Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Acma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Trento: Novità per il controllo del cinghiale


martedì 20 settembre 2022
    
 
 
 
La Giunta Provinciale di Trento ha approvato una delibera che introduce nuove misure per contrastare la presenza del cinghiale. Come nuovo strumento - si legge in una nota ufficiale - , in via sperimentale, è stato previsto il prolungamento dell'orario, fino alle 24.00 delle attività di controllo, per dare modo ai controllori di agire tempestivamente, approfittando delle abitudini crepuscolari della specie. Un'altra sostanziale modifica riguarda le foreste demaniali, al cui interno, previo accordo tra le parti, potranno intervenire i controllori abilitati nelle zone che ricadono nell'Area A, e i guardiacaccia nelle zone che ricadono nell'Area B, sempre in supporto e non in sostituzione del personale del Corpo forestale trentino.

Il cinghiale è specie cacciabile, ma in provincia di Trento la caccia è sospesa dalle prescrizioni tecniche per l'esercizio della caccia, ed è attiva la disciplina del controllo (articolo 31 della legge provinciale 9 dicembre 1991, n. 24). La minaccia della peste suina africana, malattia virale, non trasmissibile all'uomo, ma altamente contagiosa per i suini domestici e selvatici, ha condotto ad affinare tecniche e strumenti di contrasto alla presenza e all'insediamento del cinghiale e, conseguentemente, ad aggiornare la disciplina del controllo.

L’arrivo all’inizio del 2022 della peste suina in Italia ha comportato la necessità di mettere in campo azioni ancora più incisive nelle aree indenni, tra le quali rientra anche la provincia di Trento. Lo scorso mese di luglio la Giunta ha adottato il piano provinciale di interventi urgenti per la gestione e il controllo della peste suina africana. Con il provvedimento adottato oggi, resta vigente la zonizzazione in base alla quale il Trentino è suddiviso nell'Area A, dove, però, il contenimento va perseguito in modo più drastico rispetto al passato, da parte dei controllori abilitati, e nell'Area B, dove la specie è assente e, al primo avvistamento, il suo ingresso va contrastato rapidamente e con ogni mezzo da parte del personale di vigilanza del Corpo forestale trentino e dell'Ente gestore della caccia.

Osservatorio faunistico e Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale hanno espresso il loro parere positivo sulla nuova disciplina.
Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Trento: Novità per il controllo del cinghiale

E' scritto che è cacciabile, ma l'amministrazione non lo fa cacciare ai cacciatori. E' possibile che riservino le fatiche di abbatterlo (o divertimento a seconda dei punti di vista) a solo pochi eletti?

da Andrea, operatore faunistico. 20/09/2022 12.36

Re:Trento: Novità per il controllo del cinghiale

Questi ancora stanno decidendo, come amministrazione, se il cinghiale debba essere cacciabile o meno. E poi diamo la colpa ai giudici...

da Tano 20/09/2022 11.03