Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghiale Baggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Fidc Umbria: incontro con la Provincia di Perugia su cinghiale e gestione


martedì 26 febbraio 2013
    
Riceviamo e pubblichiamo:
 
Dopo i mal di pancia esternati dalla Federcaccia in merito alle battute supplementari al cinghiale, autorizzate dalle Province di Terni e Perugia – durante il mese di gennaio – su tutto il territorio regionale, proprio con la Provincia di Perugia si è svolto un incontro con il presidente Guasticchi, il consigliere provinciale delegato Granocchia, i dirigenti Lucarelli e Cecchetti e il comandante della polizia provinciale, Mosconi. Per la Federcaccia erano presenti il presidente regionale Di Marco, il presidente provinciale Barbino e il segretario Pippi.

I rappresentanti della Provincia hanno esposto a Federcaccia le ragioni che hanno portato alla stesura della determina che ha autorizzato ulteriori quattro battute al suide. Da parte di Federcaccia si è comunque preso atto del comportamento corretto delle squadre di caccia al cinghiale, che durante l’intera stagione venatoria hanno profuso il massimo sforzo per raggiungere gli obietti prefissati dagli Ambiti territoriali di caccia (Atc). Secondo quanto ci risulta, questo impegno ha avuto come risultato il completamento dei piani di abbattimento in quasi tutti i settori di territorio libero indicati per la caccia al cinghiale, cosa che – al contrario – non è avvenuta negli istituti privati, all’interno dei quali il numero complessivo di abbattimenti del suide è risultato modestissimo. Proprio per questo motivo Federcaccia ha chiesto alla Provincia di verificare la gestione della specie in questi istituti.

L’incontro con l’ente è stato poi occasione per affrontare diversi altri temi di forte valenza venatoria. Federcaccia e Provincia di Perugia hanno condiviso una serie di argomenti prioritari da portare avanti entro breve tempo.

1. Maggiore e migliore attenzione alla produzione di selvaggina stanziale: su questo argomento il dottor Cecchetti ha illustrato vari piani di potenziamento dei sistemi di produzione di selvaggina nobile stanziale, che abbia caratteristiche di maggiore rusticità e capacità di adattamento alla vita in natura. I progetti riguarderanno in prevalenza, per territori omogenei, il fagiano, la starna, la pernice rossa e la coturnice.

2. Istituzione delle zone di rispetto e irradiamento, con possibilità di realizzarle anche in deroga in attesa dell’approvazione del piano faunistico provinciale, così come messo in atto dalla Provincia di Terni. I tecnici della Provincia di Perugia si sono impegnati per un’attenta verifica in tal senso.

3. Piani di contenimento delle specie opportunistiche, anche con la possibilità, secondo le norme vigenti, di operare anche al di fuori dei tradizionali periodi di caccia e con mezzi adeguatamente efficaci.

4. Si è condivisa altresì la necessità di andare verso un riordino degli Atc, con gli obiettivi del contenimento dei costi, di un sensibile snellimento burocratico e di una migliore gestione tecnica della fauna e dell’ambiente, da cui discenda un incremento della  qualità della selvaggina prodotta e immessa sul territorio, rendendo anche praticabili le norme contenute nel piano regionale sulla produzione e l’acquisto della selvaggina nobile stanziale. Sia la Provincia sia Federcaccia hanno auspicato che la riforma possa avvenire nei tempi stabiliti dalla giunta regionale, cioè il 31 maggio di quest’anno.

5. Infine, particolare attenzione è stata posta sull’approvazione del Piano faunistico-venatorio provinciale, che dovrebbe recepire, integrandole, le direttive contenute nel Piano regionale approvato nel 2006. A tal proposito i tecnici e i rappresentanti istituzionali della Provincia, ribadendo che i lavori sul Piano sono a buon punto, si sono impegnati a licenziarlo in via definitiva entro il minor tempo possibile.

Federcaccia valuta l’incontro in maniera complessivamente positiva, e si augura che dai propositi si possa passare ad atti concreti entro il più breve tempo possibile, nel comune interesse della valorizzazione dell’attività venatoria.
 

Perugia, 26 Febbraio 2013
Ufficio Stampa Federcaccia Umbra

Leggi tutte le news

0 commenti finora...