Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Tortora in buona salute in Grecia, si caccia da agosto ad ottobre La Commissione Ue invita la Francia a vietare le cacce tradizionaliSardegna, su proroga al cinghiale convocato Comitato faunisticoPiano Parco Migliarino Massaciuccoli, manca ancora concertazione con cacciatoriAnuu: Governo alla prova del nove con i calendari venatoriFiocchi (FdI-Ecr): mercoledì 1 febbraio convegno su ruolo positivo cacciatori per biodiversità in UeFidc: "I numeri di Ispra sul cinghiale in Italia. Alcune considerazioni necessarie"Umbria, protocollo con prefettura Terni per emergenza cinghialiBerlato: Giunta Veneto approva delibera per conclusione caccia acquaticiMarche, sinergia tra Atc, cacciatori e Parco per monitoraggio faunaLombardia, partono i lavori sul nuovo calendario venatorioReferendum anticaccia. Alla Camera una conferenza stampa imbarazzanteCabina Regia Toscana: "Tre Atc non riconoscono il coordinamento"Ministero Agricoltura. Al Sottosegretario La Pietra le deleghe sulla cacciaEmilia Romagna: Le associazioni Venatorie in Regione per il calendario venatorioAnuu: "Modifiche 157 controllo faunistico aprono nuovi scenari"Basilicata, da stagione caccia 2023 - 2024 iscrizioni Atc on lineRegionali Lombardia: Carlo Bravo candidato con FdI nel collegio di BresciaPiemonte. Assessore Protopapa "non siano ostacolati gli abbattimenti dei cinghiali"Foti (FdI) minacciato dagli animalisti per legge controllo faunisticoAllevamento turdidi, Anuu "sentenza importante a Udine"Bulbi (PD Emilia Romagna): Regione applichi calendario 21 -22 non oggetto di ricorsiLa Regione Abruzzo intende aprire la caccia a cervo e caprioloVeneto, le associazioni venatorie chiedono nuova deliberaRegionali Lombardia. La cacciatrice Monia Todeschini candidata con FDIA Bruxelles un convegno organizzato da Fiocchi su caccia, piombo e lupoMolise proroga caccia cinghiale fino a 29 gennaioSentenza Tar Veneto blocca caccia acquaticiRegionali Lombardia, Emma Soncini (cacciatrice) con FdI Grazie a due cacciatori ritrovato uomo scomparsoControllo faunistico. Regione Piemonte invita Province a coinvolgere i cacciatoriGenovesi: (Ispra) "sterilizzazione cinghiale ancora impossibile"Pineta di Classe. Bando daini va deserto per paura degli animalistiAnimalisti fermati e identificati. Ostacolavano cattureEmilia R.: Confagricoltura "no all'esclusione degli agricoltori dagli abbattimenti"Regione Calabria corregge discrepanze in Calendario VenatorioFACE: pubblicato ottavo rapporto su Manifesto BiodiversitàGrande Cena della Fidc di Lari per beneficienza. Ricavato all'AircFidc Toscana: continua la mobilitazione su Piano Parco San RossoreFidc Lombardia: ecco cosa cambierà sul controllo faunisticoCia: "in Piemonte e Liguria emergenza PSA nel pantano"Beccaccia: nessuna sospensione a gennaio in LombardiaSardegna chiede proroga caccia al cinghiale a febbraioSelvaggina d'autore con Igles Corelli a Caccia Village 2023Confagricoltura: "su cinghiale e fauna selvatica necessario cambio di passo"Ispra: in Italia si abbattono 300 mila cinghiali l'anno, 86% a cacciaCia: bene revisione legge 157/92Caretta (FdI), grazie a governo Meloni finalmente cambio di passo su gestione fauna selvaticaAcma: anche i cacciatori partecipano ai censimenti Cabina Regia Toscana chiede confronto su ampiamento Parco San RossoreAnuu: soddisfazione per la sentenza sul Calendario venatorio lombardoFidc Toscana: da Piano strategico nazionale opportunità per la cacciaUmbria, Morroni commenta sentenza Tar "Calendario venatorio invariato"Calendari Venatori. Sparvoli (Anlc) "La verità alla fine viene a galla"Toscana: 393 i cinghiali abbattuti dagli agricoltori nel 2022Controllo faunistico, ecco il nuovo testo nella 157/92Umbria: sentenza Tar salva chiusure caccia al 30 gennaioFidc Uct: nominato nuovo coordinamento Atc toscaniFrancia. In Piano sicurezza caccia respinto divieto domenicaEmilia Romagna, i cacciatori chiedono incontro urgente in RegioneIl calendario 2023 delle cacciatrici con i disegni dei bambiniDisinformazione su caccia e controllo faunistico. Ci casca anche RaiNewsFidc Toscana Uct "Scolopax Overland, l'importanza della ricerca scientifica"Confagricoltura ed Eps: convegno sulla gestione del cinghialeTre borse di studio per il Master in gestione della fauna selvatica In Friuli assessore Zannier smentisce i 5 Stelle "nessuna caccia nel Parco"Fidc Toscana scrive a Parco San Rossore "Chiarezza sul Piano del Parco"Tar Lombardia respinge ricorso della Lac su Calendario VenatorioFidc: "Pac, cosa cambia per la fauna selvatica e per la caccia"Liguria cancella restrizioni caccia nell'area contigua del Parco di PortofinoToscana, per gli appostamenti fissi lista annuale dei frequentatoriLombardia, nessuno stop caccia alla beccacciaFidc Marche "noi soli a lottare per il calendario venatorio"PSA: Ministero della Salute aggiorna i Manuali operativiCNCN: bene emendamento Governo su fauna selvaticaFidc - UCT "Un anno per la caccia in Toscana"

