Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE


lunedì 30 dicembre 2013
    
Fernanda Cecchini Diamo seguito alla pubblicazione delle interviste in esclusiva che Bighunter ha proposto agli assessori regionali alla caccia. Queste le dichiarazioni di Fernanda Cecchini, Assessore Regionale alla caccia dell'Umbria


Come ben saprà i cacciatori italiani sono sempre più esasperati da una situazione non più sostenibile per la facilità con cui i calendari venatori, anche se sempre più restrittivi, vengono invalidati dai  ricorsi al Tar, almeno fino alla trattazione di merito.  Alla luce di ciò che è accaduto durante la stagione venatoria 2013 2014, con le continue sospensioni della caccia che hanno coinvolto diverse regioni (per esempio Liguria, Sardegna, Lazio, Campania), come pensa di affrontare la prossima stagione venatoria per dare certezze ai cacciatori della sua regione?


I cacciatori della nostra regione hanno sempre avuto calendari venatori “certi”.  I ricorsi presentati contro i nostri calendari venatori nella scorsa stagione e nella attuale hanno sempre riguardato aspetti marginali del calendario e non hanno comunque causato alcuna sospensione del prelievo venatorio. Le tesi sostenute dai ricorrenti sono poi state riconosciute insussistenti  e, quindi, confermati i calendari venatori così come approvati dalla Giunta regionale. Ritengo, pertanto, che una relazione precisa nel confutare le osservazioni riportate da ISPRA nei propri pareri  e documentata con riferimenti tecnico-scientifici inoppugnabili,  metta al riparo dai ricorsi che impugnano gli atti di approvazione dei calendari.

Una recente sentenza riferita al Calendario venatorio toscano ha confermato che  l'Ispra  fornisce sistematicamente dati non aggiornati e che su questi basa i suoi pareri tecnici sulle scelte regionali in fatto di caccia. In quella occasione, come in molte altre simili, il Tar ha anche acclarato che  si possono ottenere dati molto più rispondenti alla realtà rivolgendosi ad altri istituti scientifici, come per esempio Università o osservatori regionali. Pensa che in futuro sarà questa la strada?

Una struttura centralizzata come ISPRA, che non ha riferimenti locali, non è sicuramente in grado di conoscere le situazioni territoriali regionali. Pertanto i compiti che gli  vengono assegnati in merito alla emissione di pareri in materia faunistico-venatoria si basano solo su considerazioni determinate a livello nazionale che sono spesso non aggiornate ed assai differenti dalle situazioni delle popolazioni faunistiche riscontrabili a livello regionale. A tale scopo il lavoro degli osservatori faunistici regionali pone sicuramente le basi per un approfondimento delle conoscenze regionali in materia di fauna e l’ISPRA dovrebbe coordinarsi con tali strutture implementando ed integrando le proprie banche dati con quelle messe a disposizione dagli osservatori.

Pensa che un coordinamento tra regioni per calendari e gestione venatoria potrebbe essere la soluzione?

E’ sicuramente fondamentale conferire omogeneità ai calendari venatori almeno per macroaree. Sono oramai diversi anni difatti,  che la regione Umbria coordina la gestione del prelievo venatorio con le regioni limitrofe (Lazio, Toscana, Marche) con le quali vengono siglati  annualmente specifici accordi in merito. Sarebbe auspicabile di sostituire la periodicità annuale che costringe a calibrare annualmente il proprio calendario venatorio, tenendo conto anche di  quelli delle regioni confinanti, attraverso un accordo che stabilisca regole uguali per tutti per lo meno a livello dell’Italia centrale. Si creerebbe così anche una sinergia derivante dalla unione  dei dati scientifici e di monitoraggio delle popolazioni faunistiche attualmente in possesso delle singole amministrazioni regionali che rafforzerebbe ulteriormente le scelte operate rendendole meno contestabili.

La 157/92, che compirà ben 22 anni nel 2014, viene considerata abbastanza diffusamente come una legge che ha bisogno di un forte ripensamento e di un generale aggiornamento che tenga conto di una caccia moderna sostenibile e amica dell'ambiente, come per altro viene concepita dalle direttive comunitarie. Recentemente il Commissario Ue per l'ambiente Janez Potocnik ha evidenziato che i calendari venatori italiani sono in linea ai principi di conservazione delle specie, in particolare riferendosi alle date di chiusura della caccia alla fauna migratoria. E' poi di questi giorni l'archiviazione delle procedure comunitarie aperte sul fronte della caccia in deroga contro l'Italia. Crede che la Legge 157/92 debba essere aggiornata per dare maggiori garanzie ai cacciatori? Come?

