Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Fauna selvatica risorsa economica: spunti dalla tavola rotonda di Tarzo


venerdì 8 luglio 2016
    

Riceviamo e pubblichiamo:
 
Alla Tavola Rotonda voluta a Tarzo dal Presidente del Circolo hanno partecipato: Gianangelo Bof Sindaco di Tarzo, Giuliano Ezzelini Storti Vice Presidente Nazionale, Piergiorgio Fassini Vice Presidente Regionale, Antonino Morabito Responsabile Fauna e Benessere Animale Legambiente, Francesca Zottis Consigliere Regionale Veneto, Claudio D’Ascanio Direttore CIA Veneto, Manuel Benincà Responsabile Ambiente Coldiretti Veneto, Pietro Pietrafesa Segretario Generale Fondazione UNA, Roger De Menech Deputato, Osvaldo Veneziano Presidente Nazionale.

Un tavolo che ha visto la partecipazione di una ampia pluralità di rappresentanze di interessi che, hanno contestato venditori di fumo che sono invecchiati con tante false promesse.

I partecipanti all’iniziativa hanno chiesto di passare ad una nuova fase: quella dove la politica risolve i  problemi nell’interesse prioritario del paese, insieme alle categorie interessate.
Gli estremismi (di comodo) che vanno messi da parte rapidamente costruendo relazioni stabili tra quanti vogliono far convergere i loro pur diversi interessi in un unico obiettivo: fare della fauna selvatica una risorsa economica dei cittadini che abbia protagonisti gli imprenditori agricoli e il patrimonio di “economia” delle campagne, frutto del loro prezioso lavoro.

Le associazioni, “setta”, vanno archiviate tra i “nocivi” che danneggiano il paese.

A questo obiettivo occorre il concorso determinato della politica, delle istituzioni Europee, dello Stato centrale e delle Regioni.

Con la consapevolezza obbligata che occorre rispetto assoluto delle priorità dell’Agricoltura Italiana “Scommessa” importante per la soluzione della crisi, le istituzioni scientifiche hanno bisogno di essere dotate di regolamenti e supporti per assumere la responsabilità della conservazione integrata dell’economia rurale nelle sue articolazioni, dalla tutela e la salvaguardia delle specie selvatiche a quelle allevate. La “conservazione” integrata assuma la responsabilità della qualità della vita di donne e uomini che presidiano le campagne e le custodiscono quotidianamente. Non ci può essere contraddizione tra la possibilità di valorizzare le produzioni tipiche e di alta qualità del nostro paese e lo stato di salute e la quantità delle specie selvatiche presenti. Dagli interventi rappresentativi degli interessi diversi in campo sono emerse le potenzialità di un percorso innanzi tutto culturale. In particolare anche al Veneto si è chiesto di isolare i portatori di pubblicità ingannevole dell’ultimo ventennio. Occorre portare attraverso il nuovo piano faunistico regole e poi calendari inoppugnabili che non alimentino contenziosi a perdere nei tribunali amministrativi. Il Veneto può essere una regione importante affinché il paese abbia certezza di diritto e qualità ambientale. Purtroppo invece gli ultimi atti della Regione non vanno in questa direzione.

Con forza nella discussione è entrato il tema della mobilità venatoria. I partners del tavolo hanno concordato che l’Assessore alla caccia Pan è di fronte oggi alle responsabilità più importanti perché spetta a lui redigere il regolamento applicativo da sottoporre alla Giunta.
Hanno auspicato che l’assessore vorrà raccogliere le sollecitazioni per convocare una riunione per trovare soluzioni condivise con il mondo agricolo, ambientalista e venatorio.
L’augurio dell’ARCI Caccia è che la politica risolva anche perché pur essendoci nel testo di legge le condizioni noi preferiamo concertare la soluzione dei problemi alle vie legali.

Le criticità espresse nazionalmente dagli imprenditori agricoli dal mondo venatorio e dal mondo ambientalista hanno trovato le prime risposte in un metodo di lavoro che si sta consolidando nei tavoli tra FIDC – ANUU – ARCI CACCIA e Legambiente con ISPRA per costruire una nuova e aggiornata banca dati ungulati. La partita si gioca anche con il consolidamento della Fondazione Uomo Natura Ambiente (UNA), che con i primi progetti operativi: “Selvatici e Buoni” una filiera alimentare per garantire sicurezza, trasparenza e legalità,  tracciabilità dei prodotti a base di selvaggina, e poi con quella di tutela dell’Orso Marsicano, e con la partecipazione all’Osservatorio per la lotta alle agro mafie costituito dalla Coldiretti ha attivato un primo importante ponte verso la società per superare gli integralismi ovunque essi siano insediati.

Da Tarzo il messaggio che è venuto è stato semplice, chiaro, comprensibile: la buona caccia è condizione indispensabile al bel paesaggio, che è merito anche dei nostri coltivatori. Occorre una gestione venatoria che sia produttiva e frutto dell’intesa con le rappresentanze di categoria e di interessi che hanno voglia di collaborare con buona volontà. Le istituzioni sappiano ascoltare.

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Fauna selvatica risorsa economica: spunti dalla tavola rotonda di Tarzo

da anonimo 09/07/2016 22.37

Re:Fauna selvatica risorsa economica: spunti dalla tavola rotonda di Tarzo

ogni comunicato dell'arci si rivela sempre un successone, a giudicare dai commenti....

da SERGIO BERLATO 09/07/2016 0.25

Re:Fauna selvatica risorsa economica: spunti dalla tavola rotonda di Tarzo

A belli!! A forza de fa' tavoli l'avete consumati, mò è diventato rotondo.

da sempre la solita tiritera 08/07/2016 20.32

Re:Fauna selvatica risorsa economica: spunti dalla tavola rotonda di Tarzo

condivido, cominciate con l'abolire l'art. 842!

da vecchio cedro 08/07/2016 11.02

Re:Fauna selvatica risorsa economica: spunti dalla tavola rotonda di Tarzo

MAMMAMIA quante belle parole.... ma alla fine che cosa vogliono dire? ..."fare della fauna selvatica una risorsa economica dei cittadini che abbia protagonisti gli imprenditori agricoli e il patrimonio di “economia”.." economica... capito? sempre i soldi il fine ultimo ... e noi cacciatori siamo le vacche da mungere. Chissa' che cambi il vento ... intanto io cambio tessera !

da baba68 08/07/2016 9.13