Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Rolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile


lunedì 14 gennaio 2019
    

 L'Associazione Unica - Svi (Sindacato Venatorio Italiano) comunica di aver depositato in data 10 gennaio un ricorso al Tar per il recupero del territorio destinato all’attività venatoria regionale.

"Solamente a conclusione di un percorso difficile fatto di ricalcoli delle superfici eseguito da Studi Tecnici specializzati e successivamente da consulenze legali che hanno richiesto un notevole impegno economico che è stato possibile raggiungere questo obiettivo", scrivono dal Sindacato Venatorio Italiano.

"E’ stata scelta la Regione Campania per iniziare tale opera di recupero del territorio poiché, oltre ad essere la Regione dove il Sindacato è nato, è risultata una tra le regioni italiane dove il territorio venabile è altamente al di sotto delle percentuali stabilite dalla legge. Certi di un risultato positivo, successivamente, adottando come modello quello Campano, lo stesso ricorso sarà presentato per tutte le altre regioni", si evidenzia nella nota.

Leggi tutte le news

17 commenti finora...

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Allora...ma chi è questo sindacato?... Fino adesso d'overa.... sarebbe bene che mettessero....un potere politico anche loro chiaro.... !!!!!!

da Cacciatore 64 16/01/2019 11.37

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Bertacchi ,ma ci perdi pure del tempo con questi??a parte qualche proclama sgrammaticato,non han mai prodotto nulla.Almeno tu che sei persona di buon senso,non infierire..

da Eu Lex 15/01/2019 20.27

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

La determinazione della superficie cacciabile è Approvata dai piani faunistico e per contestarla bisogna impugnare al tar il piano entro 60 giorni dalla sua pubblicazione. A Bergamo l'avevamo fatto o ora siamo al consiglio di stato. Mi piacerebbe sapere che atto hanno impugnato, giusto per capire. Al tar si possono solo impugnare atti amministrativi entro 6o giorni. Quindi è inutile dire:"va fatto in tutte le regioni" perché si può fare solo entro termini di legge molto precisi. Altrimenti il tar respinge perché il ricorso è tardivo.

da Avv Lorenzo Bertacchi 15/01/2019 15.06

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Un calcolo reale della superficie utile alla caccia l'aveva fatto la Federcaccia di Livorno. I risultati erano clamorosi, perchè sulla base della legge vigente (157/92. art 121. Divieti), bisogna considerare tutte le infrastrutture (compreso le strade comunali) da cui si deve stare distanti almeno 150 metri, come dalle case e dagli edifici rurali. ecc. Insomma, tenendo conto di tutto, altro che dal 20 al 30%! Da questa ricerca risultava che il terreno interdetto alla caccia era più del 50%. E così sarà ovunque in italia, come minimo, tenendo conto che il divario andrà ad accentuarsi visto che ogni anno ci rubano suolo. All'insaputa ovviamente del Ministro Costa, del suo palafreniere Mamone Capria, del loro mentore Pecoraro Scanio, che su tutto questo (l'ostilità nei confronti della caccia) ci si sono fatti tondi. Spesso mistificando la realtà e esagerando l'attribuzione di responsabilità di un degrado, ambientale e faunistico, di cui loro sono più responsabili sicuramente di qualsiasi cacciatore.

da Piras M. 15/01/2019 11.06

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

chissà come mai a stagione venatoria quasi alla conclusione si danno tutti da fare riempiendoci di belle balle.EGREGIO SVI E AAVV CI VOGLIONO I FATTI NON LE CHIACCHIERE .

da GENNY 4 BOTT 14/01/2019 21.44

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Quindi TAR della Campania? Ma perchè non direttamente al TAR del Lazio?!...

da s.g. 14/01/2019 21.16

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Dobbiamo solo sperare che il Ministro all'Agricoltura e foreste essendo il principale esponente in materia di caccia e pesca si prenda in mano la materia e faccia giustizia. x Ivan Moretti : allora come hanno fatto quelli della Regione Campania a calcolare le aree del PIANO FAUNISTICO VENATORIO REGIONALE (PVFR) 2010/2020 della Regione Campania che essendo della Regione è mooolto attendibile e che non è mica l'ufficio tecnico del Comune con tutto il rispetto dei comuni. Pace e bene

da jamesin 14/01/2019 20.34

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Forse una volta si poteva dire che calcolare una superficie immensa come quella dei parchi attuali presa tra parentesi su quasi tutta la superficie montana appenninica ( questa è un'altra cosa da chiarire) adesso secondo il mio avviso con la disponibilità dei computer e di programmi come Google la cosa è molto fattibile perchè si può con più acilità fare un calcolo di ettari territoriali, nello specifico aree protette e territorio venabile. Se lo sta dicendo il SVI vuol dire che lo hanno fatto speriamo bene. Comunque il fatto che il territorio parchi è stato preso quasi tutto sui monti sarebbe un'altro motivo di dibattito da mettere sul tavolo. Dove sta scritto il criterio di scelta di questi posti ? Come si può dire dive sta scritto il criterio di scelta delle aree contigue. Se qualcuno ha letto la legge sui parchi e lo ha visto scritto lo dicesse così ci mettiamo l'animo in pace. Ce ne sarebbe da discutere in ambito politico su queste cose ma chi è addetto ai lavori non si fa sentire nel bene e nel male. Pace e bene.

