Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Danni cinghiali. Per Patuanelli non serve modificare la leggeCalendario venatorio e Atc, il punto di Arci Caccia Umbria Dreosto: interrogazione in Ue su abbattimenti illegali uccelli migratoriNuovo corso Arci Caccia, con giovani e veteraniUmbria: in Commissione ok al Calendario VenatorioArci Caccia Marche: "chiarimenti sugli appostamenti fissi"Fauna in Costituzione. Fidc: in Senato sventato blitz animalistaFace: Parlamento Ue per commercio sostenibile di specie selvaticheCampania, Calendario Venatorio recepito dal Comitato faunisticoBasilicata. Si parla di filiera delle carniCampania: "passi positivi sul Calendario venatorio ma non basta"Umbria. Su Calendario Venatorio occorre chiarire situazione valichiMarche: ok al nuovo Piano per la caccia di selezione al cinghialeCpa diffida il Tg5 "nuovo attacco alla caccia"I Conservatori Europei e la tutela della biodiversitàChristian Maffei è il nuovo Presidente di Arci CacciaFidc. Marche "pavoncella, il Tar ci dà ragione"Cia Liguria chiede battute straordinarie per gli ungulatiDal CIC Italia una nuova guida per i trofei Molise. Corte Costituzionale boccia estensione periodi cacciaCapitale naturale. Anche la Federcaccia ha dubbiFrancia. Cacciatori contro l'eolicoPadule Fucecchio. Petizione di Arci Caccia Pistoia su divieto caccia vaganteSindaco Binago (Co) vieta ronde animalisteFidc, Anlc, Enalcaccia all'Atc Pg1 "caccia usata solo per pagare i danni"Fidc Lombardia: i cacciatori torneranno a fare controllo faunisticoAtc Perugia 1: "soldi dalle squadre? Lo dice il regolamento regionale"Berlato: Da protezione animali in Costituzione inevitabili aberrazioni giuridicheAumentare controllo predatori per preservare la pavoncellaArci Caccia: il 2 giugno elezione del nuovo PresidenteGrandi carnivori. Lega chiede uso dissuasori direttiCCT incontra gruppo consiliare di Fratelli d'ItaliaToscana. Approvati piani di gestione cinghiale e caprioloVeneto. Prorogata caccia cinghiale nel veroneseAnche la caccia nel film Divin CodinoUmbria. Scontro su bilancio Atc1 tra agricoltori e cacciatoriParte in Toscana l'operazione "Cinghiale solidale"Toscana. Agli agricoltori non solo il controllo degli ungulatiIn Svizzera un film dedicato alla caccia, contro ipotesi restrittiveLiguria, approvato Piano Faunistico regionaleEsternazioni anticaccia durante il Giro d'Italia. La Rai ci ricascaCaretta: "tutelare gli agricoltori dalle devastazioni di cinghiali"Guardie Zoofile. Per il Tribunale discriminatorio escludere cacciatoriFidc: "La caccia strumento per la biodiversità"Richiami vivi. E in Toscana?Fidc. Ambiente e animali in Costituzione. Battuto l’animalismo estremistaFidc. Monitoraggio Nazionale lupo. Conclusa prima faseAbilitazione Venatoria, ripartono gli esami anche in CampaniaCCT: a giugno riprendono esami abilitazione venatoriaPiemonte: aumentano i soggetti autorizzati al controllo del cinghialeIn Senato la vicenda del Don cacciatore vittima dell'odio animalistaLombardia, Massardi (Lega): “Votati importanti provvedimenti a favore della caccia”Mazzali soddisfatta per emendamenti sulla caccia approvatiLiguria: pubblicato Calendario Venatorio 2021 - 2022Referendum caccia, non c'è due senza treArci Caccia: Fassini dimissionario?Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Campania: "passi positivi sul Calendario venatorio ma non basta"


lunedì 7 giugno 2021
    

Calendario Campania
 
 
In una nota congiunta le associazioni venatorie regionali campane Fidc, Enalcaccia, Anlc, Italcaccia, Arcicaccia, Anuu e le associazioni agricole Coldiretti e Cia, prendono atto  che la bozza di Calendario Venatorio 2021 - 2022 trasmessa dalla Regione all'Ispra, ha accolto, favorevolmente, una parte delle richieste ed osservazioni mosse con lo scritto depositato in occasione della seduta del CTFVR.

