Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Venezia. Manifestanti ottengono promesse sul Calendario VenatorioToscana, insediati nuovi comitati Atc Costa "quasi completata recinzione anti-cinghiali tra Piemonte e Liguria"Toscana: approvata braccata cinghiale in area non vocataCaccia aree contigue Aree protette del Po piemontese. PrecisazioniToscana, approvati Piani di prelievo del CervoColdiretti "bene primi via libera ad allargamento caccia cinghiale"CCT: gli eletti in ToscanaL'Austria (e non solo) chiede modifica status del lupoVeneto. I cacciatori scendono in piazza contro la sospensioneFidc Lombardia: Tar confonde sassello con bottaccioTar sospende caccia al tordo in LombardiaSolidarietà dei giovani cacciatori per le MarcheVeneto. Tar sospende caccia alla migratoria fino al primo ottobreRegione Lombardia modifica Calendario VenatorioLega Umbria: "Tar conferma correttezza del Calendario Venatorio"Su Rai 3 la solita criminalizzazione della cacciaSicilia: Regione modifica calendario venatorio su tortoraPozzuoli elimina gabella per i tesserini venatoriTar Sicilia sospende caccia alla tortoraTar Umbria respinge sospensiva. Ripristinate aperture cacciaStorni, rendicontazione al 27 settembre in ToscanaSicurezza caccia, FNC sul piede di guerra Interscambio cacciatori Umbria Lazio: ecco gli accordiTrento: Novità per il controllo del cinghiale Tar Veneto respinge sospensione apertura cacciaCCT: ricorso animalista non riguarda date apertura cacciaTar Marche. Soddisfazione da Anlc, Enalcaccia e Arci cacciaCampania, Calendario Venatorio sospeso. Apertura a colombaccio, tortora e merloApertura caccia. Bana (Assoarmieri) scrive ai cacciatoriTar Marche conferma validità Calendario VenatorioGli animalisti e le indicazioni di voto (Ecco chi non votare)Castellani (Anuu) "Si torna a caccia!"Berlato lancia raccolta firme per la modifica della 157/92Marche: Fidc presenta ricorso contro chiusure anticipate cacciaMarche, chiesto aggiornamento confini degli AtcCasanova (Lega) bacchetta Conte e i 5 Stelle "Caccia attività legittima e normata a tutti i livelli"EOS riconosciuta dalla Regione Veneto tra le fiere di rilevanza internazionaleColdiretti scrive al Commissario PSA "urgente allargare caccia al cinghiale"Umbria conferma apertura il 18 settembre a corvidi merlo e colombaccioSardegna, Tar sospende avvio caccia al moriglioneConte "affrontare di petto l'abolizione della caccia"Cpa Lombardia "noi cacciatori lombardi discriminati dal Tar"Maffei sollecita nuovamente sull'unitàApertura a settembre. Tar Lombardia sospende per alcune speciePernice Rossa e addestramento cani. Regione Marche modifica CalendarioTar Umbria anticipa udienza su sospensione Calendario VenatorioSicilia, riformata ordinanza Tar caccia coniglio, tortora e colombaccioLa Regina Elisabetta era anche una grande cacciatriceCommissariato Atc L'AquilaRegione Umbria chiede revoca drecreto del TarBerlato presenta proposta di modifica 157/92Campania "caccia anticipata per ricorso Associazioni Venatorie" Face: "Far funzionare i piani strategici della PAC per la piccola selvaggina"Umbria, Regione convoca le Associazioni VenatorieBuone notizie, richiami vivi acquatici permessi in Lombardia e VenetoTar Emilia Romagna respinge sospensione Calendario VenatorioFidc: consegnati i primi tablet alle scuoleTar Umbria sospende l'apertura della cacciaCaccia. Le associazioni agricole chiedono riforma 157 nei programmi elettoraliDaini del Parco del Po, ancora proteste animaliste Elezioni. Sen. Bruzzone "sì alla filiera del cinghiale"Siccità e caccia. Lac fa marcia indietro Psa, nel Lazio contagi fermi da maggioGiglio. Ad ottobre riparte la caccia selettiva dei mufloniVeneto, caccia vietata in presenza di irrigazione a gocciaMancini e Puletti (Lega Umbria) "su tortora servono censimenti"Aldo Mattia (candidato FdI) "modificare al più presto legge sulla caccia"Roma, cittadini ostaggio dei cinghialiBenevento. Passo indietro sui ripopolamenti del fagiano Campania, anticipata apertura caccia fagiano, quaglia e acquaticiTroppi cinghiali, sindaco chiede commissariamento Atc OlgiateseFauna selvatica e caccia. Programmi elettorali a confrontoMarche, caccia in deroga allo storno fino a fine novembreCalendario Venatorio Sicilia, interrogazione di FdIPiemonte. Tutte le novità sulla caccia al cinghialeFigline Valdarno: area esclusa da territorio di cacciaPolemiche su ripopolamenti nelle Marche. L'Atc Ascoli Piceno risponde alla LipuLega Emilia Romagna chiede interventi urgenti su fauna selvaticaPreapertura. Caccia alla tortora chiusa nelle prime orePiemonte, Regione vara misure urgenti per caccia cinghialeMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"


