Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Arci Caccia scrive al Ministro CingolaniMarche, Tar dispone limitazioni sul calendario venatorioUmbria: in arrivo altre giornate per il controllo del cinghialeSardegna: si decide per lepre e pernice sardaLombardia: Mazzali per un corpo di polizia ittico venatorio regionaleFrancia. Aumentano i candidati cacciatoriSparvoli confermato alla guida di Anlc fino al 2025Cinghiale in Piemonte. La parola ai cacciatoriFedercaccia Abruzzo: sentenza del TAR inaccettabileCommissione Ue risponde ad Arci CacciaToscana vieta prelievo della tortoraCinghiali in Piemonte. Coldiretti all'attacco55ª assemblea Uncza. All'ombra del ghiacciaioNota Ispra siccità e incendi. La risposta di FidcAbruzzo: modificato calendario venatorioCongresso Arci Caccia. Confermato il Presidente MaffeiSicilia, la Regione modifica il calendarioAbruzzo: ordinanza del Tar dà ragione agli animalistiToscana. Tar sospende tortora, pavoncella e moriglioneSparvoli (ANLC): "Ispra ci ha dichiarato guerra, ma noi risponderemo"Chianciano, aperto il XII congresso nazionale Arci CacciaIspra chiede limitazioni sulla caccia a causa di incendi e siccitàToscana: Cabina di Regia chiede chiarimento sulla tortoraSicilia. Nuovo decreto del Tar sulle date di aperturaInterrogazione Bruzzone sul Piano Nazionale TortoraMazzali chiede uniformità procedure caccia e pescaUmberto Venturini Presidente AcvDario Faccin nuovo Presidente nazionale ConfaviToscana. Al via il cinghialeUmbria. Una protestaLombardia: nuove regole per la carne di selvagginaSvizzera. Aumentano le donne a cacciaUk. Attacco alla cacciaLisa, cacciatrice in Corsica30 mila presenze alla sagra degli oseiGiannini attacca blog La cornacchiaTortora. Il Molise si adeguaTar Veneto sospende anche caccia alla pavoncellaSicilia: nuovo decreto riapre la caccia da sabato 4Sardegna. Niente tortora in preaperturaTortora. Sospensione anche per le MarcheNuova sospensione in Abruzzo e rinvio dell'udienzaSicilia: Tar blocca l'apertura della cacciaFrancia. Lo sport si schieraToscana. Promemoria per lo stornoTrentino. I camosci stanno beneMancata preapertura in Calabria. L'assessore bacchetta l'opposizioneSvizzera: Mostra sulla caccia al Museo Alpino di BernaCct: approvata delibera sulla preaperturaFrancia. Aumentano i cacciatoriPuglia: Tar respinge richiesta sospensiva sulla tortoraCalabria: Tar sospende caccia tortora e quaglia fino al 22 settembreSicilia: approvate modifiche al Calendario VenatorioEmilia Romagna. Pompignoli "vergognosa scelta sulla tortora"Acma aggiorna sulla situazione richiami viviTortora. La Cabina di Regia protesta con Mite e Conferenza Stato RegioniLombardia: pasticcio sulla coturniceRaccolta ali tortora. Il progetto Fidc continuaTorino: preapertura al colombaccio e altre modificheEmilia Romagna: la Regione toglie la tortora dalla PreaperturaCabina regia Toscana "ora lavorare per Piano tortora"Richiami vivi. Nuova circolare ministeriale ne permette l'utilizzoLazio. Arci Caccia "senza Piano tortora impossibile prelievo"Arci Caccia "Ma in Europa la legge è uguale per tutti?"Francia. Il Presidente dei cacciatori chiede le dimissioni della Ministra all'AmbientePreapertura. Anche la Regione Lazio risponde piccheKey Concept. Le associazioni scrivono al GovernoValle Canna. I cacciatori s'impegnano, gli animalisti si fanno fotografareAcma denuncia ritardi per il moriglioneTortora. Berlato protestaTortora in Toscana. La CCT non ci staToscana. Saccardi e la mancata preapertura alla tortoraIncendi. La Regione Sicilia arruola anche i cacciatoriLazio: le associazioni venatorie chiedono la preaperturaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare


venerdì 9 luglio 2021
    

Lav Cinghiali
 
Se, come fa la Lav, per sostenere le proprie tesi si arriva a spararla grossa, affermando qualcosa che definire inesatto è un eufemismo, di solito si hanno ben poche argomentazioni valide. La dichiarazione del Responsabile della Lav Massimo Vitturi in occasione della manifestazione di Coldiretti che ha chiesto un incremento degli abbattimenti dei cinghiali, non è sfuggita all'occhio attento dei tanti cacciatori che frequentano anche il nostro sito. In diversi commenti è stato fatto notare come la Rai (RaiNews) tra le diverse voci, abbia ritenuto di pubblicare senza batter ciglio, anche l'affermazione della Lav secondo cui il mondo venatorio ha fallito "dopo più di 15 anni di caccia illimitata".
 
