Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
PSA. Arrivano i VerdiUmbria. Si va verso una proroga per i prelievi di cinghialiBasilicata. Nuovo piano per i cinghialiSparvoli. Niente demagogia sulla PSAPSA. Liguria. In arrivo nuove disposizioniPSA. Incontro formativo in ToscanaPSA. Massa Carrara: sospesa caccia al cinghialeBuconi risponde alla LAV: “non sono fantasiose utopie che salveranno fauna ed economia”Arci Caccia: i fatti per contrastare la peste suina africanaMarche. Task Force a supporto delle IstituzioniPeste suina. Ordinanza congiunta Ministero della Salute e MIPAAFPeste suina africana. Collaborare per il bene di tuttiPeste suina. Anche l'Arcicaccia si allertaArci Caccia e CUFA rinnovano il Protocollo d’IntesaBruzzone (Lega): la PSA circola se manca il controllo della fauna selvaticaFidc: su PSA dal Mipaaf una richiesta di collaborazione Langone e il sugo di cinghialeUmbria mantiene alto livello di guardia su PSAStop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i caniBuconi "dagli animalisti parole indegne su Sassoli"Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"CCT: PSA, il ruolo determinante dei cacciatoriLa Regione Toscana afferma principio sussidarietà in materia venatoriaPSA: Arci Caccia si mobilita per fronteggiare l’emergenzaPeste suina: Regione Lombardia crea task force114 comuni tra Piemonte e Liguria rientrano nella Zona infetta PSARegno Unito. Fallita la petizione anticacciaToscana, nascono i CavFidc. Peste suina no ad allarmismi e strumentalizzazioniPSA. Agricoltori chiedono nomina Commissario StraordinarioAllerta cinghiale anche nelle MarcheEos slitta nel weekend del primo maggioIn Piemonte scattano misure preventiveRolfi: "Nessun caso di peste suina in Lombardia"Peste suina. Fidc "impegno a fianco delle istituzioni"Questione anellini: Regione Lombardia incontra le Associazioni venatorieCCT. Fagiani e lepri: al via le catture e le immissioni negli ATC toscaniLombardia. LAC impugna il calendarioAree protette. In Campania il TAR dà ragione alla RegioneMarche. Animalisti protestanoGonacon. In North Carolina cervi aumentati dopo progetto Piemonte, nessun accordo tra animalisti e agricoltoriDalla Regione Marche sostegno ai cacciatori su costi per la carne cacciataArci Caccia "accolto Odg su monitoraggio risultati GonaCon"Fidc Brescia: "la beffa della beccaccia a gennaio"Tecnico faunistico Santilli "controllo fertilità cinghiale, strategia efficace?"Lotti (Pd) "valutare se è opportuno avviare sperimentazione GonaCon"Toscana. Nuovo Piano di controllo cinghialiBilancio di stagione nel Canton TicinoEos vende già i bigliettiArci Caccia "Sterilizzazione cinghiali non ha fondamento scientifico"Dreosto e Casanova "soluzione cinghiali ridicola nei confronti dell'Europa"Caretta (FdI), sterilizzazione dei cinghiali ennesimo spreco di denaro senza risultatiBruzzone: "sterilizzazione cinghiali è presa in giro per i contribuenti"Fidc: "l'impegno dei cacciatori una ricchezza da valorizzare"Sicilia. "Il calendario venatorio non andava sospeso"Sicilia. Il CGA dà ragione ai cacciatoriFrancia. I danni degli ambientalistiArci Caccia "mancato Piano di gestione tortora nuoce alla specie"Importante riconoscimento globale per la falconeriaFidc estende ricerca satellitare al tordo bottaccio. Si parte in SardegnaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Beccacce scozzesi


martedì 9 novembre 2021
    
Beccaccia studio Vignac
 
 
Anche in Scozia gli animalisti brigano per ridurre l'impatto della caccia alla beccaccia, perchè - dicono - la popolazione beccacciaia è in calo. Se questo può riguardare le beccacce stanziali, niente  fa pensare a un calo per quelle svernanti, che di provenienza est nord (Scandinavia e Rossia) registrano analoghe presenze anno dopo anno.
 
Nel frattempo, indagini approfondite segnalano un cambiamento degli ambienti boschivi, in rapporto con i prati-pascoli. Anche l'immissione di fagiani nell'ultimo secolo può aver determinato il cambio di equilibri interspecifici, mentre una causa sicuramente più consistente può essere attribuita alla aumentata prersenza di predatori. Ci sono più volpi e corvidi di quanti ce ne fossero in passato, con una crescente popolazione anche di tassi, avidi di uova di beccaccia. E le estati più secche possono ridurre la presenza di insetti. In ogni caso, i cacciatori di beccaccia scozzesi sono super responsabili del loro patrimonio e agiscono di conseguenza. E confermano che grazie alle regole che si sono date, la caccia alla beccaccia è perfettamente sostenibile e non c'è bisogno di alcun divieto.