lunedì 18 luglio 2022
    
 
Riceviamo e pubblichiamo:
 
In un articolo a firma di Sara Gandolfi pubblicato sul Corriere della Sera lo scorso 9 luglio col titolo “La caccia è una minaccia per 1.341 mammiferi selvatici”, si riportava un’anticipazione del Rapporto IPBES sull’uso sostenibile delle specie selvatiche, redatto da un pool di esperti appartenenti a 139 Stati membri dell’ONU. 

L’Intergovernmental Science-Policy Platform on Biodiversity and Ecosystem Services (IPBES) è una organizzazione intergovernativa indipendente istituita per migliorare la comunicazione tra scienza e politica in materia di biodiversità e servizi ecosistemici. Il Rapporto vero e proprio sarà pronto solo a fine anno, ma al momento è stata divulgata una sintesi destinata ai Decisori politici. L’analisi è svolta a livello mondiale e riguarda soprattutto i Paesi che da un lato sono più ricchi di biodiversità, animale e vegetale, e dall’altro sono maggiormente dipendenti dallo sfruttamento delle risorse naturali rinnovabili. 

Alla revisione delle bozze dei sei capitoli del Rapporto IPBES (per un totale di oltre 900 pagine) aveva partecipato in precedenza anche l’Ufficio Studi e Ricerche della FIdC, puntualizzando aspetti legati alla caccia e all’uso sostenibile della fauna selvatica. Si era intervenuti, ad esempio, sulla definizione stessa di “caccia”, che nel Rapporto era definita come “la categoria letale del prelievo di animali terrestri che porta all'uccisione dell'animale, come nella caccia per i trofei”. Si era quindi osservato che una più moderna definizione di “caccia” può essere intesa come l'insieme delle attività che mirano ad impossessarsi di un animale selvatico per diversi scopi: alimentare, economico, ricreativo, amatoriale, scientifico, culturale, tradizionale, etc. Inoltre, secondo un approccio ecosistemico, la “caccia” è anche un mezzo fondamentale per utilizzare i “servizi ecosistemici” forniti dalla natura e per valorizzare il “capitale naturale”. 

Le stesse attività connesse alla caccia sostenibile, alla gestione degli habitat a fini venatori e alle reintroduzioni/ripopolamenti, secondo i criteri CICES V5.0,  sono una fonte di incremento dei servizi ecosistemici offerti alla Collettività, ovvero: “Servizi di fornitura” (come ad esempio quantità di carne, valore della selvaggina, etc.), “Servizi di regolazione” (come investimenti conservativi, aree protette, tutela di habitat, tutela delle specie, controllo delle specie aliene invasive e problematiche, monitoraggio delle malattie dei selvatici, indennizzi per danni all’agricoltura, contributo al contenimento dei cambiamenti climatici, etc.) e “Servizi culturali” (uso esperienziale e fisico degli animali e del territorio, ecoturismo venatorio, spese legate alla caccia e alla cinofilia, aziende venatorie, e molto altro ancora). 

Nella bozza del Rapporto IPBES si evidenziava anche che negli ultimi decenni si è sviluppato sempre più un movimento ecologista che è ideologicamente contro la caccia e non accetta la cattura o abbattimenti di animali selvatici per ragioni etiche. A fronte di ciò, si era fatto notare che il progresso scientifico è sempre più in grado di supportare pratiche venatorie biologicamente sostenibili. Inoltre, la caccia può essere anche un driver di crescita per le popolazioni delle specie cacciabili. Un esempio di ciò è il caso degli ungulati, che hanno avuto un forte incremento dopo la Seconda Guerra Mondiale in Europa e in Italia, e sono all'origine dell'espansione dell'areale del lupo. 

