Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Cabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaAddio al Principe Filippo. Grande cacciatore e ambientalistaSolidarietà ad Ibrahimovic attaccato dagli animalistiReferendum caccia 842. Il commento delle associazioni venatorieCampania. "Al peggio non c'è mai limite"FACE: così i cacciatori tutelano i migratori acquaticiFidc: approvate linee guida sulle carni di selvaggina Umbria. Le squadre avanzano le proprie proposte sul cinghialeBattistoni dalla Tuscia al Governo dei Migliori: "sulla caccia occorrono passi avanti"Mondo venatorio unito contro episodi di bracconaggio nel casertanoFrancia. Asta di opere di DunchinCCT, tortora: l'importanza dei dati per la preaperturaTortora. Firmato progetto ricerca Fidc - Università di PisaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Da sabato via alla mostra "A caccia con Cosimo I" a Cerreto Guidi (FI)


venerdì 24 ottobre 2014
    

Si inaugura domani, sabato 25 ottobre, la mostra “A caccia con Cosimo I. Armi medicee in villa” a Cerreto Guidi, nella storica residenza di caccia della famiglia Medici. L'ingresso sarà gratuito e si potrà visitare fino al 18 gennaio 2015. La mostra propone un percorso attraverso una ventina di opere provenienti da sette diversi musei e istituzioni. Il leit motiv è ovviamente la caccia, a cui l'intera villa è ispirata fin dalla sua realizzazione come luogo ideale per le partenze delle battute della casata fiorentina.  “Dagli strumenti della caccia all’iconografia d’essa – dice il Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini -, illustrata nelle meticolose quanto vivaci stampe dello Stradano così come celebrata nella sontuosa tecnica dell’arazzo i vari aspetti di quest’esercizio – utilitaristico e rituale a un tempo – evocano un mondo di principii e di saperi dai quali ci separano, alla sola distanza cronologica di quattro secoli e rotti, distanze culturali ed emotive siderali”.

A ricordo delle frequentazioni di Cosimo I della villa di Cerreto Guidi a scopi venatori – aggiunge Marilena Tamassia -, la mostra propone all'attenzione dei visitatori tante testimonianze della passione medicea per la caccia. In particolare per la prima volta sarà possibile ammirare in tutti i dettagli lo splendido l’archibugio probabilmente utilizzato da Francesco I e i due spiedi da cinghiale appartenuti a Paolo Giordano Orsini, marito di Isabella, e figlia prediletta di Cosimo I”.

 

Il percorso espositivo

Il percorso espositivo, infatti, inizia dall’arazzo che raffigura La caccia al cinghiale con l'archibugio, appartenente alla serie dedicata alle Cacce, tessuta per la Villa medicea di Poggio a Caiano. Eccezionalmente presente in Villa in questa occasione, l’arazzo raffigurato consente di ammirare un tipo di caccia spesso praticata da Cosimo I nella vicina riserva del Barco Reale. Cosimo I ed i suoi successori infatti amavano Cerreto Guidi perché “si facevano assai belle cacce”.

Accanto all’arazzo una serie di armi da caccia, per lo più cinquecentesche e strettamente connesse con i Medici, provenienti dalle collezioni del Bargello, dello Stibbert e del museo comunale Bardini, oltre che del Museo della Caccia stesso. La più rilevante di queste armi è l’archibugio mediceo, probabilmente appartenuto a Francesco I, databile al 1560-70, un’arma di gran lusso e minutamente intarsiata con paesaggi e scenette di caccia nonché, nel sottocanna, un gran numero di animali esotici. E’ ipotizzata la possibilità che l’arma sia giunta a Firenze quale dono nuziale a Francesco I de’ Medici. La cosa appare tanto più probabile per la presenza della storia di Abele e della sua famiglia da un lato e le storie di Adamo ed Eva dall’altro; queste ultime partono con la creazione di Eva e da destra a sinistra si concludono con la cacciata dal Paradiso Terrestre.

Di grande interesse per le vicende della Villa medicea di Cerreto Guidi sono anche due spiedi, armi indispensabili nelle battute di caccia al cinghiale, appartenuti a Paolo Giordano Orsini, genero di Cosimo I in quanto marito di Isabella de’ Medici, figlia prediletta di Cosimo, che proprio a Cerreto è deceduta.

Emozionante il dipinto di Frans Snijders che raffigura la Caccia al cinghiale, nel quale la furia e la ferocia dell’animale di dimensioni enormi al centro della scena catturano immediatamente l'attenzione. Dopo aver ferito gravemente due cani, che giacciono in primo piano, un terzo è immobile, anch'esso ferito, un quarto si intravede schiacciato dall'enorme bestia, altri due lo attaccano, lo mordono, e un altro ancora li segue. Partecipano all'azione anche due uomini, forse due cacciatori, intenti a difendersi dall'animale tentando di colpirlo con le armi. Il dipinto sottolinea la pericolosità della caccia al cinghiale.

Ad arricchire il percorso alcune incisioni dello Stradano riguardanti la caccia al cinghiale e al lupo e due rari libri cinquecenteschi sulla caccia. Chiudono l'esposizione due nature morte dipinte da Bartolomeo Bimbi per la vicina Villa medicea dell’Ambrogiana, altra villa che era un punto di partenza per le battute di caccia, e che hanno per soggetto la cacciagione.

La villa è aperta dalle 10:00 alle ore 18:00 nei giorni feriali e fino alle 19 la domenica. Chiusa per turno il secondo e terzo lunedì del mese.

 

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Da sabato via alla mostra "A caccia con Cosimo I" a Cerreto Guidi (FI)

bellissimo!!!

da cac17 24/10/2014 14.25