Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lombardia, Massardi (Lega): “Votati importanti provvedimenti a favore della caccia”Mazzali soddisfatta per emendamenti sulla caccia approvatiLiguria: pubblicato Calendario Venatorio 2021 - 2022Referendum caccia, non c'è due senza treArci Caccia: Fassini dimissionario?Lupo, Dreosto interviene su tema bocconi avvelenatiAbruzzo. Gli agricoltori protestanoMarche. Ancora sulle funzioni degli AtcLazio, FederFauna sollecita intervento per servitù venatoriaAbruzzo. Regione modifica norme controllo faunisticoTortora: il punto dall'EuropaCabina regia Toscana: "no intervento diretto agricoltori nei contenimenti"Cct si oppone al contenimento affidato agli agricoltoriLombardia. Altri 8 valichi montani vietati alla cacciaLombardia, Fidc commenta modifiche alla legge sulla cacciaToscana: agricoltori con licenza potranno sparare agli ungulatiCalabria. Prorogata caccia di selezione al cinghialeBaggio il Cincinnato e il "Divin codino", il film prodotto da NetflixCabina Regia scrive al MITE su Piano gestione tortoraMazzali: approvate semplificazioni a legge cacciaL'Arizona apre la caccia al bisonteCia Ferrara. I fagiani fanno danniRolfi: per il cinghiale occorre riforma nazionaleUmbria: bozza calendario venatorio in CommissionePiano gestione allodola. Cabina di regia scrive al MITEUna giornata per celebrare in tutto il mondo gli uccelli migratoriCCT incontra il gruppo consiliare Lega ToscanaCabina di Regia Toscana. Positivo primo incontro sul calendario venatorio e ripresa attività di cinofilia agonisticaToscana. Al via le consultazioni per il calendario venatorio 2021/2022Tortora. FACE e FIdC scrivono al quotidiano The IndipendentAAVV e Fondazione UNA per rafforzare le azioni antibracconaggioUSA. Orso nero uccide una donnaA Catanzaro Congresso Nazionale carni di selvagginaToscana. Carni di ungulati destinate alla beneficenzaLombardia. Si discuteSudafrica. Nuova era per la cacciaLiguria: in dirittura d'arrivo il piano faunistico regionaleI benefici della cacciaLiguria al via col calendario venatorio 2021-2022Lombardia. I ritardi della RegioneAree protette e cinghiali. Lettera aperta delle AAVV umbre a Morroni Bracconaggio. Ecco cosa fa la caccia italiana per combatterloToscana: corsi per caccia di selezione in videoconferenzaRolfi "ok a semplificazione massiccia sulla caccia"Emozioni selvatiche nei quadri di Elisa Zanoli Umbria: convocato tavolo permanente cinghialiCCT Massa Carrara: no alla gabella per attraversare il ParcoMacerata. Migrazione abbondante grazie ai laghi dei cacciatoriTortora. La Federcaccia ribatteIn Francia campagna TV per la cacciaRecovery Plan. Non dovrà essere un libro dei sogniContenimento Cinghiali, in Liguria saranno coinvolti i cacciatoriFidc Lazio e Aiw "nuova area contigua Pnalm pretesto per ampliare il Parco"Caputo: "per preapertura mancano adeguati piani faunistici provinciali"Francia. Sondaggio positivo sulla cacciaCampania, appello della Lega per la preaperturaRegione Umbria preadotta calendario venatorio 2021 - 2022Tortora. Arriva l'ok della Conferenza Stato RegioniCabina Regia Toscana: "permettere spostamenti per manutenzione capanni"Fidc: anche la Calabria d'accordo sulla tortoraLa caccia fa bene al cervelloBruzzone: con il MITE spazio alle Politiche Agricole su gestione faunisticaL'Assessore Caputo interviene sul nuovo calendario venatorioFidc: sulla Tortora Regione Calabria riveda la sua posizioneUK: The Field Magazine commemora FilippoLiguria: Assessore Piana: "cacciatori impegnati nel ripristino dei sentieri"Spagna. I cacciatori si oppongono a moratoria tortoraToscana. Da Forza Italia un impegno per la cacciaCalendario Venatorio Campania. Le proposte di Eps Rapporto ELO piccola selvaggina "la caccia non è motivo di declino"Calendario Venatorio Umbria, la linea di Arci CacciaCampania, Regione posticipa discussione calendario venatorioMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Umbria: audizione delle Province su competenze caccia


martedì 31 gennaio 2012
    
Sui problemi della caccia in Umbria la terza Commissione consiliare dell'Umbria, presieduta da Massimo Buconi, nella seduta di ieri ha iniziato un percorso di approfondimento e di verifica con le province di Terni e Perugia.

Positivo l'esito dei ripopolamenti in Provincia di Terni grazie alla collaborazione delle associazioni che ha permesso di effettuare catture e lanci di selvaggina nei periodi più idonei. Bene anche sul fronte del contenimento con 200 cacciatori abilitati all'abbattimento dei cinghiali in eccesso, anche se i danni rimangono ingenti. Sul tema annoso dei calendari venatori, l'assessore Beco ha confermato che molti cacciatori del ternano, più che alla confinante provincia di Perugia guardano con maggior interesse i calendari di alto Lazio e Toscana come aree di espansione, con punte del 70 per cento sul viterbese.

