Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Rolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioColdiretti: In Italia oltre 2 milioni di cinghiali "incrementare abbattimenti"Fidc Forlì Cesena: bene nuovo calendario venatorio regionaleCalabria: al via caccia selezione cinghiale e addestramento caniPredatori opportunisti: la CE apre al controlloAggiornamento Tortora. Convocata Conferenza Stato RegioniObbiettivo Natura. A Bruxelles il confronto continuaGallinella (M5S) "ora può nascere filiera selvaggina italiana" Campania, Associazioni venatorie sul piede di guerraCampania. Regione perde ricorso su modifiche calendario venatorioFriuli, Piccin (FI): ok spostamenti fuori Comune se prelievo cinghialiFondo per la ricerca UnczaSuper riserva Unesco in AppenninoRegione Lombardia investe nei Centri Lavorazione SelvagginaGallo "Tar Calabria certifica legittimità calendario venatorio"Emilia R.: ok in Commissione a calendario venatorioFidc: soddisfazione per pronunciamento Tar CalabriaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Pistoia monitora gli uccelli migratori, positivi i primi risultati


venerdì 17 gennaio 2014
    
I dati aggiornati sulla fauna migratoria permettono di pianificare meglio le scelte future delle amministrazioni. E, fatto non secondario, a difendere i calendari venatori davanti ai tribunali amministrativi. Ecco perchè da un paio d'anni la Provincia di Pistoia ha organizzato un programma di inanellamenti scientifici per verificare gli spostamenti e la tipologia dell'avifauna migratoria e verificare le consistenze delle popolazioni migratrici.

Il campo di inanellamento, realizzato in collaborazione con il COT (centro ornitologico toscano) all’interno dell’oasi di protezione Dynamo di Limestre, tramite personale qualificato e sotto il coordinamento dell’ISPRA, si è svolto dal 14 al 28 ottobre 2013 (in contemporanea con il “Progetto Alpi”, avviato alcuni anni fa dalI' ISPRA e dal Museo Tridentino di storia naturale, allo scopo di indagare il passaggio dei flussi di migratori attraverso le Alpi durante la migrazione post riproduttiva).

Alla campagna hanno partecipato 17 soci del COT e alcuni studenti delle università di Firenze e di Pisa intenzionati ad approfondire le loro conoscenze in ambito ornitologico. Sono stati circa 130 i soggetti catturati appartenenti a 21 specie, tutte dell’ordine dei passeriformi (fra questi, pettirosso, tordo bottaccio, codirosso spazzacamino, cincia mora, cincia bigia, pispola, codirosso comune, luì piccolo, saltimpalo, ecc).

Particolare attenzione ha meritato la cattura di un codazzurro: un evento davvero eccezionale che avviene con rarissima frequenza, in quanto si tratta di specie segnalata come “accidentale2 nel nostro paese. Il codazzurro, infatti, un piccolo passeriforme della famiglia dei muscicapidi con la caratteristica distintiva della coda di colore blu, dalle regioni dell’est Europa migra in Cina occidentale attraversando l’Himalaya e la sua presenza in Italia è casuale

In contemporanea con quella dell'Oasi Dynamo di Limestre, è stata attivata un’ulteriore stazione di inanellamento anche presso la zona di protezione Val di Luce, nel Comune di Abetone. Questa stazione, attiva dal 18 al 21 ottobre, è stata gestita in collaborazione con l’Associazione Unifauna, le associazioni provinciali Arci Caccia, Libera Caccia e ANUU Migratoristi e il CAI di Pistoia, che ha messo a disposizione il rifugio del Lago Nero. La stazione, con uno scopo maggiormente didattico e il coinvolgimento degli studenti dell’Università di Firenze, ha realizzato 51 catture di 8 specie diverse di passeriformi migratori.

L’ inanellamento scientifico - spiega la nota della Provincia - è una tecnica di ricerca basata sul marcaggio individuale degli uccelli: uno dei metodi più efficaci per studiare la biologia, l’ecologia, il comportamento, i movimenti, la produttività delle popolazioni e la demografia delle diverse specie.  Una rete di stazioni di monitoraggio, coordinate attraverso i centri nazionali (ISPRA per l’Italia) è alla base della gestione delle attività di inanellamento scientifico in tutta Europa. La cattura viene effettuata con reti verticali e gli esemplari raccolti vengono inanellati, sottoposti ai rilievi biometrici standard e successivamente rilasciati. L’anello ha un numero univoco a livello mondiale e i dati raccolti vengono inviati a una banca dati gestita dall’Euring (organismo dell’Unione Europea per l’inanellamento).

“Il monitoraggio della fauna è una delle attività che la Provincia ha scelto come indicatore nel nuovo piano faunistico venatorio recentemente approvato - ha sottolineato l’assessore alla caccia e pesca della Provincia, Rino Fragai – attraverso i campi di inanellamento, infatti, coordinati da ISPRA con il contributo dell’amministrazione provinciale, è possibile raccogliere dati oggettivi e ampliare le conoscenze sulle diverse dinamiche delle popolazioni, al fine di ottimizzare le politiche di conservazione e gestione della fauna selvatica”.

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Pistoia monitora gli uccelli migratori, positivi i primi risultati

bravissimo P.G. nient' altro da aggiungere!!!

da Riccardo1979 18/01/2014 17.18

Re:Pistoia monitora gli uccelli migratori, positivi i primi risultati

Benissimo e complimenti per l'iniziativa, l'unica cosa che non si capisce è come mai l'ISPRA ente preposto (e inutile ) a queste procedure non si adopera per farlo personalmente e sistematicamente conferisce dati obsoleti sulla reale situazione della selvaggina cacciabile ( ciò viene fatto in accordo con luridi anticaccia per creare disagio e dare modo ai luridi sopra menzionati di proporre ricorsi puntualmente accettati da giudici compiacenti).

da P.G. 17/01/2014 15.44