da jamesin 14/01/2019 19.04

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Grazie a Big Hunter per dare visibilità alla caccia. Ritengo che a prescindere da questo articolo l'argomento andrebbe affrontato e ricordato più spesso. Spero nella riuscita del ricorso

da Johnny 14/01/2019 18.31

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Grazie Moretti, però ci sono delle incongruenze ad esempio:mi si dice che in Abruzzo siamo al 60% di aree protette e mi domando come sia possibile? poi non penso che ci siano delle regioni al di sotto del 30%,se qualcuno ha notizia di questo sarei ben lieto di prenderne atto.Penso invece che la parcomania e tutto quello che riduce il territorio venabile sia frutto di una precisa strategia messa in atto da almeno 30 anni a questa parte dopo i famosi referendum(che adesso ricicciano)persi dai soliti quattro pseudo ambientalisti e da tutti noi che abbiamo contribuito non volentieri a pagarne dazio e soldi di tutti i cittadini.Ormai la faccenda è chiara a tutti e quello che mi meraviglia è l'assoluta indifferenza dei ns sindacati di categoria(Associazioni venatorie)che guarda caso si fanno sentire solo nei mesi estivi.Saluti

da ettore1158 14/01/2019 18.28

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Ettore, la risposta è molto semplice. I criteri con cui si fanno quei calcoli variano da una regione all'altra e poi c'è chi al fatidico 30% non ci arriva. Quindi come avviene per altre cose chi ci perde s'incazza e chi sta meglio se la gode.

da Ivan Moretti 14/01/2019 18.06

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Questo andrebbe fatto in tutta Italia, non capisco perché tutte le associazioni venatorie non fanno una causa unica indirizzata a tutte le regioni. Gatta ci cova!

da Ettore1158 14/01/2019 17.46

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Chiedo venia non lo sapevo, altrimenti avrei provveduto, ma non si potrebbe per cortesia aprire solo per un'altra mezza giornata ? Pace e bene.

da jamesin 14/01/2019 14.41

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Jamesin: da sempre la commentabilità delle notizie si chiude in automatico dopo tre giorni dalla pubblicazione.

da Redazione BigHunter.it 14/01/2019 14.24

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

X il SVI : Le aree contigue vanno abolite hanno già preso tantissimo territorio con i parchi. Visto comunque vi state dando da fare sono andato a leggere il PIANO FAUNISTICO VENATORIO REGIONALE (PVFR) 2010/2020 della Regione Campania da cui con mia meraviglia ho potuto constatare che a Pag 90 c’è scritto quanto segue (sempre se ho visto bene) : CALCOLO DELLA SUPERFICIE DI RIFERIMENTO PER LA CAPIENZA VENATORIA S.A.S.P. (Superficie Agro Silvo Pastorale) calcolata sommando la S.A.T. (Superficie Agricola Totale) alla S.A. (superficie acquea) La SAT è ricavata dal censimento ISTAT più recente, ossia quello del 2000. La SA è ricavata dal precedente PFV. Pertanto si calcola che la SASP = SAT + SA = 199.247,80 ha + 2.647,752 ha = 201.895,52 ha Sommando tutte le superfici delle aree inibite alla caccia elencate, si ha un Totale = 71459,17 ha. di area dove non si può cacciare. Ora rifacendoci a quel famoso minimo 20 massimo 30% di territorio da inibire alla caccia secondo la legge sui Parchi si ha che il 30 % di S.A.S.P. (Superficie Agro Silvo Pastorale = 201.895,52 X 0,3 = 60568,656 ha. massimo territorio da adibire alla caccia. Facilmente se sono stati fatti bene i calcoli si può rilevare che la superfice del 30% di territorio inibito alla caccia cioè 71459,17 ha - è molto superiore a quello che avrebbe dovuto essere secondo il 30% cioè 60568,656. Alla fine dei conti si rileva che sono stati presi circa 71459,17 – 60568,656 = 10890,514 ha. Non è chiaro se sono stati conteggiati i due parchi Nazionali perchè si parla solo di quelli regionali. Ognuno può fare il riscontro andando a leggere il PIANO FAUNISTICO VENATORIO REGIONALE (PVFR) 2010/2020 Regione Campania. Vorrei chiedere alle aavv ma adesso andate a leggere o no ? Pace e bene.

da jamesin 14/01/2019 12.23

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

Io sono Campano, se non sbaglio tempo fa già avete fatto un ricorso del genere e niente se ne è saputo. Secondo me siete dalla parte della ragione ma sapete benissimo che per avere ragione dal TAR bisogna mostrare prove certe, spero che questa volta ce la facciate, dipende dal vostro impegno poter fare migliaia di tessere. Pace e bene fratelli.

da jamesin 14/01/2019 12.19

Re:Svi: ricorso al Tar per recupero territorio cacciabile

X LA DIREZIONE DI BIGHUNTER : CENTINAIO: CONTRO CINGHIALI PACCHETTO DI INTERVENTI IN ARRIVO. Perchè avete bloccato questa pagina e non si può più scrvere un commento ? Cercate di sbloccarla presto che devo rispondere a una mezza pippa che viene a rompere su questo sito. Salutiamo

da jamesin 14/01/2019 12.03