Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
PSA. Arrivano i VerdiUmbria. Si va verso una proroga per i prelievi di cinghialiBasilicata. Nuovo piano per i cinghialiSparvoli. Niente demagogia sulla PSAPSA. Liguria. In arrivo nuove disposizioniPSA. Incontro formativo in ToscanaPSA. Massa Carrara: sospesa caccia al cinghialeBuconi risponde alla LAV: “non sono fantasiose utopie che salveranno fauna ed economia”Arci Caccia: i fatti per contrastare la peste suina africanaMarche. Task Force a supporto delle IstituzioniPeste suina. Ordinanza congiunta Ministero della Salute e MIPAAFPeste suina africana. Collaborare per il bene di tuttiPeste suina. Anche l'Arcicaccia si allertaArci Caccia e CUFA rinnovano il Protocollo d’IntesaBruzzone (Lega): la PSA circola se manca il controllo della fauna selvaticaFidc: su PSA dal Mipaaf una richiesta di collaborazione Langone e il sugo di cinghialeUmbria mantiene alto livello di guardia su PSAStop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i caniBuconi "dagli animalisti parole indegne su Sassoli"Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"CCT: PSA, il ruolo determinante dei cacciatoriLa Regione Toscana afferma principio sussidarietà in materia venatoriaPSA: Arci Caccia si mobilita per fronteggiare l’emergenzaPeste suina: Regione Lombardia crea task force114 comuni tra Piemonte e Liguria rientrano nella Zona infetta PSARegno Unito. Fallita la petizione anticacciaToscana, nascono i CavFidc. Peste suina no ad allarmismi e strumentalizzazioniPSA. Agricoltori chiedono nomina Commissario StraordinarioAllerta cinghiale anche nelle MarcheEos slitta nel weekend del primo maggioIn Piemonte scattano misure preventiveRolfi: "Nessun caso di peste suina in Lombardia"Peste suina. Fidc "impegno a fianco delle istituzioni"Questione anellini: Regione Lombardia incontra le Associazioni venatorieCCT. Fagiani e lepri: al via le catture e le immissioni negli ATC toscaniLombardia. LAC impugna il calendarioAree protette. In Campania il TAR dà ragione alla RegioneMarche. Animalisti protestanoGonacon. In North Carolina cervi aumentati dopo progetto Piemonte, nessun accordo tra animalisti e agricoltoriDalla Regione Marche sostegno ai cacciatori su costi per la carne cacciataArci Caccia "accolto Odg su monitoraggio risultati GonaCon"Fidc Brescia: "la beffa della beccaccia a gennaio"Tecnico faunistico Santilli "controllo fertilità cinghiale, strategia efficace?"Lotti (Pd) "valutare se è opportuno avviare sperimentazione GonaCon"Toscana. Nuovo Piano di controllo cinghialiBilancio di stagione nel Canton TicinoEos vende già i bigliettiArci Caccia "Sterilizzazione cinghiali non ha fondamento scientifico"Dreosto e Casanova "soluzione cinghiali ridicola nei confronti dell'Europa"Caretta (FdI), sterilizzazione dei cinghiali ennesimo spreco di denaro senza risultatiBruzzone: "sterilizzazione cinghiali è presa in giro per i contribuenti"Fidc: "l'impegno dei cacciatori una ricchezza da valorizzare"Sicilia. "Il calendario venatorio non andava sospeso"Sicilia. Il CGA dà ragione ai cacciatoriFrancia. I danni degli ambientalistiArci Caccia "mancato Piano di gestione tortora nuoce alla specie"Importante riconoscimento globale per la falconeriaFidc estende ricerca satellitare al tordo bottaccio. Si parte in SardegnaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Il cattivo esempio della Svizzera


mercoledì 17 novembre 2021
    

 
Nel cantone di Ginevra la caccia è proibita dal 1974. Ha affidato la gestione degli equilibri faunistici a dei guardacaccia pagati dalla comunità. Un grave impegno economico peraltro per niente soddisfacente. Gli animalisti hanno fatto credere che questa è la migliore soluzione per preservare la fauna selvatica, mentre gli animali vengono abbattuti giorno e notte dalle guardie stipendiate, al costo di duecento franchi svizzeri per ogni contribuente. Ma in questo cantone i danni alle colture sono letteralmente esplosi.

