Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Spagna. Botta e risposta col GovernoFiocchi minacciato per un trofeo di cacciaArci Caccia: "Piano Tortora licenziato dalla Conferenza Stato Regioni, e ora?"Arcicaccia "solidarietà a cacciatore bresciano vittima di teppisti animalisti"Toscana: Aggiornamento rendicontazione deroga stornoCacciatrici in aumento in AustriaConfagri Toscana: regione adegui leggi su gestione faunaMerlo su Repubblica "i cacciatori non sono i fanatici dello sparo libero"Fiocchi:“Ancora atti di vile terrorismo animalista"Referendum caccia. Problemi con l'autenticazione delle firmeLa Face invitata alla convenzione di BernaProgetto tordo in SpagnaFrancia. Guardie venatorie per controllo dei reati ambientali?Nuovo Piano controllo cinghiali in Emilia R. non convince la LegaVenezia. Master in Gestione della fauna selvaticaFrancia: sono il 31% le future cacciatrici dell'IsereBeccaccia: buono status di conservazione in Italia. Nuovo studio Spot tv di Dreosto sostiene ruolo cacciatori a difesa della biodiversitàMazzali: in Commissione approvati emendamenti per la caccia Il cattivo esempio della SvizzeraToscana, prelievo storno. Ecco le nuove date per la rendicontazioneFriuli V.G. Nuovo piano di abbattimento cinghialiLa Basilicata dà il via alle battute nei ParchiSparvoli contro la proposta Zanoni Passo: il punto dell'Anuu MigratoristiCCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei GeorgofiliMarche. Selvaggina certificataSicilia: la Regione adegua Calendario Venatorio a ordinanza TarDa Università Firenze importanti risultati su impatto economico della cacciaIn Liguria proposta Pd contro danni cinghialiBasilicata. Niente pavoncella, dice il TarPresidenziali francesi. Verdi all'attaccoBeccacce scozzesiMirabelli, il Pd e la cacciaAnche da Fiocchi (FdI) esposti su modalità raccolte firmeA Sacile nasce Nordest OrnitologicaRiunito tavolo concertazione Associazioni - Regione in ToscanaAnlc Marche segnala a Cassazione irregolarità raccolta firme referendumUncem: bene Regioni su Contenimento cinghialiTribunale Grosseto nega risarcimento agli animalisti su reato venatorioArci Caccia interviene in tv sul referendumNuova ordinanaza Tar Sicilia sul Calendario VenatorioContinua la guerra giudiziaria con Brigitte BardotCilento. Abbattimenti selettivi di cinghialiPiemonte. Condannati animalisti per disturbo alla cacciaMazzali: Da Fratelli di Italia fiducia a RolfiBrescia. I cacciatori incaricano un legale per tutelarliFrancia. I cacciatori verso disobbedenza civileCarnivori eticiNuova Artemide a OrvietoScomparsi i cervi del CansiglioSiena. cacciatori ripuliscono il boscoBruno Vigna Cacciatore GentiluomoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Sardegna: deroga per caccia al cinghiale e regole semplificate


giovedì 30 settembre 2021
    

Lo scorso 23 settembre l’Unità di Progetto Regionale ha approvato il "Quarto provvedimento attuativo del Programma straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana, recante misure di contrasto alla PSA nelle popolazioni di cinghiali selvatici e allevati. Disposizioni relative alla stagione venatoria 2021-2022".

Grazie anche alla collaborazione dei cacciatori nell’attività di campionamento dei cinghiali abbattuti, la cosiddetta “Sorveglianza attiva”, quest’anno la zona infetta per il selvatico è stata ridimensionata con una notevole semplificazione delle procedure di campionamento sanitario e di autorizzazione alla caccia al cinghiale.

Nei territori comunali non infetti da Peste Suina Africana è prevista la proroga delle autorizzazioni rilasciate nella precedente annata (Allegato 3, pag.1) e la proroga unicamente degli Allegati 3, pag.1 (quindi solo per ciò che riguarda il sito di infossamento, il referente e il suo sostituto e non, ad esempio, i Comuni di caccia) relativi alle compagnie che nell’annata venatoria precedente cacciavano nei territori infetti e che sono diventati attualmente non più soggetti a restrizione. Nei casi in cui, invece, vi sia variazione del nominativo del cacciatore referente, modifica del sito di smaltimento dei visceri o parti dei cinghiali abbattuti, i cacciatori referenti dovranno presentare improrogabilmente entro il 10 ottobre ai Servizi di Sanità Animale competenti per territorio che trasmettono all'Ispettorato del Corpo forestale e all’Agenzia Laore, che ne detengono apposito elenco, l’Allegato 3, pagina 1.

Nei Territori comunali infetti da Peste Suina Africana è prevista la proroga delle autorizzazioni in deroga rilasciate nell’annata precedente con possibilità di esercitare la caccia al cinghiale esclusivamente all’interno dei Comuni autorizzati nella precedente domanda di autorizzazione ed esclusivamente ricadenti all’interno della suddetta nuova Zona Infetta. E’ possibile, inoltre, richiedere l’autorizzazione alla caccia nelle aree limitrofe situate all’interno della Zona non infetta. Invece, in caso di variazione del nominativo del cacciatore referente, modifica del sito di stoccaggio delle carcasse di cinghiali abbattuti o dei Comuni di caccia, di sopraggiunti pareri sfavorevoli da parte dei Servizi veterinari e del Corpo Forestale in merito alle autorizzazioni rilasciate nell’annata precedente o nel caso di nuove istanze di autorizzazione, i cacciatori che vogliano esercitare la caccia al cinghiale devono presentare formale istanza (Allegato 2 e Allegato 3) per ottenere l’autorizzazione, improrogabilmente entro il 5 ottobre, al Servizio veterinario competente per territorio che le trasmette all'Ispettorato del Corpo forestale per il parere di competenza.

Il Coordinatore unico dei Servizi veterinari ATS nell’UdP provvederà, quindi, ad emanare, entro il 29 ottobre, un’autorizzazione unica per ogni ambito territoriale di competenza dei Servizi veterinari.

 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

0 commenti finora...