Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Mazzali propone tetto massimo per risarcimento danni AtcWilly Schraen rieletto dai cacciatori francesiArci Caccia "nasce nuova associazione di riservisti"L'Università degli studi di Milano lancia sondaggio sulla selvagginaAbruzzo, nuovo disciplinare caccia selezione cinghiale fino alle 24Anuu: XXIII Campionato Europeo di chioccolo Aect a MarsigliaLombardia: Caccia di selezione aperta su tutto il territorio regionaleGuardie Zoofile: Consiglio di Stato accoglie ricorso contro EnpaLazio, Arci Caccia riferisce sull'incontro in Regione a tema PSABertacchi risponde ad Arci Caccia LombardiaGrandi Carnivori. Intergruppo e Face alla ricerca di vie da seguireArci Caccia Lombardia: "un calendario venatorio dalla difficile gestazione"Tozzi. Bruzzone interroga il Ministro GiorgettiContinua il viaggio dei beccaccini catturati a FucecchioLav: Decreto Governo in arrivo favorisce i cacciatoriPsa. Regione Lazio incontrerà le associazioni venatorieBerlato: la Regione Veneto applichi le derogheNel reatino in arrivo Commissari Ue sulla PsaDivieto caccia a 3 anni zone incendiate. Incostituzionale la legge ligureLombardia: Ecco tutti i calendari venatori divisi per zoneFidc "a Montoggio sulla PSA la Liguria fa da apripista"Marche. Approvato prelievo in deroga per storno, piccione di città e tortora dal collareAgricoltura e Biodiversità… un obiettivo da raggiungere!Toscana. La Regione autorizza prelievo in deroga per il piccionePSA. Una serata con Federcaccia VareseANUU. L’alta pressione favorisce un veloce passo primaverile 2022Veneto. PSA: pronto piano di prevenzione e interventi urgentiPeste Suina, Dreosto: UE apre agli aiuti eccezionali per i paesi colpiti#StudiainPaceconFedercaccia. I cacciatori al fianco dei bambini ucrainiCCT: continua progetto telemetria satellitare sul tordoConvegno nel genovese con il Commissario Straordinario PSALazio: approvato piano di abbattimento cinghialiCaccia, le proposte dell'Associazione Rurale CalabreseCalendario Venatorio Lombardia: ecco i contenutiLa cabina di regia scrive alla Rai "basta trasmissioni che denigrano la caccia"Umbria: parere favorevole della Commissione sul Calendario VenatorioLissone. Europa verde chi?San Miniato (PI). Tre voliere a cielo apertoCCT: i dettagli della caccia in deroga allo storno 2022 - 2023Face: rapporto 2022 sulla gestione della tortoraTozzi: si attiva la Commissione di Vigilanza RaiCpa Lombardia sul calendario venatorioCalabria: le proposte sul nuovo calendario venatorioBruzzone in Senato "falsità sulla caccia a Rai 3"Sparvoli: "l'ultima bravata di un fanatico"UNA: 20 tonnellate di rifiuti raccolti dai cacciatori con "Paladini del territorio"Lombardia. Federcaccia per il calendarioArci Caccia "Super Mario Sapiens: ennesimo episodio di disinformazione"Dreosto: "troppa inerzia su peste suina"Toscana, approvata deroga storno e delibera su vigilanzaAbruzzo: nuovo disciplinare controllo cinghialeFidc "Tozzi e 'Sapiens' un salto in un fantasioso passato""Sapiens", attacco alla caccia di Mario Tozzi su Rai 3Francia. Sospesa per 5 anni la caccia al gallo cedroneCCT mette in guardia sui nuovi Piani di gestione dei siti Natura 2000Fiocchi: "contro PSA I cacciatori italiani possono essere risorsa determinante"Casanova e Dreosto (Lega - ID): “Piena solidarietà a Roberto Baggio, chi lo attacca non sa di che parla”PSA Roma. Cabina di regia sollecita incontro urgente con la RegioneUmbria: presentato in Commissione il Calendario VenatorioEps Toscana sul Calendario venatorioAl via confronto sul Calendario Venatorio ToscanoCaretta (FdI), attacchi animalisti a Baggio diffamatori e lesiviSardegna. Ok del Comitato faunistico sul calendario venatorioMassardi (Lega): lo spiedo torna nei piatti dei brescianiNuovo attacco contro Baggio perchè cacciatoreMazzali: "Possiamo tornare a mangiare lo spiedo sul territorio"Fidc Petriolo e Atc Mc2: stage formativo con l'Università del MoliseStelvio. Polemica per l'abbattimento di cerviUK. La caccia come misura della biodiversitàOk a delibere su Caccia di selezione in ToscanaCampania. Accordo sul Calendario VenatorioMolise. Corsi per controllo cinghialiFedercaccia annuncia nuove iniziativeBiella. Liberacaccia contro AtcPsa. La recinzione non basta, dice l'assessore piemonteseLa Calabria si doterà di un nuovo piano faunisticoEntropy for life sui cinghiali. Passate parolaInaugurazione Mostra ornitologica e arti venatorie a TolentinoCampania. La Regione ascolti le osservazioni del mondo venatorioFidc su One health. Approccio interdisciplinare alla salute umana e animaleMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Caccia in Africa. Tavola rotonda a Bruxelles


