Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Umbria: Mancini e Puletti, richieste sulla caccia rimaste inascoltateCalendario Venatorio Calabria: preapertura dal primo settembreUmbria: addestramento cani dal 15 agostoCalendario Venatorio Calabria: le osservazioni delle Associazioni VenatorieMarche: aumento annuo del 50% su abbattimenti cinghialeRicorso Tar Calendario Venatorio Sicilia. Intervengono Fidc e AnuuPuglia: ecco Calendario Venatorio e preaperturaUmbria. Approvato Calendario Venatorio 2022 - 2023Berlato: "Regione Veneto abbassa indice densità venatoria"Emilia Romangna: Presidente Arcicaccia Maffei attacca la LAC Legittimità dei controlli sugli uccelli allevati. Bruzzone interroga il MinistroSicilia, lettera al Presidente della Repubblica sulla caccia sicilianaCampania: no a gabelle ingiuste sul rilascio dei tesserini venatoriMarche: calendario venatorio 2022 - 2023. Confermata preaperturaBasilicata, approvato Calendario Venatorio 2022 - 2023CCT: Regione Toscana aggiorna piani prelievo daino e cinghialeConsiglio Giustizia Sicilia conferma sospensione preaperturaEmilia Romagna adotta Piano interventi urgenti su PSAArci Caccia: in Emilia R. correggere autodifesa agricoltori da cinghialiVeneto, modifica alla legge per la caccia nei vigneti e ulivetiBerlato: Giunta Veneto approva Calendario Venatorio restrittivoTesserino Venatorio Campania. Nuove procedurePsa e Piani cinghiale non attuati. Protestano le ass.venatorie romaneCalabria, nuove modifiche per il disciplinare caccia cinghialeColdiretti chiede decreto urgentissimo sul cinghialeRiconoscimento dal Ministero per Arci CacciaSicilia, Consigliera Elvira Amata "basta penalizzare i cacciatori"Fidc Sicilia "verso il prelievo venatorio sostenibile della lepre italica"Caputo su Calendario Venatorio: "siccità e mancanza di studi ci inducono ad essere cauti"In Campania un'interrogazione sul Calendario VenatorioSardegna, Ispra invia parere su Calendario VenatorioToscana, in Commissione ok a regolamento attuazione legge cacciaFidc Calabria protesta per le modifiche disciplinare caccia cinghialeLombardia: approvata preapertura a corvidi e caccia in deroga allo storno Campania, chieste dimissioni dell'Assessore CaputoToscana. Approvati piani prelievo daino, cervo e mufloneUmbria: ok a mozione Lega per estendere periodo caccia cinghialePiana: in Liguria nuove azioni straordinarie sul cinghialeStagione 2022 - 2023, App TosCaccia obbligatoria in alcuni casiArci Caccia Marche: Gabriele Sperandio confermato Presidente regionaleSicilia, arriva la sospensione del Calendario VenatorioCastellani (Anuu): obbligati a guardare avantiIncendio sul Carso. Dreosto ringrazia volontari e cacciatori Eps Toscana: Siccità, posticipare immissioni selvagginaPiano cinghiali. Bruzzone si rivolge agli animalistiPSA: Toscana adotta piano interventi urgentiCCT: ecco i contenuti del Calendario Venatorio della ToscanaAcr e Acl uniscono le forzeCampania: Eps, questo il calendario venatorio deliberatoAgrivenatoria Biodiversitalia. Su BigHunter il chiarimento di Zipponi (CNCN) Francia, salva la caccia popolareCampania, approvato Calendario Venatorio con riservaSicilia. Le associazioni venatorie su seduta TarIn Piemonte il punto sulla PSAGenova, come si sta affrontando l'emergenza cinghialiCCT: Giunta Toscana approva Calendario Venatorio 2022 - 2023Atti vandalici contro i cacciatori. Fidc scrive a LamorgesePiemonte: controllo cinghiale, Regione chiede più personale Fidc "rapporto Ipbes. Per biodiversità e conservazione la caccia è utile"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Arci Caccia Lombardia: "un calendario venatorio dalla difficile gestazione"


giovedì 30 giugno 2022
    
Arci Caccia calendari venatori
 

Riceviamo la seguente riflessione sul calendario venatorio della Lombardia dall'Arci Caccia regionale:
 

La Regione Lombardia si vanta, non sempre con merito, di essere la regione locomotiva del Paese. In passato, per quanto riguarda la gestione faunistica, fu la prima in Italia, assieme all’Emilia Romagna ed altre regioni, ciascuna con la propria ricetta, viste le differenze di ambiente e tradizioni, a sperimentare la “gestione sociale della caccia”. Contemporaneamente fu varata la prima legge in Italia sulle Aree Regionali Protette.  Ancora prima, però, la Lombardia si dotò della “Carta delle Vocazioni faunistiche” uno strumento dal quale fece derivare tutti gli indirizzi di gestione della fauna selvatica, attività venatoria compresa. Era stata costruita grazie alle ricerche dell’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica, ad importanti contributi di scienziati di varie università ed alle competenze presenti tra i dipendenti della Regione.

Non crediamo però che l’indirizzo col quale è stato formulato il Calendario Venatorio 2022/2023 risenta di analoga volontà d’intenti, cioè quello di porsi come Regione all’avanguardia nella gestione della caccia in Italia.  Il tutto è invece dettato dalla paura dei ricorsi che le associazioni animaliste puntualmente avviano e che, negli ultimi due anni in particolare, hanno creato non poche difficoltà all’attività venatoria in Lombardia (2020: chiusura della caccia nelle ZPS in 4 province e rischio chiusura completa sui valichi montani – 2021: chiusura della caccia nelle prime due settimane e riapertura con forti limitazioni di tempi e di specie).

