Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Sondrio: Troppi cervi, alla Colmen si aprirà la caccia


lunedì 11 luglio 2016
    

La Provincia di Sondrio intende aprire la caccia ai cervi nella zona della Colmen di Dazio per risolvere il problema del sovrappopolamento dell'area. Per poterlo fare però l'ente dovrà a breve modificare il Piano faunistico venatorio e inserire la Colmen, area di 500 ettari che ora è zona di ripopolamento e cattura, tra le aree sottoposte a gestione venatoria.
 
“Non possiamo attendere oltre - spiega il vicepresidente Borromini -, ci sono rischi da non sottovalutare, sanitari e legati alla sicurezza. I cervi con sempre maggiore frequenza invadono le strade e danneggiano le colture: abitanti e agricoltori sono molto preoccupati e noi condividiamo i loro timori”. “Questa è la linea che presenteremo - conclude il vice presidente Borromini -, prestando particolare attenzione alla sicurezza a garanzia degli abitanti e delle persone che frequentano la zona. L’intenzione è di procedere in tempi brevissimi, poiché nelle ultime settimane vi è stato un notevole aumento delle segnalazioni di incidenti stradali e di danni alle colture causati dai cervi. Una situazione problematica alla quale è necessario porre fine».

Il presidente del comprensorio Alpino di Morbegno, Enrico Marchesini, plaude alla decisione dell’ente. “Aprire alla caccia ai cervi sulla Colmen è una scelta saggia e responsabile. Saremo al fianco della Provincia e forniremo tutto il supporto possibile per concretizzare questa decisione”. “Sicuramente questa scelta ci trova d’accordo - sostiene il presidente del comprensorio - anche perché la questione si è trascinata a lungo e arriva finalmente a una soluzione concreta. Di certo la filosofia che sta alla base è quella di intervenire non per distruggere una popolazione di cervi che sulla Colmen si è formata, bensì riequilibrare una situazione che ad oggi non è più sostenibile”.

Marchesini ha raccolto 2500 firme a sostegno dell'apertura della caccia, cui si contrappongono le 1500 firme dei cittadini contrari, che hanno firmato una petizione della Lav locale per creare una oasi protetta con istituzione di un osservatorio faunistico sulla montagnetta che si alza fra Morbegno, Dazio e Ardenno. Tre anni fa proprio la Lav riuscì a fermare un prelievo selettivo nella zona,  evitando l'uccisione dei 25 gli esemplari oggetto del provvedimento.  Ora quei cervi si sono moltiplicati, mettendo a rischio la sicurezza delle persone.

 

Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Sondrio: Troppi cervi, alla Colmen si aprirà la caccia

La lingua non è pawnee ma shawnee; ordinariamente l'elk/wapiti è considerata una sottospecie di cervus elaphus, ovvero il nostro cervo europeo. ma oggi nuove indagini lo classificano come cervus elaphus canadensis. ma va bene così.

da renzo 12/07/2016 10.16

Re:Sondrio: Troppi cervi, alla Colmen si aprirà la caccia

vero, quello è un wapiti (cervo dal di dietro bianco, in lingua pawnee, non certamente alce, anche se lassù lo scambiarono per un alce e lo chiamarono anche elk). L'avranno messo acquisendolo direttamente da un' archivio. Le corna son simili, la stazza no, è grande. Viene anche allevato allo stato brado,

da Ramhund 12/07/2016 8.52

Re:Sondrio: Troppi cervi, alla Colmen si aprirà la caccia

Se modficano il PFV diventera' come qualunque altro territorio di caccia. Trattandosi di soli 500 ettari ci vuole veramente poco. Dopo, hai voglia a fare ricorsi....

da Flagg 11/07/2016 23.41

Re:Sondrio: Troppi cervi, alla Colmen si aprirà la caccia

Se va a finire come coi daini a ravenna auguri!

da passatore 11/07/2016 19.24

Re:Sondrio: Troppi cervi, alla Colmen si aprirà la caccia

ma quello nella foto è un Elk nord americano una specie non presente nel nostro paese

da marco 11/07/2016 16.58

Re:Sondrio: Troppi cervi, alla Colmen si aprirà la caccia

Fate pagare i danni a questa ass animalzista, tutti e per intero, tanto col 5x1000 si rifaranno sicuramente... Buona fortuna col prossimo ricorso...

da lupo69 11/07/2016 12.57