Per evitare irregolarità sullo smaltimento delle carni si è soffermato Lino Volpi, della Provincia di Perugia, ipotizzando l'allestimento di centri mobili per il controllo delle carni. A suo giudizio si dovrebbe arrivare ad un utilizzo commerciale dei capi abbattuti durante i prelievi per ridurre la specie, anche come risorsa finanziaria per ricompensare gli agricoltori danneggiati. Volpi si è comunque soffermato sul problema sempre attuale del contenimento delle specie faunistiche in espansione partendo dai cinghiali, per i quali in Provincia di Perugia si sono avuti risultati disomogenei. Buoni quelli raggiunti in Valnerina, dove i danni all'agricoltura sono di fatto calati; deludenti invece nell'Alto Tevere e soprattutto nel Trasimeno. Qui il passaggio facile degli animali fra la zona umida lungo le rive del lago e il vicino bosco ha fatto sì che i danni prodotti alla colture siano letteralmente esplosi.

Altri danni alle culture, anche enormi, sono prodotti dalla specie storno con 7.000 aziende colpite. Per convincere l'Istituto nazionale che autorizza le deroghe a fare selezione, ha riferito Volpi, sono stati attivati 1.500 punti di osservazione su territori nei quali lo storno di fatto da qualche anno nidifica, soprattutto nei tetti delle abitazioni. Stessa cosa per il fringuello che da tre anni viene monitorato nei suoi transiti, negli stessi 1.500 punti di osservazione. Fin qui la deroga non è stata concessa, ha precisato Volpi, “perché l'Ispra non è in grado di indicarci la modica quantità di fringuelli che ogni cacciatore dovrebbe poter abbattere. Ma ora si cercherà di far valere in quella sede i dati raccolti”.

Altro problema emergente è quello dei corvidi. In questo caso, la selezione autorizzata dalla Provincia di Perugia per 5.550 capi ha raggiunto solo un terzo della quota assegnata perché non trova la disponibilità degli stessi agricoltori, in quanto i danni prodotti da questa specie, soprattutto le gazze, più che sulle colture agricole sono particolarmente evidenti per la voracità distruttiva di questi animali nei confronti delle uova e delle nidiate di altri uccelli. Una successivo incontro, ha annunciato a fine incontro il presidente Massimo Buconi, sarà fatto direttamente con i presidenti dei tre Atc regionali. Lo scopo evidente è quello di capire se c'è la necessità di correggere l'attuale impianto normativo regionale, indipendentemente dai destini che avranno gli enti provinciali.
  

Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Umbria: audizione delle Province su competenze caccia

Io mi sento di dover ringraziare pubblicamente il Dott. Volpi per la disponibilità, la sincerità e la collaborazione che ha dimostrato più volte per l'attività venatoria in Umbria in particolar modo per la questione deroghe, costruendo su di esse anche un interessante dibattito che ha avuto caratura nazionale. Poi le scelte le fa la politica e questo lo sappiamo bene....

da Stincardini Luca 31/01/2012 21.13

Re:Umbria: audizione delle Province su competenze caccia

Il Dr. Volpi è stato sempre costretto ad arrapicarsi sugli specchi! Sopratutto dal 2000 ad oggi! Costretto ad avallare le scellerate prepotenze di politici "ladroni e massoni", che in Umbria hanno costruito gruppi di autentici garzoni, tanto da distruggere letteralmente la selvaticità delle specie autoctone. Al "servizio" di quella politica, insomma, che non è stata in grado nemmeno di gestire la ricchezza spontanea. Non ci resta che cacciare a pedate i politici che invece dell'ars venandi, coltivano l'ars della cacciata a sbafo in riserva!

da mariobartoccini 31/01/2012 17.50

Re:Umbria: audizione delle Province su competenze caccia

Il Dr. Volpi è stato sempre costretto ad arrapicarsi sugli specchi! Sopratutto dal 2000 ad oggi! Costretto ad avallare le scellerate prepotenze di politici "ladroni e massoni", che in Umbria hanno costruito gruppi di autentici garzoni, tanto da distruggere letteralmente la selvaticità delle specie autoctone. Al "servizio" di quella politica, insomma, che non è stata in grado nemmeno di gestire la ricchezza spontanea. Non ci resta che cacciare a pedate i politici che invece dell'ars venandi, coltivano l'ars della cacciata a sbafo in riserva!

da mariobartoccini 31/01/2012 17.50

Re:Umbria: audizione delle Province su competenze caccia

AL DR.VOLPI BISOGNA RICONOSCERE CHE SI E' SEMPRE ATTIVATO PER RISOLVERE I PROBLEMI DEGLI AGRICOLTORI,BISOGNA RILEVARE PERO'CHE PER QUANTO RIGUARDA IL PROBLEMA STORNO SE RIGUARDO ALLE DEROGHE NON VENGONO TOLTI TUTTI I LACCI BUROCRATICI MESSI DALL'ISPRA ,TIPO IL MANCATO USO DELLE GIRELLE E LA LIBERTA' DI POTERLO CACCIARE ANCHE AL DI FUORI DELLE COLTIVAZIONI SU TUTTO IL TERRITORIO PROVINCIALE DESTINATO ALLA CACCIA PROGRAMMATA,NON SI RISOLVERA' NULLA!IN QUESTI ULTIMI GIORNI HO POTUTO VERIFICARE UN NUOVO DORMITORIO CON MIGLIAIA DI CAPI PROPRIO IN LOCALITA' CAPRO NEL COMUNE DI BEVAGNA.VICINO CI SONO VIGNE DI VINO PREGIATO CHE SI PRESUPPONE NON RACCOLGANO QUESTO ANNO NEANCHE UN CHICCO DI UVA PER NON PARLARE POI DEI DANNI AI TETTI DELLE ABITAZIONI VICINE NEL MOMENTO DELLA COVA!SI TRATTA DI PROBLEMI URGENTI CHE DEVONO ESSERE DOVEROSAMENTE AFFRONTATI,E PENSO PROPRIO CHE IL DR.VOLPI AL QUALE VA IL MIO SALUTO SIA PROPRIO LA PERSONA GIUSTA PER FARLO!

da dr.Santi Mario Bevagna 31/01/2012 17.38