In un altro cantone, quello di Vaud, invece, i cacciatori sono diventati merce rara. 700 fucili per    3200kmq. Troppo pochi per contenere le popolazioni di cervi, cinghiali e caprioli, che provocano danni per più di 1,2 milioni di Euro all'anno. Una pressione che sta facendo andare in bestia agricoltori e boscaioli. E per ottenere la licenza di caccia occorre frequentare corsi per settanta ore, nell'arco di ben otto mesi. Non è certamente la soluzione del problema.

 

Leggi tutte le news

12 commenti finora...

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

Quante boiate pur di giustificare la caccia ??

da Renato 20/11/2021 20.49

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

Quando la caccia diventa un lavoro, smetto.

da Lando 19/11/2021 18.52

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

Il cantone di Ginevra e' fortemente urbanizzato ma ci sono due aree, una a ovest e l' latra attorno al lago, che sono evidemente dedite all' agricoltura con pochi abitanti rispetto al totle. Se la selvaggina fa molti danni in quelle aree e' chiaro che bisogna intervenire con le armi proprio perche' questa e' l' UNICA soluzione nelle aree fortemente antropizzate. Perlomeno non sono bigotti. Tuttavia, vietare la caccia per poi trovarsi a spendere una marea di soldi senza risolvere nulla dovrebbe far quantomeno riflettere. Ci sono tanti modi di intendere e concedere la caccia....Per quanto rguarda i corsi e l'abilitazione fanno benissimo perche' la gente ignorante e' sempre quella piu' pericolosa e che fa danni. Premesso che la caccia sociale o per trastullo agli Svizzare semplicemente non entra nell' anticamera del cervello (a ragion veduta) dovrebbero trovare qualche incentivo nel formare nuovi cacciatori del tipo formare dei professionisti, visto che hanno tanti soldi spendere....I guardiacaccia fanno parte un corpo e gli "impegati" non si possono cambiare a casaccio. Formare cacciatori professionisti invece risolve il problema, se ci sono i soldi per pagare lo stipendio.

da Flagg 19/11/2021 17.00

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

Raffaele, l'unica divisa che potrebbero indossare gli animalisti nostrani, è un bel sacco di celophane nero. Quello per la spazzatura.

da Hunter74 19/11/2021 1.10

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

Con questo si evince chiaramente che la lotta fatta dagli animalisti contro la caccia tiene un'unica scopo, il dio denaro, vogliono che si pagano le guardie per abbattere gli animali in eccesso, magari cercheranno di indossare anche loro una divisa.

da Raffaele 18/11/2021 22.20

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

L'unica a non adeguarsi All'Europa è la Svizzera come ai tempi primitivi possono prendere benissimo archi e freccie senza utilizzare il fucile. Sono arretrati da almeno 50 anni mentre la selvaggina provoca danni inimmaginabili. W la CACCIA ed i Cacciatori

da Cacciatori calabresi 18/11/2021 14.34

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

Il cantone di Ginevra,è l'unico dei 23 cantoni svizzeri dove la caccia è vietata!!!!!!!!!!!!!!!!!

da Fucino Cane 18/11/2021 13.06

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

Il cantone di Ginevra è fortemente urbanizzato.

da Pico 17/11/2021 21.05

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

So proprio Svizzeri...scommetto che vanno a caccia con le uniformi del Vaticano......

da Mark58 17/11/2021 17.59

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

posseggo una licenza Austriaca, Alto Atesina, Italiana e Americana più o meno si equivalgono tutte. Voglio dire che se uno è un somaro tale rimmarra mentre se ha un minimo di intelletto si sueora tutto senza troppi problemi. Quello che va detto - invece- è la poca preparazione in Italia delle commissioni che sono una specie di circo con comaparse prese qua e la.

da Angelo 17/11/2021 11.35

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

L’esame di caccia tedesco austriaco e svizzero è in pratica un esame universitario con, in più, prove pratiche sul campo.

da Enrico 17/11/2021 11.14

Re:Il cattivo esempio della Svizzera

In Italia 70 ore non bastano.Quest'anno sto seguendo ragazzi(gratuitamente)nella sezione cacciatori(non importa di quale associaz.)del mio comune,che frequentano due volte la settimana,due ore per ogni sera.Il corso è iniziato ad ottobre e la prova scritta probabilmente si svolgerà in aprile quella orale a fine maggio.Sono otto mesi,18 ore al mese per un totale di 140 ore circa. Tutto questo stupore per gli svizzeri che ne fanno la metà?!

da Pilade 17/11/2021 10.29