News Caccia

Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori


giovedì 24 novembre 2022
    

 
 
Il Parlamento europeo ha appena votato una risoluzione comune che chiede interventi sulla tutela degli allevamenti dai grandi carnivori.  La richiesta principale è l'invito ad attuare l'articolo 19 della direttiva Habitat aggiornando lo status delle specie.

Lo spostamento di una popolazione di grandi carnivori da un allegato (ad esempio protezione rigorosa) a un altro (ad esempio protezione con sfruttamento), come fa notare FACE in un comunicato, per altro non modifica l'obbligo giuridico per gli Stati membri di garantire uno stato di conservazione soddisfacente.

Si tratta di una richiesta critica per le parti interessate rurali, compresi i cacciatori, perché lo status di protezione rigorosa di alcuni grandi carnivori sta portando a un punto morto legale e amministrativo in un numero crescente di Stati membri. Il problema si basa su un'interpretazione eccessivamente restrittiva del diritto dell'UE da parte di alcune parti interessate e continui attacchi legali da parte di ONG di protezione rigorosa a livello nazionale.

Secondo il presidente di FACE, Torbjörn Larsson: “Il voto di oggi è una buona notizia e l'ennesimo chiaro invito alla Commissione europea a mettere in atto una procedura per modificare gli allegati della Direttiva Habitat. Questa era una richiesta del precedente Parlamento europeo e di altre istituzioni Ue, rendendo sempre più difficile per la Commissione non agire”.

Molte grandi popolazioni carnivore, in particolare i lupi europei, continuano ad espandersi. Secondo l'ultimo stato di conservazione dei lupi in Europa, nell'UE sono stati segnalati circa 19.000 individui con un aumento dell'areale di oltre il 25% solo nell'ultimo decennio. Ciò non si riflette adeguatamente nella procedura di segnalazione dell'UE in base alla quale le popolazioni sono segnalate a livello biogeografico, il che non è adatto per specie altamente mobili come il lupo e la lince.

Gli areali delle popolazioni di grandi carnivori possono estendersi a migliaia di chilometri quadrati e sono inevitabilmente divisi da confini statali o altri confini amministrativi. Le misure di conservazione, monitoraggio e gestione, nonché le valutazioni dello stato di conservazione, dovrebbero essere condotte a livello biologicamente corretto e transfrontaliero. Ciò è confermato anche dall'ultima valutazione IUCN sullo stato di conservazione del lupo in Europa.

Separazione tra "attività venatoria" ed esenzioni per specie rigorosamente protette: Nella mozione si chiedeva di escludere "l'attività venatoria" come legittimo strumento di gestione ai sensi dell'articolo 16 della direttiva Habitat. Tuttavia, questo punto è stato respinto dalla maggioranza dei deputati. I cacciatori sono attivamente coinvolti nella gestione dei grandi carnivori e l'uso di deroghe per le popolazioni rigorosamente protette si applica solo nell'ambito di rigorosi sistemi di licenza per rispettare le condizioni stabilite nella direttiva.

Va inoltre evidenziato che, secondo la sentenza della Corte di giustizia europea, la gestione dei grandi carnivori “ai fini della gestione della popolazione” è consentita quando sono soddisfatte determinate condizioni. Una quota (nazionale o regionale) può infatti esistere e fissare un limite massimo rispetto al criterio del “numero chiuso” e all'interno di tale quota è possibile prendere decisioni mirate per individui che possono essere prese. Molti Stati membri si affidano ai cacciatori per sostenere gli approcci di conservazione e gestione e per garantire una buona convivenza con le comunità locali. Questo è stato anche sempre più documentato nella ricerca delle scienze sociali. In Europa esistono alcuni degli esempi di maggior successo di convivenza con i grandi carnivori, come l'orso bruno, il lupo e la lince, dove esiste una gestione attiva e l'impegno con i cacciatori. (FACE)

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le nuove regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

11 commenti finora...

