Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Abruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Toscana: licenziata dalla II Commissione legge contenimento ungulati


giovedì 28 gennaio 2016
    

Ungulati ToscanaQuesta non è una legge per la caccia. L’attività venatoria è solo uno strumento che insieme al controllo e al rilevamento scientifico con il supporto di Ispra, ha lo scopo di affrontare un’emergenza per come si presenta”. Gianni Anselmi (Pd), presidente della commissione Sviluppo economico e rurale della Regione Toscana, interviene al termine della seduta che ha licenziato la proposta di legge per il contenimento degli ungulati in Toscana. In risposta alle numerose sollecitazioni che il testo ha prodotto tanto in sede di dibattito interno alla commissione che di posizioni prese da artisti, intellettuali e mondo associazionistico, il presidente chiarisce la ratio del testo uscito dalla commissione.

“La legge affronta nel merito questioni che riguardano la vita di questa regione. La qualità degli equilibri ambientali, l’economia rurale e la sicurezza delle persone sono, lo dicono i dati, messe a rischio da una proliferazione incontrollata. Non è scopo di questa commissione e di questa legge – continua Anselmi – raccontare le molteplici cause di questo fenomeno ipertrofico così evidente. Questo fa parte della legittima discussione politica e del dibattito scientifico”.

Se l’impianto della legge proposta dalla Giunta “non è stravolto”, il lavoro fatto in commissione è stato “serio e approfondito”. “Abbiamo prodotto un atto equilibrato che come tale si presta a tutte le strumentalizzazioni del caso, soprattutto quando l’approccio ha un’enfasi estremista” rileva ancora il presidente. Il “forte approccio di governo, propriamente toscano”, analizza la “complessità del territorio, la sua identità e anche il modo di viverci e di lavorarci delle persone e di coloro che vogliono fruire degli spazi aperti serenamente”. “Lo scopo – aggiunge ancora Anselmi – è ristabilire un equilibrio ambientale. L’ecosistema è alterato dalla proliferazione di questi animali spesso alloctoni rispetto al territorio”. La sintesi raggiunta in commissione anche attraverso una serie di emendamenti approvati che hanno migliorato il testo da un punto di vista della qualità legislativa” è, a detta di Anselmi, “evoluta”. “Vogliamo impadronirci di un problema che, se lasciato allo scorrere delle cose, rischia di aggravarsi ulteriormente”.

La legge avrà una durata di tre anni e grazie ad un emendamento del Pd approvato in commissione, prevede un “tagliando” annuale per valutarne gli esiti. L’aumento degli ungulati è un fenomeno sostanzialmente inconfutabile che necessita di una normativa precisa.
La proposta della Toscana, nei limiti della legge 157/1992, e definita in accordo con l’Ispra, consente una gestione speciale: proporzionare la presenza degli ungulati alle diverse caratteristiche del territorio regionale, per garantire sia la conservazione delle specie autoctone nelle aree ad esse riservate, sia la conservazione delle attività antropiche e dei valori ambientali tipici del paesaggio rurale regionale, nelle altre aree. Sono quindi individuate aree vocate e non vocate, si realizzano forme di gestione venatoria e di controllo e si creano percorsi di filiera per valorizzare il consumo in sicurezza delle carni di ungulati.
 
Nel testo si prevede inoltre, entro novanta giorni dall’entrata in vigore, l’approvazione, da parte dell’Esecutivo, di uno stralcio al piano faunistico venatorio per la revisione degli attuali confini delle aree non vocate per ciascuna specie. Aree nelle quali sono comprese le zone di ripopolamento e cattura, le aree coltivate soggette a danni documentati o potenzialmente danneggiabili, terreni potenzialmente coltivabili da rimettere a coltura, le frazioni boscate e cespugliate tra loro intercluse. Il prelievo selettivo sarà autorizzato per i soggetti individuati in legge mentre la densità venatoria ottimale sarà stabilita nei piani di gestione annuali degli Atc approvati dalla giunta.

In sede di dibattito e di votazione, le diverse posizioni politiche hanno registrato un dato comune: la ricerca di un equilibrio. Se da un lato Roberto Salvini (Lega) ha spinto per una legge di “contenimento nelle zone vocate e l’eradicazione in quelle non vocate”, Gabriele Bianchi (M5s) ha chiesto di “non lavorare solo sull’emergenza ma ripartire dalla presenza sul territorio. Il mero abbattimento non è una soluzione”. “Restare alla sostanza del problema, senza strumentalizzazioni e propagande” è stato invece l’approccio di Simone Bezzini (Pd). (Fonte: Regione Toscana)

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Toscana: licenziata dalla II Commissione legge contenimento ungulati

S.g.ci siamo conosciuti commentando una animalista anti-caccia figlia di un grande padre..ed ora la Meloni la propone come sua candidata sindaco di Roma ..Fratelli d'Italia e Rita..proprio ben

da toni el cacciator 10/02/2016 13.56

Re:Toscana: licenziata dalla II Commissione legge contenimento ungulati

Macchè. Con questi cecchini cambia poco. è tutta propaganda, e magari qualche agricoltore godrà per avere fatto un piccolo passo avanti sulla strada dell'842. Ma cambia poco. Tanto chiasso per niente.

da Luigi P. 29/01/2016 17.28

Re:Toscana: licenziata dalla II Commissione legge contenimento ungulati

TRANQUILLI I CINGHIALI VINCONO 3 A ZERO ALLA FINE DEL PRIMO TEMPO! LA CACCIA NEI PARCHI E NELLE OASI RESTA COMUNQUE CHIUSA ....LEGGE OBIETTIVO DESTINATA NON RAGGIUNGERLO....

da MERLO 28/01/2016 18.34

Re:Toscana: licenziata dalla II Commissione legge contenimento ungulati

Fino ad ora abbiamo seminato ora bisogna raccogliere...

da jamesin 28/01/2016 18.33

Re:Toscana: licenziata dalla II Commissione legge contenimento ungulati

vai ammazzateli tutti poi vu sparate alle ghiande ..

da cacc toscano 28/01/2016 16.47