Tornando all’articolo comparso sul Corriere della Sera, a ben vedere nella sintesi del Rapporto IPBES si legge sì che le forme di caccia insostenibili sono identificate come un fattore di minaccia per 1.341 specie di mammiferi selvatici (a livello mondiale), di cui 669 specie sono classificate come “minacciate”, ma si evince anche, di converso, che sono circa altrettante (672) le specie cacciate che in realtà non sono affatto classificate come “minacciate”. L’Autrice nota che “fra le righe si può sempre trovare un segnale di ottimismo”, ma evidentemente in questo caso non è stato colto il dato positivo, ossia che circa la metà delle 1.341 specie di mammiferi menzionate non rientra nella classificazione delle specie “minacciate”.

Il Rapporto IPBES è comunque interessante. Da un lato, esso compie uno sforzo per tracciare un quadro della situazione mettendo in evidenza anche delle criticità; dall’altro, esso inquadra l’uso sostenibile delle risorse naturali rinnovabili nel rispetto delle necessità delle popolazioni locali (soprattutto delle aree rurali), che hanno diritto a vedere soddisfatte le loro aspettative, necessità e tradizioni, tra le quali vi è molto spesso la caccia. 

Nel documento si coglie anche un passaggio culturale non scontato, ovvero il fatto di indicare ai Governi e ai Decisori pubblici che per conservare le specie selvatiche (animali e vegetali) e assicurare per il futuro il loro uso sostenibile occorre che le politiche di settore vedano come attori principali proprio le popolazioni più direttamente coinvolte e i portatori d’interesse. 

Ovviamente vi sono grandi differenze tra Continenti, Stati e popoli, ma l’approccio di fondo è quello di un maggiore coinvolgimento e di un maggiore rispetto delle aspettative delle popolazioni rurali. Lo sviluppo è considerato sostenibile anche quando non dà origine a discriminazioni e a conflitti sociali, come tra le popolazioni delle metropoli e quelle delle aree rurali, o tra le aspettative delle popolazioni più ricche e quelle delle popolazioni più povere. Preoccupa ancora la situazione della caccia per il cibo nelle aree tropicali, laddove quest’attività è stata influenzata negativamente da profondi cambiamenti socioeconomici, che hanno traslato il prelievo della fauna selvatica, dalla sussistenza a un commercio più intensivo della carne di selvaggina (fattore di maggiore rischio anche sanitario). Viceversa, si legge, lì dove la caccia è ben gestita risultano inferiori e sostenibili gli impatti sull'abbondanza delle specie selvatiche, al punto che essa può ritenersi utile anche al conseguimento degli obiettivi di conservazione della biodiversità.

 Questo è l’obbiettivo della caccia moderna e che Federcaccia promuove. Il Rapporto IPBES conferma questo approccio e Federcaccia esprime grande soddisfazione. 

Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche e Agro Ambientali

 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re: Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"

Caro Hunter74: 1° se vuoi fare il cacciatore fallo e basta, non assecondare tutti i bimbiminkia che sparano anche cazzate; 2° quella di una volta la potevi definire caccia, quella di oggi certamente no e sicuramente non una utilità per la biodiversità.....solo una mente bacata lo può dire o sostenere, ma vedo che i proseliti non mancano. P.s. ricordati che anche tu devi morire

da Luigi 19/07/2022 18.00

Re: Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"

Se è contenta federcaccia è un'altra metastasi per la caccia.

da Ficaro 19/07/2022 14.52

Re: Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"

Luigi. La caccia è sempre esistita e sempre esisterà. Tu, per fortuna, NO

da Hunter74 19/07/2022 10.23

Re: Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"

Sono certo che vista la limitata capacità intellettiva di chi asserisce tali ipotesi ci possa essere anche un esercito di proseliti, due dei quali si sono già palesati.....avanti i prossimi

da Luigi 18/07/2022 16.42

Re: Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"

L'ignoranza degli animalisti in materia di caccia è senza limiti.

da Gianni92 18/07/2022 14.17

Re: Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"

Sicuramente non dal belinarium dell'animalzista. Oh, tutte le volte che uno studio scientifico o parere non di parte va contro le immense menti eccelse portatrici dell'unico vero verbo, stranamente, subito qualcuno dargli contro. Poche ragazze da quelle parti eh...

da lupo69 18/07/2022 13.48

Re: Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"

Ma da dove viene questa perla di saggezza.....dal cazzarium del cacciatore

da Luigi 18/07/2022 12.36