Chi già si chiede cosa si intenda con questo termine, è subito accontentato. Vitturi infatti spiega che  "i danni all’agricoltura imputati ai cinghiali sono in continua crescita, sebbene oramai dal 2005 possano essere cacciati 24 ore al giorno per 365 giorni l’anno". Chissà in che paese abita il rappresentante della Lav, perchè di certo in Italia non è così. Ma la tesi secondo cui affidare la gestione del cinghiale alla caccia sia del tutto controproducente, non potrebbe essere dimostrata con la mera realtà dei fatti. Dunque tanto vale scrivere una castroneria del genere, si sa mai che i media ci caschino e la diano distrattamente per vera. E così purtroppo è successo, dato che il comunicato è stato enfatizzato proprio in questa parte, senza alcun appunto del giornalista Rai, che avrebbe dovuto quantomeno evidenziare la contraddizione rispetto al tema della giornata (gli agricoltori sono andati in piazza proprio per chiedere un allungamento della stagione venatoria al cinghiale), nonchè  alle dichiarazioni di tutti gli altri intervenuti.

Ma gli animalisti, lo sappiamo bene (epico fu il calcolo astronomico degli animali ipoteticamente abbattuti dai cacciatori presentato bellamente in tv dal responsabile della Lipu qualche anno fa), in questi equivoci ci sguazzano, permettono loro di fare capolino e farsi ascoltare dal grande pubblico con affermazioni eclatanti. Ed infatti anche in questa occasione la Lav ha potuto fare la sua proposta. Al  Ministro Cingolani ha chiesto di attingere ai fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per finanziare la messa a punto del vaccino immunocontraccettivo, affermando che esso rappresenta l’unica possibilità di agire efficacemente sulla consistenza numerica dei cinghiali, escludendo definitivamente i cacciatori. Vaccino che, ricordiamolo, attualmente non ha dato nessun riscontro di efficacia sui grandi numeri, non è stato nemmeno preso in considerazione da Ispra, essendo stato sperimentato solo in cattività e da poco su territori circoscritti (ancora in corso la sperimentazione al Parco Regionale della Maremma).

In questo anche aspro dibattito, sembra pressochè assente la voce dei parchi, sicuramente fra i responsabili di questa anomalia denunciata da Coldiretti.

 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

31 commenti finora...

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Avete sentito che Salvini in quindici giorni ha già raccolto duecentomila firme per il referendum dei radicali. Qualcuno si ricorda che i radicali furono i protagonisti della guerra anticaccia con i referndum? Chi mi assicura che in quei banchetti dove Salvini invita ad andare per firmare non ci sia anche qualche modulino per raccogliere firme contro la caccia? Fossi in voi andrei a controllare. Tanto per capire. Io nel mio piccolo lo farò.

da Marco P. 12/07/2021 18.18

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

X Franco,se li sterilizzano per almeno 15/20 anni non appendo ancora,la carabina al chiodo,perchè non ci sono solo cinghiali ci sono ancora caprioli,cervi camosci,daini e mufloni da abbattere!!!!! Cordialmente

da Fucino Cane 11/07/2021 18.22

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Caro Fucino se sterilizzano tempo 2 anni e appendi la carabina al chiodo.

da Franco 11/07/2021 16.22

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

X Fabe,mi scusi ma lei ha provato a spiegare alla Dottoressa Massei,che i cinghiali anche se sterilizzati,sino a che questi sono in vita i danni al' agricoltura li creeranno sempre ugualmente,perchè questi si nutrono con la bocca non con il sesso! E che l'unico sistema per ridurne i danni che questa specie crea,devi abbattere sempre quelli in eccedenza!!! Cordialità

da Fucino Cane 11/07/2021 15.35

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Stanno iniziando a colonizzare Marte. Vuoi che non trovino il sistema di non far riprodurre i cinghiali?

da Mino 10/07/2021 22.01

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Preso dal sito del parco della Maremma: Il Parco della Maremma ha condotto una sperimentazione, in collaborazione con la Dottoressa Giovanna Massei del National Wildlife Management Centre, Animal Health and Veterinary Laboratories Agency, Sand Hutton di York, per valutare se il dispositivo denominato BOS (Boar-Operated-System) può essere impiegato come metodo specie-specifico per fornire esche contenenti vaccini contro agenti patogeni (p. es. peste suina) o, quando disponibili, contraccettivi a cinghiali. I risultati della sperimentazione condotta nel parco Regionale della Maremma hanno portato a definire che il BOS è un metodo valido per somministrare esche alimentari in modo specie-specifico a cinghiali. Ma non è stato somministrato nessun contraccettivo ai cinghiali presenti nel Parco, dal momento che non è ancora disponibile un contraccettivo orale da somministrare a questa specie di ungulati selvatici. Il gruppo coordinato dalla Dottoressa Giovanna Massei ha infatti condotto una sperimentazione somministrando un contraccettivo iniettabile su animali in cattività, mentre non è ancora disponibile un contraccettivo orale. Da qui a dire che funziona ce ne passa…