L’archiviazione delle procedure comunitarie è stata attuata perché il governo italiano ha apportato delle modifiche alla 157 adeguandola a quanto previsto dalle direttive e richiesto dalla comunità europea. Valutato  il notevole tempo trascorso dalla sua emanazione ed in considerazione di tutte le modifiche normative intervenute a livello comunitario nel frattempo, è innegabile che la legge 157 necessita di una profonda revisione che non si può esplicare semplicemente con i continui adeguamenti di cui sopra. Va rivisto l’impianto e le modalità del prelievo, in considerazione dei cambiamenti verificatisi in tutti questi anni anche a livello delle popolazioni di fauna esistenti nel nostro paese: alcune specie si sono espanse notevolmente rendendo immotivato un regime di protezione che causa inoltre anche un notevole impatto sulle attività agricole: un esempio per tutti lo storno. Ci sono numerosi disegni di legge proposti per la modifica della 157 ma ancora non si riscontra una reale volontà da parte del governo di affrontare in maniera seria tale riforma.


Non si può negare che da quel lontano 1992 molte cose sono cambiate, a partire da una imprevista e allarmante presenza di ungulati (ma non solo) che danneggia l'agricoltura e che mette in pericolo gli automobilisti, a cui occorre rispondere con interventi mirati e più tempestivi di quanto preveda attualmente la normativa quadro sulla caccia. Quale può essere secondo lei il ruolo dei cacciatori moderni in risposta a questi problemi?


I cacciatori che vogliono veramente considerarsi moderni dovrebbero improntare l’attività venatoria rivestendo il ruolo di “amministratori” della fauna, mettendo a disposizione della società i propri servizi. In questa ottica si inquadra la collaborazione di cui necessita l’amministrazione pubblica, per attuare i piani di controllo delle specie che per vari motivi esplicano criticità ed impatti nei confronti delle attività antropiche. Gli strumenti normativi sono sufficientemente adeguati, l’anello debole è rilevabile in questa difficoltà di stabilire corretti rapporti di collaborazione tra regione/provincia e cacciatori  nell’ottica di una adeguata gestione della fauna soprattutto in merito alle attività di contenimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi tutte le news

29 commenti finora...

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Ma piantatela di scrivere cazzate,io vado finche' posso a caccia tutti i giorni permessi in Italia ,e di scioperomanco per il cazzo.Scusate la franchezza ma provate ad organizzarlo e guardate quanti vi seguono.In un paese dove la burocrazia fa danni per miliardi chi se ne frega di milioni mancanti.Faremmo solo fregare le mani ai nostri nemici..INVECE partecipate e fate partecipare tutti i soci alle assemblee AAVV. ATC e rompete la i ........ai consiglieri e presidenti,e non approvate i bilanci cosi' decadono ,,,siate propositivi ,forse si ottiene di piu' Buon anno a tutti

da Toni el cacciator 02/01/2014 14.31

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Le persecuzioni a vario titolo e la diffusione di false notizie su di noi hanno contribuito a convincere molti a non rinnovare. Il processo è lento ma inearrestabile,ritengo.La maggior parte di noi non è più giovincella e quindi non è più incline a sopportare le angherie contenute in leggi e regolamenti (che cambiano ogni due o tre chilometri...). Uno sciopero da parte nostra è proprio quello che civuole. Ma chi ci riunirà?

da Arrabbiato 61 02/01/2014 8.37

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

CONCORDO A PIENO CON DARDO.La penso anche io come te.Ci vuole solo sacrificio,per un'anno senza caccia non muore nessuno.anzi ne usciremo solo rafforzati.

da simo 01/01/2014 21.27

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

ho dei seri dubbi,leggendo alcuni commenti, che in questo forum siano tutti cacciatori....... cari amici verdi infiltrati,fatevi un bel giretto in qualche parco urbano(nei boschi è impensabile...troppe foglie e troppi rami....) invece che scrivere qua sperando di creare zizzagna fra noi cacciatori!!! buone feste a tutti e viva la caccia!

da ligure 01/01/2014 19.32

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Ma la caccia è finita lo capite o no a cosa spariamo agli asini che volano ? Non ci sono più uccelli, la gente ci odia, tra noi, c'è gente che usa registratori, spara a tutto quelo che si muove, compresi i cercatori di funghi. Appena si civilizzano l'Albania e la Romania dove si può ancora sparare a tutto dovremmo andare in Libano, li si che ci si diverte ancora.