Leggi tutte le news

11 commenti finora...

Re:Beccacce scozzesi

Quando capiremo che i cinghiali sono la rovina della caccia ? Nelle mie zone alla costante crescita dei cinghiali la presenza delle beccacce si è di molto ridotta !!! Speriamo che presto ci pensino gli agricoltori a farli finire sti c..o di maialacci !!!

da Claudio 12/11/2021 14.45

Re:Beccacce scozzesi

Raffaele. I troppi no che spicciano però, a lungo andare stonano. E qui in Italia hanno già stonato abbastanza con i troppi NO alla caccia. Prima o poi passerà questa moda animalista, perchè di moda si tratta. E si ritornerà ad andare a caccia sul serio.

da Hunter74 11/11/2021 2.28

Re:Beccacce scozzesi

E molto facile e semplice dire no a tutto, il problema è da studiare e agire di conseguenza, si dice al mio paese con un no ti spicci con un si ti picci

da Raffaele 10/11/2021 14.45

Re:Beccacce scozzesi

In ogni caso, i cacciatori di beccaccia scozzesi sono super responsabili del loro patrimonio e agiscono di conseguenza.------------------------------------------------------------------------------- Questo dovrebbero leggere ISPRA et company. Ma credo che non ostante cio' la linea di condotta sarà sempre quella del loro punto di vista anche se la caccia alla beccaccia è perfettamente sostenibile e non c'è bisogno di alcun divieto. Chissà poi in Scozia quale calendario venatorio usano. Salutiamo

da jamesin 10/11/2021 12.43

Re:Beccacce scozzesi

jagher1, io parlo per le continue proposte di limitazioni sui prelievi, sui tempi, non del fatto che in Scozia non ci sono cinghiali. Infatti l'articolo sopra dice che anno dopo anno non hanno riscontrato sensibili variazioni, bensì un movimento costante di svernanti. Io ti posso assicurare che nei siti dove la presenza dei cinghiali è entro la norma, le beccacce ce le trovo ogni anno con alti e bassi periodici. Dove i cinghiali sono disseminati in ogni angolo di bosco, beccacce ne trovo sempre meno, anche se apparentemente l'habitat vegetale è rimasto inalterato. Ma il suolo è quasi interamente scavato dai grugni. Oltre al terreno zappato, sono convinto che i porci, arrechino anche un azione di disturbo diretto sulla beccaccia, dovuto al loro continuo frugare in giro per il bosco giorno e notte. Ispra tutto ciò lo constata? Ho i miei seri dubbi.

da Hunter74 10/11/2021 0.33

Re:Beccacce scozzesi

piu' volpi ,piu' corvidi ed anche tassi... Tutto il mondo e' paese. Come dalle mie parti.

da Vito Canevese 09/11/2021 22.41

Re:Beccacce scozzesi

@hunter74.... il tuo commento non fa una piega... peccato che in scozia di cinghiali non ve ne è neanche uno!!!!!!

da jagher1 09/11/2021 17.00

Re:Beccacce scozzesi

In gran bretagna non ci sono i postaioli......

da pippo 09/11/2021 16.38

Re:Beccacce scozzesi

Tutti bravi però di anticinghiali qua ne scrivono due a tre.

da E criticate Luca? 09/11/2021 16.28

Re:Beccacce scozzesi

Benvenuto nel club!!! I cinghiali sono la rovina della caccia a tutte le altre specie che vivono a terra!!

da X Hunter 74 da Lando 09/11/2021 16.07

Re:Beccacce scozzesi

Un dato che ho riscontrato nei luoghi di caccia che frequento è che nessun animalista o grande scienziato di Ispra ne parla è che, quando siti vocati che fino a qualche anno addietro erano sempre ricchi di beccacce svernanti, oggi sono disertati a causa dell'eccessiva presenza non solo di predatori, ma di cinghiali. Cinghiali che giorno dopo giorno devastano il suolo dei boschi, rendendolo inospitale per le nostre amiche lungobeccute, che si trovano costrette a ripiegare altrove. Chi esprime autorevoli pareri, dovrebbe prima frequentare la natura. Sicuramente scriverebbero meno caxxate e non minaccerebbero ulteriori limitazioni a determinate specie di interesse venatorio. Dovrebbero solamente star zitti.

da Hunter74 09/11/2021 16.04