da Fabe 10/07/2021 21.08

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Mica penserete di salvare la sola caccia al cinghiale? O tutti o nessuno. Nel Parco della Maremma il vaccino anti cinghiale funziona…

da Renzo 10/07/2021 20.36

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

napoli si ti fai dare una ripassatina da qualche cacciatore li amerai per tutta la vita.

da povero pirla bukaiolo 10/07/2021 20.11

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Soltanto il fatto che se ne parli del vaccino e che qualcuno ne stia verificando l efficacia non può che portare al suo utilizzo per poter giustificare la chiusura della caccia al cinghiale e di conseguenza di tutta la caccia ritenuta da questi personaggi ancora più inutile... Stanno provando in tutti i modi ad aggirare l ostacolo.... Liberano lupi propongono vaccini dichiarano pericolosa la carne del selvatico ci stanno piano piano accerchiando con i loro modi viscidi sta a noi svegliarci e fermare questa manica di depressi

da Uno che pensa a fare la propria vita non a limitare quella degli altri 10/07/2021 19.58

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Animalisti e vegani dichiarati, sono una specie da studiare per capire da dove arriva e dove può portare la loro visione del futuro. Per il momento si identificano come dei violenti radicalizzati che vorrebbero imporre il loro pensiero all'umanità . Pietà per loro !

da bretone 10/07/2021 17.50

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Stefano lei prova vergogna nell’andare in bagno o nel copulare? Non credo dato che sono azioni naturali, così come è naturale andare a caccia, quindi no, non proviamo alcuna vergogna.

da Fabe 10/07/2021 13.33

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

La caccia alla migratoria chiuderà a breve, forse questa è l’ultima stagione. Il cinghiale fa danni e causa incidenti stradali e nessuno protesta se viene abbattuto. Uccidere gli uccelli non è più accettato. FIDC c’entra poco.

da Duccio 10/07/2021 13.11

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

La morte è funzione di vita, senza la morte non esiste vita sul pianeta Terra.

da Da Marco x Stefano da Napoli 10/07/2021 13.05

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Cari Hunters provare divertimento e svago ad uccidere non è né bello né onorevole qualsiasi scusa vogliate addurre. La vostra passione violenta è riprovevole. Ma non provate neppure un poco di vergogna ad infliggere sofferenza come passa tempo?

da Stefano Di Napoli 10/07/2021 12.22

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Duccio non è così . Io delle aaw (TUTTE) me ne sbatto le 00. Non mangio e non faccio comunella con loro e soprattutto non faccio buon viso a cattivo gioco . Se lo facessi sarei più schifoso degli animalari. Fare la guerra alle fidc è una questione di dignità per i cacciatori che ancora ne hanno e ricordano passato e presente. Non bastano quatto scemate dell ‘uf.avi. per riprendersi dai disastri che ha combinato dal 1992. Se credi che con le ali dei tordi, allodole, tortore, storni, becchi di beccaccia, piume di pavoncella, marzaiola codone, combattente, e “zampette d’anguilla “ ti mandano a caccia stai proprio fuori strada. Per loro esiste solo il porco. Il porco tira allora tira al porco!!!!! capisti ?

da Paolo 10/07/2021 12.20

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Gli animalisti sono il vero problema degli animali …

da V1c 10/07/2021 9.36

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Sarebbe più utile far la guerra agli animalari che alla Federcaccia anche se capisco benissimo che a molte piccole associazioni venatorie interessa lucrare i 25 euro di una tessera.

da Duccio 10/07/2021 9.23

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Anche io sono d'accordo con lo sterminare tutto quello che crea disturbo. Tutto però.

da Jani Punk 10/07/2021 7.13

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

duccio pensa a quanti spazzi ha acquistato quella che ha 180 milioni di euro in immobili. a forza di leccargli i cuxx vai che una cassetta di gallinelle te le regalano almeno fai l'apertura alla grande se gli spari dentro la cassetta ovvio.

