Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Baggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Marche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"


giovedì 9 gennaio 2020
    

Caccia Marche 

Riceviamo e pubblichiamo:
 
Evidentemente contrariate dal fatto che finalmente la Regione Marche sta concludendo il nuovo Piano Faunistico Venatorio e vada a cadere così la principale scusa per i continui ricorsi contro l’attività venatoria, le consuete sigle anticaccia - inclusi Wwf e Lipu, malgrado si dichiarino pubblicamente non contrari alla pratica venatoria - pubblicano una serie di considerazioni sui dati dei prelievi, correttamente inseriti nella bozza del Piano stesso.

Invece di plaudire il fatto che finalmente la Regione dispone e pubblica questi dati, fondamentali per la gestione della fauna, gli anticaccia si avventurano in valutazioni e calcoli privi di qualsiasi rigore scientifico, a cui seguono conclusioni bizzarre e orientate chiaramente a creare infondate preoccupazioni.

Contrastare con i fatti l’emotività non è sempre facile e richiede tempi e spazi di cui i profeti dell’animalismo non hanno bisogno, ma cerchiamo comunque di rispondere per punti sintetici al loro ingiustificato allarmismo ideologico.

1.     Definire “danni irreversibili alla biodiversità” quelli causati dai cacciatori col prelievo venatorio è una falsità che trova immediata risposta nei dati pluriennali favorevoli di tendenza delle popolazioni di molte specie di uccelli migratori oggetto di caccia, sia in Europa, sia in Italia, sia in Regione Marche. Tra questi anche lo storno, oggetto di caccia in deroga in Regione Marche per danni alle colture agricole, mostra una stabilità delle popolazioni nidificanti in Regione, dal 2000 al 2017. Anche il colombaccio e la tortora, oggetto di caccia in pre apertura da decenni, mostrano un incremento sempre nel territorio regionale. Si potrebbe continuare con i dati europei e italiani per la quaglia, il tordo bottaccio, l’alzavola, il germano reale, la beccaccia, il frullino etc. etc., ma riteniamo sufficienti gli esempi riportati sopra per chiarire il vuoto dei contenuti del comunicato degli anticaccia, e la superficialità tendenziosa con cui queste sigle affrontano il tema della gestione faunistica.

2.     Allo stesso modo il linguaggio allarmistico utilizzato riguardo ai dati dei prelievi è del tutto infondato. Prendendo proprio l’esempio dello storno, e utilizzando il dato più elevato fornito di 114.108 capi abbattuti nel 2016, confrontando con la stima più bassa dello storno in Europa di 57.700.000 individui, si ottiene un’incidenza del prelievo nelle Marche dello 0,2%, quando la mortalità naturale della specie è intorno al 60% all’anno. Non importa essere scienziati per rendersi conto che rappresenta una percentuale che a livello demografico non ha alcun impatto sulla popolazione.

3.     Venendo alla questione piombo, troviamo ancora toni bizzarri e catastrofistici mentre la realtà evidente e scientificamente dimostrabile è che in decenni di impiego di munizioni tradizionali nessuna patologia riconducibile ad avvelenamento da piombo contenuto nelle cartucce è emersa in questi anni né fra i consumatori abituali di selvaggina né tantomeno in chi non se ne ciba e vive in campagna. Anche in questo caso l’utilizzo delle parole “effetti devastanti sulla salute pubblica” ha solo un miserabile scopo allarmistico, del tutto privo di fondamento.

4.     Le associazioni anticaccia evitano accuratamente di far presente che i cacciatori, e con essi quelli marchigiani, investono decine di migliaia di euro all’anno di propria tasca nei miglioramenti ambientali, nel ripristino e conservazione di zone umide, nel monitoraggio della fauna e nella ricerca in generale. Tutto a proprie spese senza richiedere contributi agli enti pubblici, attività al contrario molto in voga presso le sigle firmatarie del comunicato.

Quello che soprattutto emerge dalla lettura dell'articolo è una mancata conoscenza delle basi fondamentali legate alla gestione delle risorse naturali e della fauna selvatica con numeri che se presi singolarmente potrebbero apparire importanti ma che se riferiti in percentuale alla risorsa sarebbero sicuramente insignificanti o comunque sostenibili, come dimostrano i dati delle tendenze delle specie cacciabili.
 
Da quanto sopra scaturisce un’evidente conclusione: le associazioni anticaccia, e con esse anche Wwf e Lipu, non sono interlocutori credibili per la gestione faunistica, poiché guidate esclusivamente da un’avversione ideologica alla caccia orientata alla totale abolizione di questa attività.

 

FEDERCACCIA MARCHE

FEDERCACCIA NAZIONALE UFFICIO STUDI E RICERCHE FAUNISTICHE E AGRO AMBIENTALI

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Marche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"

Mi auguro che il presidente Buconi, voglia finalmente avviare una campagna di diffamazione verso questi pseudo ambientalisti da salotto, che approfittano della buona fede di cittadini onesti elevandosi a paladini della natura ,denigrando i cacciatori, mentre invece sono solo dei miserabili che puntano al 5x1000 delle dichiarazioni dei redditi.E' ora di rendere noto attraverso la stampa nazionale chi sono questi personaggi e quale è il loro infimo fine, e non tollerare più minacce e auguri di morte verso i cacciatori ma passare a denunce e richieste di danni. Si cominci a ridurgli il profitto e vedrete come cambieranno in fretta .

da bretone 09/01/2020 18.05

Re:Marche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"

Il vero problema è che finché queste cose le dite a Noi cacciatori non cambierà mai nulla! E' all'opinione pubblica che deve arrivare il messaggio. Se le Associacioni Venatorie si unissero per realizzare un progetto (richiesta fondi con soldi versati dai cacciatori) per realizzare trasmissione televisiva autofinanziata con i nostri soldi sulla rete pubblica nazionale, magari un passo avanti lo faremmo....

da Edoardo Donati 09/01/2020 12.23

Re:Marche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"

Le associazioni ambientaliste sono vere e proprie SPA i cui dirigenti lucrano milioni di euro per apporre il loro bollino su opere pubbliche assolutamente distruttive. Vivono solo grazie alle fake news sulla caccia è sulla violenta diffamazione dei cacciatori che porta taluni esasperati al crimine.

da Il vero volto degli ambientalisti italioti 09/01/2020 12.05