Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Rolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”


venerdì 17 gennaio 2014
    
La Regione Piemonte ha annunciato l'avvio  del  primo “Centro di lavorazione della selvaggina”.  L’attività, ubicata nel comune di Piscina presso la struttura della Società Idealcarni, ha permesso di avviare nell’Ambito Territoriale di Caccia TO3 un progetto di promozione e valorizzazione delle risorse faunistico-territoriali per la realizzazione della prima catena di conferimento, lavorazione e commercializzazione della carne di selvaggina sotto il controllo del Servizio Veterinario d’Igiene.

Il Centro - spiega una nota della Regione - provvederà al ritiro, controllo, trasformazione e vendita dei capi abbattuti mediante attività venatoria, includendo nella lavorazione animali prelevati sia nel corso di ordinarie battute di caccia sia a seguito di specifiche attività di controllo faunistico volte a limitare i danni alle colture. Per la prima volta in Piemonte, dunque, si completa l’intero percorso della filiera di carne proveniente da fauna selvatica.

 Alla realizzazione del progetto - si legge nella presentazione -  si è arrivati grazie ad un’attività di coordinamento e sostegno reciproco tra l’Ambito Territoriale di Caccia Torino 3, la Confederazione Italiana Agricoltori di Torino, la Società Idealcarni di Piscina (To), e il coinvolgimento dell’Assessore Regionale all’Agricoltura e Foreste, Caccia e Pesca Claudio Sacchetto, l’Assessore Regionale ai Parchi ed Aree Protette Gianluca Vignale, il Direttore del Servizio Veterinario Igiene della Produzione Alimenti dell’ASL TO3 dott. Francesco Giacomino.

L’iniziativa - è spiegato dalla Regione -  rientra nell’ambito di una visione organica e moderna dell’attività venatoria, lontana da posizioni pregiudiziali da un lato, aperta ad armonizzare le differenti funzioni riconducibili alla caccia dall’altro: l’esercizio venatorio è strumento di prelievo e controllo, potenziale antidoto ai danni alle colture causati dalla fauna selvatica, mezzo per la tutela e conservazione dell’ambiente, veicolo di tradizioni e valori secolari e, infine, potenziale risorsa per sviluppare una filiera in grado di vivacizzare un canale specifico dell’economia locale che ha quale prodotto centrale carne di selvaggina di ottima qualità e riconosciuta genuinità.
 

Tale esperienza consentirà di organizzare e gestire con efficacia l’impiego della selvaggina a seguito del prelievo, con la possibilità di garantire la massima trasparenza e tracciabilità del prodotto a favore del consumatore.

Mediante tale opportunità innovativa si promuove indubbiamente una valorizzazione della fauna selvatica: l’Atc To3, attraverso la vendita dei contrassegni previsti dalla normativa regionale ai cacciatori (il cacciatore è previsto che acquisti la fascetta corrispondente al capo venabile prima della sessione di caccia) potrà destinare tali risorse all’indennizzo dei danni alle colture agricole. Non vanno poi sottovalutati i potenziali risultati in termini economici e occupazionali, includendo come usufruitori di una filiera garantita e tracciata anche ristoratori, agriturismi, mense.

Di seguito le dichiarazioni pubblicate dalla Regione:

Assessore regionale all’Agricoltura e Foreste, Caccia e Pesca Claudio Sacchetto: “Il progetto di  centro di lavorazione della selvaggina consente di affrontare in modo nuovo e, a mio parere, estremamente positivo, un aspetto dell’attività venatoria, vale a dire il destino dei capi prelevati. Con questa iniziativa viene posto in primo piano il concetto di fauna inteso come bene pubblico, di tutti: amministrare l’esercizio venatorio non significa esclusivamente normare il prelievo, ma allargare gli orizzonti e prevedere una destinazione, un indirizzo dei capi abbattuti che oltre a interessare da vicino il cacciatore, si traduce in impulso ad una filiera che fino a questo momento, nonostante le potenzialità, non ha saputo crearsi un canale consolidato di approvvigionamento. È anche e soprattutto attraverso una gestione moderna, flessibile e strutturata dell’esercizio venatorio -complessivo di tutte le sue fasi- che si potranno ottenere risultati efficaci anche in termini di diminuzione dei danni alle colture agricole causati dalla proliferazione della fauna selvatica”.