Manca però un elemento importante: la preapertura. "Purtroppo, questa Amministrazione - scrivono - persevera nell’evidente, quanto manifestamente errata, volontà di ignorare anche le scelte in materia venatoria operate dalle altre Regioni che, acquisito il previsto parere dall’ISPRA, hanno, comunque, previsto la caccia in preapertura, così varando un calendario non dissimile dalla proposta avanzata dalle scriventi Associazioni".
 
Queste le nuove osservazioni e richieste proposte dalle associazioni di cui sopra:

PREAPERTURA
Considerato che, relativamente all’anno 2020, la terza domenica di settembre che, ai sensi dell’art. 18 L. 157/92, segna l’apertura generale della stagione venatoria, ricade al giorno 19, si reputa opportuno concedere n. 5 (cinque) giornate in preapertura.
Nei giorni 1, 4 e 5 settembre 2021 è consentito l’esercizio venatorio, soltanto da appostamento, alla specie tortora (Streptopelia turtur),
Sul punto, si osserva che la Commissione Europea, nel corso del processo di Gestione Adattativa del Prelievo di Tortora nel recente Workshop riguardante la popolazione dell’Europa centro-orientale, in cui sono inserite la maggior parte delle regioni italiane, Campania inclusa, ha stabilito che è accettabile il prelievo della specie purché:
* Gli Stati membri dove la specie è cacciabile devono assicurare una riduzione del 50% dei prelievi rispetto a quarto dichiarato nelle precedenti stagioni;
* Gli Stati membri devono assicurare un monitoraggio veloce del prelievo e rendicontare entro i primi mesi del 2022 il numero di tortore abbattute nella stagione di caccia 2021;
* Gli Stati membri devono dichiarare la tipologia degli interventi posti in essere al fine di garantire la riduzione del prelievo;
* Gli Stati membri devono dichiarare le iniziative in atto per il miglioramento dell’habitat e quelle di futura implementazione.
A tal fine è stato predisposto un questionario cui il Ministero della Transizione Ecologica dovrà rispondere entro 1’11 giugno. Diversamente da quanto sostenuto dall’ISPRA, il Piano d’Azione Internazionale è già stato approvato sin dall’anno 2018, mentre quello in fase di conclusione è il Piano Adattativo del Prelievo della Tortora, che ha stabilito quanto sopra riportato. Delle due l’una, o l’ISPRA non è a conoscenza di quanto avvenuto, oppure deve ritenersi che il Ministero della Transizione Ecologica abbia omesso di informare, correttamente ed esaustivamente, il proprio ente tecnico.
La Regione Campania trovasi nelle condizioni di adempiere a quanto richiesto poiché ha fornito, con costanza e precisione, i dati dei prelievi effettuati in tutte le stagioni, compresa quella 2019/20. Quindi, attraverso una mera riduzione dei capi abbattibili, già deliberata dalla Commissione Ambiente della Conferenza Stato Regioni in 15 capi annuali, oppure la concessione di solo 2 giornate con 5 capi al giorno (quindi totale di 10), si ottiene una riduzione del 50% del prelievo già autorizzato, che negli anni scorsi ascendeva a 20 capi.
Appare, quindi, necessario che la Regione Campania contatti, immediatamente, il MITE per la compilazione del questionario, almeno per quanto di sua competenza, adempiendo, nseguentemente, alla richiesta della Commissione. Qualora il MITE non intenda procedere, la Regione Campania potrà compilare, autonomamente, il questionario ed inviarlo alla Commissione, sopperendo, così, all’inadempimento del Ministero.
In definitiva, e con ogni evidenza, non sussiste alcuna valida ragione ostativa alla concessione di giornate di preapertura alla specie, atteso che:
* La Commissione Europea non vieta la preapertura alla tortora, considerandola, a tutti gli effetti, quale specie cacciabile, a seguito degli adempimenti sopra descritti;
* La Regione Campania ha, regolarmente, comunicato i dati sui prelievi a ISPRA.
Nei giorni 1, 4, 5, 8 e 12 settembre 2021 è consentito l’esercizio venatorio, soltanto da appostamento, alle specie colombaccio (Columba palumbus).