da Paolo 10/07/2021 6.47

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Grande FABE. Ma poi vorrei sapere, come si fa a catturare i cinghiali vivi per somministrare il contraccettivo? Ancora mi sorprende che questi luminari di biodiversità dei nostri animalisti, non abbiano proposto dei distributori automatici di preservativi per i cinghiali. Sono solo dei ridicoli ominicchi. O meglio Quaquaraquà

da Hunter74 10/07/2021 2.13

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Dal responsabile di un’associazione antiscientifica non ci si poteva aspettare nient’altro che [email protected] Finora i vaccini immunocontraccettivi più studiati hanno l’obbiettivo, come dice il nome, di creare anticorpi contro particolari proteine, ormoni e glicoproteine che influenzano estro e gametogenesi dei cinghiali. Questi ovviamente hanno effetti temporanei e sono necessari trattamenti ripetuti, anche a breve distanza di tempo, per essere efficaci; efficacia che tra l’altro non è mai del 100%. Impossibile, almeno per ora e nel prossimo futuro, applicare questo approccio su vasta scala; solo dei disadattati che vivono fuori dal mondo possono pensare che sia possibile. L’unico modo sicuro per far si che un cinghiale non si riproduca è e rimane (e rimarrà probabilmente in futuro) l’abbattimento.

da Fabe 09/07/2021 23.33

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Ahahahaaa perché non lo testano gli animalari questo vaccino per i cinghiali? Almeno se funziona c’è ne saranno meno di loro. La mamma degli scemi è sempre incinta!

da Vito Spartano 09/07/2021 21.24

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Confavi quanti spazi ha acquistato sui giornali?

da Duccio 09/07/2021 19.11

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Siamo alle solite,le associazioni animal ambientaliste sparano cavolate e false informazioni a raffica e le nostre AV (pagate dai cacciatori ) cosa fanno ? Perché non rilasciano interviste a pagamento non comperando spazi sui giornali ,spazi televisivi per controbatte tutte queste falsità, e non rilasciando semplici interviste solo su Facebook come ha fatto Buconi a Roma alla manifestazione coldiretti ) .Bisogna contrattaccare no subire sempre le falsità degli anticaccia.

da Bekea 09/07/2021 17.38

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Il fatto è che,vogliono distrarre l’attenzione sulle loro responsabilità,con un protezionismo estremista trentennale,girare la frittata è dare colpa ,come sempre,ai cacciatori…………

da Lisandru 09/07/2021 15.25

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

E cmq, che gli animalisti, non escludendo associazioni note come LAV, LIPU, WWF, OIPA, le sparino grosse al fine di influenzare una grossa fetta di opinione pubblica che non conosce la materia, ci può anche stare. Del resto fanno il loro lavoro ideologico ed il loro tornaconto economico. La cosa triste è che autorevoli testate giornalistiche, e reti tv di stato, diano risonanza a notizie palesemente false e tendenziose. Questa è la vera gravità. L'informazione distorta ad arte, data in pasto ai cittadini come fosse sacrosanta verità. Ma in che nazione viviamo? Allora, se la politica fosse davvero propensa alla tutela ed alla correttezza verso il popolo, dovrebbe non curarsi delle bestialità con cui ci deliziano i nostri animalisti ed andare dritta verso la soluzione del problema. Aprire davvero la caccia 24H su 24 e 365 giorni all'anno. E poi torneremo a tirare le somme ed i risultati con l'illustre Vitturi.

da Hunter74 09/07/2021 15.08

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Giusto A.le, l'incoerenza degli animalisti è talmente grande che è impossibile non coglierla eppure.

da MarioP 09/07/2021 13.42

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Non crediate !! Le parole non sono mai buttate a caso ed i grandi incantatori di serpenti sanno come e quando usare le parole. In questa Italietta di provinciali, dove l'italiano medio demanda al altri l'onere di farsi dare una opinione…. in questo popolo di bigotti invidiosi del proprio vicino…. è chiaro che simili cialtroni hanno più eco di chi dice sempre la verità. Potremmo essere tranquillamente una colonia del Burundi...

da A.le 09/07/2021 13.30

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Gli animalisti sono terroristi e come tali vanno messi fuorilegge e perseguiti risolutamente.

da Martino, Bologna 09/07/2021 13.30

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Qui la questione é che c é un carro grasso e carico che gira in tondo...c é chi scende..é c é chi sale a turno per mantenere il moto perpetuo in tondo ,situazione vergognosa con la presenza nel saliscendi pure cell Aavv che si arroga di esprimere il pensiero dei Cacciatori Italiani senza chiederne conto.

da Annibale 09/07/2021 11.30

Re:Gli animalisti e quel bisogno folle di esagerare

Nemmeno Coldiretti, infatti, e le altre associazioni agricole di complemento hanno il coraggio di dire le cose come stanno. Ai cacciatori può stare anche bene, con i parchi e le aree protette che fanno da grande serbatoio, di cinghiali ce ne saranno sempre tanti. Il fatto è che anche Coldiretti, come le sue consorellastre, non vuole che i cinghiali diminuiscano. Vuole soltanto appropriarsene per riciclarli nel circuito della risotorazione "a chilomentro zero". L'avete capito, o non l'avete capito?

da Sentite Mattarella 09/07/2021 10.57