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

remo non hai mai sentito parlare di incidenti con ungulati in questi anni? eppure molto spesso vengono raccontati anche in tv oltre che sui siti come questo che ci ospita. quanti ne contavi ad esempio 30 anni fà. quanti danni facevano i cinghiali nei campi in quell'epoca dove i lupi non erano un problema e la caccia di selezione era alle prime armi? ora in pratica cacci tutto l'anno e i problemi da ungulati aumentano. non sono certo a favore del lupo ma pensare di poterlo cacciare in futuro è solo una fantasia. che piaccia o no i problemi con gli ungulati sono aumentati basta guardare i danni, i dati e le direttive che spesso vengono emanate per contrastare questo aumento. questo è quello che la gente vede. io pratico spesso la caccia alla lepre in collina e ogni volta si trovano caprioli o daini cosa che anni fà di certo non succedeva, quindi per quanto riguarda il non capire una mazza pensando di sapere tutto forse confrontando i dati degli anni passati con il presente pensando di sapere tutto si scopre di non aver capito una mazza.

da marco 27/11/2022 22.30

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

Gli animali sono esseri intelligenti ,bisogna tornare vegan e non uccidere piu',poi la carne fa male

da Pablo 27/11/2022 21.39

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

marco ma che caccia fai? non certo ungulati perchè se no te ne saresti accorto il drastico calo di tutti gli ungulati in primis il capriolo io sono di Forl' dove è nata la caccia di selezione al capriolo bhe ora è la patria dei lupi come in Toscana , Emilia, Marche perfino sulle Alpi ma che cazzo scrivi ??!! cosa sei il beccacciao di turno che non capisce una mazza di caccia e crede di sapere tutto invece ........................ ma fammi il piacere ....

da Remo 27/11/2022 16.24

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

in qualche zona saranno in difficoltà ma non dappertutto, anzi ora si vedono pure in pianura e ogni tanto qualche incidente lo provocano anche loro. comunque finchè ci sono fondi che girano attorno al problema lupo difficilmente si arriverà alla sua riduzione e se succedesse non credo saranno autorizzati i cacciatori. quindi per me la caccia qui non c'entra.

da marco 25/11/2022 20.57

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

I caprioli sono invece in difficoltà.

da X questo qua sotto 25/11/2022 20.33

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

romeo illuminami tu su cosa stanno combinando. io vedo che cinghiali, daini, caprioli ecc... fanno sempre più danni senza contare un continuo aumento di incidenti sulle strade. non mi sembra quindi che i lupi stiano facendo il lavoro cosi bene come si vuol far credere. anni fà cacciando non si vedeva un ungulato neanche a pagarlo ora li si incontra in città o in autostrada senza andare nei boschi. porta pazienza ma mi è difficile capire il tuo discorso.

da marco 25/11/2022 20.09

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

marco ma dove vivi? in appartamento nel centro della città? ma forse non ti sei accorto di cosa stanno combinado...perchè tu a caccia non vai. Quindi, invece di scrivere fregnacce senza senso alcuno TACI! grazie

da romeo 25/11/2022 14.18

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

si è vero che qualcosa stà già succedendo ma se insistiamo come cacciatori nel voler sparare ai lupi la cittadinanza imboccata dai soliti ambientalisti, non ci appoggerà sicuramente. prima che la caccia abbia tutti quei problemi penso che altri settori saranno sul lastrico. il lupo prima dei cinghiali daini caprioli ecc.... preferisce andare al supermercato che con le capre, pecore ecc.. si trova meglio e con meno problemi. quando poi i cittadini e politici capiranno che il loro amici ambientalisti vendevano fumo e riuscivano a far stanziare dei fondi per il problema lupo forse sbattendo la faccia contro la realtà capiranno. per me ora se la caccia ne rimane fuori fà la cosa giusta.

da marco 25/11/2022 14.09

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

Quello che dice sa63 sta già accadendo

da marioP 25/11/2022 12.29

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

quando i troppi lupi faranno sparire cinghiali, caprioli, lepri, daini, cervi e cani dei cacciatori e no, vedrai che l'argomento interessa anche la caccia!

da sa63 25/11/2022 9.04

Re:Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivori

non penso che sia un argomento legato alla caccia......

da marco 24/11/2022 19.42