Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Piano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Parco Appennino Tosco emiliano dà il via a contenimento dei cinghiali


martedì 20 marzo 2012
    
Il direttore del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano, Giuseppe Vignali, ha annunciato l'avvio nelle prossime settimane delle azioni di contenimento dei cinghiali in aree in cui la situazione ha raggiunto livelli di criticità, così da porre un freno ai danni causati all'agricoltura. Gli interventi avverranno secondo le modalità definite nel Piano operativo stipulato con Provincia e Atc.

“Speriamo – sostiene Vignali – che l’intervento abbia successo e auspichiamo azioni successive fino al raggiungimento dell’obiettivo. A integrazione delle attività di controllo citate il Parco Nazionale ha approvato, nel mese di dicembre 2011, il proprio regolamento stralcio che disciplina la gestione numerica della popolazione di cinghiali tramite catture, girata e abbattimenti selettivi. Tali interventi sono finalizzati a ricomporre squilibri ecologici e a limitare i danni provocati dai cinghiali alle colture agricole all’interno e in un intorno esterno all’area protetta. Le modalità attuative sono definite in un apposito  “Piano di gestione della popolazione di cinghiale nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano” redatto in una prospettiva di gestione della specie e di mitigazione dei conflitti. Questi atti sono in attesa di approvazione da parte del Ministero ed una volta operativi saranno attuati in un’ottica pluriennale”.

“E’ bene sottolineare – conclude il direttore sul sito Redacon – che il Parco Nazionale è impegnato a risolvere il problema dell’eccessivo numero di cinghiali presenti nel Parco e soprattutto nelle zone più basse. Le decisioni per risolvere il problema sono state prese, si tratta di attuarle rapidamente. E’ evidente che senza la condivisione degli obiettivi e l’aiuto da parte di altri portatori d’interesse, come i cacciatori e gli agricoltori, si avranno risultati inferiori rispetto alle aspettative, se invece tutti faranno la loro parte, si potrà trovare un nuovo equilibrio favorevole a tutte le forze del nostro territorio”. 
 
Il fatto che i parchi stiano adottando tali misure di contenimento, da una parte conferma che la loro stessa gestione ordinaria, così come è impostata, non è sostenibile in quanto genera grosse sacche di sovraffollamento, dall'altra costituisce una implicita risposta a quanti, nelle schiere ambientaliste tentano di sviare l'attenzione invocando fantasiosi metodi alternativi o spesso, peggio, negando l'esistenza del problema.

Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Parco Appennino Tosco emiliano dà il via a contenimento dei cinghiali

Mi raccomando, tutti in fila per sparare ai cinghiali, fate tutti domanda e magari pagate anche qualcosina. Fosse per me la gente non dovrebbe uscire di casa, dovrebbero portare i generi alimentari con gli elicotteri. Invece ci saranno i soliti ignoranti che faranno a pugni per dare due fucilate e togliere le castagne dal fuoco a sti ambientalisti del cazzo.

da nicola la spezia 22/03/2012 19.15

Re:Parco Appennino Tosco emiliano dà il via a contenimento dei cinghiali

i cacciatori...i paraculo specifica... chi fa questi interventi è un paraculo...

da marino 22/03/2012 15.27

Re:Parco Appennino Tosco emiliano dà il via a contenimento dei cinghiali

i nodi della parchizzazione selvaggia e clientelare del territorio, effettuata negli ultimi 20 anni dalla peggiore classe politica del mondo, a danno delle popolazioni rurali e montane e dei piccoli centri, STANNO VENENDO AL PETTINE. La cura e' una sola, in realta' : ABOLIRE I PARCHI REGIONALI E NAZIONALI CREATI DOPO LA SCIAGURATA LEGGE 394/1991. ENTI ASSOLUTAMENTE INUTILI CHE COSTANO UN FIUME DI DENARO PUBBLICO E OSTACOLANO LE ATTIVITA' TRADIZIONALI DEL MONDO RURALE. Vogliono la nostra collaborazione???? le associazioni venatorie si guardino bene dallo scendere a patti con questa inutile burocrazia verde......lasciateli affondare nei problemi che LORO hanno creato !!

da Fabrizio 22/03/2012 13.09

Re:Parco Appennino Tosco emiliano dà il via a contenimento dei cinghiali

E comunque, si torna sempre lì: se non ci sono i cacciatori, la situazione peggiora, non migliora. E allora, perchè non farli entrare nei consigli di amministrazione dei parchi? Perchè una buona volta non si dichiara fallita questa insulsa impostazione della 394 e non si riparte da zero, affrontando i problemi per quelli che sono? E quale sarebbe la soluzione?, verrebbe da chiedere retoricamente. Risposta: eliminare il concetto che nei parchi è vietata per principio l'attività venatoria. In tutto il mondo è così, perchè da noi no? Ce lo dicano i nostri politici filoambientalisti da salotto!

da Piero B. 20/03/2012 15.42