APERTURA
Specie cacciabili dal 19 settembre 2021 al 31 gennaio 2022: volpe (Vulpes vulpes), per tale specie la caccia deve essere effettuata con le seguenti modalità:
1. dal 2 ottobre al 30 dicembre 2021 con e senza l’ausilio del cane da seguita ed anche in battuta;
2. dal 19 al 30 settembre 2021, nonché dall’1 al 31 gennaio 2022, anche con l’ausilio del cane da seguita ed in battuta, esclusivamente in zone diverse da quelle vocate per la caccia al cinghiale
si insiste nella richiesta di apertura al 19 settembre, non ostandovi alcuna valida motivazione di carattere tecnico/scientifico/giuridico, come da allegata documentazione.
Specie cacciabili dal 02 ottobre 2021 al 31 gennaio 2022: beccaccia (Scolopax rusticola), con la limitazione dell’orario di caccia per tale specie dalle 7,30 alle 16,00, nonché, del prelievo, nel periodo 20.01.2022 al 31.01.2022, di un solo capo al giorno;
si insiste nella richiesta di chiusura al 31 gennaio, non ostandovi alcuna valida motivazione di carattere tecnico/scientifico/giuridico, come da allegata documentazione.
Specie cacciabili dal 19 settembre 2021 al 31 gennaio 2022: beccaccino (Gallinago gallinago) e frullino (Lymnocryptes minimus), esclusivamente in caccia vagante;
si insiste nella richiesta di chiusura al 31 gennaio, non ostandovi alcuna valida motivazione di carattere tecnico/scientifico/giuridico, come da allegata documentazione, tenuto conto, altresì, che nella medesima data è stato previsto il termine ultimo per il prelievo di gran parte dei cd. “acquatici”, di quelle specie, cioè, che frequentano il medesimo habitat

INDICAZIONI RELATIVE ALLE AREE “NATURA 2000”

Nei Siti di Interesse comunitario, nei proposti Siti di Interesse Comunitario e nelle Zone di Protezione Speciale dell’intero territorio regionale è consentito praticare attività venatoria nel rispetto di tutte le prescrizioni stabilite dalla Commissione VIA-VAS nella Valutazione di Incidenza dei precedenti Calendari venatori, e nella Valutazione Ambientale Strategica – Valutazione di Incidenza del Piano Faunistico Venatorio della Campania 2013-2023, nonché di quanto stabilito al successivo paragrafo “Divieti in Aree Natura 2000”.
I periodi di caccia e le specie cacciabili nelle aree pSIC, SIC e ZPS sono i seguenti:
dal 19 settembre al 31 ottobre 2021: tortora;
dal 19 settembre al 18 novembre 2021: quaglia;
dal 02 ottobre 2021 al 29 novembre 2021: starna (solo se è presente nei piani di prelievo annuali proposti dagli ATC), coniglio selvatico;
dal 02 ottobre 2021 al 31 dicembre 2021: allodola, merlo, fagiano (per tale specie la caccia nel mese di dicembre è possibile solo in presenza di un piano di prelievo annuale dell’A.T.C.), cinghiale, volpe e lepre (per tale specie la caccia è interdetta se è documentata la presenza di lepre italica);
dal 19 settembre 2021 al 23 gennaio 2022: volpe
dal 02 ottobre 2021 al 23 gennaio 2022: beccaccia, cesena, tordo bottaccio, tordo sassello e colombaccio;
dal 19 settembre 2021 al 23 gennaio 2022: alzavola, canapiglia, folaga, fischione, gallinella d’acqua, germano reale, marzaiola, mestolone, pavoncella e colombaccio; per beccaccino e frullino esclusivamente in caccia vagante;
dal 02 ottobre 2021 al 10 febbraio 2021 (in applicazione dell’art.18 comma 2 della L. 157/1992): gazza e cornacchia grigia (dal 1 gennaio al 10 febbraio 2020, solo da appostamento temporaneo).
ELIMINAZIONE del disposto silenzio venatorio nella giornata del lunedì.

UTILIZZAZIONE ED ADDESTRAMENTO CANI

L’addestramento e l’allenamento dei cani da ferma da cerca e da seguita, è disciplinato dagli artt. 14, 22 comma 1 e 24 comma 5, della L. R. 9 agosto 2012 n. 26 e s.m.i. e, nelle parti non contrastanti con tale Legge, dal Regolamento “Nuova disciplina per il funzionamento delle zone di addestramento cani su selvaggina di allevamento emanato con D.P.G.R. n. 627 del 22 settembre 2003.
Gli uffici competenti per territorio, avvalendosi del supporto dell’ATC di competenza e dei censori, provvedono a verificare l’assenza di esemplari di fauna selvatica terricola in fase di nidificazione o di dipendenza della prole dai genitori, e con proprio provvedimento autorizzano le attività di addestramento/allenamento dei cani da ferma, da cerca e da seguita a partire dal 05 agosto 2021.
Tali attività sono consentite nei territori dove non sussiste il divieto di caccia e non vi sono colture in atto, nel periodo consentito per l’attività venatoria, esclusi i giorni di martedì e venerdì e nel periodo compreso dal 05 agosto al 18 settembre 2021, tranne i giorni in cui è consentita attività venatoria in pre apertura.