giovedì 28 aprile 2022
    
 
Si è svolto a Bruxelles un convegno sui temi più spinosi legati alla caccia in Africa.  Il convegno “L'Africa viene ascoltata? Hunting, Conservation and Livelihoods” organizzato congiuntamente dall'eurodeputato Álvaro Amaro, presidente dell'intergruppo del Parlamento europeo "Biodiversità, caccia, ruralità" e dal vicepresidente dell'intergruppo Juan Ignacio Zoido.
 
Quando in Europa si dibatte sulla caccia in Africa, scrive la FACE in un comunicato sull'evento, i media tendono a concentrarsi su alcune specie carismatiche, usando il termine “caccia ai trofei”. La realtà è che la caccia è principalmente incentrata su specie comuni e abbondanti, il che conferisce a vaste aree un valore di conservazione del territorio, soprattutto nelle aree in cui altre attività economiche sono impraticabili. La caccia produce quindi entrate per una serie di attività di conservazione, tra cui la gestione dell'area protetta e la conservazione basata sulla comunità.

La Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES) - spiega FACE - regola il commercio internazionale di specie selvatiche a livelli sostenibili per garantire che questo commercio non minacci la loro sopravvivenza. Questo accordo internazionale è rilevante per un certo numero di specie in cui la caccia regolamentata è uno strumento di conservazione e gestione economicamente importante. Anche se la CITES ha 184 parti, tra cui l'UE ei suoi Stati membri, alcuni governi europei ritengono opportuno introdurre leggi nazionali più severe sull'importazione di trofei di caccia.

Durante la sua introduzione, l'eurodeputato Álvaro Amaro sottolineato che: "Il processo decisionale dovrebbe essere basato su prove scientifiche e informato dai quadri politico/giuridici esistenti concordati a livello internazionale". Ha aggiunto che: "È fondamentale consultare le parti interessate dei rispettivi paesi e riconoscere che esiste un quadro normativo completo, che porta benefici tangibili non solo alle economie locali e alle persone che vivono nelle comunità rurali, ma anche alla fauna selvatica e alla gestione sostenibile, alla conservazione e commercio, quando opportunamente applicati”.
 
On. Pohamba Shifeta, ministro dell'Ambiente, delle foreste e del turismo della Namibia, ha definito il contesto affermando: "La caccia, la conservazione e i mezzi di sussistenza sono molto importanti. Questo è vero non solo nel contesto di questa conferenza, ma anche per il mio governo e le nostre comunità locali namibiane, che coesistono con la fauna selvatica e sperimentano conflitti quotidiani uomo-fauna selvatica, comprese le perdite di vite umane. Attraverso la caccia, siamo stati in grado di finanziare progetti di conservazione e sviluppo della comunità. Di conseguenza, siamo riusciti ad aumentare le nostre popolazioni di fauna selvatica. Il punto di vista della Namibia è che, la caccia è conservazione e la conservazione è caccia, quindi le due cose non possono essere separate. Questo è il punto di vista che sosteniamo e vorremmo che gli altri lo capissero e lo riconoscessero pienamente. È quindi importante per me essere presente a questa conferenza, per garantire la nostra voce viene ascoltato e vengono prese in considerazione le nostre opinioni quando gli Stati membri dell'UE stanno prendendo decisioni relative alla fauna selvatica, che hanno il potenziale di avere un impatto negativo sulla nostra comunità e sui programmi di conservazione”.
 
Nel suo intervento principale, Jorge Rodriguez Romero, Vice Capo Unità, Commissione Europea, DG Ambiente, Cooperazione Multilaterale Ambientale, ha affermato: "I presunti impatti – sia positivi che negativi – della caccia ai trofei hanno importanti conseguenze per la biodiversità e per le popolazioni locali . Pertanto, le politiche sulla gestione della caccia ai trofei devono essere realistiche, basate su prove e reattive alle conoscenze e alle conversazioni emergenti. La revisione in corso del piano d'azione dell'UE contro il traffico di animali selvatici sarà un'opportunità per valutare l'approccio dell'UE e, se del caso, rafforzare la gestione del commercio dei trofei di caccia per allinearsi alle ultime evidenze".