da Tardo 01/01/2014 10.16

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Ma la caccia è finita lo capite o no a cosa spariamo agli asini che volano ? Non ci sono più uccelli, la gente ci odia, tra noi, c'è gente che usa registratori, spara a tutto quelo che si muove, compresi i cercatori di funghi. Appena si civilizzano l'Albania e la Romania dove si può ancora sparare a tutto dovremmo andare in Libano, li si che ci si diverte ancora.

da Tardo 01/01/2014 10.16

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

concordo con vecchio cedro.è proprio il suddetto articolo che ha,e rovina la caccia Italiana.se non ci fosse stato,da quel dì che la caccia era in mano hai cacciatori come avviene in Europa(dove ci sono anche cacciatori professionisti)e nel resto del [email protected],il tuo illuminato ragionamento,riguarda anche per la migratoria?...

da max 60 31/12/2013 17.15

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

vogliamo cambiare leggi e politiche? si può! basta non fare il permesso di caccia per un anno su tutto il territorio italiano, e basta non andare più a votare! per fare ci vuole sacrificio, tutto il resto è bla bla! quindi cari colleghi cacciatori colpiamo dove facciamo più male, il portafogli! niente più aavv, niente più caccia per un anno, ma neppure contenimenti ed articoli 37, allora e solo allora vedremmo i risultati, un augurio di buon anno a tutti!

da dardo 31/12/2013 11.47

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

SI si, come no, cambiamo la 157, così ce la prendiamo di nuovo in quel posto con nuove restriziani, ma per favore.....stiamo zitti che è meglio.

da Pask 31/12/2013 11.34

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

bisognorebbe cambiare profondamente la Checchini e tutti gli amministratori che non sono competenti. Ma aimè non si puo'.

da padella63 31/12/2013 9.18

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Adesso si lisciano tutti.Attenzione,la 157 è una legge schifosa,ma potrebbe succedere di peggio.Le premesse ci sono tutte.Compreso le persone sbagliate al posto giusto per farci una legge ad ok...del tipo "te conviene smette" .

da agostino 30/12/2013 22.27

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

cominciamo con l'abolizione dell'art. 842 del CC!

da vecchio cedro 30/12/2013 22.14

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Quanti sogni ! tornare alla caccia di 30 anni fa,come se l'ambiente fosse rimasto invariato.Ma la mattina ci guardate dalla finestra o no ? Oggi sono stato in Maremma, dove negli anni 60' facevo il rientro ai tordi ,ora ci sono dei capannoni e un vivaio. Farò una parata sul tetto.

da Antico Cacciatore 30/12/2013 21.44

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Bravo Simo: l'omertà è quello che ci vuole per rilanciare la caccia in Italia!

da Gigi 30/12/2013 20.32

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Ragazzi togliere l'ATC DIPENDE SOLO DA NOI.LO POSSIAMO FARE QUANDO CI PARE BASTA VOLERLO.E per una volta siamo tutti uniti cazzo, invece di farci la guerra, con le spiate per inculare quello che aspetta la beccaccia, quello che abbatte un merlo quando è chiusa....etc etc e basta una volta per tutte.Nessuno e perfetto incominciamo a tirare la barca a nostro favore.

da simo 30/12/2013 20.28

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

La 157 non è mai stata realmente applicata. Il legame cacciatore-territorio è andato a farsi benedire anno dopo anno: interscambio, iscrizione a diversi ATC..il nomadismo venatorio che ha decimato la fauna nel passato è piano piano ripreso. Per come la vedo io, uno caccia dove vive e cura l'ambiente o dove decide di impegnarsi per la tutela del territorio e della fauna. Oppure paga, profumatamente, e si investono i soldi in progetti di miglioramento ambientale.

da Gigi 30/12/2013 20.05

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

solo pubblicità ma in realtà nessuno cambia niente la legge 157 è stata la rovina della caccia in tutte le sue forme ma la cosa che mi fa senso è che nessuna a.a.v.v. inizia una battaglia questo mi fa pensare sono tutti sulla stessa linea solo quando si aumentano le tasse vedi a.t.c, mobilità venatoria etc. etc......

da antonio 30/12/2013 19.26

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

LA 157 non va cambiata profondamente,andrebbe eliminata punto e basta.Queste "sparate di sistema" fate a meno di dirle,non siete e non sarete mai credibili.Anche i politici hanno contribuito alla distruzione sistematica della caccia,purtroppo qualche imbecille che ci crede lo trovate ancora.

da vince50 30/12/2013 18.28

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Ormai sono 22 anni anni che la 157 manda a caccia liberamente solo chi ha i soldi per pagarsi svariati ATC. ESEMPIO : piu soldi hai piu TC prendi !! Bell'esempio di democrazia !!! Evidentemente a Treviso e in umbria si pensa che i cacciatori siano tutti nababbi !!!