Occorre anche dire che la mancanza del Piano Faunistico Venatorio Regionale, sopperita attraverso la proroga dei singoli Piani Provinciali, è un’altra ombra che rende incerta l’intera vicenda ed obbliga la Regione a sottoporre il Calendario alla Valutazione di Incidenza Ambientale. E’ in quell’atto che sono contenute le regole, ormai incontrovertibili calate nel Calendario Venatorio Regionale.

La proposta che Arcicaccia Lombardia ha più volte avanzato, quella  di metterci in sintonia con altre regioni in materia di specie cacciabili e di date, è stata bellamente disattesa. Ed ecco i risultati.

Pur confermando le date dell’apertura generale alla terza di Settembre e la chiusura il 31 Gennaio ed aprendo addirittura la possibilità ad una 1^ decade di Febbraio, dentro a questo contenitore sono stati confezionati artifici incomprensibili e per questo contestati.  Alcuni appaiono confezionati per assecondare le “voluttà” di ISPRA, altri semplicemente cervellotici derivati dalla VINCA:

– divieto di caccia per moretta, moriglione, pavoncella e tortora (quest’ultima dopo l’approvazione del Piano Nazionale di Gestione è cacciata in altre regioni anche in preapertura). Si poteva prevedere una semplice riduzione di carniere o di tempi come fatto per altre specie.

– limitazione del prelievo del merlo a non più di cinque capi giornalieri nel periodo 18-30 Settembre (?????)

– caccia alla migratoria dal 18 al 30 Settembre con l’eccezione di beccaccia, beccaccino e frullino solo da appostamento fisso e temporaneo e divieto nella forma vagante (con la commistione fra le forme di caccia da appostamento temporaneo e vagante il divieto è ridicolo)

– caccia alla quaglia solo nel mese di Ottobre (più che ridicolo una presa in giro)

– caccia alla beccaccia nel mese di gennaio solo negli ATC e soltanto il Sabato e la Domenica ??? ( perché non nei Comprensori Alpini in Zona B? e poi c’è il “meteobeccaccia” che in caso di gelo chiude i prelievi)

– Chiusura della caccia il 19 Gennaio 2023 alle specie migratorie ancora consentite, senza valutare le decadi di sovrapposizione nei Key Concepts. ( si poteva benissimo andare al 31 come fatto da altre Regioni)

Ora la domanda che si chiedono i cacciatori della Lombardia, al netto di eventuali ricorsi animalisti, è sapere se ci sono margini di rimedio per eliminare gli “svarioni” di cui sopra. C’è spazio per un’iniziativa politica per rimediare? I comunicati, le prese di posizione, le raccolte di firme ormai servono a poco.  Dobbiamo riuscire ad attivare un gruppo di Consiglieri regionali che tentino di cambiare le cose (li troveremo? Riusciranno a costruire attorno a sé una posizione maggioritaria? Ne avranno il tempo?) oppure per la prossima stagione venatoria il destino è segnato.

E’ per questo forse che la maggiore Associazione Venatoria, la FIdC, ha assunto una posizione defilata, ormai rassegnata a subire ciò che verrà? E’ questa Associazione che, oltre ad assumersi gli oneri della gestione degli ATC e dei CA , i numeri glielo impongono, è responsabile della gestione politica della caccia in Lombardia. Con i voti dei propri iscritti e quelli di altre Associazioni più piccole, quattro anni fa ha contribuito a fare eleggerei Consiglieri “gli amici dei cacciatori” e addirittura l’Assessore. I risultati sono sotto gli occhi di tutti ed ogni cacciatore della Lombardia può giudicare.

Ivan Moretti, Presidente Regionale Arcicaccia Lombardia



 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Arci Caccia Lombardia: "un calendario venatorio dalla difficile gestazione"

lega pagherai quale insulto fai ai cacciatori

da m5s 30/06/2022 19.26

Re:Arci Caccia Lombardia: "un calendario venatorio dalla difficile gestazione"

Cara ARCI CACCIA invece di guardare la pagliuzza nell'occhio della FIDC perché non cerchi di correggere lo scempio prodotto dalla legge 133/2008 con la quale l' indimenticato Pecoraro trasferì tutti i poteri dell' INFS sottoposto alla vigilanza del consiglio dei ministri , all' ISPRA sotto la supervisione del ministero dell' Ambiente ??? Siete quattro gatti e non siete più credibili, voi e i vostri kompagni di merende !! P.S. In Lombardia alle prossime votazioni si faranno i conti e qualcuno piangerà !!!

da Ugo 30/06/2022 16.27

Re:Arci Caccia Lombardia: "un calendario venatorio dalla difficile gestazione"

Si seccano le pozzanghere come i laghi,ma questi marziani parlano di appostamento al beccaccino, tanto per fare i fenomeni. Casomai chiedetevi perché il termine ("entro e non oltre") del 15 giugno non lo rispettino i due terzi delle Regioni, ognuna col suo assessore saputello ben stipendiato.

da Tonio 30/06/2022 16.08

Re:Arci Caccia Lombardia: "un calendario venatorio dalla difficile gestazione"

Tutto voluto da Rolfi (lega) e compagnia poi alle prossime elezioni regionali prometteranno tutto assieme alla sua protettrice (fidc) e noi al voto giù un’altra mazzata adesso sta ritornando alla ribalta l’altro leghista il ministro Castelli ( lega) anche lui contro la caccia non fatevi fregare con le promesse

da Pino 30/06/2022 9.40