Ivonne Higuero, Segretario generale della CITES ha aggiunto: "Il nostro obiettivo è preservare la nostra fauna selvatica in via di estinzione e per farlo dobbiamo essere guidati dalla scienza. Laddove ci sono prove scientifiche che una misura specifica può aiutare nella conservazione di una specie, quindi è nostro dovere prenderlo in considerazione. Le parti della CITES concordano che ci sono prove che dimostrano che una caccia ben gestita e sostenibile può avere un impatto positivo sulla conservazione delle specie".
 
Durante la tavola rotonda, la dott.ssa Dilys Roe, presidente del gruppo di specialisti per l'uso sostenibile e i mezzi di sussistenza (SULi) dell'IUCN, ha dichiarato: "La maggior parte della fauna selvatica del mondo vive al di fuori dei parchi nazionali e su terreni di proprietà o gestiti da indigeni e comunità locali . Eppure sono troppo spesso esclusi dai processi decisionali sulla gestione della fauna selvatica. È fondamentale che le voci locali siano ascoltate e che le loro priorità, conoscenze ed esperienze vengano prese in considerazione se vogliamo garantire un futuro a lungo termine per la fauna selvatica in Africa e altrove".

Il Dr. Rodgers Lubilo, Community Leaders Network of Southern Africa, ha aggiunto che: “Le comunità locali che convivono con la fauna selvatica sono parti interessate essenziali che non dovrebbero essere lasciate indietro in qualsiasi decisione relativa all'uso e alla gestione di queste risorse. La nostra gente nel corso degli anni ha affrontato tutte le sfide per proteggere e proteggere l'habitat tanto necessario per mantenere la nostra fauna selvatica al sicuro. La caccia sostenibile contribuisce al sostentamento della nostra gente. Detestiamo le manovre internazionali di alcuni paesi europei che sono influenzati dalle celebrità per spingere per divieti di caccia e importazione di trofei. I nostri diritti devono essere rispettati mentre conserviamo queste risorse. Nello stesso spirito, invito la CITES a essere più inclusiva ea tenere conto dell'impatto sulle comunità nelle sue decisioni. Sono deluso dal fatto che il gruppo di lavoro CITES sulle comunità rurali non sia stato organizzato in modo efficace, cosa che consideriamo un tentativo di ignorare o sminuire le voci delle comunità locali. La caccia è fondamentale per la conservazione e fa parte del nostro impegno a continuare a essere buoni amministratori della fauna selvatica”.

Il Sig. Ali Kaka, Consigliere Regionale dell'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), la più grande organizzazione per le organizzazioni per la conservazione della natura nel mondo, cittadino del Kenya, ha moderato la discussione e ha incoraggiato gli interventi e le domande del pubblico.

Nelle sue conclusioni, l'eurodeputato Juan Ignacio Zoido ha sottolineato che è fondamentale riconoscere i diritti delle popolazioni locali e indigene di utilizzare e gestire in modo sostenibile le proprie risorse naturali. Ha affermato che: “Le autorità africane per la gestione della fauna selvatica e le organizzazioni basate sulla comunità stanno gestendo e conservando con successo la loro fauna selvatica attraverso attività di uso sostenibile, inclusa la caccia. I decisori dovrebbero collaborare con i leader africani per continuare, supportare, migliorare e replicare il loro successo”.

Questa conferenza è stata organizzata in collaborazione con la Federazione europea per la caccia e la conservazione (FACE), l'International Council for Game and Wildlife Conservation (CIC), il Safari Club International (SCI), la Safari Club International Foundation (SCIF), il Dallas Safari Club ( DSC) e l'Organizzazione europea dei proprietari terrieri (ELO).

L'obiettivo era quello di fornire un palcoscenico alle voci, ai decisori e agli esperti africani sul tema della caccia, della conservazione e dei mezzi di sussistenza nella capitale europea, Bruxelles.



 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Caccia in Africa. Tavola rotonda a Bruxelles

Mandateci tutti quei Signori che parlano dietro una scrivania a fare i controlli in Africa , oppure la LAC, la BRAMBILLA ,Ecc...,Tutti bravi a parlare a Bruxelles .o a casa loro ,Poi vediamo come finisce.

da Da 69 28/04/2022 14.59

Re:Caccia in Africa. Tavola rotonda a Bruxelles

avete spolpato l'Africa di tutto ... lasciategli la caccia a qui povero disgraziati occidentali di mer....facciamo veramente schifo...

da Africa 28/04/2022 14.38