da Mauro Roma 30/12/2013 18.14

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Caro Angelo,dici 8 atc nell'intera umbria?....solo in provincia di Treviso ne abbiamo 13!!!...e per l'iscrizione si va dai 150 a 190 euro ad atc!!Un saluto

da Luca atc11 tv 30/12/2013 17.03

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Occhi non sono tutti dei nati perdenti. Prima di criticare gli altri perché avanzano pretese del tutto legittime e giuste, dai un sguardo fuori dai confini nazionali della CE. Se pensi che la cecchini (minuscolo di dovere) su di un fazzoletto di terra quale è l’Umbria vuole realizzare OTTO atc camuffandoli sotto altro nome e balzelli, ti accorgi quale rispetto nutre per la nostra categoria questa governante di sinistra

da Angelo G. 30/12/2013 16.08

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

comunque i cacciatori diminuiscono ed i danari con noi, vediamo quando saremmo diventati due gatti che soluzioni prenderanno....sti impuniti di politici, crollerà il mercato della caccia, ed i cani i quali noi siamo stati i primi a curarcene ed averli per l'arte venatoria ed abbiamo aperto noi l'economia anche in questo settore , adesso a sentire sti' impuniti dovremmo portarli solo a passeggio, non comprendono un ca..o non conoscono le passioni che un ausiliare può portare dentro, a volte vedo dei cani da compagnia che sembrano gatti, e mi chiedo questi obrobri non sono incroci genetici? cosa dicono a tal proposito ispra ed ambientalisti?????

da dardo 30/12/2013 16.00

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Occhio Ragazzi (Nanni). In questa nebbia imperante, per la caccia abbiamo in diverse regioni dei discreti punti fermi. Toscana, Liguria, Emilia Romagna, Umbria: poca demagogia ma posizioni chiare e decise. Facciamo in modo di allargare la cerchia piuttosto che continuare a chiedere l'impossibile. Oggi si pianifica anche l'uso del cesso, figurati te se si devono ancora sentire lamentele per due giorni di silenzio venatorio. I problemi sono ben altri, legati a una diversa concezione del rapporto fra cacciatore, caccia e territorio. Quando li avremo risolti, quando avremo dimostrato di essere veri protagonisti della gestione e della tutela della fauna e del territorio, allora potremmo anche chiedere maggiore libertà di azione. prima concentriamoci sul recupero del tempo perduto.

da Marcello P. 30/12/2013 15.40

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

...e chi dovrebbe cambiarla stalegge, il pd?? il pdl??? o il m5s????...già è troppo che non abbiano ancora abolito tutto.

da Giovanni59 30/12/2013 15.40

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

come solito tutte cazzate basta farsi prendere in giro dal solito personaggio stano di turno

da ztd70 30/12/2013 13.13

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

La legge è chiaro a tutti che deve essere almeno rivista (cambiarla sarebbe meglio ), questo deve avvenire nel più breve tempo possibile e senza intromissione di sigle animalare o ambientaliste perchè rappresentate da persone con chiari limiti di livello culturale. Basti pensare che è di questi giorni la presa di posizione degli animalari contro una ragazza che riesce a curarsi e a vivere con medicinali testati sugli animali... bhe io dico che se per salvare una vita umana bisogna sperimentare un medicinale su un miliardo di animali ben venga, poi chiaramente mi auguro che gli animalari non abbiano il tempo di essere curati e che possano passare a miglio vita nel più breve tempo possibile. Come dice nanni gli ATC sono solo carrozzoni per sistemare amici,trombati e ignoranti in genere, lo sanno tutti ma il sistema lo permette e lo approva.

da P.G. 30/12/2013 12.52

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

SI DEVE FARE UN CALENDARIO UNICO DA NORD A SUD. VIA GLI ATC. CHE SENSO HA NON CACCIARE IL MARTEDI E VENERDI? CACCIA LIBERA,COME AI VECCHI TEMPI. VOGLIO VEDERE SE C'E' UN PARTITO A NOSTRO FAVORE........

da NANNI 30/12/2013 12.30

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

PAROLE,PAROLE,PAROLE.............. SOLTANTO PAROLE.

da MARCELLO64 30/12/2013 12.22

Re:CECCHINI: LA 157 VA CAMBIATA PROFONDAMENTE

Sì, sì, come no? Chiamate Onnis, Berlato e Orsi, che in dieci minuti vi cambiano la 157

da Da ridere 30/12/2013 10.35