Assessore regionale ai parchi e alle aree protette, Gian Luca Vignale: “Il progetto prevede la lavorazione, e poi vendita, di carni di capi che  vengono abbattuti nei piani di selezione annuale e nel rispetto dell’equilibrio che si deve raggiungere tra uomo e fauna selvatica. Grazie a questa iniziativa si potrà realizzare una filiera corta della carne che, garantirà benefici tangibili non solo per il controllo selettivo all’interno delle aree protette, ma anche per l’Ente Parco e per l’economia locale”.

"Bene l’impegno dell’ATC TO3 – commenta il Vicepresidente regionale della Confederazione Italiana Agricoltori Lodovico Actis Perinetto – per l’avvio della prima esperienza di filiera per la commercializzazione della fauna selvatica in Piemonte, sull’esempio di pratiche che già esistono e sono consolidate in numerose regioni italiane. La sfida ovviamente deve essere di non piegare l’attività venatoria a fini di lucro ma di lavorare insieme, agricoltori e cacciatori, per fungere da presidio del territorio e correggere i disequilibri che si creano quando una singola specie prende il sopravvento sulle altre". 

Roberto Barbero, Presidente provinciale della Confederazione Italiana Agricoltori di Torino, dichiara: "Per gli agricoltori i danni provocati dalla fauna selvatica rappresentano ormai un problema endemico. Confidiamo che la possibilità di commercializzare carne di selvaggina frutto degli abbattimenti e delle attività di contenimento programmate, oltre ad offrire maggior sicurezza al consumatore sulla qualità e sulla freschezza del prodotto finale, rappresenti una via innovativa per rendere sostenibile la presenza di questi animali sul territorio e assicurare alle aziende agricole colpite il veloce indennizzo dei danni subiti".




 

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”

Lo so 100% ma bisognerà individuare almeno chi ci vuole meno "morti". Perciò tolti in blocco i grillini, sel e tutta la sinistra radicale, bisognerà individuare nel centro dx e nel PD eventuali amici....mi vengono i brividi solo a scriverla sta parola se riferita a dei politici.... e comunque quelli che non hanno pregiudiziali nette nei nostri confronti.

da Ezio 19/01/2014 20.50

Re:In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”

All'estero nella maggior parte dei casi,la selvaggina e dei proprietarie,o gestori dei terreni,in Italia proprio no,e patrimonio dello stato,che n'è da in concessione la possibilità di prelievo ai titolari di licenza di caccia.essendo la caccia una attività ludica,in concessione,il fatto di vendere le carni,comporta una attività di lucro!!in Piemonte non sono mai stati dei geni,nel dover interpretare le leggi!!

da Castelmagno 19/01/2014 11.55

Re:In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”

Finalmente una buona notizia. Speriamo che anche in altre regioni si inizi a valorizzare la risorsa della carne di selvaggina in maniera corretta. All estero i centri di controllo sono il primo passo per inserire la carne sul mercato in maniera ufficiale....

da Andrea 18/01/2014 19.16

Re:In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”

Comunque sia, a mio modesto avviso la sostanza è che la gente va all'estero per tirare a dei selvatici pagandoli a peso d'oro, gli stessi animali che qui invece sono considerate alla stregua degli scarafaggi. Cosa c'è di razionale in tutto questo?? @100%Cacciatore. Si profilano tempi incerti, mooolto incerti. L'unica cosa positiva è che con la legge elettorale regionale si può votare la persona, pertanto se e quando arriveremo li, bisognerà individuare assolutamente le persone giuste a cui dare fiducia, altrimenti....

da Ezio 18/01/2014 12.16

Re:In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”

Bene....spero che anche gli altri atc si attivino di conseguenza... Ma la legge regionale??? son anche selettore e nonostante avendo pagato il capo (come molti altri) con la neve nn posso far nulla...la nuova legge ,essendoci le elezioni,nn arriverà sicuramente

da tetoaste 18/01/2014 12.03

Re:In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”

Tra l'altro sta cosa del commercio delle carni non so nemmeno se sia possibile,in base alle leggi nazionali in materia di caccia!!Non sarebbe certo una novità per la regione Piemonte,porsi in contrasto alle normative nazionali di riferimento!!

da Gianduia Vettorello 18/01/2014 10.24

Re:In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”

Chissà che sorprese ci riserverà il prossimo calendario regionale, col baillame politico venuto a crearsi in Regione...

da 100%cacciatore 18/01/2014 0.19

Re:In Piemonte al via primo “Centro di lavorazione della selvaggina”

Bravissimi!! Finalmente un po' di sana concretezza!!!

da Ezio 17/01/2014 21.47