BOSSOLI
I bossoli delle cartucce devono essere sempre recuperati dal cacciatore e non lasciati sul luogo di caccia (art.13 – comma 3-legge 157/92). In caso di esercizio dell’attività venatoria da appostamento temporaneo, l’obbligo di recupero dei bossoli sorge nel momento in cui si abbandona l’appostamento stesso. I trasgressori sono soggetti alla sanzione amministrativa prevista all’art. 32 comma 1 lettera f) della L. R. 26/2012 e s.m.i.
 
 
* * * * *Nell’invitare codesta Amministrazione Regionale a voler adeguatamente motivare le restrizioni proposte relativamente al periodo di caccia di numerose specie, si ribadisce che quanto osservato dalle scriventi Associazioni trae origine da dati scientifici, normativi e regolamentari, più volte portati all’attenzione di codesto Ente.
Si ribadisce che la necessità di osservare le propalazioni provenienti dall’ISPRA, costantemente ripetuta nel corso degli anni da codesto Ente, tenuto conto che la giurisprudenza amministrativa ritiene che “il parere reso da tale Organo sul Calendario venatorio può essere disatteso dall’Amministrazione regionale, la quale ha, però, l’onere di farsi carico delle osservazioni procedimentali e di merito e, pertanto, di esprimere valutazioni, che l’hanno portata a disattendere il parere” (per tutte, TAR Lazio – Roma – sent. 2443/2011)”, trova un limite, insuperabile, proprio nella documentazione richiamata dalle scriventi Associazioni.
Orbene, le richieste avanzate con il presente atto appaiono pertinenti, accoglibili e legittime, proprio perché suffragate da studi scientifici condotti da organismi accreditati a livello europeo, nonché dalle medesime associazioni ambientaliste (tra tutti lo studio della LIPU sulla specie quaglia, laddove quest’ultima non viene annoverata tra le specie in sofferenza), di guisa che connotata da assoluta approssimazione appare l’operato della Regione Campania allorquando ritiene di doversi adeguare, acriticamente, quanto tautologicamente, alle prescrizioni impartite dall’ISPRA, il cui parere, si ricorda, non è vincolante. Non va sottaciuto, ancora, come le ultime e ben note vicende in tema di revisione dei key concepts hanno gravemente scemato l’aurea di infallibilità che, nel corso degli anni, era stata attribuita all’ISPRA.
Da ultimo, la giurisprudenza amministrativa, in particolare TAR Marche sentenza n. 496/2020, con riferimento ad un parere reso dall’ISPRA del tutto sovrapponibile a quello relativo alla Regione Campania, ha così statuito:
<

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le nuove regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Campania: "passi positivi sul Calendario venatorio ma non basta"

Le care AAVV con la letterina a babbo Natale cercano di infinocchiare gli amici cacciatori,non basta scrivere e proporre ,ci vogliono i fatti ,se gli amici farebbero come abbiamo fatto molti di noi e cioè abbandonando le AAVV ,allori si che batterebbero i pugni sul tavolo e si farebbero rispettare,tanto x loro interessa poco quel che ci viene concesso o meno ,tanto a finale i fessi pagano lo stesso

da genny 4 bott 08/06/2021 20.31

Re:Campania: "passi positivi sul Calendario venatorio ma non basta"

Bel paso avanti, tolte altre giornate di caccia, ma in che caxxo di mondo vivete, in 30 solo restrizioni e ancora scrivete stronzate, poi dei soldi dei cacciatori alla regione sai quanto importa, sono pochi spiccioli a confronto del bilancio, che recuperano con altre tasse senza problemi

da Atc sa 2 08/06/2021 11.01

Re:Campania: "passi positivi sul Calendario venatorio ma non basta"

Questi vogliono dettare legge senza avere in mano nessuna prova provata da studi scientifici moderni e con sistemi elettronici che danno dati irreversibili. Se poi qualcuno crede di fare politica con la caccia sappiate che ad ogni restrizione la regione Campania sta perdendo soldi di tasse per le dimissioni di centinaia di cacciatori all'anno, in 10 anni se ne sono persi oltre 10.000. Poi andiamo cercando soldi con il piattino in mano alla CE. Salutiamo.

da jamesin 07/06/2021 13.16