Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Fidc Terni: Le condizioni per un rilancio dell’Atc 3


mercoledì 13 novembre 2013
    
Con la nomina del presidente, l'Ambito territoriale di caccia (Atc) Terni 3 ha ripreso l'attività. La Federcaccia di Terni tiene a precisare di non aver condiviso questa elezione: non certo per valutazioni sulla persona del dottor Leonardo Fontanella, neopresidente eletto, per il quale nutre comunque un apprezzamento positivo, ed al quale augura un buon lavoro nell’interesse della caccia e dell’ambiente. Ciò che non condividiamo è il metodo d’individuazione di questa candidatura, scaturita senza tener conto delle reali esigenze del territorio Ternano, ma trasferendo da Perugia a Terni quelle divisioni e incomprensioni sorte all’interno dell’associazionismo agricolo-venatorio-ambientalista, vale a dire le tre componenti che sono la struttura portante di governo dell’Atc. A ciò si aggiunga il fatto che negli ultimi otto anni la Presidenza è stata esclusivamente ad appannaggio delle associazioni agricole, di cui è espressione anche il nuovo presidente eletto.

In vista della formazione dell'Ufficio di Presidenza dell’Atc, Federcaccia esprime la propria posizione annunciando che non sarà disponibile ad assumere nessun incarico di questo livello, in quanto permangono ancora tutte le ragioni di contrarietà iniziali, prima fra tutte la mancanza di chiarezza da parte degli organi preposti (Regione e Provincia) sulla interpretazione della norma per le rappresentanze, in quanto non si può tollerare che chi associa il 50% dei cacciatori debba avere la stessa rappresentanza all’interno del Comitato di Gestione di chi ne rappresenta meno del 5%. Su questo punto siamo disposti ad andare fino in fondo, perché in democrazia si dovrebbe dare il giusto peso ai numeri, anche in considerazione del progetto di riordino degli Atc umbri.

Riteniamo necessario iniziare questo nuovo ciclo con un programma condiviso, che rispecchi le reali esigenze del territorio, e compatibile con le risorse finanziarie. Ad oggi solo Federcaccia ha presentato alcuni punti di programma, ma non sono stati ancora assolutamente posti in discussione. Tra questi la rimodulazione degli aspetti organizzativi, anche interni, dell'Atc, per un migliore utilizzo delle risorse tecnico-amministrative; il riequilibrio territoriale fra le squadre cinghialiste, con assegnazione di settori in territori omogenei ai fini di una migliore e più incisiva gestione della specie; una più autorevole politica di gestione faunistica e ambientale sul territorio, per tutte le altre forme di caccia; la corretta gestione di tutte le Zone di ripopolamento e cattura, per dare un vero presidio di eccellenza dei territori gestiti.

Il nuovo Comitato di Gestione ha iniziato l’attività nel peggiore dei modi, con una prima deliberazione relativa all’assegnazione dei settori alle squadre per la caccia al cinghiale: infatti il provvedimento è stato adottato a maggioranza, senza la partecipazione per protesta del rappresentante della Federcaccia, per la palese mancanza di coraggio da parte dei più nell’affrontare un argomento in termini nuovi e perché ha lasciato intatte le disuguaglianze esistenti, anzi in alcuni casi aggravandole in termini di squilibri territoriali e di costi.

Per Federcaccia il problema della gestione degli ungulati, e dei relativi danni alle coltivazioni, continua a non essere affrontato con la dovuta organicità, bensì con saltuarie, emotive e parziali risposte, creando troppo spesso disuguaglianze e ingiustizie. Tutto questo sta determinando un crollo di fiducia nei cacciatori, che non avvertendo un decisivo e necessario cambio di passo, accrescono il proprio senso di disagio e precarietà. Questo clima rischia di sfociare in protesta, che può divenire destabilizzante anche nel rapporto tra il mondo agricolo e venatorio.

Un’altra questione di fondamentale importanza, che tarda a trovare soluzione, è la mancanza di adeguata sicurezza per i componenti dei Comitati di Gestione degli Atc. Questi volontari, infatti, in mancanza di norme più chiare e tutelanti, potrebbero essere esposti a responsabilità dirette, sia per quanto riguarda la gestione delle risorse, ad oggi incerte ed inadeguate, ma anche in merito alle metodologie di interventi sulla fauna selvatica, seppur legittime e regolamentate. La “madre” di tanta confusione va ricercata nell’irresponsabilità di tutti coloro che, nel mondo venatorio, hanno preferito operare propagandisticamente anziché stabilizzare le leggi esistenti. Pertanto Federcaccia chiede che si rispettino in “toto” gli articolati della Legge 157/92, al fine di garantire alla caccia certezze e non polemiche.

Federcaccia, infine, auspica comunque che il Comitato di Gestione dell’Atc Tr3 sia in grado di affrontare le problematiche sul futuro della caccia su basi concrete. Proprio per questo motivo, in sede di prima riunione ha depositato nelle mani del presidente pro tempore un documento, che prevede sei punti programmatici fondanti per il rilancio dello stesso Ambito Territoriale di Caccia, su cui insieme si potrà lavorare per trovare le soluzioni migliori per il bene dei cacciatori, degli agricoltori e della biodiversità ambientale; contestualmente Fidc auspica che la Regione elabori presto una riforma degli Atc possibile, largamente partecipata e condivisa.


Il Presidente Provinciale Fidc Terni Giulio Piccioni

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Fidc Terni: Le condizioni per un rilancio dell’Atc 3

In vista della formazione dell'Ufficio di Presidenza dell’Atc, Federcaccia esprime la propria posizione annunciando che non sarà disponibile ad assumere nessun incarico di questo livello, in quanto permangono ancora tutte le ragioni di contrarietà iniziali, prima fra tutte la mancanza di chiarezza da parte degli organi preposti (Regione e Provincia) sulla interpretazione della norma per le rappresentanze, in quanto non si può tollerare che chi associa il 50% dei cacciatori debba avere la stessa rappresentanza all’interno del Comitato di Gestione di chi ne rappresenta meno del 5%. Su questo punto siamo disposti ad andare fino in fondo, perché in democrazia si dovrebbe dare il giusto peso ai numeri, anche in considerazione del progetto di riordino degli Atc umbri. CI VOLETE ZUPPARE DI NUOVO IL BISCOTTO? NON VI BASTA ANCORA QUELLO CHE AVETE COMBINATO IN UMBRIA VOI DELLA fidc & c. E IN PARTICOLARE NELL’ATC TR 3 ?

da Ternano 13/11/2013 12.32

Re:Fidc Terni: Le condizioni per un rilancio dell’Atc 3

Gli ATC SONO UNA GRANDE OPPORTUNITÀ' PER TUTTA LA CACCIA ITALIANA, FACCIAMOLI FUNZIONARE!

da Ternana Ale' 13/11/2013 12.14