maroni, a Ettore Prandini, presidente Coldiretti Lombardia, e a Fabio Rolfi, presidente III commissione consiliare Sanita' e politiche sociali, ha illustrato oggi i contenuti del progetto di legge per il contenimento della fauna selvatica in Lombardia.

PRESENZA SEMPRE PIU' INCONTROLLATA -
"Un problema pressante per la Lombardia e per la tenuta dell'ecosistema - ha aggiunto Fava -. Un animale alloctono che ha espanso la sua presenza in pianura, a ridosso del Po, che sta sconvolgendo l'ecosistema. La soluzione passa da una legge che preveda una divisione tra le aree idonee, come quella appenninica, e quelle non idonee, nelle quali dovremo prevedere l'abbattimento mediante prelievo venatorio e controllo riduttivo. Dovremo preveder anche i soggetti abilitati, senza dimenticare le aree protette su cui occorrera' intervenire. Prevediamo una nuova modalita' di corresponsione dei danni all'agricoltura e una gestione attenta alla valorizzazione delle carni dell'animale abbattuto".

NON SOLO CINGHIALE - "L'emergenza non e' solo per il cinghiale - ha ricordato l'assessore -, ma anche per ungulati e carnivori in genere in tutta la Lombardia. Il contributo di questa proposta ci aiutera' a programmare interventi per gestire la presenza di questi animali in una logica di contenimento e che eviti le problematiche enormi vissute fin qui. Danni che pesano sui bilanci degli enti pubblici, che vogliamo contenere individuando gli elementi di risarcimento e le condizioni per il ritorno dell'equilibrio negli ecosistemi invasi da questi animali, che hanno potuto proliferare non avendo antagonisti in natura".

DANNI PER 17 MILIONI - "Dal 2004 a oggi - ha ricordato Ettore Prandini, presidente lombardo di Coldiretti - abbiamo registrato 17 milioni di euro di danni sia in agricoltura che per incidenti stradali, 13 milioni dei quali solo per il comparto agricolo. Una tendenza in aumento negli ultimi anni, con un trend annuale di crescita del 20 per cento. Di qui la nostra proposta, che cerca di coniugare le diverse iniziative, introducendo la possibilita' di cacciare prolungando il periodo consentito, consentendo anche a soggetti come gli agricoltori l'autorizzazione a intervenire in difesa del proprio territorio e delle coltivazioni". Solo nell'ultimo anno sulla totalita' dei danni subiti dalle aziende agricole ben un quarto dei danni e' stato causato dai cinghiali. "A questo - ha detto Prandini - aggiungiamo il rischio della vita per i nostri agricoltori, ricordando anche il caso dell'incidente stradale avvenuto in provincia di Pavia in cui e' morto un giovane di 33 anni. Occorre intervenire con un progetto di legge, che chiediamo al presidente Maroni di portare in Giunta, affinche' sia ancora una volta la Lombardia a essere capofila in questa iniziativa".

VALORIZZARE RUOLO DEL CACCIATORE - "Occorre un coinvolgimento e valorizzazione del ruolo del cacciatore, per il controllo faunistico - ha detto Fabio Rolfi, presidente III commissione consiliare -, la programmazione del territorio tra le zone dove la fauna puo' stare, e sottostare al prelievo venatorio, e dove non puo' stare perche' fa solo danni; la valorizzazione del cinghiale, come fatto da altre regioni. Per far questo occorrono investimenti come la predisposizione nei comprensori alpini e negli Atc di centri di sosta per la conservazione della carne. Vale per il cinghiale, ma anche per altri animali selvatici in futuro. Controllo della presenza di questi animali significa anche una responsabilita' nuova prevista per comprensori alpini e Atc che saranno chiamati a compartecipare ai costi per il risarcimento delle aree agricole danneggiate. Immaginiamo sanzioni maggiorate i cui proventi saranno destinati a chi subisce danni. Proposte concrete e studiate da tempi che si abbinano alla proposta di legge per dare strumenti efficaci e contenere finalmente il fenomeno". (Regione Lombardia)

 

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Legge fauna Lombardia. Fava "emergenza da affrontare"

è l'ambiente che crea la fauna, e l'ambiente è plasmato dall'economia: niente starne, tanti cinghiali, così va il mondo. a noi non resta che adeguarci, non possiamo di sicuro intervenire nella macroeconomia.

da vecchio cedro 30/09/2016 14.04

Re:Legge fauna Lombardia. Fava "emergenza da affrontare"

Se si va Avanti cosi la caccia scomparirà tutto in diminuzione vedi allodole le deroghe i giorni capannisti tesserino alla migratoria da segnare subito abbattuti sempre meno e meno cacciatori che vanno a caccia

da 1 cacciatore 28/09/2016 17.48

Re:Legge fauna Lombardia. Fava "emergenza da affrontare"

i cari cinghialisti si preparino e leggano bene questa proposta di legge fatta solo su richiesta degli agricoltori che porterà alla fine della loro caccia. Si parla di "pasture" e di caccia di selezione senza più braccata e con i danni pagati "solo" dai segugisti che fanno la caccia al cinghiale..non per niente le associazioni venatorie non le hanno nemmeno interpellate per stendere il PDL...non che cambiasse molto..

da leonida 28/09/2016 17.09

Re:Legge fauna Lombardia. Fava "emergenza da affrontare"

BLALBABLABLA anni e anni le solite chiacchere

da roly 28/09/2016 16.00

Re:Legge fauna Lombardia. Fava "emergenza da affrontare"

Il cinghiale e' alloctono??Ma Fava sa di che [email protected]@@O parla o fa lo scemo per non pagare dazio?? Ma i padroni a casa nostra che grado di scolarizzazione avranno,se il riferimento è il trota con questi in regione siamo fottuti.

da Kinder 28/09/2016 11.28